I dati dei sistemi di segnalazione degli eventi avversi dei vaccini negli Stati Uniti (VAERS), nell’UE (EUDRA) e nel Regno Unito (MHRA) indicano che le vaccinazioni Covid sono già state associate a circa 5000 morti e diverse migliaia di “eventi avversi” non banali, tra cui shock anafilattici (allergici), paralisi facciale temporanea, disturbi cardiovascolari e, in alcuni casi, aborti. Sono cifre sottostimati perché i sistemi di segnalazione dei vaccini coprono tipicamente solo una frazione degli effetti collaterali.

La denuncia di un medico londinese al British Medical Journal “I livelli di malattia dopo la vaccinazione sono senza precedenti e il personale si sta ammalando molto e alcuni con sintomi neurologici, il che sta avendo un enorme impatto sul servizio sanitario. Anche i giovani e i sani sono fuori per giorni, alcuni per settimane, e alcuni richiedono cure mediche. Intere squadre vengono fatte fuori perché sono andate a farsi vaccinare insieme”.

Alla luce delle documentate informazioni riportate in questo articolo, sarebbe da chiedere un’interrogazione parlamentare in merito al DL n. 44 del 1/4/2021 che impone nel nostro paese la vaccinazione Covid obbligatoria al personale che opera in ambito sanitario…

Editoriale di Neville Hodgkinson pubblicato il 6 aprile 2021 su The conservative woman, nella traduzione di Wanda Massa.

 

vaccino-covid

 

Più di 30 milioni di britannici hanno ricevuto il vaccino Covid-19, la grande maggioranza senza alcuna reazione avversa immediata. Alcuni hanno sofferto di effetti collaterali che hanno causato alcuni giorni, e in alcuni casi settimane, di malattia, specialmente con il vaccino Pfizer, ma secondo i produttori questo significa che è stata sviluppata una robusta difesa contro il virus. Pfizer ha detto giovedì scorso che dopo sei mesi, una prova continua del suo prodotto mostra di essere altamente efficace nella prevenzione della malattia grave, con “nessuna seria preoccupazione per la sicurezza“.

Nel frattempo, le autorità di regolamentazione britanniche hanno seguito le agenzie altrove nel segnalare rari eventi di coaguli di sangue legati al vaccino AstraZeneca, tra cui sette morti, pur insistendo che i suoi benefici nella prevenzione del Covid superano qualsiasi rischio.

Le preoccupazioni persistono, tuttavia. Uno di questi è un meccanismo noto agli scienziati per cui il vaccino potrebbe contribuire alle morti, soprattutto quando somministrato in concomitanza con l’infezione virale stessa. Una cosiddetta proteina “spike” che rende la SARS-COV-2 particolarmente pericolosa, e che i vaccini generano per preparare il corpo a combattere il virus, potrebbe causare lo stesso tipo di danno del virus.

Il gruppo indipendente Swiss Policy Research (SPR) ha attirato l’attenzione su un avvertimento pubblicato dalla US Food and Drug Administration in dicembre dal medico statunitense Dr Patrick Whelan, secondo il quale i vaccini basati sulla proteina spike possono essi stessi innescare i sintomi di una grave affezione Covid, compresi coaguli di sangue, infiammazione del cervello e danni a cuore, fegato e reni.

Whelan, uno specialista pediatrico che si occupa di bambini affetti da sindrome infiammatoria multisistemica, ha sollecitato particolare cautela nel dare il vaccino a bambini e giovani adulti, che normalmente combattono l’infezione da coronavirus nelle sue prime fasi.

Gli studi in cui la proteina completa è stata iniettata nei topi hanno dimostrato che è una potente tossina per il cervello, mentre una forma troncata della proteina era molto meno dannosa.

Mentre ci sono pezzi di questo puzzle che devono ancora essere risolti, sembra che la proteina virale spike che è l’obiettivo dei principali vaccini SARS-COV-2 è anche uno degli agenti chiave che causano il danno agli organi distanti che possono includere il cervello, il cuore, i polmoni e i reni“, ha scritto Whelan. “Prima che uno qualsiasi dei vaccini sia approvato per l’uso diffuso negli esseri umani –  ha detto – ci dovrebbe essere una valutazione degli effetti sul cuore, forse utilizzando la risonanza magnetica cardiaca, e anche utilizzando biopsie della pelle per rilevare i danni ai tessuti distanti“.

Per quanto sia importante arrestare rapidamente la diffusione del virus immunizzando la popolazione, sarebbe molto peggio se centinaia di milioni di persone dovessero subire danni duraturi o addirittura permanenti al cervello o alla microvascolatura cardiaca a causa del mancato apprezzamento a breve termine di un effetto indesiderato dei vaccini basati sulle proteine spike a lunghezza intera su questi altri organi“.

Un meccanismo di questo tipo potrebbe essere stato all’opera nella tragica perdita di vite umane subita da Gibilterra, riportata qui il 29 marzo. Nell’arco di poche settimane la Rocca ha subito 94 morti, dando il più alto tasso di mortalità Covid del mondo, proporzionale alla sua affiatata comunità di meno di 34.000 persone. 

La SARS-COV-2 è stata segnalata per la prima volta a Gibilterra nel marzo dello scorso anno e l’11 novembre c’erano stati 842 casi confermati, con un solo decesso. Il 10 gennaio, quando è iniziato un intenso lancio del vaccino Pfizer, i casi erano saliti a 3.109. A quel punto c’erano stati 16 decessi. Ma tre settimane dopo, con 13.286 vaccini somministrati, il totale era salito a 78, su 4.128 casi confermati. La maggior parte delle vittime si trovava tra gli anziani, che avevano la priorità per il vaccino.

In seguito, il numero dei morti è aumentato più gradualmente, raggiungendo 93 alla fine di febbraio, quando erano state somministrate 36.808 dosi. Da allora c’è stato solo un altro decesso.

Dopo quasi un anno di misure rigorose per controllare la diffusione del virus, molti sulla Rocca sono grati per il lancio, che ha reso il territorio britannico il primo posto al mondo ad aver vaccinato l’intera popolazione adulta contro il Covid-19. Ora non ci sono pazienti di Covid in ospedale e non sono stati segnalati nuovi casi.

Ma dopo la pubblicazione del nostro rapporto, alcuni abitanti di Gibilterra ci hanno contattato per dire che considerano il risultato come una vittoria di Pirro. Sono arrabbiati per i disagi causati da quasi un anno di isolamento, solo per essere seguiti da una perdita di vite umane da record; da una mancanza di trasparenza all’interno delle autorità mediche sulle circostanze delle morti, con il rifiuto di riconoscere che il vaccino potrebbe aver giocato un ruolo; e dal trionfalismo che circonda il successo della campagna di vaccinazione, che vedono come una distrazione da qualsiasi esame delle circostanze che hanno portato alla grave perdita di vite umane.

Un assaggio della sofferenza dietro i numeri è emerso in uno scambio sulla pagina Facebook del governo di Gibilterra, in cui una persona ha scritto: “Ho un padre di 85 anni che ha preso il vaccino. Sono completamente d’accordo con te sul fatto che hanno perso la voglia di vivere. Semplicemente non gli interessa più. Sono troppo deboli e vecchi per fare la differenza. Vivere come sono è insopportabile. Prendere l’iniezione è una vittoria per loro, pensano. Se non li uccide, saranno in grado di fare più cose; se li uccide, ne saranno fuori. Estremamente triste.  Mi si spezza il cuore a vedere mio padre così“.

Se Gibilterra fosse la sola a segnalare un potenziale pericolo del vaccino, la mancanza di attenzione alla tragedia potrebbe essere comprensibile.

Ma non è questo il caso.

Il gruppo SPR ha recentemente notato che i dati provenienti dai sistemi di segnalazione degli eventi avversi dei vaccini negli Stati Uniti, nell’UE e nel Regno Unito indicano che le vaccinazioni Covid sono già state associate a circa 5.000 morti, e diverse migliaia di eventi non banali tra cui shock anafilattico, paralisi facciale temporanea, disturbi cardiovascolari e aborti. Le cifre possono essere una sottostima, perché i sistemi di segnalazione dei vaccini in genere coprono solo una frazione degli eventi avversi.

Come i siti di fact-checking ci ricordano costantemente, associazione non significa causalità. Alcuni degli eventi possono essere coincidenti e non collegati alla vaccinazione. Tuttavia, le circostanze sono spesso tali da rendere ragionevole dedurre un rapporto di causa-effetto, che è il motivo per cui i medici e altri si sono presi la briga di segnalarli. 

Negli Stati Uniti, il 47% dei decessi si è verificato in persone che si sono ammalate entro 48 ore dalla vaccinazione, e il 31% entro 48 ore dalla vaccinazione stessa.  L’età media era di 78 anni, e il caso più giovane aveva 23 anni.  Inoltre, dice il gruppo, negli Stati Uniti e in Europa messi insieme, diverse centinaia di casi di cecità, sordità e aborto spontaneo sono stati riportati poco dopo le vaccinazioni Covid.  

Rispetto alle centinaia di milioni di vaccini somministrati, e anche al tasso di mortalità del Covid, i numeri sono piccoli. SPR dice: ‘Ma rispetto agli standard per i prodotti medici sicuri, questi numeri sono certamente significativi. Inoltre, si sa poco sul profilo di sicurezza a lungo termine dei vaccini Covid“.

SPR nota anche che Israele, che come Gibilterra ha vantato livelli record di vaccinazione con il vaccino Pfizer, sta riportando un aumento inspiegabile di morti per tutte le cause. All’inizio di marzo, circa il 90% della popolazione israeliana di età superiore ai 65 anni, e circa la metà dell’intera popolazione, era stata vaccinata. I decessi per covid hanno iniziato a diminuire dalla fine di gennaio, anche se non più velocemente che in alcuni paesi con un tasso di vaccinazione molto basso.

Ma da metà febbraio, le morti per tutte le cause sono aumentate. Questo contrasta con molti paesi europei (tra cui il Regno Unito), dove si registrano meno morti del normale per il periodo dell’anno, dopo l’aumento invernale causato dal coronavirus.

La causa dietro questo nuovo aumento della mortalità israeliana per tutte le cause sembra essere poco chiara“, dice il gruppo. Secondo il giornale israeliano YNet, il direttore di una clinica israeliana ha spiegato che attualmente stanno vedendo “un’ondata torbida di attacchi di cuore“. Il direttore crede che questo potrebbe essere dovuto alla “persistente situazione di stress” e alla “trascuratezza delle cure mediche preventive“.

Anche se un bel po’ di casi di infiammazione del muscolo cardiaco post-vaccinazione, insufficienza cardiaca e attacchi di cuore sono stati segnalati in Israele da dicembre, il direttore dell’ospedale sostiene che “una connessione al danno cardiaco da esso non è ancora stata dimostrata in modo significativo“.

Tuttavia, data l’importanza globale fondamentale di questa domanda, le autorità sanitarie pubbliche israeliane e internazionali potrebbero voler rispondere il più velocemente possibile.

SPR, fondato nel 2016, si descrive come un gruppo di ricerca apartitico e senza scopo di lucro, composto da accademici indipendenti, che indaga sulla propaganda geopolitica. Non ha finanziamenti esterni, a parte le donazioni dei lettori.

La denuncia di un medico londinese nel British Medical Journal la scorsa settimana di livelli “senza precedenti” di malattia tra il personale del servizio sanitario che ha avuto l’inoculazione del vaccino rafforza ulteriormente la possibilità che il vaccino stia causando danni dello stesso tipo che è progettato per prevenire.

Sotto il titolo, ‘I medici devono avere il vaccino Covid-19?‘, il consulente K Polyakova scrive: ‘Ho avuto più vaccini nella mia vita della maggior parte delle persone e vengo da un luogo di significativa esperienza personale e professionale in relazione a questa pandemia, avendo gestito un servizio durante le prime due ondate e tutte le contingenze che vanno con quello.

Ciononostante, ciò con cui sto lottando attualmente è il fallimento nel riportare la realtà della morbilità causata dal nostro attuale programma di vaccinazione all’interno del servizio sanitario e della popolazione del personale. I livelli di malattia dopo la vaccinazione sono senza precedenti e il personale si sta ammalando molto e alcuni con sintomi neurologici, il che sta avendo un enorme impatto sul servizio sanitario.

Anche i giovani e i sani sono fuori per giorni, alcuni per settimane, e alcuni richiedono cure mediche. Intere squadre vengono fatte fuori perché sono andate a farsi vaccinare insieme“.

La lettera era una risposta ai rapporti che il governo sta considerando di rendere obbligatorio per i lavoratori del NHS di avere il vaccino Covid, perché una percentuale elevata di operatori sanitari di prima linea – spesso quelli a più alto rischio di esposizione al Covid-19 – lo stanno rifiutando. Chris Whitty, l’ufficiale medico capo, ha detto che il personale del NHS e delle case di cura ha la “responsabilità professionale” di farsi vaccinare.

La dottoressa Polyakova scrive: “La vaccinazione obbligatoria in questo caso è stupida, immorale e irresponsabile quando si tratta di proteggere il nostro personale e la salute pubblica. La coercizione e l’imposizione di trattamenti medici al nostro personale, o soprattutto ai membri del pubblico, quando i trattamenti sono ancora in fase sperimentale, sono saldamente nel regno di una distopia nazista totalitaria e vanno ben oltre i nostri valori etici come guardiani della salute.

Io e tutta la mia famiglia abbiamo avuto il Covid. Questo così come la maggior parte dei miei amici, parenti e colleghi. Ho recentemente perso un membro della famiglia relativamente giovane con comorbidità per insufficienza cardiaca, derivante dalla polmonite causata da Covid. 

Nonostante questo, non mi svilisco mai e sono d’accordo che dovremmo abbandonare i nostri principi liberali e la posizione internazionale sulla sovranità corporea, la libera scelta informata e i diritti umani e sostenere una coercizione senza precedenti di professionisti, pazienti e persone per avere trattamenti sperimentali con dati di sicurezza limitati. Questo e le politiche che lo accompagnano sono un pericolo per la nostra società più di qualsiasi altra cosa che abbiamo affrontato nell’ultimo anno.

Cos’è successo al “mio corpo, la mia scelta“? Cos’è successo al dibattito scientifico e aperto? Se non prescrivo un antibiotico a un paziente che non ne ha bisogno perché è sano, sono un anti-antibiotico? O un negatore di antibiotici? Non è forse ora che la gente rifletta veramente su quello che ci sta succedendo e su dove tutto questo ci sta portando?

 

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1