Oggi la parola “dialogo” è molto in voga nella Chiesa cattolica, sembra un mantra orientale. Eric Sammons, scrittore, convertito al cattolicesismo, ci fa vedere come tutta la storia della Chiesa nei suoi 2.000 anni abbia avuto un percorso diverso. Ecco il suo articolo pubblicato su Crisis Magazine nella mia traduzione

Gesù che parla alla gente

 

“Il dialogo è il nostro metodo… La via è pertanto il dialogo: dialogo tra voi, dialogo nei vostri Presbiteri, dialogo con i laici, dialogo con le famiglie, dialogo con la società. Non mi stancherei di incoraggiarvi a dialogare senza paura”. – Papa Francesco, Discorso ai Vescovi degli Stati Uniti, 23 settembre 2015

 

Nelle sale delle cancellerie cattoliche di tutto il mondo, il termine “dialogo” è diventato un mantra orientale, ripetuto più e più volte come se la parola stessa avesse il potere spirituale di rompere le divisioni, guarire le ferite e portare all’Era dell’Acquario (anche se preferirei un ritorno all’Era dell’Aquino). Fate una ricerca su Google sul sito web del Vaticano per la parola “dialogo”; otterrete oltre 33.000 risultati, mentre parole come “evangelizzazione” e “conversione” ne restituiscono meno della metà. La sola Conferenza dei vescovi cattolici degli Stati Uniti è attualmente impegnata in più di 20 “dialoghi” ufficiali con vari gruppi religiosi. Il dialogo è acceso.

D’altra parte, la Bibbia racconta la storia di un mondo nettamente diviso tra chi segue Dio e chi non lo segue. La storia della salvezza è il racconto della separazione di un gruppo di persone dal resto del mondo e dei pericoli che si presentano quando questo gruppo di persone si mescola con altri popoli. Questo è un tema che va dalla Genesi, quando Abramo e i suoi discendenti sono separati per essere il popolo di Dio, alla Rivelazione, quando avverrà la divisione finale, permanente.

È anche il messaggio di Nostro Signore. Senza fare ricerche su Google, sapreste dirci quante volte Gesù ha comandato ai suoi seguaci di dialogare con gli altri? Allarme spoiler: zero volte. Infatti, Gesù spesso divideva il mondo in campi separati, che si trattasse del grano e della pula o delle pecore e dei caproni. Ha persino affermato: “Credete che io sia venuto a portare la pace sulla terra? No, io vi dico, piuttosto la divisione”.

Cosa spiega allora la dicotomia tra il messaggio della Sacra Scrittura e il messaggio dei pastori cattolici di oggi quando si tratta dell’importanza del dialogo? Si può riassumere in una sola cosa: il peccato originale. La Bibbia lo riconosce, mentre molti leader della Chiesa negano tacitamente la sua esistenza.

Nell’Antico Testamento il tema della divisione, non del dialogo, è chiaro ed esplicito fin dall’inizio: Noè si separò dal mondo, Abramo è chiamato fuori dalle terre pagane e Mosè conduce il popolo eletto fuori dall’Egitto. Ancor prima che gli israeliti entrino nella Terra Promessa, la Bibbia racconta in dettaglio come questo popolo dovesse separarsi per essere santo; il termine “santo”, infatti, significa “separato per uno scopo sacro”. Le leggi che il Signore dà a Mosè sul Monte Sinai distinguono il suo popolo dagli altri popoli pagani. Egli ordina agli israeliti di liberare la Terra Promessa dai pagani, cosa che fanno solo con un modesto successo, portando alla tragedia lungo il percorso. Più tardi, quando il re e il popolo sono fedeli alla loro chiamata ad essere separati, il regno fiorisce, ma ogni volta che si mescolano con i pagani, il regno appassisce e alla fine muore.

E la Nuova Alleanza? Viviamo ora in un tempo in cui non c’è “né Giudeo né Greco, non c’è né schiavo né libero, non c’è né maschio né femmina”, giusto? Eppure anche il Nuovo Testamento richiede una chiara divisione tra i popoli. Come ho già notato, Cristo stesso ha detto di essere venuto a portare la divisione. Cristo non è venuto per “dialogare” con coloro che si oppongono a Lui; infatti, di solito ha avuto per loro una delle seguenti tre risposte: Li ha ignorati, li ha condannati, o ha lasciato che lo uccidessero. Diceva ai suoi discepoli di scrollarsi la polvere dai piedi e di andare avanti quando una città non ascoltava il loro messaggio. I suoi avversari più feroci, i Farisei, furono accolti da Nostro Signore con una tremenda condanna. E Cristo non cercò di coinvolgere i suoi avversari quando fu arrestato; anzi, li frustrò per il suo rifiuto di discutere se fosse o meno il Messia. Cristo guarì, perdonò, predicò e ammonì, ma non “dialogò”.

Il più grande missionario di nostro Signore, San Paolo, potrebbe essere chiamato l’Apostolo della Divisione. Anche se molti amanti del dialogo oggi amano citare il passo “né ebreo né greco” della sua Lettera ai Galati, essi dimenticano che Paolo ha proclamato una nuova divisione provocata dalla venuta di Cristo, cioè coloro che sono “in Cristo” e coloro che non lo sono. E l’apostolo chiarisce chi non è in Cristo: “né immorali, né idolàtri, né adùlteri, né effeminati, né sodomiti, né ladri, né avari, né ubriaconi, né maldicenti, né rapaci erediteranno il regno di Dio”(1Corinzi 6:9-10). Anche se San Paolo ha combattuto contro le divisioni all’interno del Corpo di Cristo, ha riconosciuto che i discepoli di Cristo non possono essere uniti ai discepoli del mondo, anche esortando i cristiani a non contrarre matrimoni misti con i non credenti.

Il punto di vista di Paolo non era unico tra i primi cristiani. L’apostolo Giovanni avverte i cristiani nella sua Prima Lettera: “Non amate il mondo e le cose del mondo. Se uno ama il mondo, l’amore per il Padre non è in lui”. San Giovanni sapeva che un seguace di Cristo non può allearsi con il mondo senza rompere la sua alleanza con Dio.

Chiaramente, se c’è un avvertimento generale nella Bibbia, è che il popolo di Dio deve rimanere distinto dal mondo.

Questo atteggiamento è contrario a quello che sentiamo spesso da molti dirigenti della Chiesa. Oggi ci viene detto che il dialogo unirà le nazioni, metterà fine alle fazioni e ci aiuterà a perdere quei 15 chili in più che ci siamo portati dietro dai tempi del college. La spinta al dialogo è iniziata negli anni ’60, quando il mondo era alla disperata ricerca della pace dopo due guerre mondiali distruttive. È stato papa Paolo VI ad aggiungere per primo la parola “dialogo” al vocabolario della Chiesa come metodo per avvicinarsi al mondo moderno. L’intenzione era quella di allontanarsi dal conflitto, credendo che un dialogo ragionevole avrebbe portato all’accordo e alla pace.

C’è solo un problema con questo approccio: Il peccato originale. In definitiva, il conflitto in questo mondo non è dovuto all’intelletto ma alla volontà. La nostra volontà, tuttavia, come il nostro intelletto, è caduta, il che significa che spesso non vogliamo fare ciò che è ragionevole e giusto. Siamo attratti dal male, anche quando il nostro intelletto sa che è il male; ci convinciamo che in realtà è il bene.

La ragione per cui le Scritture sono piene di tanti avvertimenti contro la mescolanza con i miscredenti è che Dio sa che saremo inevitabilmente attratti ad unirci a loro nella loro idolatria, nel paganesimo e nel peccato. A causa del peccato originale, non siamo naturalmente attratti dalle virtù cristiane come il sacrificio, la castità e l’obbedienza. Inoltre, le persone non interagiscono con il male senza soccombere ad esso.

Quando esaminiamo la storia del dialogo interreligioso cattolico, vediamo quanto velocemente l’uomo può abbracciare qualcosa che prima era impensabile, come risultato di una coerente esposizione ad esso. Consideriamo la progressione: Settant’anni fa, ai cattolici era proibito impegnarsi in qualsiasi tipo di attività religiosa con i non cattolici. Trent’anni fa, il Papa ospitava un servizio di preghiera congiunto con persone di religioni non cristiane, anche se sottolineava che ogni religione pregava separatamente. Oggi il Vaticano ospita cerimonie religiose rivolte agli idoli pagani.

In meno di due generazioni, il “dialogo” con le altre religioni si è evoluto dalla condanna alla tolleranza, dalla tacita accettazione alla promozione esplicita.

Questo significa quindi che i cattolici sono chiamati a vivere come gli Amish? No, non è questo il modo di una Chiesa che ha trasformato le civiltà nel corso della sua storia. Ma non è nemmeno il continuo avvicinamento ad altre religioni il cammino da seguire. I cattolici devono chiarire la separazione – la divisione – tra la Vera Fede e tutte le altre religioni, invece di piegarsi all’indietro per offuscare le differenze. Continuare sulla via della primula del dialogo ci porterà solo a un destino simile a quello dell’antico Israele, cioè la prigionia e l’esilio nella strana terra degli idoli pagani, le pratiche immorali, le liturgie sincretiche e le false credenze. Solo essendo santi – distinti – i cattolici possono seguire il cammino che la Bibbia ha tracciato per i discepoli di Cristo.

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1