Santa Sofia, Istambul

Santa Sofia, Istambul

 

 

di Ines Murzaku

 

La cancellazione della storia è diventata popolare in questi giorni. È iniziata in America, ma si è diffusa in Italia, Spagna, Inghilterra, Belgio e, più recentemente, in Turchia.  Alcune delle tecniche principali prevedono il rovesciamento e la dissacrazione di monumenti e statue che fungono da musei all’aperto, che raccontano la storia delle persone che hanno fatto la storia. Si può iniziare a conoscere la storia di una città esplorando le statue e i monumenti nei parchi cittadini e nelle aree comuni.

Il Presidente turco Tayyip Erdogan si è appena unito agli altri dichiarando la sua intenzione di convertire la maestosa Basilica cristiana, Hagia Sophia (Chiesa della Santa Sapienza) – attualmente museo nazionale e uno dei siti più visitati della Turchia – in una moschea. E il Consiglio di Stato, il più alto organo amministrativo della Turchia, ha deciso che lui può farlo.

Qual è la storia di Hagia Sophia?

Si distingue per la sua indescrivibile bellezza, che eccelle sia per le sue dimensioni, sia per l’armonia delle sue misure, non avendo nessuna parte in eccesso e nessuna in difetto, essendo più magnificente degli edifici ordinari, e molto più elegante di quelli che non sono di così semplice proporzione. La chiesa è singolarmente piena di luce e di sole; uno direbbe che il luogo non è illuminato dal sole dall’esterno, ma che i raggi siano prodotti al suo interno, tanta è l’abbondanza di luce che viene riversata in questa chiesa.

Procopio di Cesarea (circa 500-565 d.C.), un importante storico bizantino, descrisse così Hagia Sophia di Costantinopoli (ora Istanbul) nel suo libro De Aedificiis (Sugli edifici), scritto intorno al 554.  Accreditò anche l’imperatore Giustiniano come promotore di questa magnifica opera, tra gli altri.

La chiesa di Giustiniano divenne un’icona di Costantinopoli, la capitale dell’Impero Romano d’Oriente. L’imperatore fu così contento del risultato che, durante la sua cerimonia di dedicazione nel dicembre 537, esclamò: “O Salomone, ti ho superato”, paragonando la chiesa al Tempio di Salomone a Gerusalemme.

Per 900 anni, Hagia Sophia fu il centro dell’Impero Bizantino: la sede del Patriarca ecumenico di Costantinopoli; il luogo dove si riunivano i concili ecumenici e si incoronavano gli imperatori, e si tenevano veglie notturne e maestose processioni fino alla caduta di Costantinopoli ad opera degli Ottomani il 29 maggio 1453.

Il sultano Maometto II, camminando per le strade della città conquistata, “scese [dal cavallo] davanti alla porta della chiesa e si chinò per prendere una manciata di terra, che poi cosparse sul suo turbante come atto di umiltà davanti a Dio”. Il sultano convertì la Chiesa di Hagia Sophia nella Grande Moschea di Aya Sofya, che rimase tale fino al 1934, quando un decreto del primo presidente della Repubblica Turca, Mustafa Kemal Atatürk, trasformò l’edificio in un museo.

Nel 1985, l’UNESCO – l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura – dichiarò l’edificio Patrimonio dell’Umanità.

Perché è importante che venga mantenuto lo status di museo di Hagia Sophia?

È importante per la storia e per le persone, sia cristiane che musulmane. È importante preservare la memoria, e i musei e le statue si sono dimostrati custodi della cultura e della religione – di ciò che merita di essere conservato, ricordato, custodito e trasmesso alle generazioni future.

Come ricordo sia della Chiesa di Hagia Sophia che della Moschea di Aya Sofya, il museo ha avuto una provata legittimazione. Il museo non è servito solo come testimonianza di una storia secolare, ma anche come trasmettitore di conoscenza dall’Impero Bizantino-Romano e Ottomano alla Repubblica Turca di Atatürk. Questo magnifico oggetto, un tempo religioso, è un ricordo visibile e tangibile degli imperi e delle religioni del mondo mediterraneo, splendidamente sintetizzato in questo sito.

Fin dall’inizio della sua carriera politica, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan si è dispiaciuto per la trasformazione della moschea di Aya Sofya in museo da parte di Atatürk. Preferisce invece una cancellazione di oltre 900 anni di storia cristiana, alla grande costernazione del Patriarca ecumenico di Costantinopoli, di Bartolomeo I, del Patriarca russo Kirill e di Papa Francesco.

Per Bartolomeo I, Hagia Sophia è un luogo santo in cui l’Oriente e l’Occidente si sono abbracciati, e l’annullamento di questa memoria causerà una brusca rottura tra questi due mondi. Mantenendo il suo status di museo, il sito avrebbe continuato a servire da esempio di solidarietà e di comprensione reciproca tra il cristianesimo e l’Islam.

Il patriarca russo Kirill considera la trasformazione del museo di Hagia Sophia in moschea una minaccia per il cristianesimo. In una recente intervista con Interfax, il metropolita Hilarion, capo del Dipartimento per le relazioni esterne della Chiesa del Patriarcato di Mosca, ha espresso il suo disappunto per l’atteggiamento di Erdogan di cancellazione della storia, dicendo: “Hagia Sophia è patrimonio dell’umanità. Non è senza ragione che le discussioni sul cambiamento del suo status hanno scosso tutto il mondo, e soprattutto il mondo cristiano. La chiesa è dedicata a Cristo, Sophia la Sapienza di Dio è uno dei nomi di Cristo”.

Proprio questo fine settimana, papa Francesco, che ha fatto di tutto per coltivare i rapporti con i musulmani, ha parlato con una franchezza atipica: “Il mio pensiero va a Istanbul. Penso a Santa Sofia. Sono molto addolorato”.

La storia non può essere distrutta, cancellata o cambiata. Anche alcuni turchi si sono opposti agli sforzi del loro presidente per farne un’unica, falsa storia.

Per i cattolici, la storia ha un significato trascendente, un messaggio da trasmettere e una lezione da imparare – e lo storico è chiamato a discernere le radici di questo significato. La storia non è lineare o ideologica – o, peggio, da essere usata a fini politici – ma richiede continuamente nuove riflessioni e nuove analisi, affinché il passato sia rivisitato e non si ripetano errori.

Il grande filosofo romano Marco Tullio Cicerone scrisse nel De Oratore, Historia magistra vitae est (“La storia è maestra di vita”). La storia, i suoi monumenti e i suoi musei, non devono essere distrutti o cancellati, soprattutto nel tentativo di dominare il presente. Hanno il diritto di parlarci – e di essere ascoltati.

Per quanto riguarda Hagia Sophia, il tempo ci dirà come si svolgerà la moda della cancellazione della storia in Turchia. Per ora, sembra che le preghiere dei musulmani saranno di nuovo ascoltate il 27 luglio nella magnifica struttura della Chiesa d’Oriente.

 

Pubblicato su The Catholic Thing

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print