promozione mangiare pasti insetti bambini

 

 

di Roberto Allieri

 

C’è un opuscolo propagandistico, tra i tanti distribuiti nelle scuole e negli asili europei, che ha attirato la mia attenzione (qui il rimando ad un sito promozionale).

Elenca in modo accattivante e con immagini simpatiche, dieci motivi per cui si dovrebbero mangiare insetti. Questi i dieci comandamenti (o consigli motivazionali):

  1. Molti bambini mangiano insetti
  2. Puoi insegnare agli altri a mangiare gli insetti.
  3. Sono deliziosi!
  4. Gli insetti non possono farci ammalare, a differenza della carne.
  5. Potrebbero non sembrare insetti
  6. Ci rendono forti e sani
  7. Fanno bene all’ambiente
  8. Possono aiutarci a porre fine alla fame nel mondo
  9. È sempre divertente provare qualcosa di nuovo
  10. Possono aiutarci a essere sempre magri e in forma

 

 

I bambini europei sono dunque i fortunati prescelti per promuovere questo ambizioso obiettivo dell’Agenda 2030 e di altre agenzie internazionali. Loro e non i genitori retrogradi sono stati individuati prioritariamente per essere alfieri e ambasciatori di questa moda salvifica.

Gli standard globalisti del Nuovo Ordine Mondiale esigono un rispetto dell’ambiente sempre più consapevole e accettato da tutti e allo stesso modo.

Il Globalismo, per non contraddire i propri principi, deve uniformare ed appiattire ogni differenza. Nessuna specificità regionale, nazionale o etnica può ostacolare gli obiettivi e i comportamenti che sono stati stabiliti democraticamente dai deep state di alcuni Paesi occidentali, coadiuvati da Soros, Gates, Buffet, Rockfeller e pochi altri filantropi.

Fatte queste premesse, mi sono chiesto: cosa penserebbero popoli non del tutto ‘globalizzati’, come per esempio gli africani, di tutta questa bella teoria di salvaguardia dell’ambiente e della salute, imposta dalla cultura occidentale?

L’Africa dovrebbe costituire un importante campo di verifica. Un continente così ricco di insetti e con così basso consumo pro capite di carne dovrebbe essere un paradiso green, un modello di risoluzione dei problemi alimentari.

Ho immaginato allora di declinare il decalogo dell’opuscolo che ho citato in apertura avendo come destinataria una scolaresca di bambini residenti in Etiopia. Perché se questi princìpi che si pretendono universali, a difesa del pianeta, valgono per gli europei devono essere altrettanto validi per il resto del mondo. Cosa ne direbbero i bambini etiopi di queste garbate proposte ecologiche occidentali?

 

1 – Molti bambini mangiano insetti

Considerazioni:

Qualcuno di questi bambini etiopici potrebbe ribattere al catechizzatore europeo: io che sono costretto a cibarmi di vermi e locuste preferisco mangiare carne. Mangiateli tu!

In effetti non sarebbe una cattiva idea pretendere coerenza da parte dei politici, burocrati e ambientalisti che stanno sul carrozzone green puntando il dito contro chi non accetta i loro diktat. Dubito che tutti loro mangino insetti ogni giorno, aborrendo la carne.

Mi sovviene questa proposta, molto in linea con le loro convinzioni. In molti Paesi europei c’è un’infestazione di insetti dannosi: cimici asiatiche, xylella, tarlo asiatico. Essi proliferano in mancanza di antagonisti naturali e costituiscono un problema per l’ambiente e l’economia 

(vedi notizia su tarlo asiatico). Ma c’è una soluzione. Perché voi ecologisti non vi impegnate in prima persona a diventare i loro antagonisti mangiandoli? Si risolverebbero due problemi in un colpo solo: meno consumo di carne e meno diffusione di parassiti. E volete mettere anche il risparmio di anidride carbonica se non si bruciano le piante ammalate?

 

  1. Puoi insegnare agli altri a mangiare gli insetti.

Considerazioni:

Il bambino etiopico, che è molto esperto in materia così come i suoi amici e conoscenti, preferirebbe che qualcuno gli insegni a mangiare carne tutti i giorni. Magari aiutandolo a capire questo concetto (spesso difficile da comprendere) con succulente bistecche. 

 

  1. Sono deliziosi!

Considerazioni:

Vedi al punto 1 risposta al catechizzatore europeo: allora mangiateli tu!

 

4. Gli insetti non possono farci ammalare, a differenza della carne

Considerazioni:

Infatti, in Africa, nei luoghi dove si mangiano più insetti che carne, sono tutti in perfetta forma e non muoiono obesi o falcidiati da cancri o da problemi cardiocircolatori come noi. Muoiono di fame. Muoiono sani, con livelli di colesterolo invidiabili.

 

  1. Potrebbero non sembrare insetti

Considerazioni di un bambino etiope:

Preferisco un gigantesco hamburger di carne a forma di insetto che un gigantesco insetto ridotto in hamburger.

 

  1. Ci rendono forti e sani
    Gli insetti hanno un mucchio di proteine che sono ottime per i tuoi muscoli e le tue ossa

Considerazioni:

Vedi immagine qui sotto di bambini etiopi, formidabili divoratori di insetti.

 

 

Riguardo alla sanità:

La carne macellata deve sottostare a numerosi controlli sanitari e di qualità. In un chilo di insetti o di farina di insetti quanti sono gli insetti malati o morti prima di essere confezionati? Quanti parassiti portano gli insetti che vengono commercializzati per essere mangiati?

 

  1. Fanno bene all’ambiente.

Considerazioni:

Preferite un paesaggio guastato da pecore o mucche al pascolo oppure ingentilito dall’opera di questi benefattori dell’ambiente?

 

tarlo asiatico

 

 

Cimice asiatica

 

 

Scarafaggio

 

  1. Possono aiutarci a porre fine alla fame nel mondo

Considerazioni:

Chiediamolo agli etiopi se avere tanti insetti sconfigge la fame. Oppure… ideona: perché non importiamo in Europa gli insetti dell’Etiopia e li diamo da mangiare a pranzo e a cena, anche gratis, ai fanatici ambientalisti che propagano indottrinamenti ecologici come questo decalogo?

 

  1. È sempre divertente provare qualcosa di nuovo. È divertente dire ai tuoi amici che buon sapore hanno e dire tutti i modi fantastici in cui essere un entomofago (?) aiuta il nostro pianeta

Considerazioni di un bambino etiope (sempre più rompicog∗∗∗):

Io e i miei amici vorremmo tanto che gli entomofaghi aiutassero il pianeta per conto loro e si divertissero loro a mangiare sempre nuovi insetti. Io mi diverto di più a mangiare arrosti di vitello che zanzare. Mi sembra che abbiano un sapore migliore.

 

  1. Possono aiutarci a essere sempre magri e in forma

Considerazioni di un altro bambino etiope spaccamaroni:

Non so cosa vuol dire essere in forma… Però penso che gli insetti aiutino tantissimo il mio popolo a rimanere magri, come i miei fratelli in questa foto:

 

 

∗        ∗        ∗

 

La minaccia degli entomofaghi avanza implacabile. Hanno preso di mira i bambini ed hanno l’appoggio dei potenti planetari. Chi li fermerà?

Per ora avanzano con suadenti proposte, senza alcuna imposizione, salvo fastidiose tirate d’orecchie ai retrogradi. Tuttavia, questi inviti sono sempre più martellanti e accompagnati dal solito corredo della carota: sovvenzioni a fondo perso o quasi a chi si butta nel business, agevolazioni e premi ai consumatori (considerati categoria ‘cool’, beneficiaria di like a profusione) e mobilitazione di influencer benedicenti. Per le benedizioni papali abbiate fiducia: senza neanche supplicare troppo, arriveranno presto anche loro, con il solito piccolo ritardo nell’accodarsi alle mode del pensiero comune.

Ma dopo la carota arriverà il bastone. Temo che arriveranno gli obblighi alimentari, con obiettivi calendarizzati magari entro il 2035, come per le auto elettriche e le case a norma; e d’altro canto piomberanno addosso ai carnivori le limitazioni, le penalizzazioni e le tasse.

Da ultimo, non escludo il ricorso alla specialità del libertarismo radicale: una bella lotta contro le discriminazioni con repressione dell’entomòfagofobia, che faciliterà la diffusione dell’alimentazione a base di insetti negando ogni possibilità di critica.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog hanno il solo scopo di alimentare un civile e amichevole confronto volto ad approfondire la realtà.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments