Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Eric Sammons e pubblicato su Crisis magazine. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

Chiesa irlandese diroccata

 

Recentemente la Società tradizionalista di San Pio X (SSPX) ha consacrato una nuova chiesa nella cittadina di St. Mary, in Kansas. A prima vista, questa sembra una non notizia. Tuttavia, si consideri che alla consacrazione hanno partecipato più di 3.000 persone (l’intera popolazione della cittadina è inferiore a questa cifra!); la chiesa è ora la più grande chiesa della SSPX in America; la nuova chiesa è un segno della crescita della SSPX negli ultimi anni; e molte diocesi cattoliche sono nel mezzo della chiusura di chiese. Questo rende la notizia degna di nota.

Questo contrasto – la SSPX che cresce e costruisce chiese mentre le diocesi cattoliche chiudono chiese – dovrebbe sollevare domande nella mente dei leader cattolici, specialmente dei nostri vescovi: Perché c’è un contrasto, innanzitutto? Cosa c’è di attraente nella SSPX? Perché sta crescendo in questo Paese mentre le parrocchie cattoliche ordinarie stanno diminuendo?

Purtroppo, sembra che i nostri vescovi non si stiano ponendo queste domande; in realtà, sembrano del tutto incuriositi, persino a volte antagonisti, riguardo a questa contrapposizione.

Per i nostri scopi qui, ignoriamo lo status canonico irregolare della SSPX. È irrilevante per il punto che sto cercando di fare. Ciò che conta è perché attraggono persone quando la maggior parte delle parrocchie cattoliche le respinge. I vescovi non dovrebbero avere la testa sotto la sabbia e rifiutarsi di vedere oltre i loro confini canonici per trovare esempi di successo nella promozione della religione.

In realtà, i vescovi dovrebbero guardare a tutti gli organismi religiosi che attraggono nuovi membri ed esplorare ciò che li rende attraenti, sia che si tratti di parrocchie con Messa latina tradizionale (TLM) canonicamente regolare, di parrocchie cattoliche carismatiche, di chiese protestanti evangeliche o anche di organismi religiosi non cristiani che hanno successo.

In un momento in cui la pratica religiosa è in rapido declino in questo Paese, un sottoinsieme in rapida crescita della fede, di qualsiasi fede in realtà, è un’anomalia che dovrebbe interessare qualsiasi guida religiosa. Invece di essere troppo impegnati a difendere lo status quo e a gestire il declino della Chiesa, i vescovi devono esplorare a fondo quali pratiche religiose sono attraenti per l’uomo moderno.

Il punto non è che le parrocchie cattoliche debbano semplicemente scimmiottare altri organismi che hanno successo. Ci sono tratti e pratiche che è meglio evitare, anche se risultano in crescita. Per esempio, se si scoprisse che quasi tutti coloro che frequentano le parrocchie della SSPX sono lì semplicemente perché è “fuori” dai confini canonici della Chiesa – cioè sono attratti dal suo status di “canaglia” – allora non sarebbe qualcosa da emulare.

Allo stesso modo, se il successo di una mega-chiesa protestante si basasse sull’emotività o su rigori morali poco rigorosi, allora non sarebbe qualcosa da abbracciare per le parrocchie cattoliche. L’uomo è decaduto e, a causa della concupiscenza, è spesso attratto da cose che sono effettivamente dannose.

Detto questo, l’uomo è anche attratto dalla verità, dalla bellezza e dalla bontà, e quindi se ci sono elementi di queste realtà che attraggono le persone verso queste parrocchie e organismi religiosi in crescita, allora i leader cattolici dovrebbero prenderne atto.

Quasi due anni fa abbiamo condotto un’indagine sulle parrocchie che celebrano la Messa di Natale (è stata condotta poco prima della pubblicazione della Traditionis Custodes) e abbiamo riscontrato una crescita drammatica della partecipazione a queste Messe nei due anni precedenti, in un momento in cui la partecipazione alle parrocchie cattoliche regolari stava diminuendo in modo significativo. Perché? Qualche vescovo o funzionario della cancelleria si sta ponendo questa domanda? Stanno conducendo studi per scoprirlo?

Non si tratta solo della TLM. La parrocchia di Nostra Signora del Rosario a Greenville, nella Carolina del Sud, è, in apparenza, una normale parrocchia diocesana che celebra il Novus Ordo in una città di medie dimensioni del Sud. Sembra una cosa ordinaria, vero? Eppure, le famiglie cattoliche si trasferiscono da tutto il Paese per far parte di questa parrocchia (e della sua scuola). Perché? Non è forse qualcosa che qualcuno del Comitato per l’evangelizzazione dell’USCCB (la Conferenza Episcopale degli Stati Uniti, ndr) potrebbe chiedere al suo parroco?

Ora, i cattolici che si lamentano del negativismo saranno fin troppo veloci nel liquidare questi esempi. “Stanno solo prendendo persone da altre parrocchie del Novus Ordo! Non è una vera crescita!”. In primo luogo, dubito che questi critici abbiano effettivamente esaminato i numeri per vedere se questo è vero. Ma anche se lo fosse – e allora? Questo non dovrebbe portare i vertici cattolici a chiedersi perché i cattolici sono disposti a lasciare la loro parrocchia locale per frequentarne un’altra, che magari è molto più lontana e comporta maggiori sacrifici?

Ciò che i nostri vescovi devono fare è scoprire che cosa fanno esattamente di buono questi gruppi religiosi di maggior successo. È forse una maggiore riverenza? Un richiamo più forte a uno stile di vita più disciplinato? Una maggiore attenzione alla persona di Gesù Cristo? Un sistema morale più elevato. Queste sono cose che ogni parrocchia cattolica dovrebbe abbracciare e, se non lo fanno, i vescovi dovrebbero essere i primi a sollecitare i loro sacerdoti a farlo.

La triste realtà è che la pratica religiosa sta rapidamente scomparendo in questo Paese. È improbabile che i vescovi possano fare qualcosa per invertire questa tendenza: potrebbero solo rallentarla un po’. Ma ogni statistica rappresenta anime che hanno bisogno di Cristo, e quindi i vescovi falliscono nel loro compito primario di pastori se non lavorano per attirare quelle statistiche – quelle anime – di nuovo nel gregge.

I vescovi non dovrebbero cercare la crescita per il gusto di crescere, ma se le anime si perdono perché i vescovi sono incuriositi dai modi per attirarle legittimamente, allora devono pentirsi della loro indifferenza e imparare da coloro che fanno ciò che funziona, indipendentemente da chi siano.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments