Un giudice dell’area di Chicago ha salvato la vita di un nonno ordinando di somministrare un farmaco sicuro ed efficace contro la COVID-19, un farmaco autorizzato decenni fa dalla FDA. 

Di seguito un articolo di Mary Beth Pfeiffer pubblicato su RESCUE with Michael Capuzzo. Ve lo propongo nella mia traduzione. 

 

Sun Ng, 63 anni, imprenditore
Sun Ng, 63 anni, imprenditore

 

Sun Ng, un appaltatore in pensione di Hong Kong, si è recato in Illinois per festeggiare il primo compleanno della sua unica nipote. Si è ammalato di Covid ed è stato vicino alla morte in un ospedale della zona di Chicago. Tutte le altre opzioni erano state esaurite, ma l’ospedale si è rifiutato di dare al signor Ng un farmaco generico approvato dalla FDA con uno straordinario record di sicurezza che un medico credeva potesse salvargli la vita.

Alla fine, un giudice ha fatto la domanda giusta sull’ivermectina.

“Qual è l’aspetto negativo?”

Detto in un altro modo: Se un uomo sta morendo di covid in un’unità di terapia intensiva e tutto il resto è stato provato, perché non ordinare all’ospedale di dare un farmaco sicuro e come ultima spiaggia?

L’Edward Hospital, situato vicino a Chicago, ha offerto tre argomenti sul perché a Sun Ng, settantuno anni, non avrebbe dovuto essere data l’ivermectina:

  • Avrebbero potuto esserci effetti collaterali.
  • Ordinare l’ivermectina avrebbe violato le sue politiche.
  • Forzare la questione avrebbe significato un eccesso di potere giudiziario “straordinario”.

Su ogni argomento, il giudice Paul Fullerton della DuPage County Circuit Court ha fermamente dissentito.

“Non posso pensare ad una situazione più straordinaria di quando stiamo parlando della vita di un uomo”, ha detto in una decisione del 5 novembre che è un modello di decisione razionale in un’epoca irrazionale.

“Non sto costringendo questo ospedale a fare altro che farsi da parte”, ha continuato in un’udienza mediante “Sto solo chiedendo – o non chiedendo – sto ordinando attraverso il potere della Corte di permettere al dottor Bain di avere i privilegi di emergenza e di amministrare questa medicina”.

L’ospedale alla fine si è fatto da parte. Il dottor Alan Bain, un internista, ha somministrato per cinque giorni 24 milligrammi di ivermectina, dall’8 al 12 novembre.

Ng, che con sua moglie, Ying, era venuto da Hong Kong per festeggiare il compleanno della loro nipote, è stato in grado di respirare senza un ventilatore entro cinque giorni – lui stesso ha rimosso l’endotracheale. Ha lasciato la terapia intensiva martedì 16 novembre e, sebbene confuso e debole, respirava domenica senza ossigeno supplementare in un normale piano dell’ospedale.

Sun Ng, 63 anni, ha viaggiato da Hong Kong per la celebrazione del primo compleanno di sua nipote Kaylie il 17 settembre. (Foto della figlia Man Kwan Ng presentata alla corte).

Sun Ng, 63 anni, ha viaggiato da Hong Kong per la celebrazione del primo compleanno di sua nipote Kaylie il 17 settembre. (Foto della figlia Man Kwan Ng presentata alla corte).

“Ogni giorno dopo l’ivermectina, c’è stato un miglioramento accelerato e stabile”, ha detto il dottor Bain, che ha somministrato il farmaco in due precedenti casi giudiziari dopo il rifiuto degli ospedali. “Tre volte abbiamo dimostrato qualcosa”, mi ha detto. “C’è un segnale di beneficio per i pazienti sottoposti a ventilazione”.

Il notevole progresso di Ng sta in netto contrasto con i ripetuti tentativi di Edward-Elmhurst Health, il sistema di gestione dell’ospedale, di ostacolare l’uso dell’ivermectina. [Esso] È riuscito a far respingere l’ordine iniziale della corte del 1 novembre sostenendo che Ng era in condizioni di salute migliori rispetto a quanto sostenuto dalla sua causa (non lo era). Ha quindi sfidato l’ordine del 5 novembre, affermando che il dottor Bain non era vaccinato (un test negativo ha risolto il problema).

Inoltre, dopo che il trattamento di Ng è stato completato, il sistema ospedaliero ha notificato che avrebbe fatto appello all’ordine che era già stato eseguito. Ha fatto questo anche se Sun Ng sembrava averne tratto grande beneficio.

Il miglioramento del paziente, o le sue condizioni in generale, non sembravano avere importanza.

All’inizio, l’ospedale si è opposto all’intervento del tribunale, dicendo: “Il signor Ng non è terminale in questo momento”. Ma è stato costretto ad ammettere che per giorni ha rasentato la morte dopo che la figlia e unica figlia di Ng, Man Kwan Ng, ha parlato con un medico dell’ospedale il 3 novembre e ha preso copiose note che sono state presentate alla corte.

Il medico ha detto al Dr. Ng, che ha un dottorato di ricerca in ingegneria meccanica, “È stato nello stesso stato per molti, molti giorni … criticamente malato”, secondo un affidavit del tribunale. Un’infermiera, nel frattempo, ha suggerito al dottor Ng di “interrompere tutte queste cure aggressive e lasciare che [suo padre] morisse naturalmente”.

Il medico dell’ospedale ha stimato che ” un individuo nelle sue condizioni, attaccato a un respiratore come quello, ha il 10 o 15 per cento di possibilità di sopravvivenza”, ha raccontato il giudice nella sua decisione.

Questa fosca previsione non era un’opzione per la moglie di Ng di quarant’anni o per la figlia che lottava per lui. “Lo amiamo molto”, ha detto il dottor Ng nei documenti del tribunale. “Lui è il nostro mondo… Non posso rinunciare a lui, anche se gli imputati l’hanno fatto”.

Il momento migliore del giudice potrebbe essere stato quando ha sfatato il mito più lampante sull’ivermectina – che non è sicura, nonostante decenni di uso che dimostrano il contrario. Osservando che tutti i farmaci hanno effetti collaterali, il giudice Fullerton ha elencato gli effetti dell’ivermectina da un sito web del governo.

“(N)umero uno, generalmente ben tollerato; numero due, vertigini; numero tre, prurito; numero quattro, nausea/diarrea. Questi sono gli effetti collaterali per il dosaggio che viene chiesto di somministrare”, ha detto.

“I rischi di questi effetti collaterali sono così minimi che la situazione attuale del signor Ng supera il rischio di cento volte”.

 

Il dottor Alan Bain ha fornito un affidavit supplementare testimoniando il suo uso di successo dell’ivermectina per trattare il covid-19 in pazienti gravemente malati. Il giudice Fullerton ha ordinato all’ospedale di “farsi da parte” e permettergli di somministrare il farmaco che ha salvato la vita del signor Ng.

Se non avesse ancora chiarito la sua posizione, il giudice ha poi affrontato la dichiarazione di un medico dell’ospedale che, ha detto il giudice, “ha testimoniato che il rischio è che non ci sia alcun beneficio”.

Al contrario, il giudice ha detto: “Il possibile beneficio che questa Corte vede è aiutare a salvare la vita del signor Ng con questo farmaco”.

Ralph Lorigo è un avvocato di Buffalo, New York, che ha rappresentato Ng e ha ricevuto richieste per conto di altri cinquanta pazienti da settembre. Ha detto che il caso Ng è stato di gran lunga il più costoso finora, con tre decisioni, quattro apparizioni in tribunale, e ora un appello che è certamente irrilevante.

“È una terribile serie di circostanze in cui la gente deve assumere un avvocato per salvare la vita di una persona cara”, mi ha detto Lorigo. “Questo è un crimine”.

Lorigo ha lottato contro un altro ospedale del sistema Edward-Elmhurst Health la scorsa primavera in un caso simile per ottenere l’ivermectina per Nurije Fype, sessantotto anni. Il suo caso ha ispirato la dottoressa Ng a fare causa, e per una buona ragione.

Desareda Fype, che è stata una fiera sostenitrice per conto di sua madre, mi ha mandato un messaggio la settimana scorsa: “La mamma sta così bene, grazie a Dio! Sono passati 4 mesi e mezzo. La mamma è a casa dall’ospedale e diventa ogni giorno più forte!”

In un’intervista di domenica, la dottoressa Ng ha detto che suo padre non è ancora fuori pericolo. Ma l’ivermectina ha fatto una chiara differenza, ha detto. Prima che gli venisse dato il farmaco, ogni tentativo di liberare suo padre, anche solo per un breve periodo, dal respiratore è fallito. Entro otto ore con il farmaco, è stato in grado di sottoporsi a una prova di respirazione di un’ora. “Sono positiva”, mi ha detto quando le ho chiesto se attribuisce all’ivermectina.

Mentre il dottor Bain era ben consapevole della capacità dell’ivemectina di combattere il virus del Covid nelle prime fasi dell’infezione, anche lui è rimasto sorpreso nello scoprire la sua efficacia in fase avanzata. “Placa il fuoco della tempesta infiammatoria e aiuta anche ad abbassare la progressione dei polmoni irrigiditi – alias la fibrosi polmonare”, ha detto. “Questo è il bello di questo farmaco. Non sto dicendo che è una cura. È solo sorprendente”.

 

 

Facebook Comments