Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Colleen Huber NMD e pubblicato sul suo Substack. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

Immagine di risonanza magnetica di un cervello umano che mostra tutti i principali tipi di sclerosi multipla. (CamptolomaShutterstock via The Epoch Times)
Immagine di risonanza magnetica di un cervello umano che mostra tutti i principali tipi di sclerosi multipla. (CamptolomaShutterstock via The Epoch Times)

 

Esistono vie di accesso al cervello. Gli sviluppatori del vaccino COVID hanno attraversato un percorso attraverso quelle porte. E sapevano di essere entrati nel cervello già nel novembre 2020, prima del lancio del vaccino.

Nel cervello umano ci sono 86 miliardi di neuroni, ognuno dei quali si connette con altri 10.000 neuroni. Nessun’altra struttura nell’universo conosciuto può competere con la complessità del cervello.

Il cervello è anche il club più esclusivo, per così dire, del corpo. Il guardiano è la barriera emato-encefalica (BBB). Questa barriera, mostrata nella seconda illustrazione qui sotto, è per lo più composta da giunzioni strette tra le cellule endoteliali che rivestono, in un unico strato, i capillari (i nostri vasi sanguigni più piccoli) che nutrono il cervello. Quindi la BBB è in effetti costituita dalle pareti dei capillari e dalle giunzioni strette tra le sue cellule.

Tuttavia, in una certa misura, la BBB ha una componente liquida, in quanto il liquido cerebrospinale incontaminato (CSF) che bagna il cervello e il midollo spinale è mantenuto puro dalla BBB. A rischio di semplificare troppo, se il sistema nervoso centrale, che comprende il cervello e il midollo spinale, è la reggia del corpo, il cranio, le vertebre e la BBB sono le mura del castello e il liquor è il fossato, ma un fossato pulito, a differenza di quelli medievali. Le molecole e gli agenti patogeni che si intromettono devono attraversare barriere solide e liquide.

I capillari sono i vasi sanguigni più piccoli e sono ovunque nel corpo. Sono i punti di inversione di marcia in cui le arterie e poi le arteriole più piccole lasciano il posto ai capillari, poi alle venule e poi alle vene nel perpetuo giro del sangue dal cuore a tutto il resto e viceversa. In ogni punto del corpo è presente una fitta e intricata rete di capillari sotto la pelle.

 

© Università del Minnesota. Atlante di anatomia cardiaca umana. http://www.vhlab.umn.edu/atlas/physiology-tutorial/blood-vessels.shtml
© Università del Minnesota. Atlante di anatomia cardiaca umana. http://www.vhlab.umn.edu/atlas/physiology-tutorial/blood-vessels.shtml

 

Il collo di bottiglia della BBB è costituito dalle giunzioni strette tra le cellule endoteliali della parete dei capillari, che impediscono il passaggio della maggior parte delle sostanze, come illustrato di seguito. Questi capillari onnipresenti attraversano tutto il corpo e nel cervello distano 40 micrometri l’uno dall’altro, uno spazio in cui possono stare due neuroni. [Ogni neurone del cervello è quindi nutrito da un capillare adiacente.

 

Illustration: © Diana Molleda. In L Hopper. Healthy blood vessels may be the answer to Alzheimer’s prevention. Jul 11, 2019. USC News. https://news.usc.edu/158925/alzheimers-prevention-healthy-blood-vessels-usc-research/
Illustration: © Diana Molleda. In L Hopper. Healthy blood vessels may be the answer to Alzheimer’s prevention. Jul 11, 2019. USC News. https://news.usc.edu/158925/alzheimers-prevention-healthy-blood-vessels-usc-research/

 

Il collo di bottiglia della barriera emato-encefalica

Affinché una molecola fluttuante nel sangue possa viaggiare dal sangue a un neurone, la sfida più serrata è rappresentata dalle giunzioni strette tra le cellule endoteliali dei capillari, per uscire dal flusso sanguigno. Poi, una volta all’interno del cervello, nello spazio che circonda i neuroni, se una molecola o un microbo vuole arrivare al cervello, deve attraversare la membrana della cellula cerebrale (neuronale) per entrare in quella cellula e infine la membrana nucleare del neurone.

La BBB respinge il 98% delle molecole di piccole dimensioni e oltre il 99% delle molecole di grandi dimensioni. [Le molecole e gli ioni carichi o polari non possono passare. Quelle grandi non possono passare direttamente, semplicemente perché non riescono a superare la stretta filtrazione della BBB. Gli oli e le sostanze solubili in olio, come la caffeina e la nicotina, hanno maggiori possibilità di attraversare la barriera ematoencefalica rispetto ai composti solubili in acqua. Alcune piccole molecole possono entrare senza essere trasportate, come l’ossigeno e il glucosio. I nutrienti, come le vitamine del gruppo B, entrano attraverso sistemi di trasporto saturabili. [3]

Gli ioni e le molecole polari cariche non possono attraversare, perché si bloccano sullo strato lipidico idrofobo. Ciò significa semplicemente che, poiché i fluidi oleosi e acquosi non si mescolano bene, la membrana cellulare grassa impedisce il passaggio della maggior parte delle sostanze idrosolubili e le tiene fuori dalle cellule cerebrali, a meno che non vengano trasportate con altri mezzi.

Ma esistono vie di accesso al cervello e sembra certo che gli sviluppatori del vaccino COVID vi siano arrivati inavvertitamente o abbiano determinato un percorso attraverso quelle porte.

 

E sapevano che erano entrati nel cervello da novembre 2020, prima del lancio del vaccino al pubblico previsto per dicembre 2020.

Vediamo quindi cosa entra nel cervello e come avviene.

Una tipica strategia farmacologica per entrare nel cervello è il chaperoning, in cui le sostanze che non attraversano tipicamente la BBB sono composte insieme a sostanze che la attraversano, che possono imitare le molecole endogene. Le nanoparticelle lipidiche (LNP) trasportano i farmaci nelle cellule, ma raramente attraversano la BBB da sole. Gli anticorpi monoclonali hanno trasportato le LNP attraverso la BBB. [4] Gli enzimi interagiscono con le membrane cellulari e possono essere utilizzati. [5]

Inoltre, se le LNP che in precedenza non attraversavano la BBB sono collegate a lipidi sintetici derivati da neurotrasmettitori, possono attraversare la BBB e portare con sé farmaci o altre sostanze chimiche, e quindi queste LNP possono entrare nei neuroni. [6] Il motivo è che i neurotrasmettitori si trovano tipicamente nel cervello – e appartengono al cervello – e in genere passano senza essere controllati.

In altre parole, quando una molecola cavallo di Troia come un LNP viene vestita con un neurotrasmettitore che di solito si trova nel cervello, inganna la barriera emato-encefalica e consente il passaggio all’interno del cervello.

Poi è avvenuta l’iniezione del vaccino COVID

I vaccini COVID sono stati pubblicizzati come “permanenti nel braccio” dopo l’iniezione intramuscolare, sebbene la fisiologia della circolazione, nota da secoli, impedisca una tale localizzazione di un liquido nel corpo. [7]

Nel novembre 2020 Pfizer ha stipulato un contratto con Acuitas Therapeutics per testare il vaccino Pfizer nei ratti Wistar. [8] Il loro rapporto di farmacocinetica mostra che gli LNP del vaccino COVID, così come l’RNA messaggero (mRNA) che trasportavano, sono stati trovati entro pochi minuti e ore nel cervello, negli occhi, nel cuore, nel fegato, nella milza, nelle ovaie e in altri organi dei ratti, comprese le quantità di mRNA raccolte da ciascun animale sacrificato. [9]

La farmacocinetica studia la quantità e la velocità con cui le sostanze arrivano a destinazione in tutto il corpo, dopo un’iniezione intramuscolare (o un’altra via).

L’intero rapporto di Pfizer su questi risultati è stato presentato dalla FDA [U.S. Food and Drug Administration] su ordine del tribunale. [10]

 

Rilasciato da professionisti della salute pubblica e medici per la trasparenza. Acuitas Therapeutics. [11] Relazione finale: Studio sul centro di sperimentazione n. 185350, sponsor n. ALC-NC-0552. 9 novembre 2020. p. 25 https://phmpt.org/wp-content/uploads/2022/03/125742_S1_M4_4223_185350.pdf
Rilasciato da professionisti della salute pubblica e medici per la trasparenza. Acuitas Therapeutics. [11] Relazione finale: Studio sul centro di sperimentazione n. 185350, sponsor n. ALC-NC-0552. 9 novembre 2020. p. 25 https://phmpt.org/wp-content/uploads/2022/03/125742_S1_M4_4223_185350.pdf

 

Il testo del rapporto disponibile è in giapponese, ma le tabelle alla fine sono tutte in inglese, come questa. [12]

 

 

Altri studi sugli animali hanno dimostrato che quando l’mRNA viene impacchettato in nanoparticelle lipidiche (LNP), queste attraversano la barriera emato-encefalica. [13] [14] [15] Non solo l’mRNA è stato rilevato nel cervello, ma è anche altamente infiammatorio. [16]

I vaccini COVID di Pfizer e Moderna utilizzano l’mRNA per istruire le cellule umane a produrre le proteine spike. L’RNA messaggero è un intermediario tra i geni e le proteine, in un rapporto analogo a quello tra un modello e un prodotto funzionale finito, dove l’mRNA è il manuale di istruzioni. Nel caso dei vaccini a base di mRNA, il prodotto è la proteina spike.

I vaccini Pfizer e Moderna contengono LNP pegilate di tipo liposomico, cioè legate al polietilenglicole come molecola chaperone. Le LNP vengono rilasciate in circolo dopo l’iniezione del vaccino e alcune di queste LNP si avvicinano alla barriera emato-encefalica. Un tempo si pensava che le LNP non potessero attraversare la BBB a meno che non fossero legate agli anticorpi, nel qual caso si accumulavano nel cervello entro 24 ore e vi rimanevano intrappolate. [17]

 

Il tessuto cerebrale è stato analizzato a 1 h, 6 h o 24 h dopo l'iniezione endovenosa di liposomi confezionati con [3H] daunomicina. Da J Huwyler, D Wu, et al. Brain drug delivery of small molecules... https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC19511/
Il tessuto cerebrale è stato analizzato a 1 h, 6 h o 24 h dopo l’iniezione endovenosa di liposomi confezionati con [3H] daunomicina. Da J Huwyler, D Wu, et al. Brain drug delivery of small molecules… https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC19511/

 

Ora l’mRNA è all’interno del cervello e ha superato la BBB, quindi ha accesso ai neuroni

Ora che le LNP con il loro carico di mRNA hanno superato la BBB e sono entrate nel cervello, cosa fanno una volta arrivate nel fluido che circonda i neuroni? Il resto è un viaggio facile per le LNP. I neuroni assorbono le LNP e lo fanno in modo molto efficiente, con un assorbimento del 100%, grazie all’apolipoproteina E, e di solito senza alcuna reazione immunitaria.

L’apolipoproteina E è abbondante nel cervello ed è prodotta dagli astrociti. [19] [20] Il meccanismo di assorbimento è l’endocitosi, in cui la membrana del neurone ingloba o inghiotte l’LNP in avvicinamento. Ciò è stato osservato almeno dal 2013. [In questo modo, il contenuto del cavallo di Troia dell’LNP viene consegnato, perché contenuto in un pacchetto di membrana neuronale dall’aspetto gradevole.

 

Una diversa porta d’accesso al cervello

Allo stesso tempo, è in atto un processo diverso. Dopo l’iniezione del vaccino a base di mRNA, gli LNP viaggiano in tutto il corpo, secondo i principi di circolazione da tempo conosciuti. Le cellule di tutto il corpo accolgono questi LNP negli endosomi e poi gli LNP rilasciano il loro contenuto (il carico di mRNA) nel citosol delle cellule, [22] dove l’mRNA istruirà il macchinario genetico della cellula a produrre proteine spike.

Si sono accumulate prove che le proteine spike generate dall’mRNA vengono prodotte in vari organi corporei dopo l’iniezione del vaccino COVID. Quindi, in tutto il sangue e verso il cervello, ci sono ora proteine spike in movimento sul lato esterno della barriera emato-encefalica, cioè nelle pareti dei capillari. E si scopre che anche loro entrano nel cervello. Ecco come le proteine spike in movimento libero, non codificate, attraversano la BBB:

Alcune di queste proteine spike viaggiano in circolazione e arrivano inevitabilmente alla barriera emato-encefalica. [23] Quindi, a differenza delle LNP che viaggiano attraverso le membrane dei neuroni, la spike si avvicina alla barriera emato-encefalica proprio come fa nel resto del corpo, attraverso i recettori ACE-2, che si dà il caso siano abbondanti all’interfaccia cervello-sangue. [24] Per questa via, la S-1 della proteina spike ha facilmente attraversato la BBB nei topi”[25].

Tuttavia, la proteina spike è tossica in molti modi. È stato riscontrato che ogni subunità della proteina spike causa una perdita disfunzionale della BBB. Entro 2 ore dall’esposizione alla proteina spike è stata riscontrata una permeabilità della barriera. [26] È stato inoltre riscontrato che la proteina spike è stata prontamente assorbita dalle cellule endoteliali capillari della BBB, aprendo così anche questa barriera all’ingresso della proteina spike nel cervello. [27]

Esiste quindi uno sfortunato ciclo di feedback in cui le proteine spike che arrivano prima allargano le porte per l’ingresso nel cervello delle spike che arrivano dopo. La molecola Rho-A sembra essere determinante in questo meccanismo di apertura delle giunzioni strette. [28]

Un’altra via di accesso al cervello è stata descritta da Seneff et al., attraverso la migrazione di LNP contenenti mRNA attraverso il nervo vago verso il cervello. [29]

 

Lesioni cerebrali osservate da Pfizer

La seguente schermata tratta dalla documentazione di Pfizer alla FDA, rilasciata su ordine del tribunale, mostra una piccola parte, elencata in ordine alfabetico, delle lesioni osservate nello studio clinico di Pfizer. [Poiché sistema nervoso centrale, cerebrale e cerebellare iniziano tutti con ce, in questa schermata possiamo vedere le lesioni riscontrate nei vasi sanguigni del cervello e del sistema nervoso centrale.

 

Pfizer Worldwide Safety. 5.3.6 Analisi cumulativa delle segnalazioni di eventi avversi post-autorizzazione di PF-07302048 (BNT162B2) ricevute fino al 28 febbraio 2021. P 31. https://phmpt.org/wp-content/uploads/2021/11/5.3.6-postmarketing-experience.pdf
Pfizer Worldwide Safety. 5.3.6 Analisi cumulativa delle segnalazioni di eventi avversi post-autorizzazione di PF-07302048 (BNT162B2) ricevute fino al 28 febbraio 2021. P 31. https://phmpt.org/wp-content/uploads/2021/11/5.3.6-postmarketing-experience.pdf

 

Si tratta di lesioni riscontrate da Pfizer nel suo studio clinico su 44.000 persone alla fine del 2020. Molte di queste lesioni osservate da Pfizer, e presentate alla FDA, nel corso della sperimentazione clinica sono pericolose per la vita.

Ad esempio, la trombosi del seno venoso cerebrale, che rientra tra gli eventi avversi elencati nella schermata precedente, è un evento di coagulazione del sangue altrimenti raro che blocca una via essenziale per l’uscita del sangue dal cervello. Quando la pressione del sangue si accumula nel cervello, si verificano gonfiori, emorragie e conseguenti danni alle strutture neurali.

Si può notare che queste lesioni da trombosi sono tecnicamente al di fuori della BBB perché si verificano in un vaso sanguigno. Tuttavia, qualsiasi coagulo in un vaso sanguigno in qualsiasi parte del cervello ha l’effetto di un cosiddetto infarto spartiacque. Questo è ciò che accade in un ictus o in una lesione più piccola, un attacco ischemico transitorio.

Ciò significa che il vaso sanguigno bloccato da un coagulo ha vasi sanguigni più piccoli che si dipartono da esso a forma di cuneo o di torta. Da quando il coagulo si è incastrato in quel punto, tutti i tessuti di quel cuneo – il bacino – sono stati privati dell’ossigeno e delle sostanze nutritive che il sangue in movimento avrebbe normalmente portato attraverso quei vasi ora occlusi.

Di conseguenza, alcuni tessuti all’interno della barriera ematoencefalica vengono danneggiati a tal punto che la memoria, la cognizione, la parola, la vista, gli altri sensi, la mobilità e il controllo muscolare volontario e/o altre capacità possono subire e subiscono lesioni, come mostrerò di seguito.

Tuttavia, le lesioni del tessuto cerebrale protetto dalla barriera emato-encefalica sono evidenti anche in seguito alla vaccinazione COVID, anche in assenza di trombosi.

 

Meccanismi di lesione cerebrale

Peter McCullough, MD, è l’autore finale dell’articolo di Seneff et al. “A Potential Role of the Spike Protein in Neurodegenerative Diseases: A narrative review”. [31] Egli riassume le loro scoperte:

“Seneff e colleghi descrivono il razionale fisiopatologico dei vaccini COVID-19 nello sviluppo dei disturbi neurocognitivi. Le caratteristiche principali sono: 1) penetrazione dei vaccini nel sistema nervoso centrale, 2) neuroinfiammazione, 3) attivazione della proteina Spike del recettore toll-like-4, 4) ripiegamento della proteina Spike in placche amiloidi, 5) l’esposizione cumulativa con più iniezioni che comporta un rischio maggiore”.

“Ci sono ora prove abbondanti che le nanoparticelle lipidiche sintetiche viaggiano nel cervello e installano il codice genetico (mRNA o DNA adenovirale) per la proteina Spike della SARS-CoV-2. Quando questa proteina viene prodotta e si accumula nel cervello, può causare infiammazione e anche ripiegarsi in una placca amiloide. Pertanto, esiste una forte motivazione per cui alcuni destinatari del vaccino sviluppano una lieve disfunzione cognitiva, una demenza simile all’Alzheimer e altre forme di declino neurocognitivo. Poiché gli anziani sono stati pesantemente vaccinati, molte famiglie e medici attribuiranno i cambiamenti clinici all’età avanzata e non al vaccino. Dovrebbero capire, in ogni singolo caso, che la vaccinazione COVID-19 deve essere considerata un fattore determinante del declino cognitivo in una persona precedentemente sana”.

Un meccanismo di danno al cervello, e a tutti gli altri organi, potrebbe essere il danno ai mitocondri osservato in seguito alla vaccinazione COVID. Abramczyk et al. hanno dimostrato una riduzione in vitro del citocromo C nei mitocondri quando esposti all’mRNA del vaccino COVID. [32] Il citocromo C è essenziale per la fosforilazione ossidativa, che è una funzione essenziale dei mitocondri.

Di conseguenza, viene prodotto meno ATP [adenosina trifosfato]. L’ATP è una molecola che rappresenta l’unità monetaria dell’energia nell’organismo. Viene utilizzata da tutte le cellule per produrre energia. Quando ne abbiamo meno, siamo esausti e più vulnerabili al cancro e ad altre malattie.

Un meccanismo di lesione dei neuroni più noto e più facilmente visualizzabile con la risonanza magnetica è la mielinizzazione. La mielina è la guaina grassa che circonda l’assone di ogni neurone. Essa consente la comunicazione tra i neuroni, con segnali elettrici che saltano rapidamente lungo una guaina mielinica intatta, come quando il cervello dice alla mano di prendere un oggetto, ma che verrebbero rallentati lungo la mielina danneggiata.

 

Suddivisione dei tipi di lesioni neurologiche in seguito ai vaccini COVID

Hosseini e Askari hanno suddiviso le quattro categorie di complicazioni neurologiche della vaccinazione COVID-19 nella figura seguente: [33]

 

Da R Hosseini e N Askari. Una revisione degli effetti collaterali neurologici della vaccinazione COVID-19. 25 febbraio 2023. Eur J Med Res 28. 102. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC9959958/
Da R Hosseini e N Askari. Una revisione degli effetti collaterali neurologici della vaccinazione COVID-19. 25 febbraio 2023. Eur J Med Res 28. 102. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC9959958/

 

Osserviamo l’anatomia di un neurone, dove vediamo la lunga guaina mielinica che ricopre l’assone, che è il condotto di segnalazione da un neurone all’altro, fino al muscolo, che consente l’attività, o nella direzione opposta dalla pelle e dagli organi sensoriali, occhi, orecchie, ecc. che si registra come sensazione percepita nel cervello.

 

© Healthwise, Incorporated. University of Vermont. https://www.uvmhealth.org/healthwise/topic/tp12596
© Healthwise, Incorporated. University of Vermont. https://www.uvmhealth.org/healthwise/topic/tp12596

 

La mielina è vulnerabile alla degradazione e alla vaiolatura per diverse cause ed è stata osservata in seguito alla vaccinazione COVID [34] e a vaccini precedenti, i cui effetti sono visibili alla risonanza magnetica. [Una manifestazione comune della demielinizzazione è la sclerosi multipla (SM). L’esacerbazione della sclerosi multipla esistente o non ancora diagnosticata è stata osservata dopo la vaccinazione COVID, [36] così come la nuova insorgenza della SM. [37] [38]

In seguito alla vaccinazione COVID sono state osservate anche patologie demielinizzanti come la sindrome di Guillain-Barré, [39] [40] [41] la mielite trasversa, [42] e neuropatie simili. [43]

La sindrome di Guillain Barré (GBS) è una patologia autoimmune in cui il sistema immunitario attacca il sistema nervoso – sia i neuroni motori che quelli sensoriali – causando debolezza che può portare alla paralisi, oltre a formicolii e altre sensazioni alterate. Da tempo si osserva che la GBS fa seguito a vaccinazioni precedenti, come quelle per l’epatite B e l’influenza, probabilmente a causa dello sconvolgimento provocato nel sistema immunitario da un ago che trasporta materiale antigenico oltre le difese primarie del sistema immunitario nella pelle e nelle mucose. Su 1.000 casi di GBS post-vaccino segnalati negli Stati Uniti dal 1990 al 2005, 774 si sono verificati entro 6 settimane dalla vaccinazione. [44]

 

© Propel Physiotherapy. https://propelphysiotherapy.com/neurological/guillain-barre-syndrome-treatment/#
© Propel Physiotherapy. https://propelphysiotherapy.com/neurological/guillain-barre-syndrome-treatment/#

 

Uno studio di Lancet ha rilevato che la paralisi di Bell è stata osservata da 3,5 a 7 volte in più nella popolazione vaccinata con COVID rispetto alla coorte non vaccinata. [La paralisi di Bell è una disfunzione del 7° nervo cranico, noto anche come nervo facciale, e comporta la debolezza o la paralisi dei muscoli facciali su un lato del viso, osservabile come un sorriso unilaterale o un ammiccamento invece di un battito di ciglia. Anche la paralisi del nervo abducente (6° nervo cranico) è stata osservata in seguito alla vaccinazione con mRNA. [46] Questo limita il movimento degli occhi lateralmente, influenzando la visione periferica.

In seguito alla vaccinazione con mRNA COVID sono state segnalate anche encefalopatie [47] ed encefaliti [48], nonché crisi epilettiche [49] ed esacerbazione delle crisi in soggetti epilettici [50].

In seguito alla vaccinazione COVID sono stati osservati anche danni funzionali, riconosciuti dalla medicina convenzionale già nel 2021, anno di picco della vaccinazione COVID. [51] [52] In seguito alla vaccinazione COVID sono stati osservati perdita di memoria, afasia, deficit dei nervi motori e sensoriali, debolezza muscolare e tremori. [53] [54] [55] [56] [57]

In altri casi, in seguito alla vaccinazione con COVID mRNA è stato osservato un peggioramento della patologia neurologica preesistente, come il peggioramento della malattia di Parkinson [58] [59] e dei disturbi neurologici funzionali, anche nei giovani. [60]

Su 21 pazienti adulti di un ospedale di Toronto con disturbi funzionali del movimento, il 58% ha sviluppato i sintomi neurologici dopo la vaccinazione COVID e il 22% ha sviluppato tali sintomi dopo l’infezione da COVID. [61]

Un disturbo comune riportato dai medici dopo la vaccinazione COVID è l’acufene, [62] ma non è ancora ben riportato nella letteratura medica e circola in modo aneddotico.

OpenVAERS.com riassume le segnalazioni di eventi avversi a seguito di vaccinazione dal 1990 catalogate nel Vaccine Adverse Events Reporting System (VAERS) del Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani degli Stati Uniti. [63] A differenza di VAERS, Open VAERS.com riassume i dati VAERS per categoria di lesione. [64] Per ogni categoria di lesioni e decessi segnalati al VAERS nei suoi 32 anni di storia, il 2021 e, in misura minore, il 2022 hanno mostrato un numero di segnalazioni molto più elevato rispetto al passato, come si può vedere nella seconda tabella qui sotto, tratta da OpenVAERS, che mostra le segnalazioni di lesioni neurologiche.

Dei 2,4 milioni di eventi avversi mai segnalati al VAERS nei suoi 32 anni di storia, 1,5 milioni di questi eventi sono stati segnalati in seguito ai vaccini COVID, nel corso del loro breve periodo di due anni.

 

 

Il grafico seguente mostra le segnalazioni di Guillain Barré e mielite trasversa per anno. Si può notare che il 2021, l’anno di massima diffusione del vaccino COVID, mostra un’incidenza molto più elevata rispetto agli altri anni.

 

 

È importante conservare copie degli studi sulle lesioni cerebrali e sulle sequele neurologiche conseguenti ai vaccini COVID. In un periodo di censura dilagante nelle pubblicazioni mediche, molti degli studi citati dagli autori qui citati sono già stati rimossi dalla pubblicazione e non sono più accessibili al pubblico. Altri sono dietro paywall, come questa revisione di Alonso-Canovas [65] e molte altre.

Questa scomparsa di eventi avversi documentati da vaccino arriva, purtroppo, in un momento cruciale, quando il mondo inizia a considerare l’entità degli effetti provocati dai vaccini COVID. Prima che i futuri vaccini vengano utilizzati in maniera precipitosa, dovrebbero essere effettuate migliori analisi dei rischi e dei benefici.

 

 

Note: 

[1] H Duvernoy, S Delon, et al.  The vascularization of the human cerebellar cortex.  Oct 1983.  Brain Res Bulletin.  11 (4)  419-480.  https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/0361923083901168

[2] W Pardridge.  A historical review of brain drug delivery.  2022. Pharmaceutics. 14 (6).  https://www.mdpi.com/1999-4923/14/6/1283

[3] W Banks.  Characteristics of compounds that cross the blood-brain barrier.  Jun 12, 2009.  BMC Neurology 9 (S3).  https://bmcneurol.biomedcentral.com/articles/10.1186/1471-2377-9-S1-S3#ref-CR17

[4] W Pardridge.  Gene targeting in vivo with pegylated immunoliposomes.  Methods. Enzymol.  373.  507-528. https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S0076687903730328

[5] W Banks.  Characteristics of compounds that cross the blood-brain barrier.  Jun 12, 2009.  BMC Neurology.  9 (1).  https://bmcneurol.biomedcentral.com/articles/10.1186/1471-2377-9-S1-S3

[6] F Ma, L Yang, et al.  Neurotransmitter-derived lipidoids (NT lipidoids) for enhanced brain delivery through intravenous injection.  Jul 2020. Science Advances. 6 (30). https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7439549/

[7] C Huber.  Does any vaccine stay in the arm? No Mar 7, 2023.  The Defeat of COVID, Substack.

[8]  The BioNTech and Pfizer positive COVID-19 Phase 3 vaccine data comes with an important Canadian connection.  Nov 9, 2020.  https://acuitastx.com/wp-content/uploads/2020/11/BioNTech-Trial-Results-Release.pdf

[9] Acuitas Therapeutics.  Final Report:  Test facility study No. 185350, Sponsor ref No. ALC-NC-0552. Nov 9, 2020.

Appendix 2.  https://phmpt.org/wp-content/uploads/2022/03/125742_S1_M4_4223_185350.pdf

[10]  Ibid. Acuitas Therapeutics.  P.25

[11] Public Health and Medical Professional for Transparency. Documents.  https://phmpt.org/pfizers-documents/

[12] Pfizer.  SARS-CoV-2 mRNA vaccine (BNT162, PF-07302048) 2.6.4 p 16.  https://www.docdroid.net/xq0Z8B0/pfizer-report-japanese-government-pdf

[13] I Trougakos, E Terpos, et al.  Adverse effects of COVID-19 mRNA vaccines: the spike hypothesis.  Jul 2022.  Trends Mol med.  28 (7).  542-554. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC9021367/

[14] European Medicines Agency.  Moderna Assessment Report 2021. Moderna Assessment Report COVID-19 Vaccine Moderna.  EMA/15689/2021.  Corr.1*1.

[15] E Rhea, A Logsdon, et al.  The S1 protein of SARS-CoV-2 crosses the blood-brain barrier in mice.  Mar 2021.  Nat Neurosci.  24 (3)  368-378.  https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8793077/

[16] S Ndeupen, Z Qin, et al.  The mRNA-LNP platform’s lipid nanoparticle component used in preclinical vaccine studies is highly inflammatory.  Dec 17, 2021.  iScience.  24 (12).  https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8604799/

[17] J Huwyler, D Wu, et al.  Brain drug delivery of small molecules using immunoliposomes.  Nov 26, 1996.  PNAS.  https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC19511/

[18] W Pardridge.  Brain gene therapy with Trojan horse lipid nanoparticles.  Preprint. 2023. Trends in Mol Med.  https://www.cell.com/trends/molecular-medicine/pdf/S1471-4914(23)00036-9.pdf

[19] G Bu.  Apolipoprotein E and its receptors in Alzheimer’s disease: pathways, pathogenesis and therapy. May 2009.  Nat Rev Neurosci.  10 (5).  https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2908393/

[20] R Mahley.  Apolipopritein E: cholesterol transport protein with explanding role in cell biology. Apr 29, 1988.   Science.  240 (4852).  622-630.   https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/3283935/

[21] R Rungta, H Choi, et al.  Lipid Nanoparticle delivery of siRNA to silence neuronal gene expression in the brain.  Dec 2013.  Mol Ther  Nucleic Acids.  2 (12). https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3889191/

[22] X Hou, T Zaks, et al.  Lipid nanoparticles for mRNA delivery.  Aug 10, 2021.  Nature Rev. 6. 1078-1094. https://www.nature.com/articles/s41578-021-00358-0

[23] G Nuovo, C Magro, et al.  Endothelial cell damage is the central part of COVID-19 and a mouse model induced by injection of the S1 subunit of the spike protein.  Apr 2021.  Ann Diagn Pathol.  https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7758180/

[24] R Chen, K Wang, et al.  The spatial and cell-type distribution of SARS-CoV-2 receptor ACE2 in the human and mouse brains.  2020.  Front Neurol.  11 (573095).  https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7855591/

[25] E Rhea, A Logsdon, et al.  The S1 protein of SARS-CoV-2 crosses the blood-brain barrier in mice.  Mar 2021.  Nat Neurosci.  24 (3)  368-378.  https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8793077/

[26] T Buzhdygan, B DeOre, et al.  The SARS-CoV-2 spike protein alters barrier function in 2D static and 3D microfluidic in-vitro models of the human blood-brain barrier.  Dec 2020.  Neurobiol Dis.  146 (105131).  https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7547916/

[27] E Kim, M Jeon, et al.  Spike proteins of SARS-CoV-2 induce pathological changes in molecular delivery and metabolic function in the brain endothelial cells.  Oct 2021.  Viruses.  13 (10).  https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8538996/

[28] B DeOre, K Tran, et al.  SARS-CoV-2 spike protein disrupts blood-brain barrier integrity via Rho-A activation.  Oct 2021.  J Neuroimmune Pharmacol.  16 (4).  722-728.  https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8536479/

[29] S Seneff S, A Kyriakopoulos, G Nigh, P McCullough. A Potential Role of the Spike Protein in Neurodegenerative Diseases: A Narrative Review. Feb 2023. Cureus. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC9922164/

[30] Pfizer Worldwide Safety.  5.3.6 Cumulative analysis of post-authorization adverse event reports of PF-07302048 (BNT162B2) received through 28 Feb 2021.  P 31.   https://phmpt.org/wp-content/uploads/2021/11/5.3.6-postmarketing-experience.pdf

[31] S Seneff S, A Kyriakopoulos, G Nigh, P McCullough. A Potential Role of the Spike Protein in Neurodegenerative Diseases: A Narrative Review. Feb 2023. Cureus. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC9922164/

[32] H Abramczyk, B Brozek-Pluska, et al.  Decoding COVID-19 mRNA vaccine immunometablism in central nervous system: human brain normal glial and glioma cells by Raman Imaging.  Mar 2, 2022.  BioRxiv.  https://www.biorxiv.org/content/10.1101/2022.03.02.482639v1.full

[33] R Hosseini and N Askari.  A review of neurological side effects of COVID-19 vaccination.  Feb 25, 2023.  Eur J Med Res  28.  102.  https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC9959958/

[34] A Chatterjee, A Chakravarty.  Neurological complications following COVID-19 vaccination.  Nov 16, 2022.  Current Neurol and Neurosci Rep.  23.  1-14.  https://link.springer.com/content/pdf/10.1007/s11910-022-01247-x.pdf

[35] M Malin, J Lin, et al.  Two cases of neurological complications after mRNA vaccination for COVID-19 (P1-1.Virtual).  May 3, 2022.  Neurobiology.  98 (18 Supplement).  https://n.neurology.org/content/98/18_Supplement/1603

[36] C Quintanilla-Bordás, F Gascón-Gimenez, et al.  Case report: Exacerbation of relapses following mRNA COVID-19 vaccination in multiple sclerosis: A case series.  Apr 27, 2022.  Front Neurol. 13 (2022).  https://www.frontiersin.org/articles/10.3389/fneur.2022.897275/full

[37] A Watad, G DeMarco, et al.  Immune-mediated disease flares or new-onset disease in 27 subjects following mRNA / DNA SARS-CoV-2 vaccination.  May 2021.  Vaccines (Basel).  9 (5).  435.  https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8146571/

[38] J Havla, Y Schultz, et al.  First manifestation of multiple sclerosis after immunization with Pfizer-BioNTech COVID-19 vaccine.  Jun 11, 2021.  J Neurol.   269 (1).  55-58. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8193159/

[39] J Chalela, C Andrews, et al.  Reports of Guillain-Barré syndrome following COVID-19 vaccination in the USA: an analysis of the VAERS database.  Mar 2023.  J Clin Neurol.  https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC9982177/

[40] J Ha, S Park, et al.  Real-world data on the incidence and risk of Guillain-BarrS Park et al.  Real-world data on the incidence and risk of Guillain-Barré syndrome following SARS-CoV-2 vaccination: a prospective surveillance study.  Mar 7, 2023.  Sci Rep.  13.  3773.  https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC9989583/

[41] S Waheed, A Bayas, et al.  Neurological complications of COVID-19: Guillain-Barré Syndrome following Pfizer COVID-19 vaccine.  Feb 2021.  Cureus.  13 (2).  E 13426.  https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7978140/

[42] P McLean, L Trefts.  Transverse myelitis 48 hours after the administration of an mRNA COVID-19 vaccine.  2021.  Neuroimmunol Rep.  https://scholar.google.com/scholar_lookup?journal=Neuroimmunology+Reports&title=Transverse+myelitis+48+hours+after+the+administration+of+an+mRNA+COVID+19+vaccine&author=P+McLean&author=L+Trefts&volume=1&publication_year=2021&pages=100019&doi=10.1016/j.nerep.2021.100019&

[43] E Sukockiené, G Breville, et al.  Case series of acute peripheral neuropathies in individuals who received COVID-19 vaccination.  Mar 2023.  Medicina Kaunas.59 (3).  501. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC10054424/#

[44] N Souayah, A Nasar, et al.  Guillain-Barré syndrome after vaccination in United States: Data from the Centers for Disease Control and Prevention / Food and Drug Administration Vaccine Adverse Event Reporting System (1990-2005).  Sep 2009.  Clin Neuromusc Dis.  11 (1).  1-6.  https://journals.lww.com/jcnmd/Abstract/2009/09000/Guillain_Barr__Syndrome_after_Vaccination_in.1.aspx

[45] A Ozonoff, E Nanishi, et al.  Bell’s palsy and SARS-CoV-2 vaccines.  Apr 2021. The Lancet Inf Dis.  21 (4) pp 450-452.  https://www.thelancet.com/journals/laninf/article/PIIS1473-3099(21)00076-1/fulltext

[46] D Reyes-Capo, S Stevens, et al.  Acute abducens nerve palsy following COVID-19 vaccination.  May 24, 2021.  JAAPOS.  25 (5).  Pp 302-303.  https://www.jaapos.org/article/S1091-8531(21)00109-9/fulltext

[47] B Liu, C Ugolini, et al.  Two cases of post-Moderna COVID-19 vaccine encephalopathy associated with nonconvulsive status epilepticus. Jul 4, 2021.  Cureus.  https://www.cureus.com/articles/56583-two-cases-of-post-moderna-covid-19-vaccine-encephalopathy-associated-with-nonconvulsive-status-epilepticus#!/

[48] Y Kobayashi, S Karasawa, et al.  A case of encephalitis following COVID-19 vaccine. Jul 2022.  J Infection and Chemo. 28 (7).  Pp 975-977.  https://www.jiac-j.com/article/S1341-321X(22)00049-6/fulltext

[49] A Makhlouf, M Van Alphen, et al.  A seizure after COVID-19 vaccination in a patient on Clozapine.  Apr 6, 2021.  J Clin Psychopharmac.  https://journals.lww.com/psychopharmacology/Citation/2021/11000/A_Seizure_After_COVID_19_Vaccination_in_a_Patient.16.aspx

[50] R von Wrede, J Pukropski, et al.  COVID-19 vaccination in patients with epilepsy:  First experiences in a German teritary epilepsy center.  Jun21  2021.  Epilepsy & Behavior.  https://www.epilepsybehavior.com/article/S1525-5050(21)00420-0/fulltext

[51] S Assiri, R Althaqafi, et al.  Post COVID-19 vaccination-associated neurological complications.  Neuropsychiatr Dis Treat.  Feb 2, 2022.  18.  137-154.  https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8818972/

[52] J George.  Vaccine effect or functional neurological disorder?  Aug 23, 2021.  MedPage Today.  https://www.medpagetoday.com/neurology/generalneurology/94151

[53] M Khayat-Khoei, S Bhattacharyya, et al.  COVID-19 mRNA vaccination leading to CNS inflammation: a case series.  Sep 4, 2021.  J Neurol.  269 (3).  1093-1106.  https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8417681/

[54] M Butler, J Coebergh, et al.  Functional neurological disorder after SARS-CoV-2 vaccines:  Two case reports and discussion of potential public health implications.  Jul 15, 2021.  J Neuropsych.  https://neuro.psychiatryonline.org/doi/10.1176/appi.neuropsych.21050116

[55] T Ercoli, L Lutzoni, et al.  Functional neurological disorder after COVID-19 vaccination.  Jul 29, 2021.  Neurolo Sci.  42: 3989-3990.  https://link.springer.com/article/10.1007/s10072-021-05504-8

[56] W Waheed, M Carey, et al.  Post COVID-19 vaccine small fiber neuropathy. Apr 13, 2021.  Muscle & Nerve.    https://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1002/mus.27251

[57] S Assiri, R Althaqafi, et al.  Post COVID-19 vaccination-associated neurological complications.  Neuropsychiatr Dis Treat.  Feb 2, 2022.  18.  137-154.  https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8818972/

[58] G Imbalzano, C Ledda, et al.  SARS-CoV-2 vaccination, Parkinson’s disease, and other movement disorders: case series and short literature review.  Jun 6, 2022.  Neurol Sci.  43.  5165-5168.  https://link.springer.com/article/10.1007/s10072-022-06182-w

[59] R Erro, A Buonomo, et al. Severe dyskinesia after administration of SARS-CoV-2 mRNA vaccine in Parkinson’s disease. Aug 19, 2021.  Movement Disorders.  36 (10)  https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8441657/

[60] N Lim, N Wood, et al.  COVID-19 vaccination in young people with functional neurological disorder: A case-control study.  Dec 2022.  Vaccines. 10 (12)  2031.  https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC9782633/

[61] W Fung, Q Sa’di, et al.  Functional disorders as a common motor manifestation of COVID-19 infection or vaccination  Dec 8 2022  Eur J Neurol.  30 (3).  678-691. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC9878181/

[62] D Parrino, A Frosolini, et al.  Tinnitus following COVID-19 vaccination report of three cases.  Jun 13, 2021.  Int J Audiol.  61 (6).  526-529.  https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/34120553/

[63] Vaccine Adverse Event Reporting System.  https://vaers.hhs.gov/

[64] OpenVAERS.com. Updated Mar 31, 2023.  https://OpenVAERS.com

[65] A Alonso-Canovas, M Kurtis, et al. Functional neurological disorders after COVID-19 and SARS-CoV-2 vaccines: a national multicentre observational study. [Letter; study of 27 vaccinated patients].  Apr 7, 2023.  J Neurol Neurosurg Psychiatry.  https://jnnp.bmj.com/content/early/2023/03/07/jnnp-2022-330885

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments