Riporto la storia di Marsha Gee, di San Diego, California, infermiera di una unità di terapia intensiva. 37 anni, voglia pazza di vivere, sport a tutto spiano. Entusiasmo e fiducia nella scienza, si presta volentieri alla prima dose del vaccino COVID. E’ un Pfizer e lo riceve il 6 dicembre 2020, Lotto n. EH9899. La sua vita però cambia drasticamente. Ecco la sua storia, La rilancio nella mia traduzione da Real not rare

 

 

D: Com’era la sua vita prima del vaccino?
Prima del vaccino, ero un RN di terapia intensiva presso l’UCSD e lavoravo in prima linea nell’unità di terapia intensiva di Covid. Al di fuori della mia carriera, ero un atleta all-star. Mi allenavo circa 6 ore al giorno nei giorni liberi… per divertimento! Giocavo in campionati maschili di pallacanestro, giocavo a beach volley femminile, giocavo a tennis tutti i giorni, giocavo a golf, ero un tipico topo da palestra… mi potevi trovare su qualsiasi mezzo (rollerblade, skateboard, bicicletta) dall’alba al tramonto… …. Oppure a inseguire le tempeste e a fare snowboard per tutto l’inverno. Non ero mai a casa. Non ero mai sul divano a guardare la TV. Vivevo con grande energia, motivazione e una quantità infinita di obiettivi che mi prefiggevo. Ho imparato a fare bricolage per migliorare la mia casa. Durante la pandemia, per non pensare alla pandemia e all’isolamento, ho lavorato alla mia auto, ho imparato le tecniche di falegnameria, ho messo a punto le mie abilità idrauliche e di tuttofare. Ho AMATO la mia vita.


D: Vuole condividere le sue ragioni per vaccinarsi?
Come infermiera diplomata, single, sui 30 anni, senza famiglia né figli, che ha visto le parti peggiori di questa pandemia all’interno di un’unità di terapia intensiva… sono stata ONORATA quando il mio supervisore mi ha chiesto se volessi essere tra i primi a vaccinarsi all’UCSD. Questa ero io. Il primo della fila. Pensavo di non avere “nulla” da perdere… e la fine di una pandemia da guadagnare. Non sapevo che avevo da perdere TUTTO ciò per cui avevo lavorato in tutta la mia vita…


D: Quali sono state le reazioni, i sintomi e la tempistica?
Mentre tornavo a casa dopo il vaccino, ho chiamato la mia collega chiedendole se anche il suo viso fosse intorpidito (e non lo era) e che mi sentivo come se l’intero lato sinistro della testa fosse intorpidito/formicolante… orecchio/occhio/viso e il mio braccio sinistro era diventato immediatamente debole. 12 ore dopo… Ho avuto un picco di temperatura di 40. Febbre, brividi, rigori. Mal di corpo simile all’influenza, ma estremo. Posso sopportare il dolore, ma questo tipo di dolore muscolare/articolare/ossa era diverso. Mi rendeva irrequieta e debole.


La prima settimana l’unica volta che mi sono alzata dal letto è stato per andare in bagno… nausea/vomito/diarrea costanti con vertigini, pressione bassa, pressione alta e la sensazione di stare per svenire in qualsiasi momento della giornata. Febbre alta e inarrestabile. Ero avvizzita, incapace di mangiare, ho perso 3 chili nella prima settimana. Provavo un malessere/fatica che non avevo mai provato prima… e mi sentivo come se una nuvola soffocasse il mio cervello, una nebbia cerebrale come mai prima.


Nei primi 15 giorni ho lottato con un mal di testa cronico e debilitante e due emicranie. Non riuscivo a pensare con lucidità, la mia anima era pesante. Il mio cervello e il mio corpo si sentivano come se una pesante coperta mi tenesse ferma… riuscivo a malapena a muovermi. Avevo i peggiori dolori alla schiena e al bacino. Debolezza agli arti inferiori.

A un certo punto mi sono resa conto che le mie mani erano blu ghiaccio. Le articolazioni sembravano gonfie, le dita fragili. E non sentivo nulla sui cuscinetti delle dita. Il primo medico disse che avevo il tunnel carpale… doloroso, blu, gonfio e con dolori artritici… rifiutò di ordinare gli esami.


2 settimane dopo, siamo a gennaio 2021. Chiedo a un altro medico di occuparsi delle mie mani. Il dolore mi svegliava. Il ghiaccio mi faceva pensare che stessi perdendo l’uso delle mani… una volta che riuscivo a far affluire il sangue alle dita, il dolore intenso che ne derivava mi faceva dubitare che ne valesse la pena (alias “barfie urlanti” per gli scalatori)… e poi sono iniziate le nuove pustole piene di liquido… il secondo medico ha detto che si trattava del fenomeno di Raynauds.


Una settimana dopo sono stata visitata da un reumatologo. Radiografia della mano – normale. Le mie mani erano ghiacciate, con ferite aperte da papule e vesciche, articolazioni gonfie e doloranti. Una perdita della forza di presa e un’estrema stanchezza muscolare (anche detta sensazione di braccio morto) hanno portato alla diagnosi di Raynauds.


Nel febbraio del 2021. Ho avuto un secondo parere reumatico, una visita dermatologica e una neurologica. Stanchezza estrema, nebbia cerebrale, perdita di memoria a breve termine… acufeni, tremori, febbre… problemi di equilibrio, vertigini, pressione bassa e giorni in cui avevo svenimenti… svenivo 3-7 volte, vivendo da sola. Ero spaventata… Un nuovo gruppo di medici mi ha dato degli steroidi. Creme topiche e vasodilatatori per migliorare il flusso sanguigno. Le biopsie cutanee delle mani hanno mostrato geloni (ma hanno detto che non si trattava di lupus), bensì di “dita dei piedi da Covid…”. Starò bene tra un paio di settimane… Il neuro dice che l’infiammazione del nervo trigemino sinistro causerebbe la mia parastesia facciale. È probabile che si tratti di una neuropatia a piccole fibre, anche se non è necessario ripetere la biopsia perché il trattamento è la soluzione migliore.

Marzo: il reumatologo inizia l’idrossiclorochina, la nifedipina e il gabapentin. Ancora pressione bassa. Neurodeficit, stanchezza estrema e dolori generalizzati alle articolazioni, alle ossa e ai muscoli… Ho chiesto un consulto di malattie infettive/immunologia. Il che si è ritorto contro l’incontro con la dottoressa più cattiva che abbia mai incontrato AL TELEFONO! Mi ha sgridato per averle fatto perdere tempo, mi ha chiesto perché non avessi ancora fatto la seconda iniezione di Pfizer e ha dichiarato che non sono allergica ai vaccini. Volevo solo sapere perché il mio corpo era così infiammato. Ho avuto febbre, eruzioni cutanee dalla testa ai piedi ed edemi, arrossamenti casuali del viso… Dal punto di vista olistico, non si vorrebbe scoprire cosa potrebbe essere la causa di tutto questo?


Marzo e aprile sono stati pieni di perdita di peso, nausea/vomito/diarrea a causa dei nuovi farmaci (?), ancora incapacità di elaborare le cose, difficoltà a trovare le parole… edema facciale ed eruzioni cutanee che secondo il medico erano acne da steroidi. E le mie mani erano ancora blu ghiaccio, senza circolazione, intorpidite e dolorose allo stesso tempo… e poi il mio cuore si è spezzato.

 


Aprile. Ho chiamato il 911 tre volte. Ero pronta a dire addio. La mia frequenza cardiaca era di 200-220. Mentre la mia pressione continuava a scendere lentamente… mentre il mio orologio continuava a contare quanto tempo ci sarebbe voluto per trovarmi. Da sola, a casa mia. 25 minuti dopo. La mia frequenza cardiaca è passata da 220 a 170. La mia pressione sanguigna da 60/30 a 80/40. Sono sopravvissuta. Il cardiologo mi mette un monitor holter per 2 settimane, dichiarando di vedere tracce di microcoaguli nelle mie dita e diagnosticando pSVT e POTS. Spiega la mia FC a 200 e i miei frequenti svenimenti. Ordina una dieta ad alto contenuto di sale, compressioni e un betabloccante. Sono così grata per questo betabloccante…


Da aprile a maggio, reum e dermatologo vogliono iniziare il metotrexato. Il mio cervello, le mani, la pelle e le articolazioni peggiorano. Chiedo un terzo parere… è classificato come farmaco chemioterapico. Tutti e tre i medici dicono sì al MTX.


Sono disperata. Vedo ritualmente un terapeuta, un agopunturista, un massaggiatore, farmaci orientali / occidentali. Sintomi di nebbia cerebrale, stanchezza, tremori/tinnito, N/V/D. Mal di testa cronico… Il metotrexate ha causato febbre più alta, ha peggiorato la stanchezza e tutti i sintomi neurologici. Non ero più in grado di guidare. Diarrea grave, ipotensione grave e fluidi per via endovenosa. La tachicardia ha indotto il medico ad aumentare i farmaci per il cuore.


Giugno: i medici cambiano la terapia con la leflunomide… con la speranza di avere meno effetti collaterali e di recuperare peso e vita. In questo periodo ho anche cambiato l’intera équipe di medici. Non capirò mai come un medico possa essere totalmente d’accordo che un suo paziente, una volta perfettamente in grado, sia costretto a letto e non pensi che ci sia qualcosa che non va. Una nuova serie di esami (che i primi due dottori non avevano considerato) mi ha dato una nuova diagnosi di sindrome antifosfolipidica, un disturbo della coagulazione del sangue… Mi è stato prescritto l’ASA325 e il cialis per la vasodilatazione. Protonix e Pepcid per la frequenza e i nuovi sintomi di GERD. Giugno è stato pieno di sintomi peggiori, tutti menzionati sopra. A luglio e agosto si ripresentarono i problemi neurologici. La mia mancanza di memoria, la difficoltà a trovare le parole e la nebbia cerebrale mi hanno fatto riflettere… potrei aver perso la mia carriera a causa di questo ….. Il gonfiore del viso, le papule e le vesciche blu sulle mani continuano. A settembre ho avuto i primi giorni in cui mi sentivo bene (dopo un’altra dose di steroidi), il mio cervello si è schiarito, il mio viso e le mie mani si sentivano meglio… ma non appena è svanito, sono tornato al livello di base post vaccino.


Ho trascorso tutto l’autunno tra una crisi e l’altra. Alcuni giorni buoni, altri cattivi… non sai mai cosa ti aspetta finché non ti svegli. È stato frustrante.


1 anno dopo. Dicembre 2021. Ho trasferito le mie cure alla UCSD, finalmente approvata dall’assicurazione dopo molti problemi… reum/derm/cards/neuro/inf.disease e la loro clinica per il long COVID. Sono entusiasta di avere un nuovo gruppo di esperti.

 

D: Com’è la sua vita ora, dopo aver fatto il vaccino?
La mia vita ora è un mistero. Mi sveglierò e mi sentirò benissimo e avrò energia? Mi sveglierò e avrò un mal di testa debilitante o zero forza muscolare? Sarò in grado di svolgere le più piccole attività quotidiane? Non riesco a tollerare alcun tipo di allenamento. Quando cerco di aumentare la mia attività fisica, ho febbre/ mal di testa/sintomi simili a quelli dell’influenza per le 48 ore successive. Ho perso la vista per un paio di giorni e mi hanno trovato micro emboli nelle arterie ottiche. Per fortuna la vista è tornata… ma come si fa a non chiedersi se i prossimi emboli andranno al cervello? Al cuore? Mantenere la salute mentale è una lotta ovvia, ma così importante in questo momento. Non avrei mai pensato di dire addio a 37 anni… a un operatore del 911. Ero un drogato dell’alta adrenalina all’aria aperta, è lì che dovrei dire addio… sul lato posteriore della più grande montagna… Non sulla porta di casa mia a fissare il soffitto. Voglio essere in grado di vivere al meglio la mia vita. Ho speso i miei 37 anni di istruzione, di esperienze di vita e di viaggi per creare e costruire un mio stile di vita che fosse destinato a essere vissuto in una lunga vita sana e pacifica, immerso in culture e Paesi diversi, sperimentando il vero significato della vita, superando i limiti, stabilendo confini e… testando che tipo di super-umano fossi… beh, questo era già prima del vaccino…


D: Condividi la tua esperienza con le cure mediche e le diagnosi che hai ricevuto:
La mia esperienza di paziente mi ha spezzato il cuore. Vengo da un reparto critico dove i nostri cervelli prosperano grazie all’adrenalina dei casi complicati. Sono più che altro un fastidio per i medici ambulatoriali che ho incontrato. Complicando le loro visite di 3 minuti con i loro pazienti abituali… So che è complicato, e capisco se non ci sono risposte… ma ignorare completamente il fatto che perdevo spesso conoscenza, che sono stata costretta a letto per mesi… e che ho perso la memoria, che ho dita che sembrano destinate a cadere presto… non va bene… Sono stata respinta da tele-medici, medici di base, visite mediche urgenti, neurologi, immunologi. E purtroppo alcuni dei miei stessi medici con cui lavoro… e che sanno che tipo di persona ero prima delle malattie da Vax. Alcuni si rifiutano di credere che una reazione avversa possa derivare da questo… Hanno ufficialmente diagnosticato il LES (lupus eritematoso sistemico) il lupus dei geloni, la perniosi. Fenomeno di Raynaud. Sindrome antifosfolipidica. PSVT e POTS. Neuropatia delle piccole fibre. E di recente SINDROME DI LONG COVID. Qualunque cosa sia, farò di tutto per ritrovare il mio equilibrio.

 

D: La sua reazione è stata segnalata e qual è stata la risposta?
Vaers, Vsafe, CDC, Pfizer… ho implorato i medici che conoscono i medici… perché qualcuno mi studiasse, raccogliesse esami, dati, li presentasse ai grand round… Tutto ciò che ottengo sono grilli…


D: C’è qualcosa che l’ha aiutata e i suoi sintomi sono migliorati?
Molto riposo. Molti FANS. Dieta a basso contenuto di istamina. Integratori di vitamine. I miei medici, per niente.


D: Ha già avuto a che fare con Covid? Qual è stata la sua esperienza in tal caso?
Sono stata positiva al Covid nel dicembre del 2021. La reazione è stata molto simile a quella che ho avuto quando sono stata vaccinata! Sono rimasta piuttosto colpita dalla somiglianza, ma dal dolore. 8 giorni di questo inspiegabile dolore alla schiena, al bacino e agli arti inferiori… completamente insopportabile. Febbre alta per 5 giorni di fila e poi meno per altri 5. BRADICARDIA!!! Da 120 di tachicardia giornaliera a 40 tachicardia. Ho smesso il betabloccante ma ad ogni calo di frequenza mi si rivoltava lo stomaco. Nausea e vomito… la Brady sintomatica. Ma è durato poco. Una volta terminata la Covid, dopo 2 settimane di sintomi, il mio cuore è tornato ad essere tachicardico e ho ripreso il betabloccante. Nessun altro cambiamento… le mie mani sono ancora blu.


D: Cosa vorresti che gli altri sapessero?
Sono a favore della scienza e dei vaccini. Vorrei che gli altri ritrovassero il buon senso, che a quanto pare è andato perso durante questa pandemia. Nella storia, i vaccini hanno avuto reazioni avverse… PERCHÉ ORA trattate i danneggiati dai vaccini come se fossero un gruppo orribile per questa comunità… mondo!!! Perché i medici sono stati minacciati di non potersi sedere su una sedia, guardarmi negli occhi e ascoltare la mia storia? Perché non riescono a vedere che tutta la mia vita è stata stravolta il 16 dicembre 2020. Ho perso la mia carriera… ho perso la mia identità. E nessun medico lo ha riconosciuto… o si è preoccupato di provare a studiare/ricercare qualcosa.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments