Jessica Rose approfondisce un lavoro sui dati dei decessi successivi alla INIEZIONE del vaccino COVID. Lo fa sui dati svedesi, e quello che viene fuori è un ribaltamento dei risultati fin qui presentati. Jessica Rose è matematico applicato, immunologa, biologa computazionale, biologa molecolare e un biochimico, mentre Peter McCullough eè un cardiologo americano e professore alla Texas Christian University & University of North Texas Health Science Center School of Medicine. L’articolo di Jessica Rose è apparso sul suo substack. Ve lo presento nella mia traduzione. 

 

vaccinazione vaccini covid

 

Prima di tutto, un applauso a Norman Fenton, Martin Neil, Clare Craig, Josh Geutzkow, Joel Smalley, Scott McLachlan e Jonathan Engler che hanno lavorato duramente per scrivere, e ancora di più per pubblicare, questo articolo dello scorso dicembre che potete trovare qui. Qui c’è anche un precedente articolo sul mio Substack che parla dell’articolo. C’è anche il mio nome, ma non ho fatto nulla, a parte un ruolo leggero.

Il lavoro è un’analisi del più recente rapporto di sorveglianza della mortalità da vaccino ONS del Regno Unito, stratificato per età, per determinare i potenziali legami tra i modelli di mortalità e le iniezioni. Una delle spiegazioni per il tasso di mortalità non correlato al COVID-19 molto strano (significativamente più basso) osservato nel gruppo iniettato (IG) in tutte le fasce di età rispetto al gruppo non iniettato (UG) è stata l’errata classificazione sistemica dei decessi tra le diverse categorie di non iniettati e iniettati. In poche parole, sembrava che stessero classificando le persone che sono state iniettate come non iniettate poiché erano “prima del giorno 14 dopo la prima iniezione”.

Ma i dati svedesi mostrano un errore di classificazione ancora peggiore che, a mio parere, diffama davvero le persone coinvolte. Qui troverete un articolo intitolato “I dati dell’Agenzia per la salute pubblica svedese hanno distorto i tassi di mortalità dei non vaccinati e dei vaccinati”. Vi prego di leggerlo. È estremamente facile da capire e sono grato a questi giornalisti per questo. Essi affermano che:

L’Agenzia svedese per la salute pubblica ha ingannato l’opinione pubblica sui benefici della vaccinazione contro il Covid-19, registrando come non vaccinati i decessi dovuti al Covid-19 tra i vaccinati. Più di 900 decessi con Covid-19 sono stati travisati come se fossero avvenuti tra i non vaccinati, distorcendo così notevolmente l’efficacia del programma di vaccinazione, di cui l’Agenzia per la salute pubblica svedese è responsabile. Chiediamo che i dati originali relativi a questo caso siano riportati integralmente. Chiediamo inoltre che venga condotta una valutazione indipendente e del tutto trasparente dei tassi di mortalità tra i non vaccinati e i diversi sottogruppi di vaccinati.

Ecco la parte veramente impressionante. Avevamo ragione, sì, ma non sapevamo quanto fossimo corretti. Il rapporto settimanale dell’Agenzia Svedese per la Salute Pubblica (SPHA) non solo contava le persone come non vaccinate fino a 14 giorni dopo aver ricevuto la prima dose, ma le contava anche fino a 14 giorni dopo la seconda dose! Questo è. Noccioline.

Ecco come ha risposto la rappresentante Britta Björkholm dell’SPHA quando Per Shapiro le ha presentato questo “problema”:

[Quando il giornalista Per Shapiro ha posto la seguente domanda pertinente alla conferenza stampa dell’Agenzia svedese per la salute pubblica del 27 gennaio 2022: “Allora perché state offuscando il vero gruppo di controllo e quando riferirete come se la sono cavata i non vaccinati rispetto agli altri?”. Britta Björkholm ha risposto: “Non so cosa dire. Abbiamo molti dati, molte cifre, seguiamo i dati in molti modi diversi. Penso che siamo trasparenti e riportiamo ciò che è rilevante”.

Wow! Potrebbe leggere dallo stesso copione di Walensky, vero? Sono sorpresa che non abbia menzionato di essere stata investita da un’auto!

Gli autori avevano richiesto allo SPHA il conteggio dei decessi COVID-19 nel 2021 per quattro gruppi di persone:

  1. Completamente non vaccinato (G1)

  2. Parzialmente vaccinati: coloro che avevano ricevuto la dose 1 ed erano trascorsi meno di 21 giorni (G2)

  3. Parzialmente vaccinato: erano trascorsi almeno 21 giorni dalla dose 1 ma la dose 2 non era stata somministrata oppure era stata somministrata la dose 2 ma erano trascorsi meno di 14 giorni e (G3)

  4. Completamente vaccinato: era stata somministrata la dose 2 o 3 ed erano trascorsi almeno 14 giorni dalla dose 2. (G4)

Questi dati includono solo i decessi avvenuti dopo l’inizio del lancio dell’iniezione e sono estremamente rivelatori perché possiamo vedere come i numeri si adattano a ciascuna “categoria”.

 

 

Se qualcuno osservasse questi dati, potrebbe concludere semplicemente che i non vaccinati muoiono molto di più dei vaccinati. Wow! Che “vaccino efficace”! Vedete tutte quelle persone non vaccinate che sono morte nella colonna G1? Ma aspettate. C’è dell’altro.

Sulla base dei dati FOI ricevuti dall’SPHA, si sostiene che G2 e G3 sono stati conteggiati come persone non vaccinate. Ciò significa che 919 punti dati in più sono stati attribuiti al gruppo dei non vaccinati e non a quello dei vaccinati.

Nota bene: la qualifica di iniettato o non iniettato è molto più descrittiva degli esiti fisici e fisiologici dell’iniezione rispetto a “vaccinato” o “non vaccinato”. Forse se chiamassimo le cose per quello che sono in realtà, questa confusione sulla definizione di cosa significhi essere “vaccinati” scomparirebbe. Nel definire una persona “vaccinata”, dobbiamo considerare sia l’efficacia che la sicurezza. Ciò significa che nel momento in cui lo stantuffo della siringa viene premuto, il tempo inizia a scorrere. Quella persona è ora INIETTATA. Quando si contano i decessi e si considera che questi prodotti (ancora) in fase sperimentale del loro ciclo di vita sono associati a decine di migliaia di decessi segnalati nei database governativi, è imperativo fare questa distinzione tra NON INIETTATO e INIETTATO quando si contano e si analizzano i dati (sui decessi). Non si tratta semplicemente di calcolare l’efficacia del vaccino (VE): si tratta di sicurezza. E di cercare di evitare di morire potenzialmente a causa delle iniezioni.

Qui riportano che lo SPHA “ha trasferito i decessi dei parzialmente vaccinati (gruppo 2 = 666 e gruppo 3 = 253) al gruppo dei non vaccinati”. Ho riprodotto il loro grafico a barre che confronta gli ultimi dati sui decessi forniti dall’SPHA nel gruppo dei non vaccinati con i dati ricevuti. Per essere chiari, le colonne G2 e G3, sommate, rappresentano la differenza tra i dati sui non vaccinati ottenuti dalla richiesta FOI dell’SPHA (colonna G1) e i dati ufficiali settimanali sui non vaccinati. I conteggi mensili non sono esattamente uguali ai valori della tabella dell’articolo e ciò è probabilmente dovuto al rumore che deriva da conteggi errati in prossimità della fine e dell’inizio dei conteggi mensili.1 La discrepanza maggiore, tuttavia, è pari a 6, quindi non c’è da preoccuparsi.

Questo significa definitivamente che l’SPHA ha riportato i dati in modo errato, e in modo massiccio. Ruh roh.

 

 

Una cosa che manca in questo favoloso articolo sono i grafici normalizzati dei dati. Ovvero, cosa succede ai grafici a barre nel caso dei “dati presentati” rispetto ai “dati reali” quando vengono normalizzati utilizzando le popolazioni di persone vaccinate e non vaccinate per mese, secondo Statistics Sweden e Our World in Data.2 3 Il mese di gennaio è molto rumoroso poiché è quando è iniziato il roll-out (lancio del piano di vaccinazione, ndr), quindi questo mese è escluso dal grafico. In pratica, tutto ciò che si perde non vedendo i dati di gennaio è un’enorme quantità relativa di persone che muoiono nel gruppo dei vaccinati a gennaio (~1 persona su 8 – probabilmente non affidabile/relativo al denominatore).

 

Questo è probabilmente il grafico più importante che ho realizzato finora in tutta questa lotta per la libertà. Questi due grafici mostrano i dati così come sono stati presentati dalla SPHA (in alto) e i dati come sono effettivamente (in basso), normalizzati alle popolazioni vaccinate e non vaccinate.4 Ho normalizzato i dati per milione di vaccinati/non vaccinati.

Il problema più grande ed evidente è l’inversione dell’intera conclusione che, tra l’altro, rende le loro affermazioni sull’efficacia completamente invertite. Nel grafico in alto, che è il modo in cui i dati sono presentati dall’SPHA, si vede che a febbraio muore un numero di persone 6,1 volte superiore nel gruppo dei non vaccinati. Questo dà ai vaccini una percentuale di efficacia vaccinale (VE) piuttosto buona (84%? – verificatelo). Nel grafico in basso, invece, che rappresenta i dati reali come confermati dai dati richiesti, vediamo che a febbraio muore un numero di persone 14,7 volte superiore nel gruppo dei vaccinati rispetto a quello dei non vaccinati! Aspettate ora. Questo non ribalta il calcolo del VE?

L’andamento del grafico in alto mostra che i non vaccinati muoiono generalmente di più fino a giugno, poi i decessi diminuiscono e si stabilizzano. Sono morti tutti quelli che moriranno, immagino. La tendenza nel grafico in basso mostra che i vaccinati muoiono generalmente di più fino a giugno, fino a quando, ancora una volta, la maggior parte delle persone che moriranno saranno morte. Inoltre, vengono somministrati molti meno vaccini.

Quindi, questo dimostra che i dati sono falsati e che le conclusioni sui dati sono completamente sbagliate. Ben fatto, ragazzi!

 

Note: 

1 I dati sono riportati come conteggio settimanale e i dati della richiesta FOI sono stati riportati come totali mensili.
4 Per calcolare le popolazioni non vaccinate al mese, ho sottratto il numero di persone vaccinate al mese dalla popolazione totale. Capisco che dal momento che i bambini non sono stati iniettati, questi numeri al mese sono stime ma la conclusione non sarebbe modificata, secondo me.
 

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments