Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Ramzy Baroud e pubblicato su AntiWar. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella traduzione da me curata. 

 

Joe Biden
Joe Biden, Presidente degli Stati Uniti

 

Quando la politica estera di un Paese grande e significativo come gli Stati Uniti è governata da un caso di dissonanza cognitiva, accadono cose terribili.

Queste cose terribili, in realtà, si stanno già verificando nella Striscia di Gaza, dove oltre 100.000 persone sono state uccise, ferite o disperse, e una vera e propria carestia sta attualmente devastando la popolazione sfollata.

Fin dall’inizio della guerra, il 7 ottobre, gli Stati Uniti hanno gestito male la situazione, anche se recenti rapporti indicano che Biden, nonostante l’età avanzata, ha letto correttamente il significato complessivo degli eventi del 7 ottobre.

Secondo il sito web di notizie Axios, Biden ha sostenuto in un incontro con il consigliere speciale Robert Hur, l’8 ottobre, che la “questione Israele” – l’attacco di Hamas e la guerra israeliana a Gaza – “ha cambiato tutto”.

Con “ha cambiato tutto” si riferiva al fatto che l’esito di questi eventi combinati “determinerà l’aspetto dei prossimi sei, sette decenni”.

Biden non ha torto. In effetti, tutto ciò che il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu, il suo governo e il suo consiglio di guerra hanno fatto a Gaza indica una lettura israeliana simile del significato degli eventi “che cambiano il mondo”.

Netanyahu ha dimostrato la sua volontà di compiere un genocidio e di affamare milioni di palestinesi perché ritiene ancora che la superiore potenza di fuoco dell’esercito israeliano sia in grado di riportare indietro l’orologio e di ripristinare la posizione militare, l’influenza geopolitica e la posizione globale di Israele.

Si sbaglia, e oltre cinque mesi di guerra e di uccisioni insensate continuano a dimostrarlo.

Ma la scommessa politica americana in Medio Oriente e le ripercussioni globali della politica estera autolesionista di Washington hanno molto meno senso.

Considerando lo storico sostegno di Washington a Israele, il comportamento degli Stati Uniti nei primi giorni della guerra non è stato certo una sorpresa.

Gli Stati Uniti si sono rapidamente mobilitati dietro il gabinetto di guerra di Netanyahu, hanno inviato portaerei nel Mediterraneo orientale, indicando che gli Stati Uniti sono pronti per un grande conflitto regionale.

I media hanno iniziato a parlare di un coinvolgimento militare degli Stati Uniti, in particolare attraverso la Delta Force, anche se il Pentagono ha affermato che i 2.000 soldati statunitensi non sono stati dispiegati per combattere a Gaza.

Se non era ovvio che gli Stati Uniti fossero un partner diretto nella guerra, i rapporti dei media mainstream statunitensi hanno messo fine a ogni dubbio. Il 6 marzo, il Washington Post ha riportato che “gli Stati Uniti hanno tranquillamente approvato e consegnato più di 100 vendite militari estere separate a Israele dall’inizio della guerra di Gaza”.

Con il passare del tempo, tuttavia, la politica estera degli Stati Uniti nei confronti di Gaza è divenuta ancora più sconcertante.

Sebbene nelle prime settimane della guerra trasformata in genocidio, Biden abbia messo in dubbio le stime sul numero di morti prodotte dal Ministero della Sanità di Gaza, in seguito il conteggio delle vittime non è stato più messo in dubbio.

Alla domanda del 29 febbraio sul numero di donne e bambini uccisi da Israele durante la guerra, il Segretario alla Difesa statunitense Lloyd Austin ha risposto senza esitazione: “Sono più di 25.000”.

Eppure, i numeri sono in costante crescita, così come le spedizioni statunitensi di armi a Israele. “Continuiamo a sostenere Israele nelle sue esigenze di autodifesa. Questo non cambierà”, ha dichiarato John Kirby, consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, alla ABC News il 14 marzo.

Questa particolare dichiarazione merita una pausa, poiché è arrivata dopo molte fughe di notizie da parte dei media sulla frustrazione, anzi, sulla rabbia di Biden per il modo in cui Netanyahu sta gestendo la guerra.

ABC News ha riferito all’inizio di febbraio che Biden ha “sfogato la sua frustrazione” per “l’incapacità della sua amministrazione di persuadere Israele a cambiare le sue tattiche militari a Gaza”. Netanyahu, secondo quanto riportato da Biden, gli starebbe “dando il tormento”.

Ciò è coerente con altre notizie recenti, tra cui quella di Politico, secondo cui Biden avrebbe “definito privatamente il primo ministro israeliano un ‘cattivo ragazzo'”, anche per la sua posizione sulla guerra di Gaza.

Eppure, Netanyahu continua ad essere incoraggiato, tanto da apparire in un’intervista a Fox News l’11 marzo, parlando apertamente di “disaccordi”, non solo tra i governi di Biden e Netanyahu, ma tra il Presidente degli Stati Uniti “e l’intero popolo israeliano”.

È evidente che, senza il continuo sostegno militare e di altra natura degli Stati Uniti, Israele non sarebbe stato in grado di sostenere la sua guerra contro i palestinesi per più di qualche settimana, risparmiando così la vita a migliaia di persone.

Inoltre, gli Stati Uniti sono stati l’avanguardia di Israele contro la stragrande maggioranza dei governi mondiali che, quotidianamente, chiedono un cessate il fuoco immediato e incondizionato nella Striscia. Se non fosse per i ripetuti veti degli Stati Uniti al Consiglio di Sicurezza dell’ONU, una risoluzione che richiede un cessate il fuoco sarebbe stata sicuramente approvata.

Nonostante questo sostegno incondizionato, gli Stati Uniti stanno lottando per evitare un conflitto regionale più ampio, che sta già minacciando la loro posizione politica in Medio Oriente.

Pertanto, Biden vuole riconquistare l’iniziativa rinnovando le discussioni – pur senza impegnarsi in un’azione reale – sulla soluzione dei due Stati e sul futuro di Gaza.

Netanyahu è disinteressato a queste questioni, poiché il suo più grande risultato politico, dal punto di vista del suo elettorato di destra, è quello di aver completamente congelato qualsiasi discussione su un orizzonte politico in Palestina. Per Netanyahu, perdere la guerra significa ritornare senza troppi complimenti al vecchio quadro politico americano del cosiddetto “processo di pace”.

Il primo ministro israeliano, che si trova in difficoltà, sa anche che la fine della guerra rappresenterebbe la fine della sua stessa coalizione di governo, sostenuta per lo più da estremisti di estrema destra come Itamar Ben-Gvir e Bezalel Smotrich. Per raggiungere questi obiettivi egoistici, il leader israeliano è disposto a sostenere una guerra chiaramente perdente.

Sebbene Biden abbia completamente “perso la fiducia in Netanyahu”, secondo l’Associated Press, continua a sostenere Israele senza mettere apertamente in discussione gli esiti disastrosi della guerra, non solo per il popolo palestinese, ma anche per la regione e il mondo, compreso il suo Paese.

Gli americani, soprattutto quelli del Partito Democratico di Biden, devono continuare ad aumentare la pressione sulla loro amministrazione affinché risolva la sua dissonanza cognitiva in Palestina. Non si deve permettere a Biden di giocare a questo equilibrio mortale, chiedendo privatamente di fermare la guerra e finanziando apertamente la macchina bellica israeliana.

Sebbene la maggioranza degli americani la pensi già così, Biden e il suo governo non hanno ancora recepito il messaggio. Quanti altri palestinesi dovranno morire perché Biden senta il canto del popolo: “Cessate il fuoco ora”?

Ramzy Baroud

 

Ramzy Baroud è giornalista, scrittore e direttore di The Palestine Chronicle. È autore di sei libri. Il suo ultimo libro, coedito con Ilan Pappé, è Our Vision for Liberation: Engaged Palestinian Leaders and Intellectuals Speak Out. Tra gli altri suoi libri, Mio padre era un combattente per la libertà e L’ultima terra. Baroud è ricercatore senior non residente presso il Center for Islam and Global Affairs (CIGA). Il suo sito web è www.ramzybaroud.net.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments