Riprendo una intervista fatta da Mary Rezac, del Catholic News Agency, a padre Thomas Petri, OP, preside accademico della Pontificia Facoltà Domenicana dell’Immacolata Concezione a Washington.


Eccola nella mia traduzione.

Foto: prelato con bandiera arcobaleno

Foto: prelato con bandiera arcobaleno

L’attrazione sessuale non definisce l’identità, ha detto un sacerdote, dopo i commenti attribuiti a papa Francesco che hanno suscitato domande sulla dottrina cattolica e la natura dell’orientamento sessuale.

“Naturalmente Dio ama tutte le persone.  Questa è la sua caratteristica distintiva:  Dio è amore”, ha detto P. Thomas Petri, OP, a CNA.

“Ma egli non ama il peccato, anzi non può amarlo perché il peccato non solo si oppone a Dio, ma si oppone anche al vero bene e alla vera felicità a cui chiama ogni uomo”.  
 
“Così, mentre [Dio] può amare ogni persona, non ama le cose che facciamo, che ci separano da lui e danneggiano la nostra dignità di figli suoi”, ha aggiunto Petri, preside accademico della Pontificia Facoltà Domenicana dell’Immacolata Concezione a Washington.

Venerdì, Juan Carlos Cruz (qui), una vittima cilena di abuso sessuale da parte di  p. Fernando Karadima, ha detto al quotidiano spagnolo El Pais (qui) che Papa Francesco gli ha detto che non importa che era gay.

Egli ha detto che il papa gli disse: “Dio ti ha fatto così e ti ama così e a me non importa”.

I commenti hanno suscitato una polemica sulla dottrina cattolica sull’omosessualità, con alcuni mezzi di comunicazione che li segnalano come un “grande cambiamento” nella dottrina cattolica.

Il Vaticano non commenta abitualmente le conversazioni private che coinvolgono il papa, e non ha confermato o chiarito le osservazioni Cruz attribuite a papa Francesco.

Il Catechismo della Chiesa Cattolica afferma che l’inclinazione omosessuale “profondamente radicata” è “oggettivamente disordinata”, ma che le persone con tendenze omosessuali “devono essere accettate con rispetto, compassione e sensibilità”.  Occorre evitare ogni segno di discriminazione ingiusta nei loro confronti. Queste persone sono chiamate a compiere la volontà di Dio nella loro vita e, se sono cristiane, ad unire al sacrificio della Croce del Signore le difficoltà che possono incontrare a causa della loro condizione”.

“Poiché tutti noi abbiamo inclinazioni e desideri disordinati nella nostra vita, dobbiamo essere sempre vigili contro le tentazioni e pentirci quando vi cadiamo”, ha detto Petri a CNA.

Inoltre, ha aggiunto, è “pericoloso” affermare che Dio ha fatto tutto ciò che è peccaminoso o causa di sofferenza, compresi i desideri disordinati, dipendenze, o malattie come il cancro.

Le cose che non sono buone non possono venire da Dio che è tutto buono, ha osservato Petri, anche se in definitiva è un mistero perché Dio permette che il peccato e il disordine esistano in questa vita.

“Il rapporto della volontà onnipotente di Dio e della sua infinita bontà con il disordine, il peccato, la violenza e il male che sperimentiamo in questa vita è una questione che il Catechismo della Chiesa Cattolica dice essere ‘tanto pressante, inevitabile e doloroso quanto misterioso’”, ha detto.

“Quello che sappiamo – ha aggiunto – è che nulla sfugge alla provvidenza di Dio, nemmeno i disordini, le patologie, il peccato e il male.  In una sezione molto toccante sulla provvidenza e lo scandalo del male, il Catechismo indica il fatto che Dio ha creato il mondo e l’umanità in uno stato di perfezionamento.  Niente è perfetto e quindi i disturbi esistono”.

Tuttavia, possiamo essere fiduciosi che Dio opera per portare il bene dalle conseguenze del disordine e del male, “anche coloro che lottano contro i desideri disordinati possono, per grazia di Dio, abbracciare la loro chiamata ad essere suoi figli e a vivere nella dignità a cui li ha chiamati, anche se possono subire tentazioni”.

“Infatti, può essere di fronte alla tentazione che la fiducia di una persona in Dio diventi ancora più forte”, ha osservato.

Nella sua esperienza pastorale con persone che hanno attrazioni omosessuali, Petri ha detto che alcuni hanno un momento più difficile nel credere nell’amore di Dio rispetto ad altri.

Ha aggiunto che ha trovato utile confrontare i desideri sessuali disordinati con altri desideri disordinati che le persone sperimentano, sia in relazione al cibo, alle bevande o ad altre cose.

Petri ha osservato che la confusione a volte deriva dalla “tendenza a trattare [l’omosessualità] come un tratto identificativo della persona, come se fosse in qualche modo fissata come una realtà ultima per una persona”, ha detto Petri.

“Non è così.  Il tratto distintivo di ciascuno di noi è che siamo amati da Dio e che siamo figli di Dio. Tutto il resto ruota intorno a questo”.

“Le attrazioni, sessuali o di altro tipo, sono complicate.  Vanno e vengono, possono alternarsi e spostarsi, e spesso possono essere mutevoli.  La nostra dignità di esseri umani è che con la grazia siamo chiamati a diventare padroni dei nostri desideri e non loro servitori”.

 

Fonte: Catholic News Agency

Facebook Comments
image_pdfimage_print
47