Volentieri rilanciamo.

 

Dichiarazione di opposizione alle proposte di modifica del regolamento sanitario internazionale

 

Noi, i sottoscritti, ci opponiamo agli emendamenti proposti al Regolamento Sanitario Internazionale (RSI) esistente nel 2005 dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e sosteniamo il diritto di tutte le persone alla sovranità sanitaria e all’autodeterminazione.

Gli emendamenti proposti dagli Stati Uniti al RSI saranno presi in considerazione alla 75a Assemblea mondiale della sanità, che inizierà il 22 maggio 2022. Le modifiche proposte, tuttavia, creano un’ambiguità relativa alla data in cui diventano effettive, in quanto le modifiche proposte indicano espressamente che entreranno in vigore sei mesi dopo la data di notifica da parte del direttore generale, mentre l’attuale RSI prevede che le modifiche entrino in vigore 18 mesi dopo la notifica da parte del direttore generale.

Se accettati, questi emendamenti giuridicamente vincolanti entrerebbero in vigore per tutti gli Stati membri, ad eccezione di quelli che li respingono esplicitamente. Ai sensi dell’articolo 59 del RSI, si presume l’approvazione de facto per tutti gli Stati membri che non respingono o non riservano gli emendamenti.

L’attuale RSI, adottato nel 2005, rispetta la sovranità di tutti i paesi membri. Gli emendamenti proposti, tuttavia, amplierebbero e codificherebbero l’autorità dell’OMS di attuare i mandati sanitari globali in diretta violazione della sovranità nazionale e dei diritti dei cittadini.

Queste proposte tentano di eliminare l’autonomia di una nazione, durante i periodi di emergenze di salute pubblica reali, presunte o previste, offrendo all’OMS un potere unilaterale nel valutare e determinare un’emergenza sanitaria e autorizzando l’OMS a dettare la politica e la risposta.

Tutto ciò avviene sulla scia della crisi COVID-19 durante la quale l’OMS ha gravemente gestito male tutti gli aspetti della risposta sanitaria globale incoraggiando lockdown che distruggono l’economia, sopprimendo i trattamenti preventivi precoci e raccomandando interventi che si sono dimostrati né sicuri né efficaci.

Con il pretesto dei regolamenti sanitari, questi emendamenti consentirebbero all’OMS di impadronirsi dei poteri esecutivi di governance sugli Stati membri, concedendo poteri di governo a burocrati non eletti e non responsabili.

Di seguito sono riportate solo alcune delle molte disposizioni ambigue e preoccupanti negli emendamenti proposti dal Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti il 18 gennaio 2022.

Il nuovo testo proposto viene visualizzato in grassetto e le proposte di cancellazione del testo esistente vengono visualizzate come barrate esattamente come scritto nella proposta. Tutto il resto del testo rimane invariato.

Articolo 5: Sorveglianza

NOVITÀ 5: L’OMS deve sviluppare criteri di allerta precoce per valutare e aggiornare progressivamente il rischio nazionale, regionale o globale rappresentato da un evento di cause o fonti sconosciute …

In pratica ciò conferirebbe all’OMS l’autorità unilaterale di emanare un sistema di sorveglianza sanitaria universale privo di controllo pubblico o trasparenza, lasciando aperta la possibilità di fonti fabbricate di pandemie e altre emergenze.

Articolo 9, sezione 1

L’OMS può prendere in considerazione i rapporti provenienti da fonti diverse dalle notifiche o dalle consultazioni e valuta tali rapporti secondo i principi epidemiologici stabiliti e quindi comunica le informazioni sull’evento allo Stato Parte nel cui territorio si presume che l’evento si verifichi. Prima di intraprendere qualsiasi azione basata su tali rapporti, l’OMS si consulta e cerca di ottenere la verifica dallo Stato Parte nel cui territorio si presume che l’evento si verifichi secondo la procedura di cui all’articolo 10.

Questa escissione dall’articolo 9 elimina le consultazioni con lo Stato membro durante una “presunta” emergenza sanitaria, mettendo l’OMS in grado di dettare come uno Stato Parte deve procedere all’interno dei propri confini territoriali. Ciò costituisce una minaccia alla sovranità nazionale e all’autodeterminazione.

Articolo 10, sezione 4

Se lo Stato Parte non accetta l’offerta di collaborazione entro 48 ore, l’OMS può, ove giustificato dall’entità del rischio per la salute pubblica, condividere immediatamente con altri Stati Parti le informazioni a sua disposizione, incoraggiando nel contempo lo Stato Parte ad accettare l’offerta di collaborazione da parte dell’OMS, tenendo conto delle opinioni dello Stato Parte interessato.

Qualsiasi nazione che respinga la dichiarazione dell’OMS avrà solo 48 ore per riconsiderare la sua posizione e conformarsi, o essere soggetta a pressioni da parte di altre nazioni e / o sanzioni come sanzioni economiche. Le opinioni della nazione colpita non saranno più prese in considerazione.

Articolo 12, sezione 2

Se il Direttore Generale ritiene, sulla base di una valutazione ai sensi del presente Regolamento, che si stia verificando un’emergenza sanitaria pubblica potenziale o effettiva di interesse internazionale, il Direttore Generale ne informa tutti gli Stati Parti e cerca di consultarsi con lo Stato Parte. Se il Direttore Generale determina e lo Stato Parte è d’accordo in merito a questa determinazione che l’evento costituisce un’emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale, il Direttore Generale, secondo la procedura di cui all’Articolo 49, chiede il parere del Comitato istituito ai sensi dell’Articolo 48 (di seguito il “Comitato di Emergenza”) su opportune raccomandazioni temporanee.

L’articolo 12 crea una nuova sottoclasse di emergenza sanitaria che autorizza il direttore generale dell’OMS ad attivare unilateralmente protocolli pandemici basati sulla mera supposizione di una “potenziale” minaccia. Viene eliminata la clausola secondo cui una nazione deve essere d’accordo con la valutazione del Direttore Generale. Burocrati lontani avrebbero il potere di attuare una politica sanitaria non solo per intere nazioni, ma per estensione per gli individui – indipendentemente dai desideri della nazione o del popolo.

Nuovo capo IV (articolo 53 bis-trimestre): il comitato di conformità

1. Gli Stati parti istituiscono un comitato di conformità incaricato di:

a) prendere in considerazione le informazioni che le sono state presentate dall’OMS e dagli Stati parti in merito al rispetto degli obblighi previsti dal presente regolamento;

b) Monitorare, consigliare e/o facilitare l’assistenza su questioni relative al rispetto al fine di aiutare gli Stati Parti a rispettare gli obblighi previsti dal presente Regolamento.

Uno dei cambiamenti più insidiosi degli emendamenti IHR è la creazione di un “Comitato di conformità” che fungerà da meccanismo amministrativo e di applicazione per garantire che gli Stati membri rispettino le direttive di emergenza dell’OMS che coinvolgono infrastrutture, spese in conto capitale, raccolta di informazioni e attuazione delle risposte di emergenza.

In sintesi, gli emendamenti del RSI sarebbero, tra le altre modifiche:

  • Intensificare la sorveglianza di tutti i paesi e dei loro cittadini.
  • Concedi all’OMS l’autorità di dire agli altri Stati membri quando uno Stato membro non sta segnalando e lanciare azioni punitive.
  • Autorizzare il direttore generale dell’OMS a dichiarare quando e dove si sta verificando una pandemia o una “presunta” emergenza utilizzando fonti non divulgate.
  • Conferire al direttore generale poteri illimitati per definire e attuare gli interventi.
  • Dare all’OMS la possibilità di accedere e mobilitare capitali in caso di pandemia.

Questa presa di potere da parte dell’OMS, dei suoi donatori e delle parti interessate rappresenta un attacco diretto alla sovranità politica ed economica di tutte le nazioni e dei loro cittadini.

Promuovendo ripetutamente politiche che hanno causato danni economici, sociali, fisici, emotivi e mentali catastrofici in tutto il mondo, l’OMS ha fallito nella sua missione di amministratore globale della salute pubblica e non può essere incaricata di stabilire una politica per tutti i cittadini del mondo.

Da notare, l’OMS gode dell’immunità da ogni forma di azione legale, arresto e perquisizione dei loro documenti, documenti e strutture.

All’OMS non dovrebbero essere assegnati più soldi, potere o autorità, né dovrebbe essere permesso di controllare ulteriormente l’agenda sanitaria mondiale o attuare misure di biosicurezza.

Gli accordi globali mediati da burocrati non eletti e irresponsabili non devono mai essere autorizzati a governare alcuna nazione.

È imperativo che ogni nazione e territorio mantenga la propria sovranità, specialmente durante i periodi di crisi, in modo che l’intera comunità globale possa essere protetta da politiche dirette a livello globale che avvantaggiano principalmente potenti attori finanziari e ideologici.

I sottoscritti chiedono rispettosamente che tutte le nazioni e i loro rappresentanti ripudino tali accordi.

Ci opponiamo fermamente agli emendamenti proposti al RSI che richiederebbero alle nazioni e ai loro cittadini di aderire ai dettami di un organismo globale irresponsabile.

Ci opponiamo a qualsiasi coinvolgimento in un trattato, accordo o altro documento globale legalmente vincolante che ostacolerebbe la sovranità di qualsiasi nazione nel settore della salute pubblica.

Affermiamo che le nazioni e i loro cittadini sono nella posizione migliore e attrezzati per prendere decisioni sanitarie appropriate alle loro comunità.

Chiediamo che il popolo di ogni nazione sia incaricato di determinare la propria risposta alle crisi sanitarie.

Come cittadini del mondo, difendiamo i diritti, le libertà e la privacy di tutti i membri della comunità globale chiedendo il rifiuto degli emendamenti IHR e il tentativo dell’OMS di usurpare il potere e l’autorità della politica sanitaria dal suo giusto posto – a casa tra la gente.

Il 18 maggio 2022, questa dichiarazione è stata redatta e firmata da,

Leslie Manookian
Fondo per la difesa della libertà sanitaria

 

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments