(se il video qui sopra non si apre, fare il resfresh di questa pagina o cliccare qui)

 

Riprende la catechesi mensile sul tema “La vita morale in Cristo”, a cura di Mons. Nicola Bux che tratta l’argomento avendo come traccia il Compendio del Catechismo della Chiesa cattolica.

http://www.vatican.va/archive/compend…

dal n. 358 al 362

                                               PARTE TERZA 

                                            LA VITA IN CRISTO

SEZIONE PRIMA

LA VOCAZIONE DELL’UOMO: 

LA VITA NELLO SPIRITO

357. Come la vita morale cristiana è legata alla fede e ai Sacramenti?

1691-1698

Ciò che il Simbolo della fede professa, i Sacramenti lo comunicano. Infatti, con essi i fedeli ricevono la grazia di Cristo e i doni dello Spirito Santo, che li rendono capaci di vivere la nuova vita di figli di Dio nel Cristo accolto con la fede.

«Riconosci, o cristiano, la tua dignità» (san Leone Magno).

CAPITOLO PRIMO

LA DIGNITÀ DELLA PERSONA UMANA

L’UOMO IMMAGINE DI DIO

358. Qual è la radice della dignità umana?

1699-1715

La dignità della persona umana si radica nella creazione ad immagine e somiglianza di Dio. Dotata di un’anima spirituale e immortale, d’intelligenza e di libera volontà la persona umana è ordinata a Dio e chiamata, con la sua anima e il suo corpo, alla beatitudine eterna.

LA NOSTRA VOCAZIONE ALLA BEATITUDINE

359. Come raggiunge l’uomo la beatitudine?

1716

L’uomo raggiunge la beatitudine in virtù della grazia di Cristo, che lo rende partecipe della vita divina. Cristo nel Vangelo indica ai suoi la strada che porta alla felicità senza fine: le Beatitudini. La grazia di Cristo opera anche in ogni uomo che, seguendo la retta coscienza, cerca e ama il vero e il bene, ed evita il male.

360. Perché le Beatitudini sono importanti per noi?

1716-1717

1725-1726

Le Beatitudini sono al centro della predicazione di Gesù, riprendono e portano a perfezione le promesse di Dio, fatte a partire da Abramo. Dipingono il volto stesso di Gesù, caratterizzano l’autentica vita cristiana e svelano all’uomo il fine ultimo del suo agire: la beatitudine eterna.

361. In che rapporto sono le Beatitudini col desiderio di felicità dell’uomo?

1718-17l9

Esse rispondono all’innato desiderio di felicità che Dio ha posto nel cuore dell’uomo per attirarlo a sé e che solo lui può saziare.

362. Che cos’è la beatitudine eterna?

1720-1724

1727-1729

È la visione di Dio nella vita eterna, in cui noi saremo pienamente «partecipi della natura divina» (2 Pt 1,4), della gloria di Cristo e del godimento della vita trinitaria. La beatitudine oltrepassa le capacità umane: è un dono soprannaturale e gratuito di Dio, come la grazia che ad essa conduce. La beatitudine promessa ci pone di fronte a scelte morali decisive riguardo ai beni terreni, stimolandoci ad amare Dio al di sopra di tutto.

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email