Foto: Esultanza vittoria referendum matrimonio omosex in Irlanda/ Foto: Aidan Crawley, EPA

Foto: Esultanza vittoria referendum matrimonio omosex in Irlanda/ Foto: Aidan Crawley, EPA

IL DILEMMA DI PAPA FRANCESCO: INCONTRO MONDIALE DELLE FAMIGLIE 2018

L’Incontro Mondiale delle Famiglie del 2018, promosso dal Dicastero della Santa Sede per i Laici, la Famiglia e la Vita, si terrà a Dublino, in Irlanda, il prossimo agosto. Le “famiglie” LGBT stanno facendo di tutto per essere accettate come tali. Papa Francesco ha davanti a sé una grande sfida.

In previsione del prossimo Incontro Mondiale delle Famiglie in Irlanda, credo siano interessante questi ampi stralci di riflessione di padre Regis Scanlon (qui).

Eccoli nella mia traduzione.

Negli ultimi mesi, le storie di questo incontro si sono moltiplicate. Sono stati realizzati video sui partecipanti in programma. Gli organizzatori sono stati intervistati. Il titolo del programma, “Vangelo della Famiglia, Gioia per il Mondo”, è stato spiegato che si ispira all’Esortazione Apostolica di Papa Francesco, Amoris Laetitia.

Ciò che è meno ovvio è che questo incontro presenta un problema serio per papa Francesco e per la Chiesa.

Perché? Perché i temi delle interviste e delle storie sono chiari: questo incontro è un tentativo di “stampa di corte” per spingere papa Francesco ad accogliere le persone LGBT nella Chiesa come un tipo legittimo di famiglia.

L’esempio più eclatante è la recente dichiarazione di Katherine Zappone, ministro irlandese per l’infanzia e la gioventù, che ha la doppia cittadinanza americana e irlandese, ed è stata educata presso l’Università cattolica d’America. Era legalmente sposata con la sua partner lesbica, Anne Louise Gilligan, fino alla morte di Gilligan, avvenuta l’anno scorso.

Non solo Zappone è un’importante sostenitrice dei diritti degli omosessuali in Irlanda e negli Stati Uniti, ma recentemente si è assunta l’onere di chiedere come la Chiesa cattolica dovrebbe presentare il suo Incontro Mondiale delle Famiglie: “Ci dovrebbe essere un benvenuto per tutti”, ha detto. “E mai più dovrebbero essere tollerate dichiarazioni pubbliche o commenti che cercano di isolare certe famiglie”. Zappone ha continuato (…) dicendo che spera che l’incontro mondiale “non sia usato come piattaforma per osservazioni che escludano, isolino o feriscano qualsiasi famiglia”. “Gli occhi del mondo saranno puntati su Dublino”, ha continuato. “L’Incontro Mondiale delle Famiglie è un’opportunità unica per affrontare tali disuguaglianze, discriminazioni e odio. Può fornire una leadership globale in materia di integrazione”.

Ha concluso: “Papa Francesco ha dato speranza a molti.”

Bene, lo vedremo.

Pochi eventi potrebbero essere oggi più significativi di un raduno mondiale di famiglie “che contribuirebbe a rafforzare i legami tra le famiglie e testimonierebbe l’importanza cruciale del matrimonio e della famiglia per tutta la società”. Questo era l’obiettivo di Giovanni Paolo II per il Primo Incontro Mondiale delle Famiglie del 1994.

Tuttavia, il messaggio di San Giovanni Paolo II, fatto 24 anni fa sul matrimonio e la famiglia, è stato completamente travolto nel nostro tempo dall’entusiasmo, anche all’interno della Chiesa, per la promozione dei diritti degli omosessuali.

“Accogliere” il movimento LGBT all’Incontro

Oggi, alcune gerarchie della Chiesa esprimono apertamente un atteggiamento di “accoglienza” nei confronti della presenza del movimento LGBT all’Incontro mondiale delle famiglie del 2018. Infatti, come si può leggere nell’elenco dei Cardinali, dei Vescovi e di tutti coloro che prenderanno la parola in questo incontro, la metà (9 su 18) degli oratori sono riconoscibili come coloro che hanno pubblicamente espresso il loro sostegno per “accogliere” le persone LGBT nella Chiesa come famiglia (vedi qui).

Inoltre, c’è un chiaro obiettivo politico per l’Incontro mondiale delle famiglie del 2018 da parte delle persone LGBT e dei loro sostenitori religiosi e civili. “Il materiale promozionale per preparare i cattolici all’incontro suggerisce che l’evento sta facendo un’azione speciale per le persone LGBT e le loro famiglie in un momento di rapida trasformazione sociale in Irlanda(vedi qui). Tra i cambiamenti più inquietanti vi è l’approvazione del matrimonio tra persone dello stesso sesso da parte del paese. E il prossimo maggio, gli elettori irlandesi valuteranno se approvare o meno l’aborto (vedi qui).

 

Foto ragazze lesbiche inizialmente inclusa (poi eliminata) nel fascicoletto di presentazione dell'Incontro Mondiale Famiglie 2018

Foto ragazze lesbiche inizialmente inclusa (poi eliminata) nel fascicoletto di presentazione dell’Incontro Mondiale Famiglie 2018

Ma cerchiamo di essere chiari sull’obiettivo delle persone LGBT, della loro Chiesa e dei loro sostenitori irlandesi. Non si tratta di convincere papa Francesco ad approvare esplicitamente l’attività omosessuale. Sanno che non lo farà. Vogliono solo che taccia sul male degli atti omosessuali (cioè intesi come “intrinsecamente disordinati”, ndr) e non si opponga all’inclusione delle persone LGBT nella Chiesa come una sorta di famiglia legittima. (vedi anche qui)

Il cardinale Kevin Farrell, uno degli organizzatori dell’Incontro mondiale delle famiglie, ha già chiarito che l’evento dovrebbe rivitalizzare la vita della famiglia, e che non escluderà nessuno. Recentemente ha affermato che: “Questo incontro… deve promuovere il concetto cristiano di matrimonio, e il concetto cattolico di matrimonio, e si concentrerà su questo. Tutte le persone sono invitate, non escludiamo nessuno”. (vedi qui ) (…)

Così, se papa Francesco rimarrà in silenzio, le persone LGBT, insieme alla loro Chiesa e ai loro sostenitori di Stato irlandesi, avranno la loro vittoria. L’antica frase latina è ancora valida: “Qui tacet consentire videtur” (Colui che tace sembra acconsentire). Il mondo intero concluderà che le coppie gay sono ora una parte benvenuta e accettata della vita familiare cattolica nella Chiesa e che i loro “legami” matrimoniali e civili dovrebbero essere “rafforzati”.

La Chiesa dovrebbe convertire le persone LGBT d’Irlanda, o viceversa?

Quando il Concilio Vaticano II, al n. 48 della Gaudium et spes, ha parlato della santità del matrimonio e della famiglia (leggi anche qui), ha sottolineato che “il matrimonio è stato stabilito dal Creatore” ed è tenuto insieme da un “sacro vincolo” attraverso il quale la famiglia diventa santa (Gn 2, 24). Il matrimonio e la famiglia sono sacri. Pertanto, il fine dell’Incontro Mondiale delle Famiglie 2018 dovrebbe essere quella di aiutare le famiglie di tutto il mondo a riscoprire e “rafforzare” questa santità che era destinata sia al matrimonio che alla famiglia fin dall’inizio (Mt 19,8).

La Chiesa ha protetto e promosso questo piano divino nel corso della sua storia. Il matrimonio era universalmente e naturalmente inteso come un legame sacro tra un uomo e una donna. L’unione dell’uomo con la donna e il bambino riflette l’unità della Trinità, e la cooperazione tra Dio e gli esseri umani (uomo e donna) per creare una nuova vita. Le unioni omosessuali sono un affronto a questa unità, alla possibilità di far nascere una nuova vita, e, quindi, sono una ribellione contro Dio.

In agosto, questa ribellione contro Dio avrà una piattaforma di primo piano in Irlanda, precedentemente la più cattolica delle nazioni.

Per lo stesso motivo, questo rappresenta anche una grande opportunità per la Chiesa, e per Papa Francesco, di testimoniare la vera natura del matrimonio e della famiglia, e di proclamare la verità in Irlanda, un paese che ha tragicamente preso l’iniziativa nel “cambiamento sociale” con leggi che favoriscono i diritti di aborto, il matrimonio omosessuale e soffocano l’autorità dell’insegnamento della Chiesa.

Mentre possiamo pregare che papa Francesco raccolga la sfida di proclamare la verità, un grande pericolo si profila con il controverso documento papale, Amoris Laetitia, che ha già causato molto dissenso e confusione nella Chiesa. Il pericolo è che i sostenitori dei diritti degli omosessuali in questo Incontro Mondiale delle Famiglie usino i temi popolari di questo documento controverso per mettere a tacere Francesco, o per zittire il suo messaggio. Questi temi popolari (dell’Amoris Laetitia, ndr) sottolineano il rispetto assoluto per la scelta morale di ogni individuo (specialmente se la persona proviene da un luogo di difficoltà) piuttosto che promuovere l’insegnamento della Chiesa sulla legge morale assoluta e immutabile. Questo tema è un risultato dei precedenti Sinodi sulla Famiglia che si sono svolti a Roma nel 2014 e nel 2015, e compare nel paragrafo 291 di Amoris Laetitia come:

«la Chiesa deve accompagnare con attenzione e premura i suoi figli più fragili, segnati dall’amore ferito e smarrito, ridonando fiducia e speranza, come la luce del faro di un porto o di una fiaccola portata in mezzo alla gente per illuminare coloro che hanno smarrito la rotta o si trovano in mezzo alla tempesta»

Quindi, c’è il grave pericolo che alcuni membri della gerarchia della Chiesa, coinvolti nell’evento irlandese, cerchino di dire che i principi di Amoris Laetitia sono in armonia con il movimento LGBT. È anche possibile che l’evento sia posizionato al fine di acclimatare e condizionare la Chiesa cattolica ad accettare questa nuova “rapida trasformazione sociale in Irlanda”.

Suono esagerato? Basta guardare i primi materiali promozionali dell’Incontro Mondiale delle Famiglie 2018:

Un programma multimediale si intitola “Amoris: Parliamo famiglia! Facciamo famiglia”! Afferma: “Mentre la Chiesa sostiene l’ideale del matrimonio come impegno permanente tra un uomo e una donna, esistono altre unioni che forniscono sostegno reciproco alla coppia. Papa Francesco ci incoraggia a non escludere mai, ma ad accompagnare anche queste coppie, con amore, cura e sostegno.” (leggi qui ) L’implicazione è chiara: anche se non rappresentano l'”ideale” del matrimonio e della famiglia, tuttavia le coppie del movimento LGBT sono un tipo di matrimonio e di famiglia e, pertanto, meritano “sostegno” da parte della Chiesa per “rafforzare il loro legame” come famiglia. (leggi anche qui)

I materiali spiegano che le coppie del movimento LGBT sono state invitate all’Incontro Mondiale delle Famiglie del 2018 principalmente per “celebrare la gioia” di essere una “famiglia” all’interno della Chiesa. È soprattutto un annuncio che le coppie LGBT fanno già parte della nostra famiglia ecclesiale e devono godere di tutti i diritti e i privilegi che derivano da questo nuovo rapporto. (Questa non sembra essere un’opinione da considerare per la discussione all’Incontro Mondiale delle Famiglie del 2018, ma piuttosto un fatto compiuto.)

Nulla nei materiali suggerisce che la gerarchia della Chiesa stia cercando di “illuminare coloro che hanno perso la strada”, come suggerisce Amoris Laetitia. Nulla in questi allegri documenti pubblicitari dà nemmeno un’idea della chiara verità, insegnata fin dall’inizio della Chiesa. (…) Ma che opportunità (finora non colta) per la Chiesa di fare un’azione amorevole ma ferma nei confronti del movimento LGBT – e di attivisti come la cattolica Katherine Zappone – per aiutarli a capire che le loro azioni potrebbero condannarli a un’eternità separata da Dio. L’Incontro Mondiale delle Famiglie potrebbe essere quella proverbiale “linea nella sabbia” che proclama chiaramente che, naturalmente, le persone omosessuali sono amate da Dio e dalla Chiesa, ma devono pentirsi dei loro peccati (come ognuno di noi deve pentirsi) per essere “accompagnate” nella piena partecipazione alla vita della Chiesa.

È chiaro, invece, che gli organizzatori sono neutrali, se non apertamente solidali, con le scelte morali fatte dagli omosessuali.

Naturalmente, essi (i movimenti LGBT, ndr) vorrebbero rappresentare il loro scopo esclusivamente come una questione di diritti umani e di accettazione, ma il fatto è che le loro pratiche sono l’antitesi dell’insegnamento della Chiesa sul matrimonio, sulla sessualità umana e sulla stessa Rivelazione Divina.

(…) Ma la promulgazione di Amoris Laetitia ha reso l’insegnamento della Chiesa molto più difficile. Ricordiamo la famosa frase di Papa Francesco: “Chi sono io per giudicare”. La riga ha un anello magnanimo, ma non offre molte indicazioni per navigare nella confusione morale del nostro tempo.

Infatti, Papa Francesco farebbe bene a considerare un avvertimento lanciato dal suo predecessore, Giovanni Paolo II, al Congresso eucaristico di Filadelfia del 1976. L’avvertimento ha ottenuto poca attenzione dei media in quel momento, e anche poco avvertimento tra i cattolici. Giovanni Paolo II affermò che il mondo stava entrando in una nuova e storica era che sarebbe stata pericolosa per la fede:

Ora ci troviamo di fronte al più grande confronto storico che l’umanità abbia mai vissuto. Non credo che gli ampi circoli della società americana, o della comunità cristiana, se ne rendano pienamente conto. Ora ci troviamo di fronte al confronto finale tra la Chiesa e l’anti-Chiesa, tra il Vangelo e l’anti Vangelo. (leggi qui )

Oggi, il senno di poi ci aiuta ad apprezzare la sua profezia.

Ma la maggior parte dei cattolici ancora non capiscono le forze potenti oggi a lavoro. L’anti-Chiesa e l’anti-Vangelo sono in marcia, e l’Incontro Mondiale delle Famiglie del 2018 ne è un esempio drammatico.

Tuttavia, l’incontro sarà un grande successo se Papa Francesco accetterà la sfida e proclamerà pubblicamente la santità del matrimonio uomo-donna. (…) È tempo che la Chiesa affermi chiaramente e con forza che gli esseri umani non potranno mai essere veramente felici in questa vita se le loro azioni li avvicineranno sempre più alla perdita della vita eterna.

D’altra parte, se l’incontro di agosto passa alla storia come un grande trionfo per i diritti omosessuali, lascia dietro di sé il messaggio che la Chiesa è disposta a compiacere il mondo mostrando quanto sia diventata progressista. (…) Se questo accade, guai ai pastori della Chiesa che lo fanno! (…)

Facebook Comments
image_pdfimage_print
48