“Crediamo che quest’acqua che è stata benedetta sia in realtà diversa da quella che era prima? In altre parole, crediamo che attraverso le preghiere istituite dalla Chiesa, quell’acqua non è la stessa – c’è qualcosa che è cambiato in quell’acqua, che la rende quindi capace di fare qualcosa nell’oggetto o nella persona che la riceve?”

Dopo le foto della benedizione fatta con pistole ad acqua, ecco un articolo di Michelle La Rosa, pubblicato sul Catholic News Agency (CNA), che approfondisce la questione. Eccolo nella mia traduzione. 

   (se il video qui sotto non si apre clicca qui)

 

 

Dopo che le foto che appaiono raffigurare benedizioni o battesimi con la pistola ad acqua sono state diffuse in rete, diversi sacerdoti hanno avvertito che i cattolici dovrebbero avere cura di trattare gli oggetti sacri e i riti con un giusto senso di riverenza.

“Mettere l’acqua santa in una pistola ad acqua e trattarla come se fosse uno sketch comico su SNL significa trattare sia il sacramento che l’acqua benedetta in modo indegno”, ha detto padre Pietrzyk, professore assistente di diritto canonico al Seminario di San Patrizio a Menlo Park, California.

Fa notare che il Catechismo insegna che profanare gli oggetti sacri o trattarli indegnamente è un peccato – il peccato del sacrilegio.

Pietrzyk ha parlato con il CNA di una serie di foto che appaiono online che ritraggono sacerdoti che puntano pistole ad acqua contro la gente, presumibilmente per rispettare le linee guida di “distanziamento sociale” durante la pandemia di coronavirus in corso.

In una foto, un prete punta una pistola ad acqua contro un bambino con un abito da battesimo da diversi metri di distanza.

Il sacerdote, padre Stephen Klasek, parroco di due parrocchie della diocesi di Nashville: San Marco a Manchester, Tennessee, e San Paolo Apostolo nella vicina Tullahoma, ha scritto su Facebook martedì per spiegare le sue intenzioni.

La Chiesa cattolica di San Marco ha detto in un post di martedì su Facebook che la foto voleva essere umoristica. Secondo il post dei social media della parrocchia, la famiglia aveva chiesto al sacerdote di posare per la foto a imitazione di foto simili su internet. Ha detto che la pistola non conteneva acqua santa e che non era stata spruzzata sul bambino.

La parrocchia ha detto di aver sentito il bisogno di “chiarire la foto che è diventata virale, dato che abbiamo ricevuto richieste in merito. Ha ottenuto quasi un milione di visualizzazioni su Twitter, è stata oggetto di notizie in diversi siti web e memes. Ha avuto commenti buoni e controversi”.

Mentre la foto di Klasek è stata a quanto pare una messa in scena, altre foto sono circolate su Internet, tra cui quelle di un prete che si proponeva di benedire i parrocchiani con una pistola ad acqua a Detroit. Padre Tim Pelc ha detto a Buzzfeed News di aver sparato ai parrocchiani con l’acqua santa con una pistola ad acqua come qualcosa “per i bambini della parrocchia”.

Pietrzyk ha messo in guardia dal presumere che l’intenzione nel caso specifico fosse quella di deridere i sacramenti. “Penso che dovremmo procedere partendo dal presupposto che si tratti di individui che cercavano di fare luce sulle difficoltà della situazione del coronavirus”, ha detto al CNA.

Tuttavia, ha detto il sacerdote, anche se l’intento può essere stato allegro, le foto suscitano serie preoccupazioni.

L’acqua santa è un sacramento, un oggetto materiale destinato ad aiutarci a santificare la nostra vita e a disporci a ricevere meglio le grazie dei sacramenti, ha spiegato. L’acqua santa ci ricorda il potere purificante del battesimo e di Cristo, che si riferiva a se stesso come acqua viva.

“Gli oggetti benedetti, compresa l’acqua santa, devono essere trattati con rispetto e riverenza come cose disposte per costruire la vita di fede”, ha detto Pietrzyk.

Padre Daniel Cardo, che detiene la cattedra di studi liturgici di Papa Benedetto XVI presso il Seminario Teologico di San Giovanni Vianney a Denver, ha osservato che esiste uno strumento liturgico specifico per l’aspersione dell’acqua – l’aspersorio – che viene utilizzato durante il periodo pasquale e in altre cerimonie in cui viene aspersa l’acqua santa.

“Lo facciamo sempre. Benediciamo le persone a distanza con l’acqua santa. Abbiamo una cosa bellissima che possiamo usare [l’aspersorio]. Non abbiamo bisogno di giocattoli per farlo”, ha detto alla CNA.

Battesimo con pistola ad acqua

Sia Cardo che Pietrzyk hanno suggerito che un vero battesimo eseguito con una pistola ad acqua sarebbe stato illecito.

Ma anche una foto inscenata solleva la possibilità del peccato di scandalo, che la Chiesa definisce “un atteggiamento o un comportamento che porta un altro a fare il male”, ha detto Pietrzyk.

Inscenare una tale foto, ha detto, può portare gli altri “a trattare le cose di Dio e del Culto divino come meri oggetti di derisione, spogliandoli della loro importanza sacrale e infondendo loro un senso di pagliacciata”.

“Questo porta soprattutto i non credenti a concludere che le persone di fede non prendono sul serio il loro credo e, in casi estremi, può portare le persone a concludere che i sacerdoti coinvolti pensano che tali atti di religione non siano altro che sciocchezze superstiziose”.

Cardo concorda. Ha detto che la foto, pur volendo essere divertente, potrebbe portare a confusione sul sacramento del Battesimo e su come si svolge.

“C’è sicuramente il rischio di banalizzare” il sacramento, ha detto, e di minare la sacralità del rito che la Chiesa vede come un’apertura alla vita eterna.

In definitiva, ha detto Cardo, si tratta di capire se crediamo a ciò che la Chiesa professa sull’acqua santa – e cosa significhi agire di conseguenza.

“Crediamo che quest’acqua che è stata benedetta sia in realtà diversa da quella che era prima? In altre parole, crediamo che attraverso le preghiere istituite dalla Chiesa, quell’acqua non è la stessa – c’è qualcosa che è cambiato in quell’acqua, che la rende quindi capace di fare qualcosa nell’oggetto o nella persona che la riceve?”

Se così fosse, ha detto, “allora la conseguenza di trattare quell’acqua con il massimo amore, dedizione e rispetto sarebbe la cosa più naturale”.

 

(se il video qui sotto non si apre clicca qui)

 

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1