“COSCIENZA CREATIVA” E’ FRUTTO DELLA “CRISI DELLA VERITA’” CHE HA OPPOSTO LEGGE DIVINA E LIBERTA’ UMANA

Una “crisi della verità” nella Chiesa di oggi ha messo in opposizione la legge divina e la libertà umana, permettendo a una coscienza “creativa” di decidere cosa è bene e cosa è male, ha avvertito una professoressa cattolica di filosofia al Rome Life Forum la scorsa settimana. Di questo si parla in questo articolo di Dorothy Cummings su LifeSiteNews.

Eccolo nella mia traduzione.

Foto: papa Giovanni Paolo II

Foto: papa Giovanni Paolo II

La professoressa Isobel Camp della Pontificia Università di San Tommaso d’Aquino (l’Angelicum) ha dimostrato nel suo intervento come l’insegnamento di San Giovanni Paolo II in Veritatis Splendor si opponga alla nozione di coscienza autonoma e al suo “potere giustificante” per determinare ciò che è bene e ciò che è male. In realtà, ha sostenuto, la coscienza non si basa su se stessa, ma sulle verità della legge divina.

Camp ha spiegato che nella Veritatis Splendor, San Giovanni Paolo II affermava la dottrina “ponendo la coscienza nel rapporto armonico della legge [divina] e della libertà [umana]“. Il professore ha notato come Giovanni Paolo II abbia sottolineato chenon ci potrà mai essere un’opposizione tra la legge e la libertà che permetta alla coscienza creativa di decidere cosa è bene e cosa è male“.

Il pontefice polacco ha messo in guardia, ha detto, contro le tendenze teologiche che hanno posto questa “coscienza creativa” al di sopra della tradizione e del magistero della Chiesa.

Queste diverse scuole di pensiero vedono un’apparente tensione o opposizione tra la legge e la libertà“, ha detto Camp. “La legge è vista come autoritaria, giustapposta a una nozione di libertà ‘che viene esaltata fino all’idolatria’“.

Tale separazione sfocia in teorie di una coscienza creativa che ‘divergono dalla tradizione della Chiesa e dal suo Magistero’“, ha continuato.

Poi [Giovanni Paolo II] spiega che le tensioni o il dualismo tra diritto e libertà conducono a una coscienza creativa: ‘Alla coscienza individuale è trasferito lo status di corte suprema del giudizio morale che tramanda affermazioni categoriche e infallibili sul bene e sul male“.

Ha rilevato come il pontefice abbia avvertito che alcuni autori hanno addirittura permesso alla coscienza una “creatività” che stabilisce un’opposizione tra la legge divina e “l’azione concreta“, portando ad una “sorta di doppio status della verità morale“.

Una predilezione per il “concreto” potrebbe essere usata per permettere a una persona di fare “in buona coscienza” ciò che è giudicato “intrinsecamente malvagio dalla legge morale“, ha detto citando il santo papa.

Si stabilisce così in alcuni casi una separazione, o addirittura un’opposizione, tra l’insegnamento del precetto, che è valido in generale, e la norma della coscienza individuale, che di fatto prenderebbe la decisione finale su ciò che è bene e ciò che è male“.

Camp non ha menzionato per nome l’esortazione Amoris Laetitia di Papa Francesco del 2016 , ma ha indicato che Giovanni Paolo II sembrava anticipare quel documento controverso quando ha detto che questo potere decisionale finale della coscienza veniva usato come scusa per trovare “soluzioni cosiddette ‘pastorali’” contrarie alla dottrina della Chiesa:

Su questa base, si cerca di legittimare soluzioni cosiddette ‘pastorali’ contrarie all’insegnamento del Magistero, e di giustificare un’ermeneutica ‘creativa’ secondo la quale la coscienza morale non è in alcun modo obbligata, in ogni caso, da un precetto negativo“, ha detto la Camp, citando Giovanni Paolo II. Il sesto comandamento che vieta l’adulterio è un esempio di precetto negativo. Secondo la fede cristiana, non ci sono eccezioni ai precetti negativi.

La professoressa ha spiegato come in Veritatis Splendor, Giovanni Paolo II abbia descritto le allarmanti conseguenze morali legate alla nozione di coscienza autonoma (auto-giustificante).  Il risultato finale è che la coscienza, non più dipendente dalla legge divina, “determina ciò che porterà la felicità”.

Usando la storia del “giovane sovrano ricco” di Matteo 19, Camp ha sottolineato che la vita eterna, o beatitudine, inizia obbedendo ai comandamenti di Dio (Matteo 19:16). Per raggiungere la beatitudine, la persona ha bisogno, e ha ricevuto, dell’orientamento del suo Creatore. La legge naturale, che si fonda sulle inclinazioni naturali del cuore umano, è una partecipazione alla saggezza divina, ha spiegato Camp.

Secondo l’enciclica, la legge naturale che inscrive le norme morali universali è considerata una partecipazione alla saggezza divina e al governo divino dell’universo“, ha detto. “Quindi è opportuno chiamare legge naturale una legge. Inoltre, san Tommaso [d’Aquino] non parla della legge naturale come derivata; descrive invece la legge naturale come fondata sull’inclinazione naturale“.  

Camp ha detto che abbiamo una consapevolezza primordiale della verità, abbiamo una innata ragione pratica tra cui principi come “fare il bene e fare il male”. Questo ci è stato dato dal nostro Creatore, che, pur dandoci i mezzi e la libertà di partecipare alle preoccupazioni del bene, è l’arbitro finale del bene.

L’uomo ha una determinazione iniziale per il bene in modo da poter scegliere particolari beni che si presentano alla mente“, ha spiegato Camp. “L’uomo non può creare la verità ex nihilo e quindi non può creare la propria morale“.

Anche quando cerca di creare la propria morale, è sempre sulla perversione della natura umana“, continua. “Alla fine non può liberarsi dalla realtà del bene e del male; anche se vuole chiamare bene il male e male il bene, è sempre diviso tra ciò che è bene e ciò che non lo è, tra ciò che deve essere fatto e ciò che non deve essere fatto“.

Fonte: LifeSiteNews