Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Edward Lozansky e pubblicato su AntiWar. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

Russia America USA bandiera Ucraina Orso Russo zio Sam

 

Per la cronaca: Sono nato in Ucraina, ho studiato in Russia e ho lavorato in America come ricercatore sulla fusione laser e professore di matematica e fisica. Ho parenti e amici in tutti e tre i Paesi e negli ultimi 35 anni ho cercato di fare del mio meglio per renderli amici, partner o addirittura alleati. Invece, tutti e tre sono ora in guerra, anche se alcuni chiamano la guerra degli Stati Uniti solo una guerra “per procura”.

Sembra un fallimento totale dei miei sforzi, ma spero che questo breve riassunto chiarisca un po’ la nebbia della guerra, che potrebbe aiutare a evitare lo scenario peggiore.

Credo di essere stato il primo a riconoscere l’indipendenza dell’Ucraina dall’Unione Sovietica nel dicembre 1976, cioè 15 anni prima che l’Ucraina ottenesse l’indipendenza effettiva dopo il crollo dell’URSS nel 1991. Ciò è avvenuto presso l’Ambasciata degli Stati Uniti a Vienna, in Austria, durante la mia richiesta di un visto d’ingresso. Vienna è stata la mia prima tappa dopo l’espulsione dall’Unione Sovietica per attività dissidenti.

Il mio principale “crimine” fu la distribuzione della rivista letteraria clandestina “Kontinent”, che era una delle principali pubblicazioni delle forze filodemocratiche russe. Era stata fondata dal premio Nobel Alexander Solzhenitsyn e diretta dallo scrittore Vladimir Maximov, entrambi espulsi in precedenza. La rivista fu stampata dalla casa editrice tedesca Axel Springer e poi introdotta clandestinamente in URSS, dove all’epoca la diffusione di questo tipo di letteratura poteva comportare la detenzione in carcere, in un istituto psichiatrico o l’espulsione dal Paese. Nel mio caso si trattava di quest’ultimo, grazie a legami familiari di alto livello – ma questa è un’altra storia.

Nel modulo di richiesta del visto c’era una domanda sul mio luogo di nascita, alla quale ho risposto “Kiev, Ucraina”. I funzionari dell’ambasciata non hanno obiettato e questa informazione è stata utilizzata in tutti i documenti successivi, compreso il mio primo passaporto statunitense dopo aver ottenuto la cittadinanza.

La fine dell’Unione Sovietica mise fine anche alla Guerra Fredda, il profumo di libertà si sentiva in tutta la nuova Russia. Ma nel mio caso è successo anche qualche anno prima, quando nell’ottobre del 1988 ho ricevuto una telefonata dal consigliere scientifico del presidente sovietico Gorbaciov, Yuri Ossipyan, che era anche vicepresidente dell’Accademia delle Scienze sovietica e membro dell’Accademia Nazionale di Ingegneria degli Stati Uniti. Io e Yuri ci conoscevamo già a Mosca, dove lavoravo come fisico nucleare. Mi ha invitato a discutere diverse idee per migliorare le relazioni tra i due Paesi. Tenendo conto del mio background, che comprendeva interviste televisive e pubblicazioni sui media statunitensi fortemente critiche nei confronti dell’Unione Sovietica, questo invito era del tutto inaspettato.

Tuttavia, decisi di accettare e a Mosca fui presentato a molti VIP sovietici e poi a Gorbaciov stesso. La sintesi di questi incontri può essere espressa come segue: Mosca invia costantemente proposte a Washington chiedendo di ampliare in modo significativo l’agenda della cooperazione al di là del controllo degli armamenti, ma non ottiene una risposta adeguata, solo una verbosità burocratica. Pertanto, ha deciso di impegnarsi in quella che viene chiamata diplomazia a due binari, a volte chiamata “diplomazia del popolo” o “canali secondari”.

L’idea mi è piaciuta e abbiamo concordato uno scambio di visite di delegazioni russe e americane per formulare proposte concrete. È stato uno sforzo enorme che ha incluso molti viaggi avanti e indietro, esplorando aree che vanno dagli affari, alla scienza, all’istruzione, alla cultura, alla medicina, all’agricoltura, allo spazio, alla sicurezza, alle forze armate, ecc.

Il sindaco di Mosca ha messo a disposizione un palazzo del centro per il nostro ufficio, mentre a Washington sono stati raccolti fondi per acquistare una casa a schiera nella zona di Dupont Circle per lo stesso scopo. Entrambi gli edifici hanno apposto bandiere americane e russe sulle pareti esterne e a Washington è stata chiamata “Russia House”, dove abbiamo installato sulla facciata un busto di Andrei Sakharov, il famoso fisico nucleare russo, premio Nobel per la pace, lodato in Occidente ma perseguitato dalle autorità sovietiche fino alla grazia concessa da Gorbaciov.

Le bozze delle nostre proposte “Track Two” sono state discusse durante i regolari forum USA-Russia a Capitol Hill e presso l’Accademia delle Scienze russa, con la partecipazione di membri del Congresso e deputati della Duma russa, nonché con funzionari governativi ed esperti in particolari settori di entrambi i Paesi.

Alcuni di noi hanno avuto colloqui diretti alla Casa Bianca con il presidente George Bush senior e il suo vicepresidente Dan Quayle, e al Cremlino con Gorbaciov e Eltsin, divenuto presidente russo dopo le dimissioni di Gorby il 25 dicembre 1991. Anche i media statunitensi, tra cui il New York Times e il Washington Post, scrissero articoli elogiativi sulle nostre attività dell’epoca,

Per festeggiare il Capodanno del 1992, abbiamo portato circa 300 uomini d’affari americani, alcuni con le loro famiglie, al Cremlino, dove sono stati raggiunti dal Who’s Who russo e dall’ambasciatore americano James Collins. Il giorno seguente gli americani sono stati invitati in diverse case russe per continuare i nostri festeggiamenti e promettere amicizia e cooperazione. Il rating degli Stati Uniti tra i russi in quel momento superava l’80%. In un gesto simbolico, l’Università Statale di Mosca trasferì l’ufficio del Partito Comunista all’Università Americana di Mosca (AUM), recentemente registrata. Inoltre, il sindaco di Mosca trasferì all’AUM un palazzo del centro che in precedenza aveva ospitato la scuola per giovani dirigenti del Partito Comunista, oltre a una tenuta di 200 acri che in precedenza ospitava le case di campagna (dacie) dei membri del Politburo, tra cui quella di Brezhnev, per il nostro futuro campus.

Il Vicepresidente Quayle mi inviò una lettera personale di congratulazioni a nome del Presidente Bush, e al Congresso un’ampia coalizione bipartisan stava lavorando a una legge per finanziare questa università. Non dimenticavo il mio Paese d’origine e, allo stesso tempo, lavoravo alla creazione di un’Università americana anche in Ucraina.

I bei tempi erano arrivati, il cielo era il limite e i miei sogni si stavano realizzando. Molti esuli, tra cui Solzhenitsyn e Maximov, stavano tornando in Russia, così come la rivista “Kontinent”, che riceveva un sostegno finanziario diretto sia dal governo di Mosca che dall’Ambasciata degli Stati Uniti. Mia moglie ed io fummo inseriti nella lista degli invitati ai ricevimenti dell’Ambasciata.

Come si è scoperto – ops, non così in fretta. Mentre alcuni americani, che chiamerò i “buoni”, erano pronti a trasformare gli ex nemici in amici, partner e alleati, i “cattivi” di altri gruppi potenti avevano idee diverse, che erano state descritte qualche anno prima da un pensatore meno ingenuo e più realista, un illustre diplomatico americano, l’ex ambasciatore degli Stati Uniti a Mosca George Kennan: “Se l’Unione Sovietica dovesse affondare domani sotto le acque dell’oceano, l’establishment militare-industriale americano dovrebbe andare avanti, sostanzialmente immutato, fino a quando non si potrebbe inventare qualche altro avversario. Qualsiasi altra cosa sarebbe uno shock inaccettabile per l’economia americana” – disse Kennan.

Tuttavia, con George H.W. Bush alla Casa Bianca i “buoni” avevano una certa influenza, ma dopo la vittoria di Bill Clinton alle elezioni del 1992 l’establishment della politica estera di Washington, talvolta chiamato “Stato profondo”, non era interessato al nostro lavoro. L’euforia per la vittoria della Guerra Fredda e l’alba di quella che vedevano come un’era di un mondo unipolare sotto la totale leadership americana, che alcuni chiamavano egemonia, fecero credere loro che la Russia e i suoi interessi non fossero più rilevanti. Secondo i loro calcoli, d’ora in poi Mosca non avrebbe avuto altra scelta se non quella di obbedire agli ordini di Washington, poiché non aveva altro posto dove andare. Come aveva previsto Kennan, le nostre idee di cooperazione commerciale e di sicurezza reciprocamente vantaggiosa furono ampiamente ignorate.

Peggio ancora, sotto la guida di Clinton-Gore e del loro principale consigliere russo, Strobe Talbott, era iniziata la più grande rapina del XX secolo sotto il sistema del “capitalismo bandito”. Ci sono molte storie con i dettagli di questa rapina, tra cui il rapporto del Congresso “La strada della Russia verso la corruzione”, preparato da un gruppo di membri del Congresso. Ecco cosa ha detto uno dei critici più espliciti della Russia, che non si può certo definire un apologeta di Putin, nel suo articolo intitolato “Chi ha derubato la Russia?”: “Ciò che rende il caso russo così triste è che l’amministrazione Clinton potrebbe aver sprecato uno dei beni più preziosi che si possano immaginare: l’idealismo e la buona volontà del popolo russo, uscito da 70 anni di regime comunista. La debacle della Russia potrebbe perseguitarci per generazioni”.

Ancora peggio, nello stesso periodo Clinton e Talbott hanno dato il via alla spinta per l’espansione della NATO, compresa l’Ucraina, a cui molti americani strategicamente pensanti si sono opposti con forza. Tra questi, il già citato George Kennan, che lo definì un “fatale errore di politica estera”, la maggioranza dei membri dell’Associazione per il Controllo delle Armi, 19 senatori statunitensi e molti altri. Il senatore di New York Daniel Patrick Moynihan disse che “l’espansione della NATO aprirebbe la porta a una futura guerra nucleare”.

I nostri amici ucraini avevano un programma diverso che abbiamo cercato di far conoscere a Washington. La sintesi di questo programma è la seguente: Libera dal giogo comunista, con forti settori industriali e agricoli, un clima favorevole e terre fertili, l’Ucraina aveva un grande potenziale per diventare uno dei Paesi europei più prosperi. Riforme efficaci contro la corruzione, un certo livello di autonomia per le regioni con un’ampia popolazione di etnia russa e lo status di neutralità senza l’adesione a nessun blocco militare avrebbero reso l’Ucraina uno Stato felice e prospero.

Nel maggio 1993 abbiamo organizzato un incontro trilaterale a Capitol Hill con i legislatori del Congresso degli Stati Uniti, della Duma russa e della Rada ucraina per discutere di ciò che gli Stati Uniti erano disposti a fare per aiutare la Russia e l’Ucraina nella loro difficile transizione dal comunismo alla democrazia, portandole così nel nostro ovile.

Il deputato Tom Lantos della Commissione Affari Esteri della Camera, che ha presieduto l’incontro, ha affermato che se nel 1989 Gorbaciov ci avesse detto che era pronto a sciogliere l’URSS e il Patto di Varsavia – e avesse chiesto un trilione di dollari per farlo – il Congresso avrebbe probabilmente accettato, autorizzando 100 miliardi all’anno per un periodo di 10 anni. Tuttavia, come si è scoperto, i russi hanno fatto tutto da soli. Quindi perché spendere i soldi dei contribuenti americani quando il lavoro è già stato fatto? “Siete da soli, ragazzi”, ha detto Lantos. Il direttore della CIA James Woolsey e altri membri del Congresso intervenuti in seguito hanno ripetuto più o meno le stesse parole.

Se questo messaggio è sembrato cinico, beh, la politica estera lo è sempre. Ma era anche un po’ fuorviante, poiché gli Stati Uniti non hanno lasciato la Russia e l’Ucraina da sole, gli yankee non sono andati a casa. Miliardi di dollari americani sono stati versati in Ucraina, non per rilanciare l’economia, ma per riformare l’opinione pubblica che era prevalentemente favorevole allo status di neutralità e contraria all’adesione alla NATO.

È stata l’Assistente Segretario di Stato per gli Affari Europei Victoria Nuland ad ammettere che “abbiamo investito oltre 5 miliardi di dollari per assistere l’Ucraina in questi e altri obiettivi che garantiranno un’Ucraina sicura, prospera e democratica”. In realtà, lo scopo di questo denaro era quello di creare un cuneo tra le due nazioni slave e di spingere l’Ucraina nella NATO.

Questo denaro, insieme ai finanziamenti di George Soros, del Canada e di altri Paesi occidentali, ha contribuito a istigare la rivoluzione di colore “arancione” nel 2004 per portare al potere un governo pro-NATO. L’obiettivo è stato raggiunto, ma l’umore anti-NATO nel Paese è rimasto forte. Era quindi necessaria una seconda rivoluzione. Questa volta il nome era “Maidan”, e fu Victoria Nuland a coordinarla in loco a Kiev, facendo costantemente rapporto e ricevendo input dall’allora vicepresidente Joe Biden, a cui Obama aveva affidato il portafoglio ucraino.

Tutta l’attenzione dei media sulla sua telefonata trapelata con l’ambasciatore statunitense Geoffrey Pyatt, in cui si discutevano i dettagli del colpo di Stato due settimane prima che avvenisse effettivamente, il 22 febbraio 2014, si è concentrata sul suo linguaggio imprecante che insultava l’UE. Tuttavia, quasi del tutto ignorato è che pochi secondi dopo ha anche menzionato che discuteva costantemente del suo lavoro con Sullivan, e ha aggiunto che “Biden è disposto”.

Inutile dire che il nuovo governo ucraino scelto da Washington ha immediatamente dichiarato la sua intenzione di aderire alla NATO.

Non c’è dubbio che se non ci fosse stato questo colpo di Stato, oggi non ci sarebbe la guerra in Ucraina, ma in linea con la disgraziata narrazione del “Russiagate” non sorprende che la Casa Bianca, la maggioranza bipartisan del Congresso e i think tank finanziati dal complesso militare-industriale stiano dando la colpa di tutto alla Russia.

Si noti che la posizione dei media mainstream statunitensi è particolarmente vergognosa. Ashley Rindsberg su “The Spectator” ha definito l’isteria antirussa il “Vietnam dei media”. Scrive amaramente che la crociata contro la Russia è diventata “la raison d’etre del mainstream, così importante da aver costretto alcune delle pubblicazioni più famose del Paese a rinunciare apertamente a valori giornalistici cari come l’obiettività e la neutralità”.

Penso che quanto sta accadendo ora in Ucraina sia peggiore delle guerre americane in Vietnam e in Medio Oriente, a partire dall’Iraq in poi. All’epoca si poteva almeno usare come pretesto la lotta al comunismo o al terrorismo. Qui vediamo una politica che provoca, finanzia e prolunga una guerra tra due nazioni cristiane che hanno vissuto insieme per oltre tre secoli e sono legate da stretti vincoli storici, religiosi, economici, culturali e familiari.

Se non fosse stato per il colpo di Stato coordinato da Biden e Nuland per rimuovere il presidente ucraino democraticamente eletto nel febbraio 2014, quel Paese manterrebbe ancora tutto il suo territorio, compresa la Crimea.

Nonostante l’uso costante della parola “non provocata”, l’attuale guerra è stata effettivamente provocata dagli Stati Uniti e dalla NATO. Essa non solo denigra i principi di un Paese democratico, ma contraddice lo spirito e l’anima dell’America stessa. Non c’è democrazia in Ucraina, che Washington si impegna a proteggere finché sarà necessario, e la Russia non ha intenzione di invadere nessun altro Paese. Come qualsiasi altra nazione, vuole prendere sul serio i propri interessi di sicurezza. In questo caso particolare, insistere affinché venga rispettato l’impegno preso con Gorbaciov di “non espandere la NATO di un solo centimetro verso est”.

Una telefonata di Biden a Putin prima del 24 febbraio 2022, con l’impegno di garantire lo status di neutralità dell’Ucraina, avrebbe assicurato che non ci sarebbe stata alcuna guerra. Le altre preoccupazioni della Russia in materia di sicurezza potrebbero essere negoziate in un’atmosfera di lavoro serena.

È evidente, e nessuno lo nasconde, che l’Occidente collettivo, sotto l’attuale guida degli Stati Uniti, vuole infliggere una sconfitta strategica alla Russia senza entrare direttamente in guerra, ma piuttosto usando gli ucraini come carne da macello. Come tutto ciò corrisponda ai valori occidentali, o in termini più ampi giudaico-cristiani, è difficile da spiegare. Inoltre, secondo la dottrina militare russa, nel caso in cui si avvicinasse una tale sconfitta Mosca userebbe le armi nucleari.

Francamente, essendo un ottimista di natura, in questo caso non sento troppi barlumi di speranza nell’evitare quello che il senatore Sam Nunn, l’ex segretario alla Difesa William Perry e molti altri importanti esperti americani definiscono il processo di “sonnambulismo verso la catastrofe nucleare”.

Quanto sopra potrebbe essere considerato come una “voce nel disorientamento”, ma spero che almeno aggiunga qualche nuova persona alla lista dei “buoni” e che questo argomento abbia la precedenza nella prossima campagna presidenziale.

Edward Lozansky

 

Edward Lozansky è presidente dell’Università americana di Mosca.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog hanno il solo scopo di alimentare un civile e amichevole confronto volto ad approfondire la realtà.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments