Di seguito il sommario di uno studio appena pubblicato e prodotto da Jessica Rose e Peter McCullough sulle determinanti delle miocarditi successive alla vaccinzione COVID su files ripresi dalla banca dati VAERS. Jessica Rose è matematico applicato, immunologa, biologa computazionale, biologa molecolare e un biochimico, mentre Peter McCullough eè un cardiologo americano e professore alla Texas Christian University & University of North Texas Health Science Center School of Medicine. In precedenza, è stato vice primario di medicina interna al Baylor University Medical Center di Dallas, Texas e professore alla Texas A&M University. La traduzione del sommario dello studio è mia. 

 

vaccino_adolescenti

 

Obiettivo: Caratterizzare i fattori determinanti della miocardite indotta dal vaccino COVID-19 che richiede l’ospedalizzazione nei dati nazionali del Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS).

Disegno: Analisi trasversale e descrittiva delle segnalazioni VAERS di miocardite indotta dal vaccino COVID-19 che ha richiesto l’ospedalizzazione in soggetti di età compresa tra 3 mesi e 98 anni.

Partecipanti: Tutti gli individui che hanno inviato una segnalazione di evento avverso (AE) a VAERS associata a una diagnosi di miocardite dal 14 dicembre 2020 al 18 marzo 2022.

Risultati: 3569/3594 (99,3%) casi di miocardite indotta dal vaccino COVID-19 che hanno richiesto un ricovero ospedaliero analizzati nel set di dati nazionali VAERS non erano co-associati alla malattia respiratoria da COVID-19 in base a reazioni a catena della polimerasi (PCR) “negative” per rilevare SARS-CoV-2, diagnosi di COVID-19 o entrambe. I tassi di ospedalizzazione sono stati elevati, con l’84% di tutte le segnalazioni di miocardite associate all’ospedalizzazione nel gruppo di età 0-19 anni e il 70,9, in generale. La miocardite nel contesto della co-presentazione di troponina cardiaca elevata (cTn), dolore toracico (CP), immagini cardiache anormali, elevazione del segmento ST dell’elettrocardiogramma (STE) e livelli anormali di proteina C-reattiva (CRP) è stata segnalata nel contesto dell’ospedalizzazione nel 92,2%, 85,5%, 93,5%, 93,9% e 90,3%, rispettivamente, nei bambini da 0 a 19 anni. Il 79% di tutte le miocarditi che hanno richiesto l’ospedalizzazione sono state segnalate entro 7 giorni dall’iniezione e il 48% entro 48 ore dall’iniezione. Il 90% di tutte le segnalazioni di miocardite con necessità di ricovero e il 58% delle segnalazioni sono state effettuate rispettivamente entro 7 giorni e 48 ore nei bambini di età compresa tra 0 e 19 anni. I tassi più elevati di segnalazione di elevazione della troponina, elevazione del segmento ST e anomalie della CRP sono stati riscontrati nei bambini di 12-18 anni rispetto ai tassi più alti riscontrati nei bambini di 19-29 anni (chi-sq; p = 0,00000000; p = 0,00000000; p = 0,0000000006). I predittori indipendenti di ospedalizzazione erano i seguenti: sesso maschile, OR=1,81, 95% CI 1,68-1,95, p<0,005; età (0-19 vs. 19+) OR=2,32, 95% CI 2-2,69, p<0,005; troponina elevata, p<0,005. 005; troponina elevata (12-18 vs. tutti gli altri gruppi di età), OR=4,63, 95% CI 3,59-5,99, p<0,005; un innalzamento del tratto ST (12-18 vs. tutti gli altri gruppi di età), OR=4,62, 95% CI 2,99-7,13, p<0,005.

Conclusioni: Tra i soggetti affetti da miocardite indotta dal vaccino COVID-19, la maggior parte è stata ricoverata in ospedale e i predittori indipendenti di ricovero sono stati l’età, il sesso maschile, la troponina positiva e l’aumento di livello del segmento ST all’ECG. La vicinanza temporale della segnalazione alla data dell’iniezione e i tassi di segnalazione significativamente più elevati di troponina cardiaca, innalzamento del segmento ST dell’elettrocardiogramma e anomalie delle proteine C-reattive in soggetti giovani (12-18) nel contesto di una miocardite che ha richiesto l’ospedalizzazione indicano che questi particolari marcatori patognomonici possono essere collegati a un’insufficienza cardiaca incipiente, in cui la lesione dovuta all’iniezione è la ragione dell’ospedalizzazione, e dovrebbero essere sempre misurati e utilizzati come marcatori diagnostici per la miocardite indotta dal vaccino COVID-19.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email