La più grande e densa baraccopoli dell’Asia ha sconvolto il mondo annunciando un solo nuovo caso positivo di COVID-19, nonostante sia un ammasso di persone e una zona calda. Cosa ha fatto, quali medicinali ha usato per raggiungere questo straordinario risultato? Ce lo spiega Vijay Jayaraj in questo suo articolo pubblicato su American Thinker

Eccolo nella mia traduzione. 

 

Dharav,i trattamento per covid (Rafiq Maqbool / Associated Press)

Dharav,i trattamento per covid (Rafiq Maqbool / Associated Press)

 

La più grande e densa baraccopoli dell’Asia ha sconvolto il mondo annunciando un solo nuovo caso positivo di COVID-19, nonostante sia un ammasso di persone e una zona calda.

Dharavi non è una baraccopoli ordinaria. È una delle più dense del mondo, che ospita più di un milione di persone. Ha fatto da sfondo al film premio Oscar Slumdog Millionaire.

Dharavi contiene sacche in cui sono ammassate ben 650.000 persone in 2,5 chilometri quadrati. In confronto, New York City ha solo circa 95.605 persone per 2,5 chilometri quadrati.

L’India ha temuto il peggio quando un’epidemia di COVID-19 è stata segnalata a Dharavi.  Avrebbe potuto diventare la più grande zona disastrata di COVID-19 del mondo. Ma usando misure proattive, Dharavi ha contenuto il virus.

I media di tutto il mondo, come il Los Angeles Times, hanno riportato il successo. Anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha elogiato Dharavi.

I rapporti attribuiscono il merito dell’enorme svolta a vari fattori. La maggior parte si è concentrata sull’uso da parte di Dharavi di test diffusi e sulla ricerca di contatti. Uno è l’uso di un farmaco antimalarico. Ma hanno ignorato la politica più responsabile [del successo]. I medici indiani hanno usato l’idrossiclorochina (HCQ) per la profilassi (preventiva) – lo stesso farmaco che i media americani hanno politicizzato.

Il tasso di infezione da COVID-19 di Dharavi è sceso drasticamente da aprile a giugno. A luglio, le nuove infezioni sono state molto basse, raggiungendo quasi lo zero il 9 luglio.

I funzionari hanno accreditato questa inversione di tendenza a “[una] combinazione di idrossiclorochina, vitamina D e compresse di zinco insieme a farmaci omeopatici”.

HCQ è stato ampiamente utilizzato in tutta l’India per il trattamento della fase iniziale di COVID-19. È anche prescritto per la profilassi tra coloro che sono venuti a contatto con persone che sono risultate positive.

In India, l’HCQ è sempre stato legale. La task force ufficiale del governo per il COVID-19, l’Indian Council of Medical Research (ICMR), lo raccomanda vivamente alle persone ad alto rischio come i medici.

Le linee guida dell’ICMR raccomandano l’uso profilattico dell’HCQ per le seguenti categorie: 

  1. “tutti gli operatori sanitari asintomatici coinvolti nel contenimento e nel trattamento del COVID19 e gli operatori sanitari asintomatici che lavorano in ospedali non COVID/aree non COVID di ospedali/blocchi COVID”;
  2. “gli operatori sanitari sintomatici in prima linea, come gli operatori di sorveglianza impiegati nelle zone di contenimento e il personale paramilitare/polizia coinvolto in attività correlate alla COVID19”; e
  3. “contatti domestici sintomatici di casi confermati in laboratorio”.

In altre parole, HCQ è per chiunque abbia la minima possibilità di contrarre il COVID-19.

Non tutti sono sono d’accordo con il suo utilizzo. Quando i medici hanno iniziato a usare l’HCQ a Dharavi, i sostenitorii anti-HCQ si sono rivolti all’alta corte di Bombay. Ma la corte si è pronunciata a favore dell’HCQ:

Ora, in un determinato caso, se il rispetto della legge stricto sensu e l’attesa di una sperimentazione clinica di un farmaco comportassero la perdita di tempo prezioso per salvare un paziente e la scelta fosse tra il diavolo e il mare profondo, cioè.., nessun altro farmaco, ad eccezione di un farmaco di tipo HCQ, anche se non clinicamente testato per il trattamento della malattia, fosse l’ultima opzione lasciata ad un medico per salvare la vita di tale paziente, dovrebbe il medico piegare le mani e lasciare il paziente alla misericordia dell’Onnipotente sulla base del fatto che il farmaco in questione non è stato registrato per l’uso come profilassi? La risposta, che siamo intenzionati a tenere, dovrebbe essere negativa.

Il tribunale avrebbe potuto informare colui che aveva fatto ricorso circa l’efficacia dell’HCQ. Lo studio osservazionale dell’ICMR su 334 operatori sanitari dell’ospedale AIIMS (a 10 minuti da casa mia a Delhi) ha rivelato che 248 persone che hanno preso la profilassi dell’HCQ avevano una minore incidenza di infezioni rispetto a quelle che non l’hanno presa.  Uno studio simile in altri tre ospedali di Delhi ha avuto risultati simili.

Ci sono stati solo 27.497 decessi COVID-19 in India fino al 19 luglio. Con una popolazione di 1,3 miliardi di persone, è un tasso di mortalità estremamente basso di 19 per milione, o 0,002 per cento. (Questo è molto più basso che per la tubercolosi, che uccide 440.000 persone ogni anno in India).

L’uso di HCQ potrebbe essere una delle ragioni per cui il tasso di mortalità dell’India è drammaticamente inferiore a quello di alcuni Paesi europei, come la Spagna, con 607 morti per milione, e la Francia, con 461.

I 139.659 decessi riportati dai Centri statunitensi per il controllo delle malattie al 19 luglio rappresentano un tasso circa 20 volte superiore a quello indiano.

I medici hanno dimostrato che l’HCQ, in combinazione con lo zinco e l’azitromicina, può essere molto efficace nelle prime fasi di COVID-19:

Il trattamento basato sulla stratificazione del rischio dei pazienti ambulatoriali di COVID-19 il più presto possibile dopo l’insorgenza dei sintomi con la triplice terapia utilizzata, compresa la combinazione di zinco con idrossiclorochina a basso dosaggio, è stato associato a un numero significativamente inferiore di ricoveri ospedalieri e 5 volte inferiore rapportati a tutti i decessi.

L’HCQ può salvare milioni di persone in tutto il mondo, tranne che nei paesi in cui [l’uso] rimane controverso. Il direttore dell’Ufficio per le politiche commerciali e produttive della Casa Bianca, Peter Navarro, ha sottolineato la stessa cosa la scorsa settimana:

E’ la politicizzazione di questo farmaco da parte dei media tradizionali e di parti della comunità medica che in qualche modo ha reso questa una battaglia tra il presidente Trump e loro e ha creato questa paura e isteria indebita per un farmaco, un farmaco che è stato usato per oltre 60 anni in modo relativamente sicuro e che viene regolarmente prescritto alle donne incinte se vanno in una zona con malaria.

L’India ha esportato tonnellate di HCQ negli Stati Uniti, in Canada e in decine di altri paesi negli ultimi mesi. Nonostante le scorte, queste nazioni hanno resistito al suo uso. I media e le burocrazie americane dovrebbero andare oltre la loro ossessione per la politica e considerare onestamente l’efficacia di HCQ.

 

Dharavi

Dharavi

 

Dharavi

Dharavi

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1