Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Gavin Ashenden e pubblicato su Catholic Herald. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione.

 

Giovani in adorazione dell'Eucarestia durante la Giornata Mondiale della Gioventù 2023 a Lisbona
Giovani in adorazione dell’Eucarestia durante la Giornata Mondiale della Gioventù 2023 a Lisbona

 

La Giornata Mondiale della Gioventù è stata un evento sorprendente e meraviglioso. Ha riunito a Lisbona qualcosa come 1,5 milioni di giovani cattolici. Se i media di tutto il mondo non hanno risposto con l’interesse e lo stupore che meritava, i cattolici l’hanno celebrata con rispetto e apprezzamento, sia per chi è venuto sia per chi l’ha organizzata.

Solo la Chiesa cattolica poteva attirare i giovani in tale numero e offrire una tale ispirazione. Il successo dell’iniziativa dovrebbe essere motivo di incoraggiamento e di celebrazione, e internet trabocca di gratitudine e di entusiasmo da parte di molti dei partecipanti, soprattutto perché hanno risposto al messaggio di Papa Francesco di “essere coraggiosi”.

Ma allo stesso tempo la Chiesa che si è impegnata ad “ascoltare” e “accompagnare” ha ricevuto altre risposte. Mentre la messa di apertura è stata lodata per la sua potenza e bellezza, altri aspetti dell’evento hanno causato preoccupazione e angoscia. Molti giovani hanno contestato la “cultura del festival” che si riflette in danze liturgiche indecenti intorno all’altare, nell’uso diffuso di musica techno e, in particolare, nella messa di chiusura.

Le ostie pre-consacrate per la messa sono state riposte senza troppe cerimonie la sera prima in grandi contenitori di plastica grigi e di uso comune e sistemate su tavoli in piccole tende con il minimo di dignità, decoro e riverenza. Quando alcuni partecipanti si sono imbattuti in esse mentre andavano a letto quella sera, sono rimasti scioccati e hanno dovuto chiedere se queste ostie fossero state effettivamente consacrate. Hanno scoperto che era così.

La loro reazione a quella che sembrava essere una grave mancanza di rispetto per l’Eucaristia è stata di grande angoscia, che è stata rapidamente descritta come “la disfatta del Tuppernacolo”. Molti giovani hanno utilizzato i social media per chiedere una qualche forma di risposta adeguata, in particolare una riparazione. Gruppi di partecipanti hanno rapidamente formato dei turni per inginocchiarsi a turno durante la notte per offrire l’adorazione come forma di risarcimento per la mancanza di rispetto.

Una foto toccante in particolare è stata pubblicata sui social media, con la didascalia: “Le tre persone inginocchiate e in preghiera sono io e i miei amici. Siamo stati quasi portati alle lacrime quando abbiamo visto che Gesù era in un Tupperware, quindi ci siamo inginocchiati e abbiamo recitato un rosario per le offese al suo Sacro Cuore”.

Mentre molti erano anonimi, queste parole provengono da una ventiduenne americana di nome Savannah. Era stata sommersa da altre persone lì, ugualmente angosciate e che non sapevano cosa potessero fare o cosa dovessero fare. La veglia notturna è stata una risposta. Ma un’altra è l’invito a chiedere alla Chiesa di ripensare il modo in cui bilancia il sacro e il secolare, e la rilevanza di questo va ben oltre la Giornata Mondiale della Gioventù.

La Pew Research ha recentemente documentato che solo un terzo dei cattolici negli Stati Uniti crede che nella Messa accada davvero qualcosa. Il resto ha adottato una mentalità secolare che non crede nella transustanziazione, che si è scoperta incapace di gestire il mistero e il miracolo. Ripudia la Messa come niente più che un pezzo di simbolismo liturgico.

Qualunque sia la causa di questa incapacità di credere, il modo in cui la Chiesa presenta le sue pratiche eucaristiche gioca un ruolo importante. Steve Skojec, un blogger cattolico conservatore, ha recentemente espresso parte della frustrazione dei fedeli cattolici in quello che ha riconosciuto come uno sfogo via Twitter a un collega progressista sulla sterile ricerca della rilevanza:

“Sono nato nel ’77 e in vita mia non ho mai visto altro che striscioni di feltro e ‘Lord of the Dance’ e tamburelli allegri e comunione in mano e EMHC in abito di poliestere (quando non sono donne in pantaloni attillati) e omelie che escono direttamente da Chicken Soup for the Low-IQ e tutti i pastori non molto ambiguamente gay e i pastori che rimproverano le persone che vogliono genuflettersi o ricevere la comunione in ginocchio o inginocchiarsi durante la consacrazione … Sono stufo di “presidenti” e non di “sacerdoti”, di liturgie ad hoc, di assoluzioni discutibili nel confessionale (quando non ti dicono che i tuoi peccati non sono peccati), di predicatori drammatici che devono correre in mezzo alla congregazione per fare le loro omelie zoppicanti, teologicamente eterodosse, ma che a malapena riescono a elevare l’ostia durante la consacrazione per mezzo secondo. “

Se il punto culminante della sua frustrazione era la mancanza di rispetto per l’Eucaristia, questo parla anche dell’allarme e dell’angoscia vissuti da Savannah e da tanti suoi contemporanei a Lisbona. Non c’è dubbio che la mancanza di rispetto istituzionale dell’Eucaristia abbia avuto un ruolo nel promuovere un clima di incredulità tra i cattolici della generazione dei loro genitori.

Anche il vescovo Robert Barron, in un’intervista rilasciata a Lisbona a Colm Flynn, ha riflettuto su questo aspetto, lamentando un “cattolicesimo banalizzato”. Ha insistito sul fatto che “tutti hanno fame di Dio, che lo sappiano o meno”. Per il vescovo Barron parte della ricchezza della Giornata Mondiale della Gioventù è stata la presenza di cattolici non occidentali liberi dalla miopia del secolarismo.

“Quando c’è l’opportunità di riunirsi per cercare Dio e lodare Dio, i giovani rispondono. Non vogliono una tromba incerta o un messaggio vacillante; vogliono qualcosa di chiaro, e quando lo ottengono rispondono. Abbiamo reso la fede troppo banale per troppo tempo. La mia generazione ha avuto un cattolicesimo banalizzato e questo è stato un disastro pastorale… Abbiamo banalizzato la fede nel tentativo di renderla rilevante e ci siamo indeboliti”.

Skojec ha concluso il suo sfogo su Twitter esaltando la ricerca della “rilevanza”. “Il cattolicesimo storico ha prodotto martiri”, ha detto. “Il cattolicesimo moderno produce cattolici che hanno perso la fede e atei”.

L’attrattiva della rilevanza sembra essere ciò che il vescovo Baron insiste nel dire che non è tanto la rilevanza quanto la “banalizzazione”. Non è un caso che una delle scoperte che ha contribuito alle ondate di conversioni dal protestantesimo negli ultimi decenni sia stato il fenomeno dei miracoli eucaristici presentati per la convalida ai laboratori scientifici.

Poiché le ostie sanguinanti sono state sottoposte a test di laboratorio che hanno costantemente dimostrato la presenza di globuli bianchi dal tessuto cardiaco vivente in un risultato che è stato completamente al di là della capacità della scienza o della spiegazione razionalistica, le affermazioni della Chiesa cattolica di essere l’agenzia del miracolo quotidiano sono state convalidate. La pertinenza perde ogni attinenza se si pensa che possa essere in contrasto con la trascendenza e il miracoloso.

Per molti protestanti, la semplicità di un calice di legno o di terracotta in circostanze poco raccomandabili rifletteva l’umiltà dell’Incarnazione. Ma il miracolo della Messa, riflesso in secoli di fenomeni miracolosi nel corso dei secoli, e ora ratificato dall’analisi scientifica, ha portato a un’enfasi diversa e a una risposta diversa: quella dell’adorazione di Gesù nell’Eucaristia, e la risposta d’amore a questo miracolo che solo i migliori farebbero.

I tabernacoli grigi di Tupperware scaricati nelle tende a Lisbona alla vigilia della messa di chiusura della GMG hanno spinto folle di giovani cattolici a venire quella notte con candele e fiori e a inginocchiarsi, adorare e vegliare per ore in riparazione di questa mancanza di rispetto. Hanno mandato un segnale al resto della Chiesa: il futuro della fede non è nella banalizzazione, ma nella comprensione della meraviglia del miracolo della Messa, dell’amore e dell’adorazione che ne derivano.

La domanda per coloro che hanno organizzato la messa di chiusura della Giornata Mondiale della Gioventù è: sono in grado di ascoltare ciò che i giovani hanno detto loro e di accompagnarli di conseguenza?

Gavin Ashenden

 

 

Facebook Comments