Di seguito un articolo scritto da Zachary Stieber, pubblicato su The Epoch Times, che vi propongo nella mia traduzione. 

 

vaccini covid

 

I casi di COVID-19 e i tassi di ospedalizzazione sono aumentati tra le persone che hanno ricevuto un vaccino COVID-19 dopo l’emergere della variante del virus Omicron, secondo i dati recentemente pubblicati dai Centers for Disease Control and Prevention (CDC).

Secondo i dati, presentati al CDC dai dipartimenti sanitari di tutto il paese, il tasso di casi di COVID-19 nelle persone completamente vaccinate è aumentato di oltre il 1.000 per cento tra l’11 dicembre 2021 e l’8 gennaio 2022.

Completamente vaccinati si riferisce a persone che hanno ricevuto due dosi dei vaccini Moderna o Pfizer COVID-19, o il vaccino Johnson & Johnson a dose singola.

Il CDC non conta una persona come completamente vaccinata fino a quando non siano trascorsi 14 giorni dal suo ultimo colpo.

Anche il tasso di casi tra coloro che hanno ricevuto una dose di richiamo è salito alle stelle, aumentando del 2.400 per cento tra le stesse date.

Mentre i casi sono aumentati anche tra i non vaccinati, il salto nelle infezioni tra i vaccinati ha chiuso il divario tra le popolazioni. Di conseguenza, le persone che non hanno ricevuto il vaccino avevano solo 3,2 volte più probabilità di risultare positive al COVID-19 a gennaio.

Anche i ricoveri associati a COVID-19 sono aumentati tra i vaccinati, da 1,4 per 100.000 per i completamente vaccinati per la settimana che termina il 18 dicembre 2021, a 35,2 per 100.000 nella settimana che termina l’8 gennaio, secondo i dati di un sistema di sorveglianza gestito dal CDC.

Le persone che hanno ottenuto un richiamo hanno avuto meno probabilità di richiedere cure ospedaliere, ma il tasso di ospedalizzazione tra i potenziati è aumentato anche da dicembre 2021 a gennaio.

E le morti attribuite al COVID-19 sono aumentate durante lo stesso periodo di tempo tra i vaccinati, anche tra i booster.

Anche altre fonti di dati indicano che i vaccini funzionano peggio dopo Omicron, compresi gli studi pubblicati dal CDC a gennaio, che ha ridotto il divario tra i non vaccinati e i vaccinati in termini di casi e ricoveri.

Alcune ricerche, però, segnalano che i richiami ripristinano gran parte della protezione perduta, compreso uno studio eseguito da ricercatori con Kaiser Permanente e Moderna pubblicato su Nature Medicine il 21 febbraio.

“I nostri risultati suggeriscono che le terze dosi possono essere necessarie prima di 6 mesi dopo la seconda dose del vaccino Moderna COVID-19 per proteggere contro l’infezione omicron”, Hung Fu Tseng, un ricercatore Kaiser, ha detto in un comunicato. “Rassicurante, 3 dosi forniscono una forte protezione contro l’ospedalizzazione COVID-19 a causa della variante omicron o delta”.

Solo pochi giorni dopo lo studio, però, il CEO di Moderna Stéphane Bancel ha detto agli investitori in una telefonata che un secondo richiamo sarebbe stato necessario a causa della protezione calante dal vaccino, compreso il primo richiamo.

“Quest’anno, ci aspettiamo di vedere la continuazione della vaccinazione primaria e il richiamo nell’emisfero meridionale nella prima metà, e un passaggio ai richiami come quarta dose di richiamo nell’emisfero settentrionale nella seconda metà dell’anno, simile ai vaccini antinfluenzali”, ha detto Bancel.

I funzionari sanitari statunitensi hanno detto che stanno valutando se autorizzare i secondi richiami per il pubblico in generale.

I dati del CDC hanno anche mostrato un balzo nei tassi di casi, ricoveri e morti tra i non vaccinati, ma l’aumento non è stato così significativo rispetto a quello registrato tra i vaccinati.

Il CDC dice che gli adulti non vaccinati avevano 2,6 volte più probabilità di risultare positivi al COVID-19 a gennaio rispetto agli adulti completamente vaccinati e 3,2 volte più probabilità rispetto agli adulti sottoposti a booster; almeno 30 volte più probabilità di essere ospedalizzati nel dicembre 2021 a causa del COVID-19 rispetto agli americani di 18 anni o più, 14 volte più probabilità di morire di COVID-19 nel dicembre 2021 rispetto ai completamente vaccinati e 41 volte più probabilità di morire nel dicembre 2021 rispetto ai booster.

Casi, ricoveri e morti sono crollati sia nei non vaccinati che nei vaccinati nelle ultime settimane, spingendo molti stati a revocare le restrizioni sul COVID-19.

 

 

Facebook Comments