A qualche settimana dalla scoperta della nuova variante Omicron cosa sappiamo? E’ la domanda che molti si pongono. David Leonhardt, nel suo articolo pubblicato sul  New York Times prova a rispondere dopo aver consultato esperti del settore. 

Ecco l’articolo nella mia traduzione.

 

coronavirus

 

Gli scienziati di tutto il mondo stanno correndo per capire la variante Omicron, e ci sono alcuni segnali più chiari di una settimana fa.

La newsletter di oggi cercherà di rispondere a quattro grandi domande su Omicron, con l’aiuto di esperti. Le risposte vengono con un avvertimento: c’è ancora molta incertezza su quasi ogni aspetto della variante. Mentre gli scienziati imparano di più, continuerò ad aggiornarvi.

1. Contagiosità


Omicron si diffonde più velocemente delle varianti precedenti? Sì, con ogni probabilità.

Il numero di casi di Covid sta aumentando vertiginosamente in Sudafrica, per esempio. È ancora possibile che questo sia un miraggio – e che il mondo stia confondendo una più normale impennata di casi con gli effetti di una nuova variante. (Le impennate accadono spesso per ragioni misteriose). Ma le prove per una diffusione più veloce di Omicron sembrano forti.

“I dati del Sudafrica suggeriscono che la variante Omicron si sta diffondendo più rapidamente della Delta”, mi ha detto Janet Baseman, un’epidemiologa dell’Università di Washington. La dottoressa Rebecca Wurtz dell’Università del Minnesota ha detto: “Omicron è più contagioso”.

Un’incognita più grande è perché si sta diffondendo rapidamente, e ci sono due risposte plausibili. La prima è che Omicron è più contagiosa in senso tecnico – che si diffonde più rapidamente tra le persone senza immunità rispetto alle varianti precedenti. La seconda è nota come evasione immunitaria; descrive l’idea che le persone vaccinate e quelle che sono state precedentemente infettate contraggono Omicron più spesso di quanto abbiano contratto le versioni precedenti del virus.

Entrambe le spiegazioni potrebbero essere vere, e molti scienziati pensano che probabilmente lo siano entrambe. Ma i fatti non sono chiari, e una delle due spiegazioni potrebbe rivelarsi molto più significativa dell’altra. “In conclusione: Non ci sono molti dubbi che Omicron si diffonda più velocemente di Delta; non siamo ancora sicuri al 100% del perché”, ha detto il dottor Robert Wachter dell’Università della California, San Francisco.

2. Gravità


Omicron è più grave delle varianti precedenti? Probabilmente no. Ma su questo c’è meno consenso rispetto alla prima domanda.

Alcuni scienziati pensano che sia semplicemente troppo presto per sapere se la persona media che contrae Omicron diventi più malata della persona media che ha contratto le versioni precedenti del virus Covid. “È tutta una speculazione a questo punto”, mi ha detto il dottor Paul Sax del Brigham and Women’s Hospital di Boston.

La malattia grave di Covid spesso richiede una settimana o più per svilupparsi, e il mondo è stato a conoscenza di Omicron per meno di due settimane. “Potremmo non aver avuto abbastanza tempo per vedere lo sviluppo della malattia grave”, ha detto il dottor Aaron Richterman dell’Università della Pennsylvania. Gli studi iniziali di pazienti Omicron sono anche venuti sproporzionatamente dal Sud Africa, dove la popolazione giovane e molte persone sono state precedentemente infettate con Delta. È improbabile che entrambi i gruppi si ammalino molto.

“Ciò che è difficile da valutare in questo momento”, ha detto Jennifer Nuzzo della Johns Hopkins University, “è come si svilupperà se o quando le persone più anziane e vulnerabili saranno infettate”.

Ma altri scienziati credono che i primi segni siano più chiari e positivi. Se non altro, dicono, Omicron potrebbe essere più mite delle varianti precedenti. I tassi di ospedalizzazione e di morte in Sudafrica non sono aumentati anche se i casi sono aumentati. Curiosamente, i pazienti stanno riportando meno perdita di gusto e olfatto.

Il dottor David Dowdy, un altro epidemiologo della Johns Hopkins, mi ha detto che gli è capitato di avere una stretta collaborazione di ricerca con gli scienziati di Tshwane, una città sudafricana nell’epicentro dell’epidemia. I suoi colleghi lì gli hanno detto che i ricoveri e la richiesta di ossigeno sono più bassi rispetto alle ondate precedenti. “Penso che i segnali siano in realtà estremamente ottimistici”, ha detto.

Sentirete alcuni messaggi simili in queste interviste di Bloomberg con scienziati sudafricani. “È ancora presto, ma sono meno nel panico”, ha detto Richard Friedland, l’amministratore delegato della più grande rete di fornitori di assistenza sanitaria privata del paese. “Mi sembra diverso sul campo”.

In ogni caso, penso che sia un errore assumere che Omicron sia più grave delle versioni precedenti del virus – come la gente spesso fa quando sente parlare di una nuova variante. “Finora, i segnali sono un po’ incoraggianti per quanto riguarda la gravità”, ha detto il dottor Anthony Fauci questo fine settimana sulla CNN.

3. Rischi per i vaccinati

Quindi i vaccinati sono protetti o no? La risposta dipende dal significato di “protetti”. Sono protetti da qualsiasi infezione da Covid – o da malattie gravi?

Le prove finora suggeriscono che Omicron può avere più probabilità di infettare le persone vaccinate rispetto alle versioni precedenti del virus, come ho detto sopra. Eppure non c’è ancora alcun segno che Omicron causerà una quota significativa di persone vaccinate che si ammalino con forme gravi di Covid.

“Penso che i vaccini reggeranno, non tanto per le infezioni ma per le malattie gravi”, mi ha detto il dottor Eric Topol della Scripps Research. Dowdy, della Johns Hopkins, la mette così: “Il nostro sistema immunitario è progettato per proteggerci dall’ammalarsi, non dal contrarre qualsiasi infezione”.

La situazione potrebbe essere simile per le persone non vaccinate che hanno avuto una precedente infezione – o potrebbero essere più vulnerabili dei vaccinati a forme gravi di Covid. Non è chiaro.

Un post scriptum preoccupante è che anche le infezioni apparentemente lievi di Covid possono rivelarsi mortali per le persone vulnerabili, come gli anziani. L’influenza uccide un gran numero di anziani per lo stesso motivo.

Un secondo problema è che l’immunità tra i vaccinati e precedentemente infettati sembra davvero diminuire nel tempo. “Il nostro tasso di vaccinazione effettiva sta scendendo” a causa dell’immunità calante, ha notato Topol.

Tutto questo sostiene la necessità di vaccinarsi, anche se si è stati infettati, e di essere potenziati, se si è idonei. “La gente deve essere informata di farsi vaccinare ora e non aspettare i tre o quattro mesi per uno specifico vaccino Omicron”, ha detto Wachter.

4. Test

I test Covid – compresi entrambi i test PCR e i test rapidi a domicilio – funzionano ancora? Sì, in base ai segnali ricevuti finora.

Supponendo che questo rimanga vero, sarà molto utile. “La diffusione di Omicron metterà un premio molto maggiore sui test rapidi, così come i nuovi farmaci orali”, ha detto Wachter.

In sintesi

I primi segnali potrebbero rivelarsi fuorvianti, e ne sapremo di più entro poche settimane.

Per ora, le persone vaccinate possono ragionevolmente continuare a comportarsi come prima – ma molti dovrebbero sentire l’urgenza di fare i richiami. Le persone anziane e altre che sono vulnerabili, come le persone che ricevono un trattamento per il cancro, dovrebbero continuare a fare attenzione e chiedere alle persone intorno a loro di fare il test frequentemente.

Le persone non vaccinate rimangono a rischio sostanziale di malattie gravi. Circa 1.000 americani stanno morendo ogni giorno di Covid nelle ultime settimane, la stragrande maggioranza di loro non vaccinati.

 

 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email