Articolo di Katabella Roberts, pubblicato da Epoch Times, nella nostra traduzione.

 

vaccino Moderna (REUTERS/Mike Segar/File Photo)
vaccino Moderna (REUTERS/Mike Segar/File Photo)

 

Un numero crescente di decessi COVID-19 si sta verificando tra le persone negli Stati Uniti che sono state vaccinate, secondo i dati federali.

Nell’agosto del 2021, circa il 18,9% dei decessi per COVID-19 si era verificato tra individui vaccinati, come mostra un’analisi dei dati di ABC News. Sei mesi dopo, nel febbraio 2022, quella cifra era salita a oltre il 40% quando la variante Omicron, altamente trasmissibile, si è diffusa in tutto il mondo.

Allo stesso modo, nel settembre 2021, solo l’1,1% dei decessi covid-19 si è verificato tra gli americani che erano stati completamente vaccinati e avevano ricevuto il booster una volta. Cinque mesi dopo, a febbraio, quella percentuale era salita a circa il 25%, secondo ABC News.

Un’analisi separata dei dati federali della CNN mostra che nella seconda metà di settembre 2021, quando la variante Delta era al suo apice, meno di un quarto di tutti i decessi COVID-19 erano tra individui vaccinati con almeno due dosi dei vaccini mRNA Moderna o Pfizer/BioNTech o una singola dose del vaccino Johnson & Johnson. Tuttavia, pochi mesi dopo, a gennaio e febbraio, quando Omicron è aumentato, quella cifra era salita al 40%.

Alcuni esperti ritengono che l’aumento delle morti tra le persone completamente vaccinate o “contagiate di ritorno” tra coloro che hanno ricevuto tutti i vaccini non sia eccessivamente preoccupante, dicendo che sia a motivo del fatto che mentre sempre più persone si vaccinano completamente, emergono nuove varianti e la protezione vaccinale inizia a diminuire man mano che meno persone continuano a ricevere richiami.

“Questi dati non dovrebbero essere interpretati come vaccini che non funzionano. In effetti, queste analisi del mondo reale continuano a riaffermare l’incredibile protezione che questi vaccini offrono soprattutto quando sono aggiornati con i booster “, ha detto John Brownstein, epidemiologo del Boston Children’s Hospital e collaboratore di ABC News.

Nonostante un numero crescente di decessi tra i vaccinati, i Centers for Disease Control and Prevention (CDC) affermano che i vaccini sono sicuri ed efficaci. I dati dell’agenzia governativa affermano che, nel complesso, il rischio di morte per COVID-19 è circa cinque volte superiore negli individui non vaccinati rispetto a quelli che hanno avuto almeno la dose iniziale di un vaccino.

Tuttavia, in alcuni casi, sono stati documentati eventi avversi gravi come trombosi con sindrome da trombocitopenia (coaguli di sangue), miocardite (infiammazione del muscolo cardiaco) e pericardite (infiammazione del rivestimento esterno del cuore).

A partire dal 4 maggio, circa 257,9 milioni di persone negli Stati Uniti, o il 77,7% della popolazione totale della nazione hanno ricevuto almeno una dose di vaccino, mentre circa 219,9 milioni di persone, o il 66,2% della popolazione totale degli Stati Uniti, sono state completamente vaccinate.

Circa 100,9 milioni di coloro che sono completamente vaccinati hanno ricevuto un richiamo, mentre il 49,4% di quelli idonei per i richiami non ne hanno ancora avuto uno.

Mentre la variante Omicron attraversava la nazione, un numero crescente di individui vulnerabili e anziane veniva ricoverato in ospedale e il 73% dei decessi è stato tra quelli di 65 anni e più, nonostante il fatto che il 90% degli anziani abbia ricevuto tutti i vaccini.

Tuttavia, una grande percentuale – un terzo di loro – non ha ancora ricevuto il richiamo.

“Questa tendenza all’aumento del rischio tra gli anziani supporta ulteriormente la necessità di un’immunizzazione a livello di comunità”, ha detto Brownstein. “Le popolazioni più anziane, specialmente quelle con condizioni di base, continuano ad essere a grande rischio di gravi complicazioni, specialmente quando l’immunità diminuisce. Il modo migliore per proteggerli è assicurarsi che tutti intorno a loro siano completamente immunizzati”.

I dati arrivano un mese dopo che la società farmaceutica e biotecnologica Moderna ha dichiarato che i risultati preliminari del suo studio su un vaccino COVID-19 destinato a proteggere dalle varianti hanno mostrato che ha superato il vaccino di richiamo attualmente autorizzato dell’azienda, mRNA-1273.

Moderna ha detto il 19 aprile che il suo vaccino mRNA-1273.211 (moderna, ndr), il suo primo candidato vaccino di richiamo bivalente, ha mostrato “superiorità” contro le varianti Beta, Delta e Omicron del virus un mese dopo essere stato somministrato, rispetto al richiamo del suo vaccino originale attualmente in uso.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments