Un interessante articolo scritto da Daniel Horowitz, pubblicato su The Blaze, sulla perdita di efficacia dei vaccini e delle infezioni sempre più frequenti tra i vaccinati. La traduzione è mia. 

 

Comirnaty Pfizer vaccino bambina
(Foto Fotogramma)

 

Se il sospetto che le persone senza vaccino stiano diffondendo un virus renderebbe necessario e giustificherebbe i passaporti per i vaccini, allora la realtà delle persone vaccinate che diffondono il virus a tassi più alti non dovrebbe rendere necessario e giustificare i “passaporti per non vaccinati”? Dopo tutto, se le iniezioni funzionano davvero così sorprendentemente contro le malattie gravi – una premessa minata dai dati scozzesi – i vaccinati per definizione non possono essere danneggiati dai non vaccinati. D’altra parte, se i vaccinati stanno davvero diffondendo innaturalmente il virus ad un tasso più alto, c’è il potenziale per risultati peggiori con qualche forma di potenziamento virale mediato dal vaccino, come è stato osservato con i polli non vaccinati devastati dai polli vaccinati con l’iniezione del morbo di Marek.

Mentre nessuno di noi sostiene tale apartheid in entrambe le direzioni, se si tratta davvero di “seguire la scienza”, i continui dati granulari dal Regno Unito giustificherebbero i requisiti del “passaporto non vaccinato” per vivere una vita funzionale. Questo grafico fatto dal mio amico Don Wolt dai dati raccolti dall’ultimo rapporto settimanale di sorveglianza dei vaccini del Regno Unito vale un milione di foto:

L’efficacia negativa per i vaccinati con doppia dose era così spaventosa che il Regno Unito ha abbandonato quel riferimento di dati e ora confronta solo i tassi di infezione per i non vaccinati con i vaccinati con tripla dose. Ma anche i booster sono evidentemente già andati in territorio di efficacia negativa. Come si può vedere, per la prima volta, il tasso di infezione tra i vaccinati con tripla dose, anche per la coorte dai 18 ai 29 anni, è ora superiore a quello dei non vaccinati. Il grado di efficacia negativa per tutti i gruppi più anziani continua ad aumentare in ogni rapporto settimanale, dimostrando una tendenza preoccupante del vaccino che rende le persone più vulnerabili all’infezione ancora più velocemente di quanto abbiamo visto con i vaccinati in doppia dose l’anno scorso. A differenza di tutte le coorti di adulti senza vaccino, il tasso di infezione è effettivamente peggiorato nel rapporto di questa settimana in diverse coorti di età tra i vaccinati.

Traduzione del tweet: Perché i tassi di infezione crescono più velocemente, dall’arrivo di Omicron, negli adulti con Booster di età ≥50? Nelle coorti ≥40, perché la crescita del tasso di infezione aumenta con il tempo trascorso da quando la coorte è diventata >50% con booster? Perché la crescita del tasso nei non vaccinati è abbastanza coerente tra i vari gruppi di età?

Gli ultimi numeri misurano il tasso di infezione dall’ultima settimana di dicembre alle prime tre settimane di gennaio.

Ecco i dati grezzi della tabella 13 che mostrano l’efficacia negativa anche nei confronti dei vaccinati con tripla dose rispetto ai non vaccinati nelle coorti di adulti:

Come mai nessuno dei funzionari della sanità pubblica è preoccupato per questa tendenza? Hanno cercato di sostenere che i due vaccini avevano davvero bisogno di una terza dose per funzionare. Tuttavia, stiamo vedendo il richiamo andare negativo su un calendario ancora più breve delle dosi originali. Come si può guardare questi numeri e non concludere che le iniezioni sono problematiche? Perché non c’è preoccupazione che un’iniezione che sembra rendere qualcuno più propenso a prendere il virus stia anche causando un miglioramento mediato dal vaccino sotto forma di o della malattia da potenziamento anticorpo-dipendente (ADE) o peccato antigenico originale?

Considerate il fatto che la direttrice del CDC Rochelle Walensky è rimasta evidentemente scioccata nello scoprire, sei mesi dopo il rilascio delle iniezioni, che non hanno fermato la trasmissione. In un’intervista al New York Times, Walensky descrive il momento in cui si è resa conto che l’iniezione non fermava la trasmissione come un “cuore spezzato”. Come poteva non sapere che questo era un vaccino non sterilizzante fin dall’inizio? E se non sapeva che non riusciva a fermare la trasmissione, e ora vediamo che diventa negativo nel tempo – anche dopo un richiamo – allora come possiamo essere sicuri che capisca il concetto di ADE e di potenziamento virale mediato dal vaccino? Con i vaccini, una mezza pagnotta non è meglio di nessuna pagnotta; spesso è una pagnotta velenosa.

Inoltre, notate come il CDC sia stato veloce a interrompere gli anticorpi monoclonali sulla base della premessa che non funzionano per l’Omicron, ma in qualche modo gli anticorpi indotti dal vaccino, che erano ancora più obsoleti, funzionerebbero ancora, anche se il vaccinato con tripla dose accumula tassi di infezione maggiori.

Come tale, cosa ci vorrà per iniziare finalmente a indagare la correlazione tra le iniezioni e una qualche forma di potenziamento virale? Tutti sanno che il terreno di prova dei vaccini è Israele. Il novanta per cento della gente lì è sottoposto a doppia vaccinazione, l’80% a tripla vaccinazione e, a differenza di qualsiasi altro paese, 500.000 persone sono sottoposte a quadrupla vaccinazione. Quindi come stanno andando? Israele ha ora più casi registrati finora in gennaio che tutto il 2021 combinato. Anche se il paese ha aumentato i suoi tassi di test, non dovremmo vedere tali risultati. Gli israeliani hanno ora il più alto tasso di infezione pro capite del mondo. Il paese con più vaccini è il paese con più infezioni. Confrontate questi risultati con quelli del Sudafrica a basso tasso di vaccinazione:

Israele fa i test ad un alto tasso, ma anche l’India, che ha un tasso di vaccinazione molto più basso:

Traduzione del tweet: Un’altra domanda complessa: Confrontando Omicron in India vs Israele, che attualmente mostrano una positività identica ai test, stiamo guardando la differenza di impatto tra immunità naturale vs immunità da vaccino?

Ciò che è particolarmente inquietante è che Israele ha anche un tasso piuttosto alto di ricoveri in terapia intensiva per qualcosa di così lieve come Omicron. Il tasso di ricoveri in terapia intensiva COVID di Israele per 1 milione di persone è ora più alto che durante il picco dell’inverno 2021, che era durante un ceppo più virulento e con poche persone vaccinate. Ecco un confronto con il Regno Unito e la Danimarca, due paesi che hanno sperimentato una prolifica ondata di Omicron questo mese:

Nel tweet vengono confrontati i pazienti in terapia intensiva in Israele, Regno Unito e Danimarca. Notevole la differenza!!!

Non c’è da stupirsi che il CEO di Pfizer Albert Bourla abbia ammesso alla CNBC che le iniezioni sembrano “produrre una protezione immunitaria non molto durevole, quindi ce ne vorranno ancora e ancora”. Ma quello che stiamo vedendo dal canarino nella miniera di carbone non è solo una mancanza di durata, ma un chiaro avvertimento di efficacia negativa. Perché nessuno sta chiedendo una sospensione di tutte le iniezioni fino a quando non venga fatta un’indagine completa per vedere se questo sta causando ADE, come lo stesso Fauci ha ammonito Mark Zuckerberg durante un’intervista del marzo 2020?

Ora considerate il fatto che dopo tutto quello che sappiamo sulla sicurezza e l’efficacia di queste iniezioni, e chiaramente tutto quello che sappiamo che Fauci stesso capisce sui vaccini imperfetti, sta comunque spingendo questa iniezione su bambini e neonati – tre dosi!

Dopo due anni di questo ciclo di fallimento, è ora che le stesse persone che si lamentano del fallimento smettano di scuotere il dito, attribuire la colpa e dettare la prossima linea d’azione fallimentare. È ora che si guardino allo specchio.

 

 

Facebook Comments