Se abbiamo assistito ad uno scontro a distanza tra Soros e Kissinger, due esponenti di primo piano del Nuovo Ordine Mondiale, sulla situazione in Ucraina è perché, probabilmente, si è ad un punto di svolta nel paese in guerra. Interessante, dunque, l’opinione che Tom Luongo esprime nel suo articolo pubblicato sul suo blog. Eccolo nella mia traduzione. 

 

George Soros e Henrt Kissinger
George Soros e Henrt Kissinger

 

Non avrei mai pensato di vivere fino al giorno in cui la “Troppo vecchio per governare il mondo, ma troppo giovane per morire” (chiedo scusa a Ian Anderson (dal quale ha ripreso e cambiato un titolo di una canzone, ndr)) si sarebbe riunita a Davos e avrebbe litigato su cosa fare con la Russia.

Nell’arco di ventiquattr’ore, due degli uomini più influenti del pianeta si sono pronunciati su quale linea d’azione la folla di Davos dovrebbe intraprendere in Ucraina.

I primi colpi sono stati sferrati dal signor Realpolitik, Henry Kissinger, del quale la maggior parte delle persone si è sorpresa di scoprire che è ancora vivo. Kissinger, fedele alla sua forma, ha detto a tutti che è giunto il momento di iniziare presto i negoziati per un accordo con la Russia.

“I negoziati per la pace devono iniziare nei prossimi due mesi o giù di lì, [prima che il conflitto] crei sconvolgimenti e tensioni che non saranno facilmente superati”, ha detto il 98enne diplomatico veterano a proposito della crisi. Il risultato determinerà il resto delle relazioni dell’Europa con la Russia e l’Ucraina, ha detto. “Idealmente, la linea di demarcazione dovrebbe tornare allo status quo ante”, ha detto.
“Credo che proseguire la guerra oltre quel punto la trasformerebbe non in una guerra per la libertà dell’Ucraina, intrapresa con grande coesione dalla NATO, ma in una guerra contro la Russia stessa”, ha aggiunto.

Kissinger sta semplicemente dicendo cose sensate, sapendo benissimo che la situazione in Ucraina si sta avvicinando ad essere militarmente irrecuperabile per l’Ucraina. Si sa che le cose vanno male quando la stampa britannica lo riconosce, anche se al Telegraph è stato detto di cambiare il titolo originale (vedi link sopra):

Anche i reporter occidentali sul posto ammettono la verità…

 

Il fronte nel Donbass sta crollando dopo la resa, scusate “l’evacuazione”, dall’acciaieria Azovstal degli alti comandanti del Reggimento Azov.

Gli ucraini non sono solo a corto di munizioni, ma anche di morale. Quando si spezza la volontà di un esercito, non importa cosa si cerchi di immettere a forza nel conflitto, non cambierà l’esito. Se le notizie sono vere, l’Ucraina vedrà solo il 15% dei 40 miliardi di dollari che la giunta Biden ha approvato la scorsa settimana.

Dopo il pragmatismo di Kissinger è arrivato il vertiginoso pastiche di George Soros di narrazioni occidentali interamente costruite sugli obiettivi di Russia e Cina e sulle carenze dei rispettivi leader. Soros è rimasto completamente fedele al copione con il guerrafondaio neoliberista/neoconservatore secondo cui l’Ucraina si è messa in condizione di vincere questa guerra ed è nostro dovere, in quanto difensori della sua Società Aperta, assisterla a qualunque costo.

Perché se non lo facciamo, “la civiltà potrebbe non sopravvivere”. Il particolare tipo di solipsismo e di arroganza che Soros mostra non solo rasenta il patologico, ma lo ignora come Soros sostiene che dovremmo fare per tutti i confini.

Nella sua visione del mondo i confini dovrebbero essere sradicati. Allora perché i suoi burattini e accoliti sono così ossessionati dall'”integrità territoriale dell’Ucraina”?

Soros è un ideologo. Ha definito il mondo in termini incompatibili con la natura umana. E sta perdendo. Ecco perché vuole un maggiore impegno per uccidere i russi malvagi che si rifiutano di mangiare insetti, di essere sterilizzati e di essere sradicati dalla storia, cosa che ha speso miliardi per fare in Ucraina negli ultimi otto anni.

Non vale quasi la pena di passare in rassegna le bugie del suo discorso. Si tratta, in definitiva, solo di proiezioni di Soros su quelli che ritiene essere i motivi e gli obiettivi di Putin e Xi con le loro attuali operazioni – guerra in Ucraina / lockdowns in Cina.

Soros ripropone l’epica vittoria dell’Ucraina a Kiev per dipingere il quadro di cui ha bisogno per far valere le sue ragioni, ma si tratta di qualcosa di ormai superato da due mesi. La difesa di Kiev ha solo rafforzato la belligeranza di Stati Uniti e Gran Bretagna, ma non ha ostacolato gli obiettivi finali di Putin. Né ha smosso il sentimento popolare.

Ci ha dato la situazione che abbiamo oggi ed è quella che lui deplora di aver bisogno di uno sforzo immenso per evitare di seguire completamente la strada della Russia.

Queste proiezioni alimentano conclusioni che non si basano sulla realtà, ma su un pensiero velleitario. Soros, come tutti gli investitori (e ha investito pesantemente nel rovesciamento di Putin e di Xi), “parlerà sempre” e farà sembrare l’analisi convincente e sobria.

Le decisioni sui combattimenti in Ucraina non sono state prese da settimane in una prospettiva militarmente strategica. Se così fosse, si sarebbe cercato un cessate il fuoco. Il governo fantoccio di Soros negli Stati Uniti si rifiuta di accettare la realtà perché Soros stesso si rifiuta di affrontarla.

Ma, dal momento che è lui a staccare gli assegni per aiutare i Democratici a vincere le elezioni di medio termine a novembre, ottiene ciò che vuole. So di essere riduttivo. Le forze che agiscono all’interno dell’establishment politico e militare degli Stati Uniti sono molto più profonde e diversificate della sola megalomania di Soros, ma lui ne è una metafora valida quanto qualsiasi altra cosa.

Nelle ultime due settimane si è verificato un cambiamento non così marginale nelle notizie relative agli eventi in Ucraina. È ormai accettato a malincuore che la guerra di logoramento della Russia contro le Forze armate ucraine è stata brutale, costosa ed efficace.

Ora sta cominciando a dare i suoi frutti in termini di guadagno di territorio, mentre il centro del fronte nel Donbass crolla:

 

 

L’unica ragione per cui i russi non hanno preso più territorio è che uomini coraggiosi hanno mantenuto la loro posizione mentre il presidente Zelenskyy andava in tournée a vendere una guerra non vincente a un pubblico esausto e disinteressato in Europa e negli Stati Uniti.

Abbiamo finalmente raggiunto quel punto in cui anche il pulsante della Skinner Box perde tutto il suo potere. Ora che le posizioni dell’UAF (Forze Armate dell’Ucraina, ndr) si sono indebolite in modo irreparabile, non resta che ritirarsi o arrendersi. Ormai non manca più di qualche settimana.

E quegli uomini coraggiosi stanno per essere ridotti in poltiglia per la loro fedeltà a un’idea che avrebbe dovuto morire mesi fa.

Se si decodifica il pragmatismo di Kissinger e la quasi isteria di Soros, si arriva a una conclusione: la Russia sta vincendo la guerra di terra nell’Ucraina orientale. E vincendo queste battaglie sta consumando l’effettiva forza di combattimento dell’UAF.

L’Ucraina è sempre stata il Rubicone per molti. Vi sono stati versati così tanti capitali che tutti si sono impegnati. Ha rappresentato la linea di demarcazione tra il successo e il fallimento di generazioni di preparativi per un ordine mondiale globale.

Henry Kissinger ne è stato al centro per decenni. Ha istruito Klaus Schwab affinché costruisse il WEF fino a farlo diventare quello che è oggi, il più importante trafficante di influenza e promotore delle peggiori idee avanzate nella storia dell’umanità.

George Soros è un nouveau riche, collaboratore dei nazisti e avvoltoio opportunista con manie di grandezza. Ha giocato a poker con i più grandi giocatori del mondo e ha distrutto più volte interi Paesi. Suo figlio ha la sua eredità, ma la perderà ora che suo padre è diventato ….(beep)…..

Ma non ha mai sconfitto un Paese il cui popolo si sia fatto valere. Che vi piaccia o meno quello che la Russia sta facendo in Ucraina, a un’analisi spassionata sta difendendo la propria posizione. Che siate d’accordo sul fatto che questa guerra sia il modo giusto di farlo è irrilevante.

Kissinger sarebbe d’accordo con me.

Coloro che dubitavano della determinazione o della profondità della preparazione della Russia su tutti gli assi della guerra – militarmente, economicamente, socialmente, culturalmente – stanno per trovarsi di fronte a una conclusione scioccante: non si può conquistare dall’alto un popolo che è unito dalle fondamenta.

Anche Kissinger sarebbe d’accordo. È per questo che ha sostenuto la necessità di trovare il modo di impedire alla Russia di abbandonare il suo carattere europeo e di non abbracciare quello asiatico. Ora che la guerra economica è fallita, l’unica opzione ragionevole è accettare ciò che è stato perso prima che quello che oggi sembra uno stallo si trasformi rapidamente in una disfatta.

Soros è il tipico bullo narcisista, pronto a dirvi perché dovete eseguire i suoi ordini per renderlo potente. Questa sarà l’ultima volta che farà un discorso che qualcuno ascolterà e l’ultima volta che a qualcuno fregherà qualcosa di chi vincerà la lotta tra due vecchi storpi a un tiro alla fune globalista.

 

Le opinioni espresse nella presente pubblicazione sono quelle dell’autore e non riflettono necessariamente il punto di vista ufficiale del blog.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments