La multinazionale del farmaco Merk ha prodotto miliardi di dosi della Ivermectina, uno dei farmaci più sicuri al mondo, un farmaco che costa appena qualche dollaro. Quando la licenza di produzione in esclusiva è scaduta, aprendo la strada alla libera produzione con costi irrisori, e quando poi è scoppiata la pandemia di COVID-19 e vari medici e ricercatori hanno usato l’Ivermectina per combattere la COVID-19, a loro dire con buoni risultati, la Merck ha interrotto la produzione di quel farmaco ed ha emesso un comunicato affermante che la Ivermectina era nociva per la lotta alla COVID-19.  Un anno dopo circa, la Merrk ha annunciato la produzione di un nuovo farmaco antivirale, il Molnupiravir, in grado di combattere la COVID-19, a suo dire, con buoni risultati. Che strano tempismo. Peccato che le uniche pecche sono che costi circa 700 euro a ciclo di cura (rispetto a qualche euro della Ivermectina) e, stando allo studio che vi propongo, non funzioni affatto. Per la sicurezza sulla salute poi…tutto da scoprire. 

L’articolo che segue, nella mia traduzione, è di Jacqui Wise, ed è stato pubblicato sul prestigioso British Medica Journal (BMJ). Del Molnupiravir abbiamo già parlato su questo blog altre volte. 

 

molnupiravir della Merck
molnupiravir della Merck

 

Il molnupiravir, un farmaco antivirale covid-19 acquistato dal governo britannico per 2,23 milioni di dosi, non è migliore del placebo nel ridurre i rischi di morte e di ricovero ospedaliero, secondo quanto emerso da uno studio cardine condotto nel Regno Unito.

I risultati preliminari dello studio Panoramic, condotto su 25.783 persone assegnate in modo casuale a un trattamento in aperto con molnupiravir più cure abituali o alle sole cure abituali, non hanno rilevato differenze significative tra i due gruppi per quanto riguarda l’endpoint primario di morte o ricovero ospedaliero. [1] Lo studio è stato pubblicato come preprint e non è ancora stato sottoposto a revisione paritaria.

Il Regno Unito è stato il primo Paese ad autorizzare il molnupiravir (Lagevrio) di Merck Sharp and Dohme per il trattamento della Covid-19 da lieve a moderata negli adulti con almeno un fattore di rischio di malattia grave, nel novembre 2021. [2] L’Agenzia europea per i medicinali non ha ancora approvato il farmaco.

Quando Sajid Javid, allora segretario alla Sanità, annunciò l’accordo per l’acquisto del molnupiravir, lo definì un “cambiamento di rotta per i più vulnerabili e gli immunosoppressi”. [3,4] Il governo è stato criticato per aver pubblicizzato eccessivamente l’antivirale: i redattori del Drug and Therapeutics Bulletin hanno affermato che i comunicati stampa ufficiali del governo sono stati “eccessivamente promozionali e sensazionalizzati” [5].

Il prezzo pagato per il farmaco è riservato, ma Andrew Hill, senior visiting research fellow presso l’Università di Liverpool, stima che sia di circa 1 miliardo di sterline (1,14 miliardi di euro; 1,10 miliardi di dollari). “Se il molnupiravir non ha alcun effetto sull’ospedalizzazione, non è chiaro se valga la pena di spendere le 600 sterline stimate per ogni ciclo di trattamento”, ha dichiarato al BMJ.

 

Tempi di recupero

Lo studio Panoramic, sponsorizzato dall’Università di Oxford, ha rilevato che lo 0,8% dei pazienti nel gruppo molnupiravir (103 su 12 516) e lo 0,8% nel gruppo di cura abituale (96 su 12 484) sono stati ricoverati in ospedale o sono morti nei primi 28 giorni (odds ratio aggiustato 1,061 (intervallo di credibilità bayesiano al 95% da 0,80 a 1,40)).

A tutti i partecipanti allo studio è stata confermata l’infezione da coronavirus e i pazienti avevano un’età superiore ai 50 anni oppure avevano 18 anni o più con comorbidità. Quasi tutti i partecipanti (99%) avevano effettuato almeno una vaccinazione contro il coronavirus.

Per quanto riguarda l’endpoint secondario, il tempo mediano osservato per la prima guarigione auto-riferita è stato di sei giorni più breve nel gruppo molnupiravir (nove giorni contro 15 giorni). In altre analisi dello studio Panoramic, il recupero clinico è stato da tre a quattro giorni più rapido con molnupiravir.

Tuttavia, Hill ha precisato che lo studio Panoramic era open label e che la guarigione può essere piuttosto soggettiva. “Non c’è stato alcun beneficio per il molnupiravir in termini di recupero clinico nello studio Move-Out controllato con placebo, quando il paziente non sapeva se stava assumendo il farmaco attivo o il placebo”, ha detto. “Inoltre, altri farmaci molto più economici hanno dimostrato di migliorare i tempi di recupero, come la budesonide nello studio Oxford Principle, che costa meno di 15 sterline a ciclo”.

Dopo cinque giorni di trattamento, i pazienti dello studio Panoramic hanno mostrato livelli di carica virale significativamente più bassi rispetto a quelli del braccio di controllo (P<0,001). Tuttavia, dopo 14 giorni di trattamento la carica virale era significativamente più alta nel braccio molnupiravir (P=0,015).

 

Approvazione precoce

Il Regno Unito ha approvato il molnupiravir dopo i primi risultati dello studio Move-Out di Merck nell’ottobre 2021. Tuttavia, tale approvazione si basava su un’analisi ad interim di 762 pazienti, che mostrava una riduzione del 50% dei ricoveri ospedalieri. Il rischio di ricovero ospedaliero o di morte era del 7,3% con molnupiravir (28 su 385 partecipanti), rispetto al 14,1% del gruppo placebo (53 su 377). Tuttavia, quando i risultati completi di 1433 partecipanti non vaccinati sono stati pubblicati sul New England Journal of Medicine, la differenza è stata molto più ridotta (6,8% contro 9,7%). [6,7] Se si combinano i risultati degli studi Panoramic e Move-Out, il molnupiravir non mostra alcun beneficio significativo in termini di ricovero ospedaliero o di morte (P=0,53).

Un altro studio appena pubblicato su Lancet esamina l’efficacia nel mondo reale degli antivirali, compreso il molnupiravir, durante l’ondata omicron a Hong Kong. [8] È emerso che l’inizio precoce degli antivirali orali è associato a un rischio inferiore di morte e di progressione della malattia in ospedale. Tuttavia, Hill ha dichiarato che la metodologia era altamente soggetta a bias, in quanto lo studio non era randomizzato.

Solo 13.944 dei 2,23 milioni di dosi di molnupiravir sono state somministrate al di fuori degli studi clinici nel Regno Unito, secondo i dati dell’NHS fino alla settimana conclusasi il 25 settembre 2022. [9] “L’NHS ha utilizzato meno dell’1% dei trattamenti antivirali ordinati e non è chiaro come verrà utilizzato il restante 99% prima che superino le date di scadenza”, ha dichiarato Hill.

Un portavoce del Department of Health and Social Care ha dichiarato a The BMJ: “Il Regno Unito è leader mondiale nella fornitura di ricerca clinica, come dimostra la velocità di questo studio da record, e la nostra priorità continua a essere quella di trovare trattamenti efficaci per le persone più vulnerabili al covid-19”.

“Il molnupiravir continuerà a essere disponibile per i pazienti ad alto rischio, insieme ad altri farmaci, test gratuiti e vaccinazioni, poiché accelera i tempi di recupero e riduce la quantità di virus nei pazienti. Non vediamo l’ora di vedere i dati finali, sottoposti a revisione paritaria, quando saranno pubblicati”.

Lo studio Panoramic è ancora aperto e sta studiando un secondo antivirale orale, Paxlovid, che è entrato nello studio il 12 aprile 2022. Anche il National Institute for Health and Care Excellence sta valutando molnupiravir.

 

References

  1.  
Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email