Dopo le notizie di un verdetto di colpevolezza emerse nel processo per abusi sessuali su minori al cardinale australiano George Pell, alcuni in Australia hanno sollevato interrogativi e messo in dubbio l’integrità di un processo intrapreso sotto il velo di un blackout mediatico.

Del caso abbiamo già parlato qui.

L’articolo di seguito è di Ed Condon, la traduzione è mia.

Il cardinale George Pell, prefetto della Segreteria dell'Economia, fuori dall'Hotel Quirinale di Roma, 3 marzo 2016.  Credit: Alexey Gotovskiy/CNA.

Il cardinale George Pell, prefetto della Segreteria dell’Economia, fuori dall’Hotel Quirinale di Roma, 3 marzo 2016. Credit: Alexey Gotovskiy/CNA.

 

Dopo le notizie di un verdetto di colpevolezza emerse nel processo al cardinale australiano George Pell, alcuni in Australia hanno messo in dubbio l’integrità di un processo intrapreso sotto il velo di un blackout mediatico.

Il cardinale è stato condannato l’11 dicembre sulla base di cinque accuse per aver abusato sessualmente di due chierichetti mentre era arcivescovo di Melbourne alla fine degli anni Novanta. Il verdetto unanime fa seguito a un precedente processo non giunto a conclusione in cui, come ha confermato Catholic News Agency (CNA) con molteplici fonti, una giuria è rimasta bloccata per 10-2 a favore di un verdetto di “non colpevole”.

Il verdetto di colpevolezza precede un secondo processo, previsto per febbraio 2019, in cui Pell dovrà affrontare ulteriori accuse di abusi risalenti agli anni ’70, durante i quali ha prestato servizio come sacerdote a Ballarat.

Le restrizioni imposte dal tribunale della contea di Victoria significano che i progressi o gli esiti del processo non possono essere coperti dai media locali o trasmessi elettronicamente in Australia. Nel paese non è consentita alcuna discussione mediatica sulle accuse o sulla difesa di Pell.

Coloro che violano l’ordine di copertura del silenzio potrebbero essere soggetti ad oltraggio delle accuse dei pubblici ministeri di Victoria.

Tuttavia, CNA ha parlato con diverse fonti a conoscenza del caso Pell, che hanno tutti espresso incredulità per il verdetto. Le fonti hanno parlato solo sotto la condizione di anonimato a causa dell’ingiunzione legale di silenzio imposta dal tribunale.

Hanno condannato un uomo innocente“, una fonte che conosce direttamente le prove raccontate da CNA. “Quel che è peggio è che sanno di aver (condannato un innocente, ndr)”.

Una persona che ha partecipato di persona all’intero processo, ma non è collegato con il team legale di Pell, ha detto a CNA che gli avvocati di Pell hanno fatto una “difesa incontestabile“.

Era assolutamente chiaro a tutti in quel tribunale che le accuse erano infondate. Non era che Pell non ha fatto quello di cui è accusato – egli chiaramente non avrebbe potuto farlo“.

Le accuse riguardano Pell che avrebbe aggredito i due coristi nella sacrestia della cattedrale di Melbourne in diverse occasioni subito dopo la messa domenicale.

La difesa ha presentato una serie di testimoni che hanno testimoniato che il cardinale non è mai stato solo nella sacrestia con chierichetti o membri del coro, e che in tutte le circostanze in cui quanto oggetto delle accuse sarebbe accaduto, diverse persone sarebbero state presenti nella stanza.

La sacrestia nella Cattedrale di Melbourne ha grandi stanze a pianta aperta, ognuna con archi e sale aperte, e molteplici ingressi e uscite, ha notato la difesa.

Gli avvocati della difesa hanno anche prodotto una serie di testimoni che hanno testimoniato che Pell era costantemente circondato da sacerdoti, da altro clero e ospiti dopo le Messe domenicali nella cattedrale, e che i coristi avevano una stanza completamente separata dalla sacrestia in cui si cambiavano come gruppo, prima e dopo la Messa.

Gli osservatori si sono anche chiesti se alcune tattiche processuali usate dai procuratori di Stato abbiano avuto lo scopo di alimentare sentimenti anticlericali nei membri della giuria.

Un sacerdote, un gesuita, è stato chiamato come testimone esperto dalla difesa, ma è stato costantemente indicato come un “fratello cristiano” dai pubblici ministeri – una mossa, ha detto l’osservatore del tribunale a CNA, che sembrava calcolata per invocare l’ordine religioso al centro di uno scandalo di abusi sessuali clericali ampiamente conosciuto nel paese.

È stata una mossa plateale, ma riassume il tipo di deriva anticattolica e anticlericale dell’intero processo”, ha detto la fonte dell’aula del tribunale di CNA. “La giuria veniva ammiccata”.

La discussione completa delle accuse e delle prove a carico di Pell rimane impossibile a causa del blackout dei media. L’ordine di bavaglio informatico è stato imposto su richiesta dei pubblici ministeri in giugno, i quali hanno sostenuto che l’attenzione dei media avrebbe potuto condizionare il caso.

E’ assurdo”, ha detto a CNA un’altra fonte che ha familiarità diretta con il processo. “Qualsiasi cattolico di Victoria può dirvi che i nostri media sono intrisi di copertura mediatica anticattolica, anticlericale e soprattutto anti-Pell per più di due decenni. I pubblici ministeri erano perfettamente soddisfatti di tutto ciò che ha preceduto il processo, e per questo che si continuasse“.

L’unica cosa di cui non si può parlare sono i fatti del caso”, ha detto la fonte.

In un articolo di maggio 2015 pubblicato su The Australian, il giornalista Gerard Henderson ha detto che Pell è stato vittima di una “moderna caccia alle streghe”. Henderson ha attirato l’attenzione specifica su quella che ha definito una copertura parziale e imprecisa di  Pell da parte dell’Australian Broadcasting Corporation.

La mancanza di equilibrio nei rapporti dei media sugli abusi sessuali su minori nella Chiesa cattolica riflette il fatto che molti giornalisti detestano il conservatorismo di Pell“, ha scritto Henderson.

Henderson ha anche notato che, in qualità di arcivescovo di Melbourne, Pell ha introdotto un nuovo programma per trattare le accuse di abusi sessuali e per risarcire le vittime entro pochi mesi dal suo arrivo.

“Su tutte le prove disponibili, Pell è stato tra i primi vescovi cattolici al mondo ad affrontare la questione degli abusi sessuali su minori da parte del clero”, ha concluso Henderson.

Si dice che il team legale del cardinale si attiene scrupolosamente all’ordine del bavaglio informativo, mentre gli avvocati lavorano per presentare un ricorso contro il verdetto di colpevolezza.

Mentre la discussione aperta sul caso rimane impossibile in Australia, le preoccupazioni circa la presenza di una giuria parziale nel secondo processo hanno cominciato a emergere indirettamente.

Il 13 dicembre, il procuratore generale dello stato di Victoria Jill Hennessy ha detto al giornale australiano The Age di aver chiesto al suo dipartimento di esaminare l’opzione dei processi per soli giudici in casi di alto profilo, dove una giuria imparziale potrebbe essere difficile da trovare. Lo stato di Victoria è una delle poche giurisdizioni in Australia a non permettere l’opzione di un processo davanti allo scanno del giudice in casi come quello di Pell.

All’inizio di quest’anno, l’ex arcivescovo di Adelaide Philip Wilson è stato processato e condannato davanti al tribunale di un magistrato nello stato del New South Wales, con l’accusa di non aver segnalato abusi sessuali clericali. La sua condanna è stata annullata in appello. Il giudice d’appello Roy Ellis ha osservato che le immagini della crisi degli abusi sessuali della Chiesa potrebbero essere state uno dei fattori che hanno contribuito al verdetto di colpevolezza.

Tali rappresentazioni “possono equivalere a una pressione percepita affinché un tribunale raggiunga una conclusione che sembra essere coerente con la direzione dell’opinione pubblica, piuttosto che essere coerente con lo stato di diritto che richiede che un tribunale somministri la giustizia individuale nei suoi processi decisionali”, ha detto.

Victoria si è trovata di fronte a continue critiche per l’uso di ordini di soppressione da parte dei tribunali statali.  Nonostante l’Open Courts Act approvato nel 2013 per migliorare la trasparenza giudiziaria, i tribunali vittoriani hanno emesso più di 1500 ordinanze di soppressione tra il 2014-2016.

Una fonte vicina a Pell ha detto a CNA che il trattamento del cardinale durante il suo processo è stato “kafkiano”.

“I procuratori possono riprocessarlo – in segreto – fino a quando non ottengano una condanna, ma non ci può essere alcuna discussione su ciò di cui è accusato, nessun esame delle prove contro di lui, e senza mettere in discussione il verdetto. Su quale pianeta è questa giustizia?”.

Il cardinale Pell dovrebbe essere condannato a gennaio.  Può appellarsi alla Corte suprema di Victoria per il verdetto di colpevolezza.

 

Fonte: Catholic News Agency

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1