Di seguito rilancio un articolo scritto da Katie Spence, pubblicato su The Epoch Times, sulla causa intentata da tre medici a proposito del divieto di utilizzo dell’Ivermectina nel trattamento della COVID-19. Eccolo nella mia traduzione. 

 

fda

 

Lo studio Boyden Gray & Associates ha intentato una causa a giugno per conto di tre medici che sostengono che la Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti abbia interferito illegalmente con i loro rapporti medico-paziente, causando danni. Essi sostengono inoltre che la FDA ha violato la legge quando ha emesso dichiarazioni che vietavano l’uso dell’ivermectina per il trattamento della COVID-19.

In risposta alla causa, gli avvocati della FDA hanno affermato che le indicazioni per “smettere” di assumere l’ivermectina per la COVID-19 erano informali e rappresentavano solo una raccomandazione; in quanto tali, non si trattava di un obbligo.

Tuttavia, in un’intervista andata in onda su “Newsmakers” della NTD il 23 novembre, il dottor Scott Atlas, senior fellow in politica sanitaria presso la Hoover Institution dell’Università di Stanford, ha confermato che la FDA ha effettivamente adottato un approccio “senza precedenti” contro l’ivermectina e ha affermato che la loro difesa equivale al tentativo della FDA di riscrivere la storia della COVID-19.

“Questo non ha precedenti, francamente, nei miei 30 anni di professione medica, in cui l’uso di un farmaco approvato dalla FDA era in qualche modo proibito se lo si usava off-label”, ha dichiarato Atlas. “Negli Stati Uniti, questo è lo standard di cura”.

Lo standard di cura, ha spiegato Atlas, è che una volta che la FDA approva un farmaco, i medici sono autorizzati a usarlo per trattare altre patologie.

Atlas ha aggiunto che l’ivermectina è stata approvata dalla FDA ed è stata ritenuta “così sicura” che “sono state somministrate miliardi di dosi”. Ha aggiunto che in molti Paesi l’ivermectina è disponibile al banco senza prescrizione medica.

“Questa è stata davvero un’interferenza scioccante nella capacità di un medico di fare il suo lavoro”, ha detto Atlas.

 

Riscrivere la storia

Alla domanda sul perché l’FDA stia cercando di riscrivere la storia affermando che la sua linea guida contro l’ivermectina era solo una raccomandazione, Atlas ha risposto che la riscrittura sull’ ivermectina è solo l’inizio.

“Quello a cui stiamo assistendo è una completa riscrittura orwelliana di ogni genere di cose [avvenute] durante questa pandemia”, ha detto Atlas a NTD. “Molti miei colleghi hanno sempre detto che la verità prevarrà. E quando la verità viene fuori, che alcuni di questi farmaci erano utili o sicuri… c’è un sacco di ‘coprirsi le spalle'”.

Atlas ha poi affermato che la FDA non si è limitata a vietare l’ivermectina. Invece, il suo linguaggio era tale che i farmacisti e le farmacie si rifiutavano di compilare le prescrizioni dei medici. Una tale posizione era “davvero senza precedenti”, ha detto Atlas.

 

Perché non dovresti usare l’ivermectina per trattare o prevenire la COVID-19 (articolo di FDA. Notare il cavallo. Dell’Ivermectina c’è quella per uso animale e quella per uso umano. La FDA lo sa benissimo le ha autorizzate lei. Però invoglia a pensare che le persone usino un prodotto farmaceutico fatto solo per uso animale)

FDA su Ivermectina.
Clicca sulla figura per leggere l’articolo della FDA su L’Ivermectina

 

Inoltre, Atlas ha detto che c’è una “riscrittura orwelliana di quello che era il consiglio su un quadro più ampio”.

Ha fatto notare che la dott.ssa Deborah Birx, ex coordinatrice della risposta COVID-19 della Casa Bianca, sostiene di essersi opposta alle chiusure, e il dott. Anthony Fauci, direttore dell’Istituto Nazionale delle Allergie e delle Malattie Infettive, sostiene di essersi opposto alla chiusura delle scuole.

Tornando all’ivermectina, Atlas ha affermato che la FDA ha proibito il suo uso off-label per il trattamento della COVID-19 come “uno dei più grandi fallimenti del [National Institutes of Health (NIH)]”.

“L’NIH avrebbe potuto condurre studi clinici definitivi nella primavera del 2020. Invece, hanno bloccato tali studi; hanno fatto in modo che le persone avessero paura di questi farmaci, così che anche quando si è tentato di fare degli studi, i pazienti non erano disposti a parteciparvi”, ha detto.

Atlas ha quindi dichiarato inequivocabilmente che la posizione assunta da NIH e FDA è un abuso etico della salute pubblica.

I medici intentano causa; la FDA risponde

Tra i querelanti nella causa contro la FDA figurano il dottor Robert Apter, la dottoressa Mary Talley Bowden e il dottor Paul Marik. Gli avvocati dei querelanti sostengono che la FDA ha violato la legge federale sugli alimenti, i farmaci e i cosmetici e la legge sulla procedura amministrativa.

Gli avvocati hanno anche osservato che se il tribunale non si pronuncerà contro la FDA che viola la sua corsia statutaria e le sue azioni illegali, la FDA continuerà a interferire con la pratica della medicina.

Atlas è d’accordo:

“A seconda dell’esito di queste cause, ci sarà una vera e propria riduzione di ciò che i medici possono dire e fare per i pazienti, un’interferenza totale nella capacità del medico di aiutare il paziente! Oppure, se le cause andranno nella direzione opposta, si spera di assistere a un ripristino della libertà di pratica medica”.

Atlas ha affermato che i medici hanno paura di essere onesti con i loro pazienti a causa di ciò che NIH e FDA hanno fatto negli ultimi anni.

“Le dichiarazioni citate non erano direttive. Non erano obbligatorie. Si trattava di raccomandazioni”, ha dichiarato Isaac Belfer, uno degli avvocati della FDA, durante l’udienza del 1° novembre presso la corte federale del Texas. “Dicevano cosa le parti avrebbero dovuto fare. Dicevano, per esempio, perché non si dovrebbe prendere l’ivermectina per trattare la COVID-19. Non dicevano che non si poteva fare. Non hanno detto che non si può o non si deve fare. Non hanno detto che è proibito o illegale. Non hanno nemmeno detto che i medici non possono prescrivere l’ivermectina”.

Come ulteriore prova che la FDA non ha “proibito” l’uso dell’ivermectina, Belfer ha aggiunto: “I querelanti, per loro stessa ammissione, hanno continuato a prescrivere l’ivermectina. Quindi hanno sempre avuto l’autorità. Può darsi che i pazienti non siano stati in grado di compilare le prescrizioni, ma i medici stessi hanno sempre avuto l’autorità”.

Katie Spence

 

Katie Spence si occupa di energia e politica per The Epoch Times. Prima di iniziare la sua carriera di giornalista, Katie ha servito con orgoglio nell’aeronautica militare come tecnico delle operazioni aviotrasportate su JSTARS. Si è laureata in Filosofia analitica e ha conseguito una specializzazione in Studi cognitivi presso l’Università del Colorado. Katie ha scritto su CNSNews.com, The Maverick Observer, The Motley Fool, First Quarter Finance, The Cheat Sheet e Investing.com.

 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email