“Papa Francesco si è chiesto cosa proveranno i bambini se vedranno il loro padre con un’altra donna e non gli sarà permesso di ricevere la Comunione. Dovremmo fare un passo indietro o due, come ha suggerito il mio amico Philip Lawler, e chiederci cosa provano i bambini quando vedono il loro padre con un’altra donna, punto. O quando vedono la loro madre con un altro uomo. O quando tornano a casa ogni giorno e non vedono il padre. Che ne è dei loro sentimenti allora?”

Un bell’articolo sul divorzio dello scrittore Anthony Esolen, pubblicato su Crisis Magazine. Ve lo presento nella mia traduzione.

 

 

“Se voi perdonate agli uomini le loro colpe”, dice Gesù, “Se voi infatti perdonerete agli uomini le loro colpe, il Padre vostro celeste perdonerà anche a voi; ma se voi non perdonerete agli uomini, neppure il Padre vostro perdonerà le vostre colpe.” (Mt 6,14-15).

Nel permettere ai cattolici divorziati e risposati di partecipare all’Eucaristia, Papa Francesco potrebbe sembrare avere queste parole in mente, parole che ci avvertono che coloro che chiedono solo giustizia possono ottenere più giustizia di quanta ne abbiano contrattata. Non voglio affrontare qui la questione – cosa fare dopo il fatto, quando nell’anima della persona risposata può esserci un rimpianto condizionato ma nessuna volontà assoluta di rimettere le cose a posto. Capisco perché questa volontà assoluta possa mancare. Non è sempre o solo a causa della codardia e dell’egoismo, anche se senza dubbio questi fanno il loro cattivo lavoro. Ci possono essere figli dal secondo matrimonio da considerare come decisivi, quando i figli dal primo matrimonio non lo fossero. Ci può essere una promessa umana e secolare fatta al secondo coniuge da considerare decisiva, quando la promessa sacra fatta al primo coniuge non lo fosse.

Ma perché ci sarebbe dovuto essere un divorzio in primo luogo? Se Papa Francesco ha affrontato questa domanda, non sembra così centrale nel suo pensiero. Papa Giovanni Paolo II ci ha dato, ne La bottega dell’orefice, una profonda meditazione sull’amore da trovare in un matrimonio quando l’amore sembra essere morto. Il volto di Cristo appare alla donna infelice come il volto del marito che non ama più – o che crede di non amare più. Condannare un matrimonio alla sedia elettrica è fare esattamente ciò che Gesù ci comanda di non fare, quando preghiamo come lui ci ha insegnato a pregare. È essere contumaci nel giudizio, dire: “Questo matrimonio merita di morire” o, peggio, “Questo matrimonio è già morto”, così che la condanna a morte giuridica da parte dello Stato è una mera formalità.

Qualcuno potrebbe obiettare che una cosa è il perdono, un’altra è la convivenza. A meno che non si tratti di un grave pericolo morale o fisico, questa obiezione non ha forza. Immaginate di dire a Dio: “Ti prego, portami in paradiso, e porta anche mio fratello, ma tienici separati per sempre, perché non voglio guardare quel miserabile farabutto”. Questo è insistere sul proprio ripostiglio privato dall’inferno, anche in paradiso. È una contraddizione. Gesù non pone condizioni al nostro essere perdonati, tranne la nostra volontà di perdonare gli altri. Questo non deve essere inteso come un quid pro quo. Nel rifiuto stesso di perdonare, l’anima si indurisce contro la grazia. È come dire: “Dio, rifiuto l’economia della grazia e scelgo invece l’economia della legge; dammi solo quello che mi merito, perché io darò a questo mio fratello solo quello che si merita. E di sicuro non merita una festa”.

Ma cosa fare in caso di infelicità? Quando gli esperti della legge ebraica chiedono a Gesù la sua opinione sul divorzio, danno per scontato che ci siano dei motivi per farlo, avendo a che fare con i sentimenti dell’uomo. Infatti Mosè aveva permesso il divorzio quando l’uomo “trova qualche indecenza” in sua moglie, o quando “non gli piace” (Dt 24,1-3). L’ebraico è più forte: l’indecenza è una “nudità”, che suggerisce un comportamento vergognoso, e l’antipatia è vero e proprio odio, come nei salmi: “Tu odi tutti i malfattori” (Sal 6,5). Gesù, tuttavia, respinge sia il permesso della legge in certi casi, sia l’odio. Sono fuori questione. “Non avete letto”, dice, “che colui che li ha creati fin dal principio li ha fatti maschio e femmina e ha detto: “Per questo l’uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie, e i due diventeranno una sola [carne]?”” (Mt. 19:4-5; la RSV relega inspiegabilmente la parola “carne” in una nota a piè di pagina). Il permesso mosaico non era, se ci fidiamo di Gesù, un atto di misericordia. Era un compromesso con la sklerocardia dell’uomo, la sua durezza di cuore.

Ma non possiamo più indulgere sulla malattia. Non è un caso che questo comando sbalorditivo sul divorzio venga subito dopo la parabola del servo che doveva al suo padrone un’enorme somma di denaro, fu perdonato, e poi si avventò subito su un collega che gli doveva un giorno di salario e lo fece gettare in prigione. Quando il signore lo scoprì, diede a quel servo ingrato e spietato ciò che implicitamente chiedeva, l’economia di una contabilità rigorosa. “Così anche il Padre mio celeste farà a ciascuno di voi”, dice Gesù, “se non perdonerete di cuore al vostro fratello” (Mt. 18,35).

Non dobbiamo complicare ciò che Gesù rende chiaro. Gesù ci esorta a perdonare, non perché il peccatore se lo merita, non perché ci fa sentire bene e non perché è socialmente sano. Ci esorta a perdonare perché noi stessi siamo in debito con Dio: il debito estremo, perché dobbiamo a Lui la nostra vita sulla terra, e tutta la nostra speranza di salvezza nella vita futura. Il marito non deve allontanare la moglie e la moglie non deve allontanare il marito. Ciò equivale a un rifiuto di perdonare. Questo rifiuto non è una testardaggine temporanea, come quella del figlio maggiore nella parabola – almeno speriamo che sia stata temporanea, così che alla fine si sia unito alla festa e abbia accolto il fratello prodigo minore  a casa. Non è un peccato che si può commettere nella foga del momento – una parola arrabbiata, uno schiaffo in faccia. Il divorzio è premeditato, deliberato e destinato ad essere definitivo.

Questa è una cosa terribile.

Possiamo andare ancora più lontano. Considerate che Gesù si appella all’intenzione del Padre “dal principio”, cioè prima della caduta dell’uomo. La legge mosaica è predicata da quella caduta. Ma la nuova legge, la nuova alleanza, la legge della carità, mira a restituire all’uomo l’integrità che ha perso. Pertanto, la festa di nozze non è una semplice metafora del regno di Dio. Non tutte le miserabili saghe dell’orgoglio umano, della violenza, della lussuria, della follia, dell’ambizione, dell’invidia, dell’avidità e della durezza di cuore potrebbero separare Dio dal suo amore per l’uomo; Egli non ha divorziato da noi, anche se facciamo del nostro meglio per metterci lontano da Lui. Come possiamo allora indossare un abito da divorzio e andare a quella festa di nozze? Non stiamo parlando di pigrizia a perdonare. Siamo stati avvertiti del nostro peccato, messi in guardia contro la durezza di cuore, proibito dal Signore stesso di divorziare, e invitati alla grande festa di nozze di Cristo e della sua Chiesa. Come possiamo allora invertire l’intera struttura della salvezza? “Cristo non divorzierà da me”, dice il peccatore, “ma io divorzierò da te”. La presunzione è sconcertante.

A questo punto, si può montare un’ultima difesa, un appello all’utilità o alla necessità sociale. L’assassino, in stretta giustizia, perde il suo diritto a vivere perché le sue azioni lo hanno messo in guerra con l’umanità. Possiamo dire qualcosa di analogo sul divorzio, che anche se può essere spiacevole, quando l’amore è morto che esso è necessario?

L’analogia è sbagliata. Il divorzio non comporta l’autoprotezione di una società; è vero il contrario. Il divorzio è una piaga per la società; la sua disponibilità contribuisce a rendere cattivi i matrimoni indifferenti e peggiori quelli cattivi; getta l’ombra della falsità su ogni voto sacro; rende i giovani diffidenti a sposarsi, e così contribuisce alla solitudine, alla confusione e alle miserie dell’assenza di padre; inverte la saggezza di Salomone e sega i figli a metà. Tutto ciò che si può dire contro la pena di morte può essere detto contro il divorzio, e in modo più appropriato e potente.

Papa Francesco si è chiesto cosa proveranno i bambini se vedranno il loro padre con un’altra donna e non gli sarà permesso di ricevere la Comunione. Dovremmo fare un passo indietro o due, come ha suggerito il mio amico Philip Lawler, e chiederci cosa provano i bambini quando vedono il loro padre con un’altra donna, punto. O quando vedono la loro madre con un altro uomo. O quando tornano a casa ogni giorno e non vedono il padre. Che ne è dei loro sentimenti allora?

Mi ha colpito a lungo che ogni peccato sessuale è, direttamente o indirettamente, un attacco alla famiglia, e quindi anche un’offesa all’infanzia e ai bambini. “Lasciate che i bambini vengano a me, e non ostacolateli”, dice Gesù, quando i discepoli vogliono custodirlo contro l’entusiasmo delle folle (Mt. 19,14). La gente dirà che i loro figli non potranno mai essere felici se loro stessi non saranno felici. Così oliano le loro coscienze con una menzogna. Implicano, dicendo così, che possono benissimo essere felici indipendentemente da quanto infelici rendano i loro figli. Il bambino, nel frattempo, non ha questo calcolo. Accetta la sua famiglia come accetta l’ordine del mondo, con il bene e il male. L’alternativa all’ordine è il caos, il buio.

Pietro chiede a Gesù quante volte deve perdonare suo fratello. La risposta, “settanta volte sette” (Mt. 18,21), non suggerisce alcun limite. Ma non si fa un voto sacro al fratello. La razza umana non è stata fondata sull’amore fraterno, ma sull’unione di una sola carne dell’uomo e della donna nel matrimonio. Quanto spesso, allora, dobbiamo perdonare il marito, la moglie? Perdonare davvero, mettere da parte i peccati? E se non perdoniamo, se divorziamo, se scrolliamo via la Croce, se scandalizziamo i piccoli, che differenza c’è con l’autocompiacimento dei farisei e di coloro che, confidando nella legge e nella loro giustizia, gridavano a Pilato: “Il suo sangue sia su di noi e sui nostri figli! (Mt. 27:25)?

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1