Il prof. Scott W. Atlas, MD, chiarisce i cinque punti essenziali per inquadrare per i prossimi mesi la questione della COVID. L’articolo è stato pubblicato su The Hill. Eccolo nella mia traduzione. 

 

distanziamento sociale lockdown

 

La tragedia della pandemia COVID-19 sembra entrare nella fase di contenimento. Decine di migliaia di americani sono morti, e gli americani sono ora alla disperata ricerca di politici sensati che abbiano il coraggio di ignorare il panico e affidarsi ai fatti. I leader devono esaminare i dati accumulati per vedere cosa è realmente accaduto, piuttosto che continuare a enfatizzare proiezioni ipotetiche; combinare queste prove empiriche con i principi fondamentali della biologia stabiliti da decenni; e poi ripristinare ponderatamente la funzionalità del paese.

Cinque fatti chiave vengono ignorati da coloro che chiedono di continuare il lockdown quasi totale.

 

Fatto 1: la stragrande maggioranza delle persone non ha alcun rischio significativo di morire a causa della COVID-19.

Il recente studio sugli anticorpi dell’Università di Stanford stima ora che il tasso di mortalità in caso di infezione è probabilmente dallo 0,1 allo 0,2 per cento, un rischio molto più basso delle precedenti stime dell’Organizzazione Mondiale della Sanità che erano da 20 a 30 volte più alte e che hanno motivato le politiche di isolamento.

A New York City, un epicentro della pandemia con più di un terzo di tutti i decessi negli Stati Uniti, il tasso di mortalità per le persone dai 18 ai 45 anni è dello 0,01%, o 10 su 100.000 nella popolazione. D’altra parte, le persone di 75 anni e oltre hanno un tasso di mortalità 80 volte superiore. Per le persone sotto i 18 anni, il tasso di morte è zero per 100.000.

Di tutti i casi mortali nello stato di New York, i due terzi erano in pazienti con più di 70 anni; più del 95% aveva più di 50 anni; e circa il 90% di tutti i casi mortali aveva una malattia sottostante. Dei 6.570 decessi confermati di COVID-19 completamente indagati per le condizioni sottostanti fino ad oggi, 6.520, o 99,2 per cento, avevano una malattia sottostante. Se non hai già una patologia cronica sottostante, le tue probabilità di morire sono piccole, indipendentemente dall’età. E i giovani adulti e i bambini in salute normale non hanno quasi alcun rischio di malattie gravi da COVID-19.

 

Fatto 2: proteggere le persone più anziane e a rischio elimina il sovraffollamento degli ospedali.

Possiamo imparare qualcosa sull’utilizzo degli ospedali dai dati di New York City, il focolaio del COVID-19 con più di 34.600 ricoveri fino ad oggi. Per coloro che hanno meno di 18 anni, l’ospedalizzazione dal virus è dello 0,01%, o 11 per 100.000 persone; per quelli dai 18 ai 44 anni, l’ospedalizzazione è dello 0,1%. Anche per le persone dai 65 ai 74 anni, solo l’1,7% è stato ricoverato. Su 4.103 pazienti confermati di COVID-19 con sintomi abbastanza gravi da cercare cure mediche, la dottoressa Leora Horwitz del NYU Medical Center ha concluso che “l’età è di gran lunga il più forte fattore di rischio per l’ospedalizzazione”. Anche i primi rapporti dell’OMS hanno osservato che l’80% di tutti i casi erano lievi, e studi più recenti mostrano un tasso di infezione molto più diffuso e un tasso inferiore di malattie gravi. La metà di tutte le persone che risultano positive all’infezione non hanno alcun sintomo. La stragrande maggioranza delle persone più giovani e altrimenti sane non ha bisogno di cure mediche significative se prende questa infezione.

 

Fatto 3: l’immunità vitale della popolazione è impedita da politiche di isolamento totale, prolungando il problema.

Sappiamo da decenni di scienza medica che l’infezione stessa permette alle persone di generare una risposta immunitaria – anticorpi – in modo che l’infezione sia controllata in tutta la popolazione dall'”immunità di gregge”. Infatti, questo è lo scopo principale dell’immunizzazione diffusa in altre malattie virali – per aiutare l’immunità della popolazione. In questo virus, sappiamo che le cure mediche non sono nemmeno necessarie per la stragrande maggioranza delle persone che sono infettate. È così mite che la metà delle persone infette sono asintomatiche, come dimostrato nei primi dati della nave Diamond Princess, e poi in Islanda e in Italia. Questo è stato falsamente dipinto come un problema che richiede un isolamento di massa. In realtà, le persone infette senza malattia grave sono il veicolo immediatamente disponibile per stabilire un’immunità diffusa. Trasmettendo il virus ad altri nel gruppo a basso rischio che poi generano anticorpi, bloccano la rete di percorsi verso le persone più vulnerabili, ponendo fine alla minaccia. Estendere l’isolamento dell’intera popolazione impedirebbe direttamente lo sviluppo di questa immunità diffusa.

 

Fatto 4: la gente sta morendo perché altre cure mediche non vengono fatte a causa di ipotetiche proiezioni.

L’assistenza sanitaria critica per milioni di americani viene ignorata e la gente sta morendo per ospitare “potenziali” pazienti di COVID-19 e per paura di diffondere la malattia. La maggior parte degli stati e molti ospedali hanno bruscamente fermato procedure e interventi chirurgici “non essenziali”. Questo ha impedito diagnosi di malattie pericolose per la vita, come lo screening del cancro, biopsie di tumori ora non scoperti e aneurismi cerebrali potenzialmente mortali. Anche i trattamenti, comprese le cure di emergenza, per le malattie più gravi sono stati rinviati. I malati di cancro hanno rinviato la chemioterapia. Si stima che l’80% degli interventi chirurgici al cervello siano stati saltati. I pazienti affetti da ictus acuto e infarto hanno perso le loro uniche possibilità di trattamento, alcuni sono morti e molti hanno dovuto affrontare un’invalidità permanente.

 

Fatto 5: Abbiamo una popolazione chiaramente definita a rischio che può essere protetta con misure mirate.

L’evidenza schiacciante in tutto il mondo mostra costantemente che un gruppo chiaramente definito – persone anziane e altre con patologie sottostanti – ha più probabilità di avere una malattia grave che richiede l’ospedalizzazione e più probabilità di morire per COVID-19. Sapendo questo, è un obiettivo ragionevole e realizzabile per indirizzare la politica di isolamento a quel gruppo, compreso il monitoraggio rigoroso di coloro che interagiscono con loro. I residenti delle case di cura, il più alto rischio, dovrebbero essere i più semplici da proteggere sistematicamente dalle persone infette, dato che vivono già in luoghi confinati con un’entrata altamente limitata.

La politica appropriata, basata sulla biologia fondamentale e sulle prove già in mano, è quella di istituire una strategia più mirata come quella delineata all’inizio: Proteggere rigorosamente i riconosciuti vulnerabili, autoisolare i malati lievi e aprire la maggior parte dei luoghi di lavoro e delle piccole imprese con alcune prudenti precauzioni per i grandi gruppi. Questo permetterebbe la socializzazione essenziale per generare immunità tra coloro che hanno un rischio minimo di conseguenze gravi, mentre si salvano vite, si previene il sovraffollamento degli ospedali e si limitano gli enormi danni aggravati dal continuo isolamento totale. Smettiamo di sottovalutare l’evidenza empirica e raddoppiamo invece i modelli ipotetici. I fatti sono importanti.

Scott W. Atlas, MD

 

Scott W. Atlas, MD, è il David e Joan Traitel Senior Fellow alla Hoover Institution dell’Università di Stanford e l’ex capo della neuroradiologia allo Stanford University Medical Center.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla






 

Facebook Comments