Il Dr. Robert Malone, un noto ricercatore di vaccini mRNA, e il Dr. Peter McCullough, uno dei medici più pubblicati al mondo, hanno rilasciato una dichiarazione congiunta a The New American venerdì in cui hanno accusato i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) di perpetrare una frode “criminale”. Guardate il video:

 

 

“A mio parere, trattenere (cioè non rendere pubblici, ndr) dati scientifici costituisce una frode”, ha sostenuto il dottor Malone. “Questa è una frode scientifica. A mio parere, se dovessi pubblicare uno studio in cui ho un gran numero di dati epidemiologici, e decidessi di pubblicarne solo una parte perché voglio portare avanti qualche agenda, sarei colpevole di frode scientifica. L’articolo verrebbe ritirato. Sarei cacciato dalla mia istituzione accademica. Sarei colpevole di frode scientifica. Ecco cos’è questo”.

“E il CDC, l’ho visto nel corso degli anni, è diventato sempre più un braccio politico e non serve la sua funzione”, ha continuato. “Questo è il Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie. Sono l’archivio di informazioni su cui i medici hanno fatto affidamento per decenni attraverso la pubblicazione MMWR. Sono quelli che hanno la responsabilità di fornirci i dati in prima linea su cosa sta succedendo e dove sta accadendo e hanno smesso di svolgere questa funzione”.

“Non rilasciano più quelle informazioni dettagliate attraverso il MMWR”, ha proseguito il dottor Malone. “Sono diventati un’organizzazione puramente politica e un braccio del ramo esecutivo. E quello che hanno fatto è, a mio parere, osceno. Ed è parte di ciò che è alla base degli attacchi che io e Peter abbiamo subito dalla stampa. Se ci pensate, la tesi di fondo è: ‘bene, il CDC non ha detto questo, quindi state diffondendo disinformazione medica’. Ma ora apprendiamo che chi sta davvero diffondendo disinformazione medica è il CDC”.

“Penso che a tutti noi siano dovute delle scuse”, ha proseguito. “Penso che questi dati che hanno nascosto, non sono solo i dati di efficacia della tripla dose tra i 18 e i 49 anni. Si tratta di una tonnellata di informazioni. Le hanno trattenute intenzionalmente. Ecco perché siamo stati attaccati. È ingiusto. Siamo noi, a quanto pare, ad essere completamente discolpati. Abbiamo detto la verità”.

“Ed è la verità che è stata nascosta al pubblico americano e, cosa più importante, è stata nascosta ad altri medici ed è stata nascosta alle autorità sanitarie pubbliche”, ha proseguito Malone. “Quell’articolo era potente. Se lo esaminate, il New York Times ha cercato di nasconderlo e lo ha pubblicato il Giorno del Presidente e lo ha scritto in un modo che cerca di oscurare ciò che sta realmente accadendo. Ma quello che sta succedendo qui è criminale, secondo me”.

“Sì”, ha detto la giornalista Veronika Kyrylenko [al dott. Malone]. “Volevo chiederle, lei ha appena detto che ci sarebbero gravi conseguenze se uno scienziato facesse una cosa del genere. Ci saranno conseguenze per il governo federale?”

“Allora, ho parlato e ripetutamente per quelle persone che sono all’interno del governo, noi li chiamiamo ‘govies’ per slang, le persone che lavorano al CDC che hanno dato queste interviste al New York Times, ma non hanno voluto divulgare i loro nomi. Penso che ora siano ad un punto di scelta”.

“Ci saranno conseguenze legali, e credo che abbiano una scelta”, ha detto il dottor Malone. “Questi impiegati governativi che hanno partecipato a nascondere questi dati, possono essere imputati o possono essere testimoni. È ora che si facciano avanti e parlino. E se vogliono fare un’azione di whistleblower, parlino al senatore Ron Johnson, il suo ufficio è in attività alla ricerca di questo”.

“E quando le elezioni di metà mandato saranno finite e lui sarà rieletto e i repubblicani prenderanno il Senato, lui sarà a capo della sottocommissione del Senato sulle indagini”, ha aggiunto Malone. “E posso dirvi che è pronto a partire”.

Il Dr. Peter McCullough è poi intervenuto sulla questione di ritenere il governo responsabile della mancanza di trasparenza dei dati.

“Sapete, aggiungo solo che questa non è l’unica area di preoccupazione sulla trasparenza dei dati”, ha detto il dottor McCullough. “La FDA e la Pfizer sono state citate in giudizio per il rilascio del loro dossier completo. Molti di voi sanno che ora c’è un rilascio accelerato dei dati, ma la riluttanza a rilasciare informazioni su un prodotto biologico che ogni singolo americano viene chiesto, se non obbligato a prendere, la riluttanza a farlo dovrebbe far preoccupare tutti.”

“L’altra area di trasparenza dei dati di cui siamo estremamente preoccupati è l’informazione del database epidemiologico del Dipartimento della Difesa che è stata divulgata nel pannello del Senato del 24 gennaio, un secondo parere presieduto dal senatore Ron Johnson, e il loro avvocato principale, Tom Renz, co-consulente, Leigh Dundas, ha presentato i dati e gli informatori in realtà, hanno rivelato i loro nomi, l’informatore principale, essendo il chirurgo di volo Theresa Long.”

“Ed è chiaro, c’è un aumento di molte volte in molte categorie di malattie tra i nostri militari, anno dopo anno”, ha continuato il dottor McCullough. “L’unica cosa che è cambiata è la somministrazione dei vaccini in grandi quantità. Quindi la trasparenza dei dati a questo punto sarà un’area che, credo che il dottor Malone abbia ragione, sarà intensamente investigata. E per coloro che sono vicini ai dati, penso che abbiano una scelta in arrivo e sarà una questione di fare la scelta giusta e dove vogliono finire su quale lato della storia”.

Il CDC è ora chiamato in causa dai legislatori repubblicani per la mancanza di trasparenza dei dati di cui al suddetto articolo del New York Times, “The C.D.C. Isn’t Publishing Large Portions of the Covid Data It Collects”.

“Le scrivo per avere delle risposte riguardo ai preoccupanti rapporti sulla sua agenzia che nasconde intenzionalmente i dati relativi ai ricoveri COVID-19”, ha scritto il rappresentante Chip Roy (R-TX) al direttore del CDC Rochelle Walensky. “Come recentemente riportato dal New York Times, i Centers for Disease Control and Prevention (CDC) hanno presumibilmente occultato i dati, come i dati sui ricoveri COVID-19 per stato di vaccinazione, perché il personale dell’agenzia ha dichiarato che i dati potrebbero essere interpretati male”.

Roy ha dichiarato che se il rapporto del New York Times fosse vero, rappresenta una “rivelazione sbalorditiva” che “erode solo ulteriormente la mancanza di fiducia che il popolo americano ha nella vostra agenzia”.

“Sotto la sua guida, gli americani sono stati giustamente confusi ed esauriti da una miriade di inversioni di politica, falsità politicamente motivate ed eccesso di burocrazia”, ha scritto Roy a Walensky.

Gli americani non dimenticheranno presto come il CDC si è comportato durante la pandemia di Covid. La pressione sta crescendo per una seria responsabilità – anche se questo segue il prossimo “bagno di sangue” per i democratici nelle elezioni di novembre.

 

Fonte dell’articolo: Beker News (nella mia traduzione)

 

Facebook Comments