Negli anni ’80, Shaun Dougherty ha subito un abuso sessuale dall’età di 10 ai 13 anni da un sacerdote, George Koharchik, della diocesi di Altoona-Johnstown, Pennsylvania.

Il sacerdote, George Koharchik, che era insegnante di religione e allenatore sportivo della scuola locale, ha abusato lui e molti altri prima di essere infine laicizzato nel 2012.

Nominato nel rapporto della grande giuria della Pennsylvania pubblicato lo scorso agosto, ma a causa dei termini di prescrizione, Koharchik non sarà processato. Per questo, Dougherty e le altre vittime si stanno battendo per cambiare questa legge.

Egli ha partecipato al Summit mondiale degli abusi che si è tenuto in Vaticano dal 21 al 24 febbraio scorso, invitato a dare la sua dolorosa testimonianza.

Edward Pentin lo ha intervistato. Vi propongo questa commovente testimonianza (anche in video), nella mia traduzione.

Screenshot dell'intervista di Edward Pentin a Shaun Dougherty (nella foto)

Screenshot dell’intervista di Edward Pentin a Shaun Dougherty (nella foto)

 

Shaun, puoi raccontarci cosa ti è successo e cosa è successo da allora?

Certo, a partire dalla quinta elementare quando avevo 10 anni, il mio insegnante di religione, padre George Koharchik, che era anche il mio allenatore di basket, ha iniziato, non posso dire che avesse iniziato il processo di adescamento, credo che sia iniziato in terza e quarta elementare, ma ha iniziato ad aggredirmi sessualmente…. Questo è andato avanti per 3 anni. Ha continuato in modo più aggressivo, palpeggiando.Vivevo solo a un isolato dalla scuola….. Qualsiasi sport, specialmente il racketball, che richiedeva una doccia, lui mi portava sotto la doccia e mi lavava a fondo, senza usare spugne o cose del genere, tutto il mio corpo….. Il giorno sotto la doccia, non potrei spiegarlo. E lo guardai in maniera molto severa, non sono mai state pronunciate parole, ma quella fu l’ultima.

 

E siccome eri così giovane, non hai pensato di dirlo a nessuno, hai pensato che forse era una specie di cosa normale?

Non nella mia famiglia. Non a mio padre. Mio padre era un brav’uomo ma era un uomo duro e tu non parli dei sacerdoti. Tu non parli delle suore. Tu non sei lì per chiederti cosa stanno facendo. Sei lì per imparare da loro. I miei genitori hanno giocato a bowling nella lega di bowling della chiesa con padre Koharchik ogni giovedì sera per tutta la mia infanzia. No, ho pensato, se mio padre mi avesse creduto, sarebbe andato a picchiare padre Koharchik, ma se non mi avesse creduto, mi avrebbe picchiato.

 

E non ha pensato di parlarne con altri sacerdoti o con altri nella Chiesa che forse avrebbero potuto ascoltarla?

E’ stata una cosa molto confusa per me. È qualcosa di cui non si parla. Nella mia famiglia, non parlavamo di sesso. Non abbiamo parlato, anche se ci sono 9 figli nella mia famiglia, non è stato un argomento di cui i fedeli hanno discusso. Ero giovane, avevo 10 anni, non avevo idea di cosa fosse il sesso, nulla. Quindi, non c’era nessuno a cui potevo rivolgermi.

 

Poi, dopo questo, come ha affrontato le conseguenze?

Beh, ho  iniziato a saltare la messa….. Quando avevo 15 anni, ho dichiarato che non sarei mai più andato in chiesa….. Ho lasciato la mia città natale tre giorni dopo il diploma di scuola superiore. Sono andato in Texas per cucinare e imparare a cucinare e lavorare in un ristorante. Volevo essere il più lontano possibile dal cattolicesimo. E sono corso velocemente e duramente nella parte opposta (alla fede, ndr), e non riuscivo a spiegare le emozioni che provavo, non riuscivo a spiegare. Non sapevo cosa stesse succedendo, ma sapevo che le droghe e l’alcol aiutavano ad alleviare quel dolore. Così, ho abusato di cocaina, ho abusato di rilassanti muscolari, ho abusato di pillole antidolorifiche, di qualsiasi cosa che potesse farmi stare bene e alleviare il mio dolore, mi ha portato in un altro posto.

E a 24 anni, nel 1994, mentre lavoravo, cucinando a New York, ne avevo proprio avuto abbastanza e non ce la facevo più. Sono andato a comprare una bottiglia di sonniferi da banco. La bottiglia conteneva 300 pillole e ne ho prese tutte e 300. All’epoca vivevo con mio fratello a New York.

Mi sono svegliato nel bel mezzo della notte, mi sentivo malissimo, vomitando. Ciò svegliò mio fratello, che uscì dalla sua stanza: “Stai bene? Stai bene?”. “Sto bene, sto bene, sto bene, torna a letto”. Non gli ho detto che stavo cercando di uccidermi. Volevo morire. E’ tornato a letto. Mi sono svegliato la mattina dopo, giusto in tempo per prepararmi per andare al lavoro, e ricordo il primo pensiero che mi è venuto in mente è stato: “Neanche Dio mi vuole”.

 

Come ha influenzato i suoi rapporti, specialmente con l’altro sesso?

E ‘stato orribile. Non puoi spiegare i tuoi attacchi di rabbia. Non puoi spiegare le tue insicurezze sessuali o il fatto che sei molto emotivo, come puoi essere così felice, bravo ragazzo un minuto e poi il minuto dopo, sei una persona completamente diversa….. Per tutta la mia vita, non volevo che nessuno si avvicinasse di nuovo a me. E così avrei sempre trovato un modo per distruggerlo.

 

Quando ha sentito parlare di questo summit (si riferisce all’Incontro mondiale sugli abusi sui minori in Vaticano, ndr) che è avvenuto a causa del rapporto del Gran Giuria della Pennsylvania e di altri casi di abuso, qual è stata la sua reazione? Ritiene che la Chiesa abbia preso la questione abbastanza sul serio?

Non credo che la Chiesa stia prendendo la cosa abbastanza sul serio. Queste relazioni dicono che loro avevano questi documenti, la cosa è andata avanti per molto tempo. Non riesco nemmeno a cominciare a descrivere quanto sia difficile da portare con sé per il resto della vita. Da adulto, e più diventi anziano, è molto, molto più difficile che da bambino….. Fino a quando non ci sarà una responsabilità totale di tutti, di tutti i vescovi, di tutti i cardinali e persino del Papa, non credo che si starà affrontando adeguatamente questo problema.

 

Crede che le cause di fondo debbano essere affrontate più a fondo, perché la gente ha detto che non c’è abbastanza enfasi sul perché questo sia accaduto, e a meno che non si affrontino le cause di fondo, non si sarà in grado di porvi fine. Che cosa ne dice?

Certo. La pedofilia non è solo all’interno della Chiesa cattolica romana. Infatti, la stragrande maggioranza della pedofilia avviene all’interno della casa, da parte del proprio parente. Quindi, c’è una causa, c’è qualcosa che attira questi uomini, e c’è un codice del silenzio ed è un argomento tabù che mantiene tutto tranquillo, che fa continuare il comportamento. Credo che la ricerca e lo studio, naturalmente, sia necessario per capire la psiche nella pedofilia. [La Chiesa] ha una grande quantità di pedofili che dovrebbe studiare, non solo per il bene della Chiesa, ma per il bene del mondo.

 

Cosa è successo a colui che l’ha ha abusata? Alla fine c’è stata responsabilità per lui? E’ mai stato portato davanti alla giustizia?

Possiede una casa a 5 minuti da me in Pennsylvania. È stato ridotto allo stato laicale (“spretato”, ndr). Non è mai stato accusato di un crimine a causa dei termini di prescrizione. Il mio abuso è finito quando avevo 13 anni. Ho avuto solo 2 anni per intentare una causa civile e 5 anni per intentare una causa penale, quindi al mio diciottesimo compleanno, avrei dovuto farlo, e non l’avevo detto a nessuna anima fino al diciottesimo compleanno. E non sapevo nemmeno cosa fosse un termine di prescrizione, al mio diciottesimo compleanno.

 

E quando ha sentito parlare del rapporto, il rapporto della Pennsylvania, è rimasto sorpreso della portata dell’abuso che conteneva?

Sono rimasto sbalordito [e] non avrei mai immaginato in un milione di anni che George Koharchik si sarebbe seduto a testimoniare davanti a un gran giurato e ammettere, ha ammesso di aver fatto quello che ha fatto. Sono ancora sotto shock.

 

Come ha influito sulla sua fede ora?

Non posso dire di avere fede, non posso dire di avere fede. Non ho mai creduto, non posso credere. Trovo difficile credere che Dio esista.

 

A causa degli abusi?

A causa dell’insabbiamento, perché come potrebbe Dio permettere che questo accada? Questi sono tentativi, momenti di prova per me e vorrei avere la fede su cui appoggiarmi, ma ogni volta che cerco di appoggiarmi alla fede divento matto e mi arrabbio. Ci sono alcune cose che mi sono successe nella vita che non riesco a spiegare.

Venendo qui proprio oggi, ho pianto, fuori. C’era un uomo che suonava una bella chitarra in fondo alla strada. Ero in anticipo, mi sono seduto e l’ho ascoltato per qualche minuto ed è stato bellissimo. E gli ho dato un po’ di soldi, gli ho detto grazie mille. Stavo andando via e mi sono allontanato di circa 50 metri da lui, forse 100 metri, e lui ha iniziato a suonare la mia canzone preferita dei Beatles, Merlo (si tratta di Blackbird, ndr), con cui ho sempre avuto a che fare: “Merlo che canti nel cuore della notte, prendi queste ali rotte e impara a volare. Questo è il momento della tua vita che hai aspettato per tutta la vita”.

Avrebbe potuto suonare qualsiasi canzone del mondo, qualsiasi canzone del mondo, e ha suonato Blackbird. Mi sono girato, mi sono seduto e ho pianto mentre ascoltavo quella canzone. Pianto. Camminando verso piazza San Pietro per questo incontro, perché Blackbird? Perché, quando sono qui? Perché? Non posso spiegarlo. Voglio credere, voglio credere che Dio mi stia parlando, dicendomi: “Va bene che tu sei dove si suppone che tu sia. Stai facendo esattamente quello che dovresti fare, questo è il mio segno per te. Questa è la tua canzone preferita. Chiaramente legata a te”.

 

Hai perdonato il tuo maltrattante?

Ho perdonato George Koharchik. In realtà, l’ho fatto pubblicamente in diverse occasioni, non riesco a perdonare la Chiesa per la copertura. Penso di poter perdonare la Chiesa, ma non prima che sia completamente ripulita.

 

Si dice che nella Chiesa occidentale è un problema omosessuale. E’ d’accordo con questo?

L’omosessualità e la pedofilia sono due cose completamente diverse. Ci sono molti eterosessuali, George Koharchik non è omosessuale, è un pedofilo. Che dire di una suora che abusa dei ragazzi? Questa non è omosessualità. E i sacerdoti che abusano delle ragazze? Non è omosessualità. Si tratta di potere, di controllo. Il sesso è solo una parte di esso. Il sesso è la parte umiliante. Il sesso è la completa sottomissione al potere.

 

Le cifre dicono che l’80% dei casi di abuso è stato maschio su maschio.

Il consenso. Il consenso. Potrei essere più aperto verso questo se ci fosse il consenso. Non c’è consenso nello stupro. Il crimine è lo stupro, non l’essere gay.

 

Infine, riguardo all’occultamento e a come pensa che potrebbe essere gestito in modo adeguato per impedire che ciò accada?

Molto facilmente. Alla fine di questo vertice, ogni vescovo e cardinale coinvolto in questo dovrebbe venire in piazza San Pietro, prostrarsi al mondo, scusarsi di cuore e dire: “Siamo un’organizzazione di massa [ma] entro questa data, questa data, il mondo riceverà tutti i documenti che abbiamo nei nostri dossier sulle violenze sessuali su minori e noi, come Chiesa cattolica, da questo momento in avanti daremo l’esempio”.

 

Shaun, grazie mille.

Grazie mille, lo apprezzo molto, lo apprezzo molto.

 

Fonte: National Catholic Register

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1