Un giocatore di basket della Corner Canyon High School è al Primary Children’s Hospital con tre coaguli di sangue dentro e vicino al cervello.

Un episodio, non certo isolato, che dovrebbe indurre ad una seria riflessione quanti sostengono l’obbligatorietà della vaccinazione sperimentale Covid-19, soprattutto se indirizzata alla fascia di popolazione più giovane.

Articolo di Hailey Higgins pubblicato su Fox13News, dove è disponibile anche il filmato televisivo. Traduzione a cura di Wanda Massa.

 

Everest Romney
Everest Romney

 

Un giocatore di basket della Corner Canyon High School è al Primary Children’s Hospital con tre coaguli di sangue dentro e vicino al cervello.

La madre di Everest Romney dice che i sintomi sono iniziati dopo aver ricevuto la sua prima dose di vaccinazione COVID-19. Tuttavia, insiste che i coaguli non sono direttamente associati al vaccino Pfizer.

In un milione di anni, non me lo sarei mai aspettato”, ha detto Cherie Romney venerdì sera. “La cosa peggiore, la cosa peggiore, è avere il medico che arriva e dice, ‘OK, bene, abbiamo trovato due coaguli di sangue nel suo cervello’“.

I medici continuano i test per trovare la causa della coagulazione.

Cherie Romney dice che i linfonodi gonfi, il dolore al collo e l’emicrania sono persistiti dopo che suo figlio ha ricevuto la sua prima dose di COVID-19 Pfizer il 21 aprile.

Da quello che ho capito, non è una causa diretta dell’iniezione, ma piuttosto una tempesta perfetta. Non abbiamo nemmeno abbastanza informazioni per dirlo“, ha detto Cherie.

Il Dipartimento della Salute dell’Utah dice a FOX 13 che il CDC ha il compito di indagare sui possibili effetti collaterali del vaccino.

Dopo quasi 100 milioni di dosi del vaccino Pfizer COVID-19, il CDC riferisce che non c’è stato un singolo caso correlato di formazione di un coagulo di sangue nel cervello al 12 aprile.

Nel soppesare il rischio e i benefici con il COVID rispetto alle vaccinazioni COVID, incoraggiamo fortemente i nostri pazienti a vaccinarsi perché il rischio è molto inferiore al rischio della malattia“, ha detto il Dr. Richard Orlandi della University of Utah Health in una conferenza stampa all’inizio di questa settimana.

L’allenatore del Corner Canyon Basketball, Evric Gray, ha detto che i giocatori si stanno radunando dietro al “numero 45”.

Ce la farà. Starà bene. Sembra che sia di buon umore“, ha detto Gray.

Avevamo bisogno di un miracolo, lo facciamo ancora. Ma noi crediamo nei miracoli“, ha detto Cherie.

Mercoledì, Everest è stato rilasciato dall’unità di terapia intensiva, ma ha ancora una lunga strada da percorrere. Sua madre dice che si è dedicato a giocare a palla quest’estate, ma non è chiaro quanto tempo rimarrà in ospedale.

 

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1