Donna degli Emirati si sveglia dal coma dopo quasi 30 anni

Ho condiviso la sua storia per dire alle persone di non perdere la speranza sui loro cari”, ha detto il signor Webair. “Non considerateli morti quando sono in questo stato”.

In tutti questi anni, i medici mi hanno detto che era un caso senza speranza e che non aveva senso il trattamento che stavo cercando per lei, ma ogni volta che avevo dubbi mi sono messo al suo posto e ho fatto tutto il possibile per migliorare la sua condizione”.

Una toccante storia che riprendo da Haneen Dajani del The National, un giornale degli Emirati Arabi Uniti. Eccola nella mia traduzione.

Munira Abdulla, che si è svegliata da uno stato vegetativo di 27 anni, ha visitato la Grande Moschea di Sheikh Zayed, costruita 16 anni dopo che un incidente stradale l'ha lasciata in coma.  Khushnum Bhandari per il National

Munira Abdulla, che si è svegliata da uno stato vegetativo di 27 anni, ha visitato la Grande Moschea di Sheikh Zayed, costruita 16 anni dopo che un incidente stradale l’ha lasciata in coma. Khushnum Bhandari per il National

 

Quando Munira Abdulla andò a prendere suo figlio Omar, 4 anni, da scuola e iniziò a raggiungere la loro casa di Al Ain nel 1991, non poteva sapere che non l’avrebbe più rivisto per 27 anni.

Il loro veicolo si scontrò con uno scuolabus, lasciando la signora Abdulla con una grave lesione cerebrale. Omar – che fu abbracciato dalla madre prima dell’impatto – se la cavò con un livido alla testa.

La signora Abdulla, all’epoca 32 anni, era rimasta in coma e i medici credevano che probabilmente non avrebbe mai più aperto gli occhi. Questo fino all’anno scorso, quando ha ripreso conoscenza in una stanza d’ospedale tedesco.

La sua famiglia ha parlato per la prima volta esclusivamente a The National del loro calvario, descrivendo un miracolo dei giorni nostri e di come si sia svegliata in un mondo completamente diverso.

Non ho mai rinunciato a lei perché ho sempre avuto la sensazione che un giorno si sarebbe svegliata”, ha detto suo figlio Omar Webair, 32 anni.

Quando è stata visitata in ospedale, la signora Abdulla è stata in grado di rispondere alle domande, anche se con difficoltà, e ha recitato versi del Corano. Recentemente ha visitato la Grande Moschea di Sheikh Zayed, che non era stata costruita quando è rimasta ferita, accompagnata da The National.

Avevo quattro anni quando è avvenuto l’incidente e abitavamo ad Al Ain“, ha detto il signor Webair.

Quel giorno non c’era nessun autobus a scuola per riportarmi a casa”.

Verso le 4 del pomeriggio, sua madre, guidata dal cognato, prese il giovane Omar.

Mia madre era seduta con me sul sedile posteriore.  Quando vide l’incidente, mi abbracciò per proteggermi dal colpo“, disse il signor Webair.

Si allontanò dall’incidente, ma rimase disperato mentre sua madre aspettava aiuto.

Non c’erano telefoni cellulari e non potevamo chiamare un’ambulanza. E’ stata lasciata così per ore”, ha detto.

La signora Abdulla fu portata in ospedale, da dove fu trasferita a Londra. Era completamente immobile, senza alcuna consapevolezza di ciò che la circondava. I medici le diagnosticarono uno stato di minima coscienza. Fu trasferita in un ospedale ad Al Ain, dove sarebbe rimasta per i successivi anni. Alimentata con la sonda, fu sottoposta a una fisioterapia per evitare il deterioramento dei muscoli.

Le visite a sua madre entrarono a far parte della routine quotidiana del signor Webair. Camminava per diversi chilometri per vederla e stava seduto con lei per ore.  Pur non potendo parlare, il signor Webair ha detto di poter dire dalle sue espressioni se soffriva o meno.

Per me era come l’oro; più tempo passava, più prezioso diventava”, ha detto.

La situazione rese difficile per il signor Webair mantenere un lavoro, ma riuscì sempre a passare del tempo al suo fianco.

Non me ne sono mai pentito. Credo che, grazie al mio sostegno per lei, Dio mi ha salvato da problemi più grandi”.

La signora Abdulla ha trascorso anni negli ospedali degli Emirati Arabi Uniti, spostandosi da un posto all’altro a causa dei vincoli assicurativi. Nell’aprile 2017, il tribunale del principe ereditario ha saputo della sua storia e ha concesso alla famiglia un sostegno economico per un programma multidisciplinare completo in Germania.

Non abbiamo neanche chiesto il sostegno. Sono grato allo Sceicco Mohamed [bin Zayed, principe ereditario di Abu Dhabi] per questo. I nostri leader sono sempre di supporto in queste situazioni e ne siamo grati”.

La famiglia della signora Abdulla ha ringraziato la Corte del Principe ereditario per aver sostenuto la loro famiglia.  Mohamed Al Hammadi / Ministero degli affari presidenziali

La famiglia della signora Abdulla ha ringraziato la Corte del Principe ereditario per aver sostenuto la loro famiglia. Mohamed Al Hammadi / Ministero degli affari presidenziali

 

In Germania, la signora Abdulla è stata operata per curare i muscoli degli arti indeboliti. I medici della Clinica Schoen di Bad Aibling, a circa 50 chilometri a sud-est di Monaco di Baviera, hanno dato priorità alla terapia fisica e al controllo dell’epilessia.

Il dottor Ahmad Ryll, neurologo della signora Abdulla in Germania, ha detto: “Il nostro obiettivo primario era quello di garantire alla sua fragile coscienza l’opportunità di svilupparsi e prosperare in un corpo sano, come una pianta delicata che ha bisogno di un buon terreno per crescere”.

Sembra che avesse preso coscienza delle persone intorno a lei.

Il signor Webair disse: “Ho detto ai medici che mi aspettavo che lei ricominciasse a parlare e loro mi dissero: ‘Stai impazzendo con la tua immaginazione.  Stiamo facendo riabilitazione solo per sistemare la sua qualità di vita’”.

Lo scorso giugno, durante l’ultima settimana della signora Abdulla in Germania, è successo l’imprevisto.

C’è stato un malinteso nella stanza d’ospedale e lei ha percepito che ero a rischio, il che le ha causato uno shock”, ha detto il signor Webair. Era stato coinvolto in un litigio al capezzale di sua madre quando lei ha iniziato a muoversi.

Faceva strani suoni e io continuavo a chiamare i medici affinché la visitassero”, ha detto il signor Webair.  “Dissero che era tutto normale”.

Poi, tre giorni dopo, mi svegliai al suono di qualcuno che chiamava il mio nome”.

Era lei. Stava pronunciando il mio nome. Ero al settimo cielo per la gioia. Per anni avevo sognato questo momento e il mio nome è stata la prima parola che ha detto”.

La signora Abdulla pronunciò i nomi dei suoi fratelli “e di tutti quelli che si aspettava di avere intorno a sé.  Quando urlava era come se stesse rivivendo l’incidente e poi si è svegliata”.

Con il tempo, la signora Abdulla è diventata più reattiva.

Ora può dirci dove sta provando dolore, e posso avere conversazioni con lei se è interessata all’argomento”, ha detto il signor Webair. “A volte mi sveglia per recitare preghiere con lei. Lei mi dà l’argomento e una volta che inizio con la preghiera lei continua con i versi”.

La signora Abdulla continua a ricevere cure ad Abu Dhabi.

Un report dell’ospedale Mafraq del mese scorso ha dichiarato che lei è “attualmente in grado di comunicare in modo molto ragionevole, specialmente in situazioni familiari”.

Ho condiviso la sua storia per dire alle persone di non perdere la speranza sui loro cari”, ha detto il signor Webair. “Non considerateli morti quando sono in questo stato”.

In tutti questi anni, i medici mi hanno detto che era un caso senza speranza e che non aveva senso il trattamento che stavo cercando per lei, ma ogni volta che avevo dubbi mi sono messo al suo posto e ho fatto tutto il possibile per migliorare la sua condizione”.

 

Fonte: The National

Facebook Comments