Dopo profonda riflessione e preghiera, un governatore cattolico firma la legge per il suicidio assistito.

Pare di risentire le motivazioni di tanti cattolici italiani durante il referendum sull’aborto, quando dicevano che loro non lo avrebbero mai fatto ma votarono affinché rimanesse la legge che lasciava la libera scelta agli altri.

In questo caso sarebbe come dire: io non lo farò mai, ma metto nelle mani dell’altro un coltello perché si possa liberamente ammazzare.

Ecco un articolo di Christine Rousselle su CNA nella mia traduzione.

Il governatore del New Jersey Phil Murphy

Il governatore del New Jersey Phil Murphy

 

Il governatore del New Jersey Phil Murphy venerdì ha firmato una legge statale per autorizzare il suicidio medicalmente assistito.

Murphy ha firmato il Medical Aid in Dying for the Terminally Ill Act in legge il 15 aprile, nel mentre un vescovo del New Jersey ha promesso di continuare ad opporsi alla “pericolosa” nuova legge.

L’atto è stato approvato dalla legislatura del New Jersey alla fine di marzo, con il sostegno bipartisan. La nuova legge permetterà a coloro che un medico ritiene di avere meno di sei mesi di vita di richiedere farmaci letali per porre fine alla loro vita. Il paziente deve quindi somministrarsi il farmaco da solo.

Firmando il disegno di legge, Murphy, uno che si è definito “cattolico praticante lungo tutta la sua vita”, ha osservato che, pur essendo consapevole che la Chiesa si oppone al suicidio assistito, nonostante ciò egli ha firmato il disegno di legge.

“Dopo attenta considerazione, riflessione interna e preghiera, ho concluso che, mentre la mia fede può condurmi a una decisione particolare per me stesso, come pubblico ufficiale non posso negare questa alternativa a coloro che possono giungere a una conclusione diversa”, ha detto Murphy.

“Credo che questa scelta sia una scelta personale e, quindi, firmare questa legge è la decisione che rispetta al meglio la libertà e l’umanità di tutti i residenti del New Jersey”.

Il vescovo James F. Checchio di Metuchen ha condannato la decisione del governatore.

In una dichiarazione al Catholic News Agency (CNA), Checchio ha definito la legislazione l’ultima di una “tendenza pericolosa e spaventosa” e “un attacco sfacciato contro la santità della vita umana”.

Metuchen, come tutte le diocesi del New Jersey, ha lavorato contro l’approvazione della legge sul suicidio assistito dal 2012, quando è stata proposta per la prima volta. Anche se il disegno di legge è ora legge, Checchio ha detto che non fermerà la lotta.

“Mentre ci troviamo di fronte a tempi bui, non ci fermeremo a difendere la santità della vita umana, in tutte le fasi, e continueremo a educare i nostri legislatori, i nostri colleghi cattolici e l’opinione pubblica sui pericoli del suicidio medicalmente assistito legalizzato”, ha detto.

“La domenica di Pasqua viene dopo l’oscurità del Venerdì Santo, lo sappiamo, così continueremo a lavorare affinché la luce di Pasqua pervada la nostra società”.

 

Facebook Comments