Il divorzio è sempre terribile per i figli e per il coniuge abbandonato. Ma se volete dare ai vostri figli una possibilità di normalità, dimenticatevi di trovare un “nuovo amore”.

Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Un padre e pubblicato su Crisis magazine. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione.

 

papa-figli-campagna
Fonte foto: Unsplash

 

Quattro anni fa, mia moglie mi ha lasciato.

Anche prima del divorzio, ho ricevuto consigli benintenzionati, ma per lo più cattivi, da persone che mi consigliavano di iniziare a frequentare qualcuno. Posso capire il perché. Il divorzio senza colpa è una grave ingiustizia. Perché il coniuge fedele dovrebbe essere condannato a una vita di solitudine e infelicità? Le persone care vogliono che il coniuge abbandonato sia di nuovo felice. E pensano che se tu sei felice, lo saranno anche i tuoi figli.

Il problema di questo approccio è che si concentra esclusivamente sulla felicità dell’adulto e riduce ulteriormente l’equazione della felicità a un’altra relazione sessuale. Ma se l’obiettivo è la felicità, non dovrebbe essere quello di rendere felici i figli?

La cosa migliore per i bambini è la stabilità e l’amore sacrificale. Nonostante il fatto che i coniugi abbandonati debbano affrontare difficili sfide finanziarie ed emotive, ritengo che dobbiate evitare la tentazione di trovare una fidanzata e un “nuovo amore” e trovare invece la gioia nel tempo che trascorrete con i vostri figli.

La mia esperienza nell’osservare altri uomini alle prese con le conseguenze di un divorzio indesiderato è che le fidanzate sono solo una via di fuga e spesso distraggono dalla cura dei figli. Gli uomini vogliono compagnia e aiuto nella cura dei figli. Ma troppo spesso l’uomo dedica la maggior parte del suo tempo alla nuova fidanzata e non abbastanza ai figli, che spesso si sentono trascurati.

I figli dei divorziati sono già sconvolti e confusi per quello che sta succedendo nella loro vita. Non dovrebbero competere con una nuova fidanzata per avere l’attenzione del padre. Gli spostamenti continui tra la casa del padre, l’appartamento della madre e la scuola compromettono il loro senso di stabilità e sicurezza. Il rimedio è passare più tempo possibile con loro e prestare attenzione a ciò che dicono.

È importante mangiare insieme a tavola, senza distrazioni, dove i bambini possono parlare della loro giornata e condividere le loro preoccupazioni. Per esempio, mio figlio maggiore parla di ciò che impara a scuola. Mia figlia mi parla dei suoi amici. E ascolto mio figlio più piccolo parlare dell’ultima ingiustizia legata alla condivisione dei giocattoli. Per riuscirci, preparo i pasti in anticipo e svolgo le faccende domestiche nei fine settimana, quando i bambini non sono con me.

Ho imparato a mettere giù il telefono e ad ascoltare i miei figli. Mi interesso attivamente a ciò che sta loro a cuore. Esco presto dal lavoro per andare agli allenamenti dei miei figli.

L’ora di andare a letto può essere difficile. Inevitabilmente uno dei miei figli sente la mancanza della madre. Di solito il più piccolo dice: “Mi manca la mamma, coccolami forte papà”. Oppure, quando un bambino è malato e non avete un sostegno, siete solo voi a dover gestire il vomito e a lavare tutte le lenzuola alle 3 del mattino prima di un’importante presentazione di lavoro.

Soprattutto, portate i vostri figli in chiesa e mandateli a scuola cattolica, se potete permettervelo. Altrimenti, mandateli alla CCD. La stabilità li aiuterà. I vostri figli devono sapere che sono speciali perché Dio li ama.

Cosa fate quando i bambini non sono con voi?

Prendete in considerazione l’idea di unirvi a un gruppo di uomini della vostra parrocchia. Vi aiuterà a combattere la solitudine e a lavorare per sviluppare una spiritualità più profonda. Io frequento un gruppo di uomini il sabato mattina in cui non ho i miei figli. Iniziamo con una preghiera, ascoltiamo una presentazione video settimanale e ci dividiamo in piccoli gruppi. In questo modo ho potuto conoscere molti bravi uomini cattolici. Alcuni stanno affrontando le stesse sfide.

Consiglio anche di unirsi ai Cavalieri di Colombo locali. È un altro modo per incontrare uomini cattolici validi e offre molte opportunità sociali e di volontariato.

Leggete di più, soprattutto se si tratta di siti cattolici. Siti web come Crisis e altri non solo sono intellettualmente stimolanti, ma aiutano anche a rafforzare la conoscenza del cattolicesimo e a formare una coscienza più forte.

Iscrivetevi in palestra. Sollevate pesi e fate lunghe passeggiate. Le endorfine forniscono un sollievo temporaneo dal dolore emotivo e dall’ansia. Evitare di bere. Non è un buon modo di affrontare la solitudine, fa male alla salute e intensifica il dolore emotivo. Non importa quanti anni abbiano i vostri figli, hanno bisogno del vostro aiuto e della vostra guida. Rimanete in salute per loro.

Non fraintendetemi, il divorzio è sempre terribile per i figli e per il coniuge abbandonato. Ma se volete dare ai vostri figli una possibilità di normalità, dimenticatevi di trovare un “nuovo amore”. Rimanete invece fedeli ai vostri voti. È la cosa migliore per i vostri figli. Hanno bisogno di voi più di quanto sappiate.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments