Quasi il 40% dei nuovi pazienti COVID sono stati vaccinati – rispetto a solo l’1% che era stato infettato in modo naturale in precedenza.

Un articolo di israelnationalnews.com, nella mia traduzione. 

 

vaccino Israele

 

I pazienti con coronavirus che si sono ripresi dal virus (infezione naturale, ndr) avevano molte meno probabilità di contrarre l’infezione durante l’ultima ondata della pandemia rispetto alle persone che sono state vaccinate contro il COVID, secondo i numeri presentati al Ministero della Salute israeliano.

I dati del Ministero della Salute sull’ondata di epidemie di COVID iniziata a maggio mostrano che gli israeliani con l’immunità da infezioni naturali avevano molte meno probabilità di contrarre nuovamente l’infezione rispetto agli israeliani che avevano l’immunità solo tramite la vaccinazione.

Più di 7.700 nuovi casi di virus sono stati rilevati durante l’ultima ondata iniziata a maggio, ma solo 72 dei casi confermati sono stati segnalati in persone che erano note per essere state infettate in precedenza, ovvero meno dell’1% dei nuovi casi.

Circa il 40% dei nuovi casi, ovvero più di 3.000 pazienti, riguardava persone che erano state infettate nonostante fossero state vaccinate.

Con un totale di 835.792 israeliani noti per essere guariti dal virus, i 72 casi di reinfezione ammontano allo 0,0086% delle persone che erano già state infettate da COVID.

Al contrario, gli israeliani vaccinati avevano 6,72 volte più probabilità di contrarre l’infezione dopo l’iniezione rispetto all’infezione naturale, con oltre 3.000 dei 5.193.499, o lo 0,0578%, degli israeliani vaccinati che si sono infettati nell’ultima ondata.

Secondo un rapporto di Channel 13 , la disparità ha confuso – e diviso – gli esperti del Ministero della Salute, con alcuni che affermano che i dati dimostrano il più alto livello di immunità fornito dall’infezione naturale rispetto alla vaccinazione, mentre altri sono rimasti poco convinti.

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print