Ricevo da un amico e volentieri pubblico con traduzione automatica.

 

Monsignor Víctor Manuel Fernández
Monsignor Víctor Manuel Fernández

 

DICHIARAZIONE 


Qualcuno potrebbe chiedersi oggi: cosa ci fa questo Istituto di Filosofia che affronta una questione religiosa riguardante alcune benedizioni? L’INFIP non è forse un’associazione civile, distinta da consorzi o associazioni di carattere confessionale e in alcuni casi controllata dall’autorità ecclesiastica?
Questo è un buon punto di partenza. I membri di questo gruppo infrapolitico fondato quasi mezzo secolo fa dal dottor Guido Soaje Ramos che rispettiamo e alle cui idee cerchiamo di essere fedeli. Quasi tutti i suoi membri sono cattolici, ma nel trattamento filosofico della questione potremmo essere ortodossi, protestanti, ebrei e anche solo uomini di buona volontà.
Nella dichiarazione vaticana del 18 dicembre 2023 non è chiaro il rispetto dell’ordine naturale, che dalla distinzione dei sessi mostra l’inclinazione all’unione sessuale ordinata alla procreazione e all’educazione dei figli, nel contesto del matrimonio come base della famiglia. Tutto ciò è confermato dalla Rivelazione divina nelle Sacre Scritture e dai venti secoli di tradizione della Chiesa cattolica.
Questo aggiunge un’ulteriore confusione al mare di equivoci in cui stiamo navigando. Leonardo Castellani diceva: “La confusione è peggiore della menzogna”; allo stesso modo Benedetto XVI si riferisce a “questo periodo confuso in cui ogni tipo di deviazione eretica sembra affollare le porte dell’autentica fede cattolica”.
E poiché ogni chiarimento aumenta la confusione, la cosa più sana da fare sarebbe abrogare il documento, ed è quello che chiediamo. Come dice il cardinale Robert Sarah: “Non ci opponiamo a Papa Francesco, ma ci opponiamo fermamente e radicalmente a un’eresia che mina gravemente la Chiesa perché è contraria alla fede e alla tradizione cattolica”.
Questo santo di colore è stato nominato da Francesco per occuparsi della liturgia, ma lo ha circondato del peggio. Era un fiore di fango. Pretendeva di capovolgere gli altari, perché la Messa “rivolta verso il popolo” è assurda come il pilota di una nave che, invece di guardare il mare e le stelle, guardasse l’equipaggio e i passeggeri, secondo il paragone di un teologo protestante. Sarah ha fallito nel tentativo, il tempo è passato e il suo mandato è scaduto. Il fiore è scomparso e il fango è rimasto, responsabile dell’intero problema della forma straordinaria del rito romano, che deve essere abolita.
La nostra Chiesa oggi è divisa in due grandi campi: da una parte ci sono le nazioni in cui sta morendo, come la Germania, esempio di un’enorme simonia, l’Olanda, il Belgio, l’Irlanda… altre in cui si preserva, come la Polonia, l’Ungheria, l’Ucraina, gli Stati Uniti, l’Inghilterra, nell’ultima rafforzata dai vescovi e dai sacerdoti anglicani recuperati grazie alla visione di Benedetto XVI, … altri dove si sta ritirando come la Francia, ma dove stanno emergendo importanti sacche di resistenza, altri ancora dove si sta ritirando con meno resistenza, come Argentina, Cile, Italia, Spagna… D’altra parte, ci sono luoghi dove la Chiesa sta crescendo, come in tutta l’Africa colorata, sotto il Sahara, e in vari Paesi dell’Asia, come Vietnam, Hong Kong, Indonesia, India. Lì si costruiscono chiese e scuole, i seminari sono pieni, le vocazioni alla vita sacerdotale e religiosa si moltiplicano.
Se un tempo erano nazioni missionarie l’Olanda, l’Irlanda, la Francia, la Spagna, oggi i missionari vengono dall’India, dall’Indonesia, dal Vietnam.
Questa divisione si nota anche nelle reazioni al documento vaticano. Gioia in alcune chiese dell’Europa occidentale, obbedienza automatica dei gerarchi promossi, silenzio-assenso in molte.
Contro il documento tutta l’Africa, ma anche gli episcopati dell’Europa orientale: Polonia, Ungheria, Ucraina; i dieci vescovi della Francia occidentale e molti cardinali, vescovi e sacerdoti di tutto il mondo. Tutto questo si può trovare nel blog The Wanderer a cui rimandiamo.
Ma anche gli ortodossi hanno respinto il testo vaticano, con il metropolita della Chiesa di Budapest che ha sottolineato come esso “renda impossibile qualsiasi avvicinamento alla Chiesa di Roma”. Una fine inaspettata per anni di sforzi ecumenici.
Questa è la realtà, dai suoi frutti si conosce l’albero. È quindi tempo di correggere gli errori che portano alla rovina e di stimolare una crescita sana. E per questo è necessario eliminare i malintesi e le falsità. Non si può scherzare con Dio, né prenderlo in giro. Né vanno bene per lavorare nella vigna del Signore coloro che hanno come obiettivo quello di salire la scala e non di servire, di fare gli sciocchi, come tanti oggi.
Negli ultimi anni siamo stati spesso soli nella difesa dell’ordine naturale e cristiano, per questo siamo felici oggi di essere in compagnia della Corporazione degli Avvocati Cattolici Sant’Alfonso Liguori.
Vorremmo concludere questa Dichiarazione con un testo tratto dalla lettera di Sant’Ignazio di Antiochia, vescovo e martire agli Efesini: “Se coloro che turbano l’ordine materiale sono colpevoli di morte, quanto più lo sono coloro che corrompono con il loro falso insegnamento la fede che viene da Dio, per la quale Gesù Cristo è stato crocifisso? Costoro, macchiati dalla loro iniquità, andranno nel fuoco inestinguibile, così come coloro che li ascoltano”.


Buenos Aires, 10 gennaio 2024.

 

Bernardino Montejano

        Presidente


Juan Antonio Vergara del Carril                                                                                                                                                                                    
             Segretario                                                                                                                                                                                                                            

 

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog hanno il solo scopo di alimentare un civile e amichevole confronto volto ad approfondire la realtà.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments