Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Jan Jekielek, Senior Editor, e Bill Pan, Reporter, ed è stato pubblicato su The Epoch Times. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

dottor Paul Marik, cofondatore e responsabile scientifico della FLCCC
dottor Paul Marik, cofondatore e responsabile scientifico della FLCCC

 

Le proteine spike generate dal virus della SARS-CoV-2 e dal vaccino COVID-19 a base di mRNA stanno causando nebbia cerebrale e altri sintomi neurologici “profondamente invalidanti” in alcuni pazienti, secondo il dottor Paul Marik, medico di lungo corso in terapia intensiva.

“La verità è che la proteina spike è probabilmente uno dei composti più tossici a cui gli esseri umani possono essere esposti, e la sua tossicità si esplica attraverso molteplici vie diverse che stiamo appena iniziando a comprendere”, ha dichiarato Marik in una recente intervista al programma “American Thought Leaders” di EpochTV.

Marik è cofondatore della Front Line COVID-19 Critical Care Alliance (FLCCC), un gruppo medico senza scopo di lucro noto per aver sostenuto l’uso dell’ivermectina per il trattamento dell’infezione da COVID-19. Il gruppo si concentra anche sullo sviluppo di opzioni terapeutiche per le persone che soffrono di “sindromi post-vaccino”, tra cui l’eliminazione delle proteine spike accumulate nel corpo dopo la vaccinazione.

I vaccini a mRNA funzionano utilizzando l’RNA messaggero codificato per istruire le cellule muscolari a produrre le proteine spike per innescare una risposta immunitaria. Il problema è che, secondo Marik, l’mRNA assemblato in laboratorio rimane nel corpo umano molto più a lungo di quello che un paziente riceve da un’infezione naturale.

“Il virus che si replica attivamente dura circa cinque giorni. Dopo cinque giorni, l’RNA messaggero, che il virus utilizza per produrre tutte queste proteine, viene distrutto dall’organismo”, ha spiegato Marik al conduttore Jan Jekielek. “Se si è immunizzati, entro cinque giorni l’RNA messaggero è scomparso e l’organismo non continua a produrre nuove proteine spike”.

“Quando si inietta l’mRNA sintetico, prodotto artificialmente, non rimane nel braccio. In realtà circola e va ai linfonodi e agli organi”, ha detto, sottolineando che uno studio ha dimostrato che l’mRNA iniettato rimane nel corpo per ben 60 giorni.

“Ciò significa che se questo RNA messaggero [artificiale] produce proteinia spike, il risultato è che si tratta di un carico di proteina spike”, ha detto Marik, paragonando le proteina spike al cianuro, che non è necessariamente dannoso in piccole quantità, ma può essere letale se accumulato ad un livello esponenzialmente alto.

Danno neurologico

La proteina spike associata al COVID-19 colpisce così tanti sistemi di organi che i medici di solito non vedono uno schema di sintomi nei pazienti che soffrono di lesioni da vaccino, secondo Marik.

“Questi pazienti hanno sintomi così diversi che non rientrano nello schema che è stato loro insegnato”, ha detto Marik a Jekielek, riferendosi ai medici che cercano di diagnosticare le persone danneggiate da vaccino. “Quasi sempre dicono: “Beh, questo è stress. È ansia. Questo è un disturbo funzionale. Questo è nella tua testa. Non è reale”.

“Ma è reale”, ha detto Marik, sulla base delle sue osservazioni. “È solo a causa delle spike che arriva a ogni sistema di organi, e ogni sistema di organi è coinvolto”.

Tra questi sistemi di organi, il cervello sembra essere particolarmente vulnerabile, secondo Marik. Questo potrebbe spiegare perché così tante persone vaccinate hanno riportato sintomi neurologici.

“L’mRNA viene inserito in una nanoparticella lipidica. La nanoparticella lipidica è in realtà progettata per veicolare la chemioterapia al cervello”, ha detto. “Quindi attraversa la barriera emato-encefalica”.

“Più dell’80% dei pazienti post-vaccino presenta sintomi neurologici. È un dato molto caratteristico”, ha proseguito il medico. “I sintomi neurologici sono nebbia cerebrale, disfunzione cognitiva e disfunzione della memoria, che è molto invalidante per la maggior parte delle persone: se non si riesce a pensare, si perde la capacità di ricordare le cose”.

Molte persone vaccinate soffrono anche di acufeni, ovvero di un costante ronzio nelle orecchie. “Molti hanno preso in considerazione l’idea di suicidarsi perché è un sintomo così fastidioso”, ha detto Marik a proposito di questa malattia, un legame che esisteva già prima della COVID-19.

Un sintomo ancora più “profondamente invalidante”, secondo Marik, è la neuropatia dei piccoli nervi, un disturbo nervoso caratterizzato da forti attacchi di dolore che iniziano tipicamente nei piedi o nelle mani del paziente.

“Sembra essere una caratteristica classica della malattia indotta da una proteina spike, in particolare da un vaccino”, ha detto Marik. “I pazienti soffrono di neuropatia a piccole fibre, che è profondamente invalidante perché le piccole fibre sono coinvolte nella sensazione di dolore”.

“Si lamentano di avere gli arti in fiamme. Hanno un forte prurito”, ha proseguito. “Se si chiede a un paziente danneggiato da vaccino se c’è un sintomo di cui vorrebbe liberarsi, qual è il più preoccupante? Senza dubbio, la neuropatia delle piccole fibre, che è profondamente invalidante”.

 

Trattamento post-vaccinazione: Il potere dell’auto-riparazione

Alla domanda su come guarire dalla COVID-19 o dalle lesioni da vaccino, Marik ha detto che il primo passo è quello di sottoporsi a un trattamento tempestivo o di non sottoporsi a un’altra iniezione.

“La prima cosa da fare è evitare di essere iniettati. Se siete stati vaccinati, non fate i richiami”, ha detto il medico. “In secondo luogo, se si contrae la COVID, è bene essere trattati precocemente, perché più a lungo si indugia, più aumenta la proteina spike”.

Marik ha inoltre avvertito che coloro che desiderano liberarsi delle proteine spike devono fare attenzione ai prodotti che affermano di essere in grado di disintossicare l’organismo. Al contrario, raccomanda di affidarsi al meccanismo di degradazione cellulare proprio dell’organismo.

“Non esistono pozioni o dispositivi di disintossicazione. Quello che bisogna fare è aiutare il corpo a liberarsi delle spike”, ha detto, indicando l’autofagia, un processo che avviene all’interno delle cellule, in cui i componenti ritenuti danneggiati, tossici o obsoleti vengono degradati e riciclati per liberare energia e mantenere l’equilibrio.

“È il sistema di smaltimento dei rifiuti: Raccoglie l’immondizia, la fa passare attraverso questa macchina affettatrice e la elimina. È un sistema ingegnoso”, ha spiegato Marik. “È il modo in cui la cellula gestisce le proteine tossiche. Quello che si vuole fare è abbracciarlo e potenziare la capacità della cellula di scomporre queste proteine”.

Per sfruttare al meglio questa naturale capacità di auto-riparazione, Marik suggerisce ai pazienti di praticare un metodo chiamato “digiuno intermittente”, noto anche come “alimentazione a tempo”.

“Il metodo più potente per attivare l’autofagia è il digiuno intermittente, perché abbiamo un interruttore biologico chiamato interruttore mTOR”, ha spiegato. “Ogni volta che si mangia, si spegne l’autofagia attraverso la via mTOR. Le proteine del glucosio e dell’insulina disattivano questo processo. Tuttavia, quando si priva la cellula di glucosio e proteine, si attiva l’autofagia e si scompongono le proteine”.

Marik ha anche sottolineato l’importanza del sonno e di non mangiare prima di andare a dormire.

“Il sonno è molto importante per la rigenerazione del cervello, per eliminare tutti i prodotti del metabolismo e per permettere alle sinapsi di rigenerarsi”, ha detto, sottolineando che mangiare prima di andare a dormire non solo disattiva l’autofagia, ma interrompe anche il sistema glinfatico del cervello che lava via i sottoprodotti del metabolismo.

“Se si mangia prima di andare a dormire, si limita l’autofagia e il flusso linfatico”.

“È essenziale che le persone cambino la dieta”, ha aggiunto. “Si può mangiare entro una finestra di sei-otto ore. Poi, per il resto del tempo, non si mangia.

“Abbiamo un enorme, enorme potenziale di autoriparazione. Quello che vogliamo fare è abbracciare la capacità del corpo di autoguarirsi. Vogliamo potenziare questa capacità”.

 

Con intervista di Jan Jekielek.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments