Il problema che la Francia sta affrontando con l’islamismo radicale non è il separatismo, ma la conquista. Per combattere il terrore islamico, la Francia deve ricordare le radici cristiane della sua cultura e difenderle con forza.

Ecco un articolo di Guillaume De Thieulloy pubblicato su The Public Discourse, nella traduzione di Riccardo Zenobi.

 

Nizza atentato islamista nella chiesa di Notre Dame
Nizza atentato islamista nella chiesa di Notre Dame 29 10 2020

 

Cinque anni dopo il massacro del “Bataclan” nel 2015, la Francia ha subìto ancora una volta diversi attacchi terroristici. Un insegnante è stato decapitato vicino a Parigi e tre cristiani che pregavano in una chiesa a Nizza sono stati uccisi, per parlare solo degli attacchi più impressionanti. In questi cinque anni, il radicalismo islamico ha ucciso più di 260 persone in Francia.

Gli attacchi del 2020 sono stati molto difficili da prevenire. In generale, non c’era una logica di fondo e ciascuna di essi veniva perpetrato da un solo uomo con un semplice coltello. La maggior parte dei francesi capisce che questo tipo di attacco potrebbe diventare molto comune in futuro. E questi attacchi hanno ricevuto una risposta politica più forte rispetto agli attacchi più grandi del 2015 o del 2016 proprio perché i francesi non vogliono che questo diventi il ​​loro futuro.

Molti osservatori hanno notato che la risposta del presidente Emmanuel Macron è stata molto ferma. Questa è stata una sorpresa: Emmanuel Macron, come candidato e all’inizio della sua presidenza, era visto principalmente come il portavoce della globalizzazione liberale o, per dirla con parole poetiche della campagna del 2017, “globalizzazione felice”. Macron avrebbe dovuto essere un banchiere di talento, ma non un comandante in capo in grado di resistere agli attacchi terroristici. In ogni caso, ha parlato con forza contro l’islamismo radicale, e questo è una rarità nella politica francese. Fino ad ora, solo i “populisti” denunciano l’Islam per nome. Ovviamente, il presidente Macron non parla precisamente di “Islam”, ma di “estremismo islamico”; tuttavia, rimane una piccola rivoluzione avere un politico di alto livello che usa la parola “Islam” quando parla di terrorismo interno.

Detto questo, la diagnosi di Macron è falsa e le sue risposte quindi ancora più imprecise, per almeno tre ragioni. Primo, non sono i “valori repubblicani” ad essere attaccati, come proclamano Macron e l’élite secolare francese, ma una civiltà non islamica, più precisamente una civiltà cristiana. In secondo luogo, l’estremismo islamico ha qualcosa a che fare con l’Islam. Terzo, il problema che stiamo affrontando con l’islamismo radicale non è ciò che Emmanuel Macron chiama “separatismo”, ma conquista.

Come la stragrande maggioranza dei liberali, Emmanuel Macron sembra incapace di comprendere la nozione stessa di cultura o identità. Ciò non significa che non abbia alcuna cultura: ne ha (più dei suoi predecessori). Ma sembra non riuscire a capire che anche un uomo ignorante è profondamente radicato in una cultura e che questa cultura plasma la sua visione del mondo. Il presidente Macron è un portavoce delle élite finanziarie e sembra pensare che la cultura sia solo una sorta di folclore o, peggio, una barriera al commercio internazionale che dobbiamo distruggere. Anche se è molto istruito, non parla mai della cultura francese. Una volta ha anche detto che la cultura francese non esiste, il che è forse l’affermazione più folle che si possa fare sulla cultura francese.

Macron parla invece solo di astratti “valori repubblicani”. Poiché questi valori non sono mai effettivamente definiti, nessuno può articolare chiaramente quale sia effettivamente il problema del radicalismo islamico. Ma l’islamismo radicale non sta combattendo i “valori repubblicani”, sta combattendo ciò che non è la civiltà islamica. L’Islam radicale ha distrutto i Buddha bahmyiani in Afghanistan, poiché in precedenza aveva bruciato la biblioteca di Alessandria e ricoperto i mosaici della Basilica di Santa Sofia. In un certo senso, l’Islam potrebbe essere visto come un iconoclastia di successo. Non si oppone al modo repubblicano di scegliere i leader politici; ci sono molte repubbliche islamiche. Non si preoccupa dei valori astratti e indefiniti. Ha a cuore la cultura francese e la civiltà cristiana, il nostro modo di vivere e il nostro modo di pensare, e la loro opposizione alla cultura, alla visione del mondo e allo stile di vita dell’Islam.

È molto comune nei dibattiti politici francesi affermare che il fondamentalismo islamico – che è giustamente visto come la radice del terrorismo – non ha nulla a che fare con l’Islam o il Corano. Questo è ovviamente assurdo. Per definizione, il fondamentalismo ha qualcosa a che fare con il libro sacro di una religione: è la lettura letterale di questo libro sacro. E più precisamente, i fondamentalisti islamici vogliono tornare a uno stile di vita che imiti l’ideale di Maometto. Questo modello implica necessariamente teocrazia, guerra santa, poligamia e schiavitù, che sono tutte imposte, promosse o consentite dal Corano. Qualunque cosa ne pensino le persone moderne, il modello di Maometto non è semplicemente cattivo o arcaico: potrebbe essere bello promuovere l’ascetismo beduino, la comunità dei credenti (umma) e l’adorazione del Dio trascendente. Tuttavia, molti elementi di questo modello ideale sono frontalmente opposti alla civiltà occidentale, non solo perché la modernità ci ha trascinato lontano dalla vita del deserto arabo nel settimo secolo, ma perché la civiltà occidentale è radicata nella fede cristiana, specialmente nel suo dialogo tra le tre Persone divine e il dialogo tra gli esseri umani e Dio, prima attraverso la Rivelazione e soprattutto attraverso l’Incarnazione. Piaccia o no, questi dogmi hanno plasmato la nostra civiltà: da essi nasce la discussione irrisolvibile e senza fine tra poteri politici e spirituali, e tra fede e ragione.

In ogni caso, non si può dire che il desiderio islamista di tornare al “bel modello” di Maometto non abbia nulla a che fare con l’Islam. E se fosse possibile, anche se non credo che lo sia, solo i musulmani lo possono dire. Noi occidentali non siamo qualificati per dare la vera e giusta interpretazione del Corano. Possiamo solo sperare che i leader musulmani che hanno sviluppato nuove interpretazioni delle scritture islamiche che sono più compatibili con la pace e il dialogo delle civiltà diventeranno più influenti. In questo contesto, è molto interessante il tentativo del presidente egiziano Al-Sissi di chiedere ai docenti dell’università di Al-Azhar tali interpretazioni. Ma questo non è un dibattito occidentale, e mentre aspettiamo queste interpretazioni qualificate e più pacifiche del Corano, possiamo solo notare che i guai che abbiamo risalgono a elementi che sono radicati nel nucleo dell’Islam stesso.

Il terzo elemento della falsa diagnosi del presidente Macron sta nel concetto di “separatismo islamico”. Di nuovo, c’è un elemento di verità qui: alcuni quartieri delle nostre grandi città sono ora separati dall’intero paese. La legge applicata è la sharia, oppure la legge dei criminali, e non la legge francese. In questi quartieri, una giovane donna senza velo o qualcuno che mangi per strada durante il Ramadan rischia molto. In questo senso si può parlare di separatismo. Ma i radicali islamici stanno combattendo non solo per gestire centinaia di distretti, ma per governare l’intero paese secondo la legge islamica. Lottano per la conquista, come chiede loro il Corano, e non solo per il separatismo.

La correttezza politica e, soprattutto, la scarsa conoscenza dell’Islam e delle radici cristiane della nostra stessa civiltà hanno spinto il presidente Macron a questa diagnosi parziale e falsa, che a sua volta lo porta a risposte false, inefficaci e talvolta pericolose. La prima non è nemmeno una risposta: è la domanda non posta dell’immigrazione. È sorprendente che quasi nessuno parli della questione dell’immigrazione quando si parla di terrorismo. Ma è chiaro che la grande immigrazione musulmana è l’humus del fondamentalismo e poi del terrorismo. L’uomo che ha decapitato l’insegnante Samuel Paty era un “rifugiato” ceceno e l’uomo che ha ucciso tre persone nella chiesa di Nizza era un immigrato illegale. La Francia non può continuare a ricevere circa 500.000 immigrati legali e più di 100.000 immigrati illegali ogni anno, soprattutto perché abbiamo già un gran numero di persone senza lavoro. Non riesco a vedere come affrontare il terrorismo se i nostri confini restano ampiamente aperti e se paghiamo l’assistenza sociale per le persone che combattono contro il nostro stesso paese. Se stiamo combattendo una guerra contro il terrorismo, dobbiamo rispettare le regole della guerra e considerare i nemici come nemici.

Dopo la questione dell’immigrazione, abbiamo anche un problema di integrazione. Forse è difficile da capire per gli americani, ma il modello francese non è un modello di diverse comunità che convivono l’una accanto all’altra. Piuttosto, i francesi si vedono come una comunità nazionale che convive con una lingua comune, una legge comune, una cultura comune e uno stile di vita comune. Ciò significa che, fino a poco tempo fa, tutti gli immigrati dovevano integrarsi con la cultura francese: davano nomi francesi ai loro figli, parlavano francese a casa e frequentavano scuole francesi per diventare francesi in una generazione. L’integrazione ha funzionato molto bene con gli immigrati spagnoli, polacchi, italiani o portoghesi durante tutto il ventesimo secolo, ma erano culturalmente molto vicini a noi.

L’integrazione ora funziona male (o non si verifica affatto) per molte ragioni. Il primo è che gli immigrati islamici sono culturalmente lontani e spesso esplicitamente contrari al nostro modo di vivere. Il secondo è il numero assoluto di immigrati: è più facile integrare 50.000 persone che milioni. Il terzo è storico: condividiamo una storia comune con i popoli del Nord Africa, ma poi ci siamo combattuti l’un l’altro nelle guerre per la decolonizzazione. Il quarto è probabilmente il più problematico: le nostre scuole e i nostri leader politici non “promuovono” la Francia e la cultura francese. La sinistra ha votato per molte leggi di “pentimento” secondo le quali la Francia è colpevole di colonizzazione, schiavitù, genocidio ebraico, ecc. Naturalmente, alcuni francesi e alcuni leader francesi sono veramente colpevoli di tali peccati. Ma è difficile incoraggiare i figli degli immigrati ad amare la Francia se diciamo loro solo che la Francia è colpevole di molti peccati, specialmente contro il loro paese natale.

La legge contro il “separatismo islamico” ora preparata dal governo non è ancora conosciuta con precisione, ma abbiamo molti motivi per temere che aggraverà queste cattive risposte al fondamentalismo islamico. Nel delineare le principali linee guida della legge, il presidente Macron ha parlato contro la libertà di associazione, la libertà di istruzione e molte altre libertà, non solo per il fondamentalismo islamico, ma per ogni cittadino francese. Ad esempio, per evitare le scuole islamiche radicali, ha parlato contro l’istruzione domestica. È profondamente ingiusto sopprimere un diritto naturale per via di abusi di tale diritto. Non è chiaro se andrà oltre in questa direzione, ma potrebbe facilmente trasformare la Francia in una dittatura laica per impedire alla Francia di diventare una dittatura islamica.

Dal mio punto di vista, combattere in modo efficiente contro il terrorismo islamico inizia con il rafforzamento dello Stato nelle sue missioni sovrane: proteggere i confini, dare alla polizia il potere di combattere la criminalità in modo serio, avere agenzie di intelligence che monitorano i gruppi islamici radicali e forse inviare lo stesso esercito nei quartieri “separati”. Ma questa politica di sicurezza non può essere sufficiente. Dobbiamo costruire una solida politica di immigrazione e scegliere chi vogliamo accogliere nel nostro paese. Dobbiamo soprattutto lavorare sulla trasmissione della nostra cultura. E questo significa tornare alle radici cristiane di questa cultura.

La Francia è un paese laico, ma ovunque si possono vedere belle chiese o cattedrali; in ogni poesia e opera letteraria classica puoi vedere quanto sia importante il cristianesimo nella nostra cultura. È assolutamente necessario che i politici cessino di combattere il cristianesimo. Molti sembrano credere che siamo ancora alla fine del diciannovesimo secolo, con una potente Chiesa cattolica che gestisce quasi tutte le scuole e gli ospedali e con oltre il 95 per cento della popolazione francese battezzata. Il cattolicesimo ha costruito la Francia lentamente, ma attaccare il cristianesimo sta distruggendo la Francia molto più rapidamente! Abbiamo bisogno di leader politici, culturali, educativi, ecclesiastici e dei media che amino il nostro paese e lo promuovano senza calunnia o propaganda ingenuamente positiva.

Infine, dobbiamo essere onesti con i musulmani: dobbiamo dire loro cosa è problematico per noi nella loro religione. Possiamo trovare un terreno comune per lavorare insieme secondo i diritti umani o la legge naturale. Ma dobbiamo affrontare le enormi differenze, se non le opposizioni, tra le nostre due culture. Ad esempio, nella civiltà occidentale, l’uguale dignità di ogni essere umano non è negoziabile: non possiamo accettare che un uomo abbia più valore di una donna, o un credente islamico di un non credente; non possiamo accettare la poligamia; e non possiamo accettare la pena di morte per apostasia. Se alcuni musulmani non possono condividere le nostre opinioni, non possono diventare cittadini francesi. Forse dovranno trasferirsi nei paesi musulmani, ma non possiamo permettere loro di combattere – anche se solo culturalmente – contro la nostra civiltà.

La questione posta dagli attacchi terroristici non è solo una questione di sicurezza, ma è ancor più culturale. Se vogliamo un dialogo pacifico tra civiltà, dovremmo tornare alle radici della nostra civiltà e dire con calma ma fermamente quali principi difendiamo e quali principi non possiamo accettare. Temo che il presidente Macron non voglia affrontare questi difficili problemi. Ma sono ancora più certo che se non lo farà, gli attacchi terroristici cresceranno e qualcun altro dovrà affrontarli.

 

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1