Un gruppo di prelati cattolici, studiosi, attivisti e giornalisti hanno avviato una petizione che fa appello alla gerarchia della Chiesa, ai fedeli laici e a “tutte le persone di buona volontà” per “opporsi con veemenza” alle “iniezioni sperimentali per il COVID-19 contaminate dall’aborto”, insieme ai mandati per la loro ricezione, definendo le iniezioni “moralmente illecite”.

La “Dichiarazione di Betlemme” (Dichiarazione), sponsorizzata dal diacono inglese Nick Donnelly, è stata approvata dai vescovi Marian Eleganti, Rene Henry Gracida, Athanasius Schneider, e dall’arcivescovo Carlo Maria Viganò, insieme a dieci sacerdoti e altri studiosi come i dottori Peter Kwasniewski degli Stati Uniti, Berthold Wald della Germania, e Caroline Farey del Regno Unito.

La Dichiarazione è stata rilanciata da Lifesitenews.  Eccola nella mia traduzione. 

 

Bethlehem vaccino covid

 

La Dichiarazione di Betlemme: 
sfidare la liceità morale delle iniezioni sperimentali contaminate dall’aborto per COVID-19 e chiedere l’opposizione universale ai “mandati sui vaccini”

 

 «Poiché con la sua incarnazione il Figlio di Dio si è unito in qualche modo a ogni uomo» (GS 22)

 

Considerato che  il Concilio Vaticano II ha giustamente sintetizzato l’orrore dell’aborto classificandolo come un “delitto abominevole” che racchiude anche un “supremo disonore al Creatore” (GS 51 § 3; 27);

Considerato che  San Giovanni Paolo II ha insegnato che tutti devono opporsi a tale deliberato “omicidio” dei più vulnerabili con “la massima determinazione” ( EV , 58;  CL);

Considerato che  la santità dei bambini non ancora nati, creati ad immagine e somiglianza di Dio (Gn 1,27), è gravemente violata dal loro sfruttamento e mercificazione utilitaristica; favorendo così la discesa del genere umano in “una civiltà delle ‘cose’ e non delle ‘persone’, una civiltà in cui le persone sono usate allo stesso modo delle cose” (San Giovanni Paolo II ,  GS 13 );

Mentre  tutti i vaccini COVID-19  sperimentali  basati sui geni  attualmente  disponibili nel mondo occidentale,  sono  contaminati dall’aborto  visto che sono stati testati o sviluppati attraverso l’abuso di cellule fetali rubati dai corpi di bambini non ancora nati uccisi

Considerando che lo  scorso dicembre (2020) la Congregazione per la Dottrina della Fede (CDF) ha pubblicato una  Nota sulla moralità dell’uso di alcuni vaccini anti-Covid-19  ( Nota ) il cui argomento era limitato agli “aspetti morali dell’uso dei vaccini contro il Covid-19 che sono stati sviluppati da linee cellulari derivate da tessuti ottenuti da due feti che non sono stati abortiti spontaneamente“, affermando specificamente anche che la congregazione “non intendeva giudicare la sicurezza e l’efficacia di questi vaccini, sebbene eticamente rilevante e necessario”;

Considerato che  la  Nota  afferma che permane il “dovere morale di evitare tale cooperazione materiale passiva” nel reato di aborto mediante l’uso di dette iniezioni; tuttavia spiega che questo dovere è “non obbligatorio” in presenza di un “grave pericolo” che può essere eluso dal “vaccino”, e quando non è disponibile un intervento sanitario  alternativo “eticamente irreprensibile Covid-19”  

Premesso che in  assenza di almeno questi criteri resta moralmente illecito ricevere dette iniezioni;

Considerando che,  nonostante la Nota affermi  che  l’attuale “diffusione pandemica del virus SARS-CoV-2 che causa Covid-19” costituisce il “grave pericolo” necessario per giustificare l’uso di vaccini contaminati dall’aborto, tale giudizio è  “contingente e congetturale” basandosi su dati scientifici che si sviluppano continuamente nel tempo  ( DVer , 24 ), pur essendo  al di fuori della  competenza propria dei vescovi, in quanto la loro autorità è definita come attinente all’ambito della fede e della morale ( LG  25 );   

Considerando che  centinaia  di medici professionisti con la dovuta competenza sono giunti alla conclusione opposta classificando l’uso di queste iniezioni sperimentali COVID-19 come “non necessario, inefficace e pericoloso“; mentre oltre  59.000  scienziati e professionisti medici hanno  affermato  che, a causa del pericolo relativamente lieve della COVID-19 per la stragrande maggioranza della popolazione, “coloro che sono a rischio minimo” dovrebbero essere autorizzati “a vivere la propria vita normalmente [e] costruire immunità [di gregge] al virus” oltre a qualsiasi vaccino; e diverse migliaia di altri hanno  definito  “irresponsabile” esporre la popolazione a un vaccino inadeguatamente testato per contrastare un virus così lieve; 

Considerando che  “nella stragrande maggioranza delle persone (~ 99,8% a livello globale), SARS-CoV-2 non è letale. In genere è una malattia da lieve a moderatamente grave. Pertanto,  la stragrande maggioranza delle persone non è a rischio COVID-19 e non necessita di vaccinazione” ( fonte)

Considerando che  COVID-19 ha un’età media di morte che è  superiore  a quella della popolazione generale dimostrando la sua natura lieve, compreso un tasso di sopravvivenza globale del  99,74%;

Considerando che i tassi di sopravvivenza  segnalati   per i minori di diciotto anni sono del 99,998%, per quelli tra i diciotto e i cinquanta anni, 99,95%, da cinquanta a sessantacinque, 99,4% e per quelli sopra i sessantacinque anni, 94%, pari a  quelli sotto i 70 anni, che hanno maggiori possibilità di morire di influenza rispetto a COVID-19 che  presenta  una minaccia complessiva paragonabile alle pandemie influenzali medie del 1936 e del 1957;

Considerando che anche queste cifre costituiscono statistiche di morte significativamente gonfiate causate da metodi di conteggio pesantemente difettosi  utilizzati e promossi dalle  agenzie sanitarie del  governo federale con  conflitto di interessi;  

Mentre  centinaia  di professionisti medici  affermano che “circa il 99% delle persone è già protetto contro COVID-19 da risposte anticorpali di tipo memoria” e “la maggior parte delle persone ora avrà l’immunità a causa dell’esposizione al SARS-CoV-2”, quindi questa popolazione non “trarrà alcun beneficio dall’essere vaccinati”;

Considerando che i funzionari governativi che sono stati incaricati di esaminare le iniezioni di vaccino basate sul gene COVID-19 sono stati pesantemente compromessi con molteplici conflitti di interesse attraverso le loro profonde connessioni con l’industria farmaceutica, anche approfittando effettivamente dei prodotti che hanno esaminato, anche mentre la ricerca è finanziata e influenzata da queste società farmaceutiche che stanno producendo i prodotti in questione;

Considerando che  questi stessi funzionari governativi con interessi in conflitto, insieme ai  media, hanno  soppresso  le voci di  migliaia  di  medici  e scienziati di tutto il mondo che hanno attestato la  disponibilità  di trattamenti sicuri,  molto efficaci , economici ed eticamente prodotti  per COVID-19, tra cui “la miracolosa ivermectina,  idrossiclorochina  ( HCQ ), quercetinavitamine D e C con zinco, ecc., che hanno tutti un  track record fenomenale  ogni volta che questi  protocolli  sono amministrati, come a  Città del Messico;

Considerando che  tutte le iniezioni di “vaccino” COVID-19 attualmente disponibili sono in  realtà  trattamenti medici basati sui geni, “qualitativamente  diversi  dai vaccini standard”, mettendo in discussione l’  applicabilità della nota  a questi farmaci; 

Considerando  che Dignitas Personae  distingue tali farmaci dai vaccini specificando, “dato che la terapia genica può comportare rischi significativi per il paziente, deve essere osservato il principio etico secondo il quale, per procedere ad un intervento terapeutico, è necessario stabilire preventivamente che la persona trattata non sarà esposta a rischi per la sua salute o integrità fisica che siano eccessivi o sproporzionati rispetto alla gravità della patologia per la quale si cerca una cura. È necessario anche il consenso informato del paziente o del suo legittimo rappresentante”26);

Considerando che  dal momento che non sono stati effettuati test sugli animali a lungo termine  per determinare gli effetti collaterali dannosi a lungo termine  dei nuovi prodotti sperimentali basati sui geni COVID-19,  né sono stati istituiti comitati di sicurezza standard per valutare i dati, il che ha portato molti  esperti a insistere sul fatto che il programma di vaccinazione “dovrebbe essere interrotto immediatamente” – è  impossibile affermare  che i benefici di queste iniezioni siano proporzionati agli effetti collaterali dannosi come è moralmente necessario sapere  prima che  tali terapie geniche sperimentali possano essere moralmente accettabili;    

Considerando che, a titolo di paragone, le vittime americane nelle guerre in Iraq e Afghanistan equivalgono a 7.074, eppure nei soli Stati Uniti i rapporti di morte credibili dovuti a queste iniezioni sono attualmente 20.244 (fino al 10 dicembre 2021) e sono in costante aumento su un sistema di segnalazione passiva del governo che ha storicamente “sotto-riportato gli eventi avversi di circa due ordini di grandezza” che significa che le morti reali potrebbero essere in “centinaia di migliaia per gli Stati Uniti”. fonte ); 1

Considerando che le  segnalazioni di questi decessi da vaccino, attualmente  48 volte superiori nel 2021 rispetto al 2020, continuano a essere soppresse  dai media insieme ai  resoconti di quasi 106.000 ricoveri e oltre 33.700 persone con disabilità permanente; e in considerazione di uno studio sottoposto a revisione paritaria che ha rivelato una probabilità di morte “cinque volte” maggiore per i vaccini rispetto a quella per COVID-19 “nella fascia demografica 65+ più vulnerabile”, compreso un aumento del rapporto rischio/beneficio con i gruppi di età più giovani,  almeno centinaia di medici insistono che queste iniezioni sperimentali basate sui geni sono “pericolose” e “non più sicure” del COVID-19 stesso;   

Considerando che  l’onere spetta agli scienziati,  ai funzionari sanitari del governo e ai  moralisti che promuovono l’accettazione di queste iniezioni per dimostrare che gli eventi avversi segnalati senza precedenti relativi a queste iniezioni non sono  causati da queste iniezioni  prima che altri ne siano sottoposti – il che certamente  non ha è stato fatto;

Mentre questi vaccini basati sui geni hanno dimostrato di essere inefficaci – molto meno efficaci dell’immunità naturale dei pazienti guariti – subendo alti livelli di “casi di rottura” dei “completamente vaccinati” rispetto ai “non vaccinati” (74%), compresi i ricoveri (60%), con rischi significativamente più elevati per i guariti che accettano le iniezioni (56%), insieme a mostrare una curiosa correlazione tra l’attuazione di campagne “vaccinali” in tutto il mondo e forti aumenti di morti per COVID-19; e, infine, rivelando forti indicazioni che i “vaccinati” hanno la stessa probabilità di portare e trasmettere il virus dei non vaccinati, viziando il motivo ampiamente avanzato per i sani di essere iniettati per “amore del prossimo” al fine di “proteggere gli altri”;; 

Di fronte all’ingiusta attuazione e all’avanzamento di “passaporti vaccinali” che uccidono la libertà – che “non proteggono nessuno” dal virus – in Europa, Israele, Australia e Canada, insieme a iniziative a livello cittadino, statale e federale negli Stati Uniti, scatenando vaste proteste globali, un legittimo atto di “amore per il prossimo” può essere giustamente esercitato da quello che molti concordano essere “l’unico modo” per proteggere la libertà delle democrazie occidentali: una massiccia non osservanza dei mandati e passaporti “vaccinali”;   

Considerando che la Chiesa ha anche insegnato che l’uso di tali iniezioni contaminate dall’aborto può essere scelto solo su una “base temporanea”, poiché la cooperazione materiale abituale attraverso iniezioni multiple può, tra gli altri pericoli, erodere il “senso del bene e del male” del soggetto generando “un’occasione di peccato grave”; e tuttavia l’uso di almeno le due iniezioni COVID per il trasferimento sperimentale del gene mRNA sono progettate per richiedere “richiami” su base continua che implicano una concatenazione fisica e di routine con il crimine dell’ aborto;

Considerando che l’assunzione di prodotti contaminati dall’aborto incoraggia l’industria dell’aborto e l’industria della ricerca farmaceutica e biomedica pro-aborto a continuare ad abusare di linee cellulari rubate da bambini assassinati (e persino a sviluppare nuove linee cellulari derivate dall’aborto) nonostante tutte le proteste verbali dei pro-life che si esprimono in opposizione a queste atrocità;

Considerando che una tale contro-testimonianza ha il potenziale di causare scandalo al mondo secolare, serve anche a minare un dovere superiore di “amore per il prossimo” incoraggiando gli atti gravemente immorali di abortisti, ricercatori, commercianti e amministratori coinvolti in questi mali, mettendo ulteriormente in pericolo le loro anime immortali;

Considerando che bisogna sottolineare che i nostri fratelli e sorelle che hanno ricevuto queste iniezioni con insufficiente conoscenza o libertà, essendo vittime della propaganda o della violenza dei mandati criminali, non si può dire che siano incorsi in una colpa per la loro coscienza a causa di questo atto;

Noi sottoscritti, in osservanza dell’insegnamento della Chiesa, affermiamo con la presente che, anche supponendo che un individuo sia pienamente contrario al fatto che questi vaccini basati sul gene siano contaminati dall’orrendo crimine dell’aborto, che a causa della presenza di una qualsiasi delle tre condizioni seguenti, come sostenuto sopra, rimane oggettivamente moralmente illecito per una persona accettare queste iniezioni:

  1. la manifesta mancanza di un “grave pericolo” rappresentato dal COVID-19, 
  2. la disponibilità positiva di interventi sanitari sicuri ed  efficaci  “eticamente irreprensibili contro il Covid-19”  e, 
  3. l’assenza di dati di test adeguati che sono moralmente necessari anche solo per tentare di calcolare un’analisi rischio/beneficio per tali iniezioni genetiche sperimentali,  specialmente quando questi vaccini si sono dimostrati eccezionalmente inefficaci e pericolosi, in particolare per i più vulnerabili. 

Confermiamo inoltre che, per logica, almeno una di queste condizioni proibitive si applicherà praticamente a tutti, se non a tutti gli individui.

In circostanze che costituiscono una costrizione o una coercizione criminale, che obbliga a ricevere tali iniezioni sperimentali pericolose, inefficaci e sotto-testate, in violazione del Codice di Norimberga e del diritto internazionale, coloro che sono vittime di questi atti di violenza sono incoraggiati a prendere la decisione più prudente possibile al servizio della loro salute, della loro libertà e del bene comune.

Ne consegue naturalmente che rimane moralmente illecito facilitare, promuovere o ordinare la ricezione di massa di queste iniezioni di COVID-19 pericolose, sotto-testate, sotto-monitorate e contaminate dall’aborto.

Facciamo quindi rispettosamente appello al Santo Padre, alla CDF, a tutti i cardinali, vescovi, sacerdoti, fedeli laici e a tutte le persone di buona volontà affinché si oppongano con veemenza alla ricezione di questi prodotti moralmente contaminati, pericolosi e inefficaci, insieme ai mandati gravemente ingiusti per la loro ricezione imposti a milioni di studenti e lavoratori in tutto l’Occidente cristiano.

Firmatari iniziali  15 dicembre 2021 

+ Vescovo Marian Eleganti, Vescovo Ausiliare Emerito di Chur, Svizzera

+ Rene Henry Gracida, Vescovo emerito di Corpus Christi, Texas

+ Athanasius Schneider, Vescovo ausiliare dell’arcidiocesi di Santa Maria ad Astana

+ Carlo Maria Viganò, Arcivescovo, Nunzio Apostolico

Rev A B. Carter B.Sc. (On.) ARCS DipPFS  

Padre Koenraad Huysegems 

FR. Timothy Sauppé, STL  

FR. Michael Menner MA Teologia; Laurea in Biologia Umana  

Abbé Janvier Gbénou, sacerdote 

Abate p. Guy Pagès, sacerdote, autore 

Don Pietro Leone, sacerdote e scrittore

Padre Luis Eduardo Rodríguez Rodriguez , Venezuela. 

FR. John Rizzo,  Diocesi di Parramatta, Australia 

FR. John Lovell, Presidente, Coalizione dei sacerdoti cancellati

Il diacono Nick Donnelly, MA  

Lynn Colgan Cohen, OFS, MA Francescana Secolare 

Prof. Dr. phil. habil. Berthold Wald Professore di Filosofia sistematica (in pensione), Dipartimento di teologia Paderborn, Germania 

Dr. Claude E. Newbury  MB, B.Ch., DTM&H., DPH, MFGP, DOH, DCH, DA, M.Med.
Medico, esperto di salute pubblica, ex presidente di Pro ‑ Life South Africa 

Peter A. Kwasniewski, Ph.D., studioso indipendente e autore 

Dr. Caroline Farey, BA, MA, STB, STL, PhL, PhD (Lateranensis) 

Prof. Dr. Dr. Daniel von Wachter, filosofo e teologo, Principato del Liechtenstein 

Dr. Thaddeus Kozinski, studioso indipendente e autore

Carlos A. Casanova, Filosofo, Professore Universitario  

Donna F. Bethell, JD Prof. Dr.rer.nat. Dr.rer.pol. Rudolf Hilfer, Stoccarda, Germania 

Andrea Rosario Iñiguez. Diritto del dottorato di ricerca.  

Dr. Gerard van den Aardweg, psicologo  

Prof. em. Dr. Hubert Windisch, Germania  

Dr. Robert Hickson (USA ret.), studioso di letteratura e storia militare  

Dr. Maike Hickson, giornalista e autore 

Gabriele Civello, PhD in Giurisprudenza 

Edward E. Schaefer, presidente del Collegio 

Michael Hageböck, preside di scuola, pubblicista 

Sarah Henderson DCHS MA (RE & Catechetica) BA (Mus) 

René Fuchslocher Raddatz, avvocato, politico e agricoltore 

John-Henry Westen, cofondatore e caporedattore di LifeSiteNews.com 

Michael Matt, editore, The Remnant 

Sven von Storch, caporedattore di Frei Welt,  presidente della Zivie Allianz,  presidente dell’Istituto di studi strategici di Berlino  

Brian M. McCall, presidente di Orpha e Maurice Merrill in legge; Caporedattore, Catholic Family News 

Matt Gaspers caporedattore,  Catholic Family News 

Rod Pead, redattore, rivista Christian Order, Regno Unito  

Helene und Alexandra Walterskirchen, Castello Rudolfshausen, Germania (Kultur-Magazin Schloss Rudolfshausen)  

Leila Marie Lawler, autrice di  The Summa Domestica: Order and Wonder in the Home 

Maureen Mullarkey, scrittrice  

Jeanne Smits, giornalista, Francia 

Adrie AM van der Hoeven MSc, scienziato pubblicato e autore di  www.jesusking.info  

Elizabeth Yore, Esq., Fondatrice, YoreChildren  

C. Joseph Doyle,  Direttore Esecutivo Catholic Action League of Massachusetts 

Ernest Williams, Svizzera  

Debi Vinnedge, fondatrice in pensione di Children of God for Life 

Yvonne Bontkowski, direttrice esecutiva, Taking Recourse 

Patrick Delaney, M.Div., MA Giornalista 

 

 

 

Facebook Comments