Vi propongo un articolo sulla relazione tra eccesso di mortalità in Europa e livello di vaccinazione COVID. L’articolo è stato pubblicato sulla sito di HART,  e ve lo propongo nella mia traduzione. 

 

donna spavento-improvviso

 

Il grado di vaccinazione dei diversi Paesi è fortemente correlato al numero di decessi registrati sia alla fine del 2021 che nei mesi più recenti. I Paesi più vaccinati hanno registrato un eccesso di mortalità inferiore durante l’ondata Delta, ma negli ultimi mesi si è verificato il contrario. È un segno di una relazione causale o ci sono altri fattori in gioco?

L’economista tedesco Olaf Garber ha dimostrato questa correlazione utilizzando i dati sulle vaccinazioni del vaccine tracker dell’UE e i dati sui decessi in eccesso delle statistiche governative dell’UE. Abbiamo replicato questo lavoro nel presente documento.

Per il periodo luglio-dicembre 2021, la percentuale media di eccesso di mortalità ha mostrato una forte correlazione con la percentuale di paesi vaccinati, il che sembra suggerire che i paesi più vaccinati abbiano meno decessi. In effetti, il 55% dell’eccesso di mortalità poteva essere previsto in base alla percentuale di popolazione vaccinata in ciascun Paese (vedi Figura 1 – ogni punto rappresenta un Paese e la linea rossa mostra la tendenza media).

 

Figura 1: Dati Eurostat sulla mortalità in eccesso per il periodo luglio-dicembre 2021 rapportati alla percentuale di vaccinati in ciascun paese.

 

Using the average percentage of excess deaths from April to August 2022, however,  demonstrated another strong correlation, but this time in the opposite direction. Overall 46% of the average percentage of excess deaths could be predicted from the proportion of the population vaccinated (see figure 2).

 

Figura 2: Dati Eurostat sulla mortalità in eccesso per il periodo aprile-agosto 2022 rapportati alla percentuale di vaccinati in ciascun paese.

 

Una correlazione simile è stata riscontrata per la proporzione di persone che hanno avuto un primo richiamo (vedi Figura 3), con un eccesso di decessi più elevato nelle popolazioni che hanno ricevuto un maggior numero di richiami.

 

Figura 3: Relazione tra l’eccesso medio di decessi nel periodo aprile-agosto 2022 e la percentuale di popolazione che ha ricevuto il primo richiamo.

 

È possibile che vi siano fattori confondenti che contribuiscano a queste apparenti relazioni. Uno ovvio potrebbe essere la differenza tra i Paesi dell’Europa orientale e occidentale. I Paesi dell’Europa orientale hanno popolazioni più giovani, il che potrebbe comportare una minore adozione del vaccino, ma anche un minore eccesso di mortalità da covid. Tuttavia, hanno anche tassi di mortalità di base più elevati e se ciò è dovuto a fattori di rischio per malattie che potrebbero aumentare la probabilità di un eccesso di mortalità, ci si aspetterebbe un eccesso maggiore. L’Europa dell’Est, inoltre, ha avuto tempi leggermente diversi per le ondate di covid, il che potrebbe causare l’apparente relazione. Per verificare se il problema fosse questo, i grafici sono stati ridisegnati separatamente per l’Europa occidentale e orientale.

Da luglio a dicembre 2021

L’apparente beneficio dimostrato nel periodo luglio-dicembre 2021 non è stato riscontrato in Europa occidentale. Questi Paesi avevano tassi di vaccinazione elevati simili e le differenze nei tassi al di sopra di un certo livello non sembrano avere alcun impatto sulla mortalità (vedi figura 4). Tuttavia, la relazione è stata mantenuta tra i Paesi dell’Europa orientale, dove si è registrata una maggiore variazione nell’adesione (cfr. figura 5). Nell’Europa dell’Est, due paesi con un eccesso di mortalità relativamente elevato, la Romania e la Bulgaria, sono responsabili di tutta questa apparente correlazione. È possibile che altri fattori abbiano contribuito all’aumento della mortalità in Romania e Bulgaria e che la correlazione sia spuria.

 

Figura 4: Grafico della relazione tra l’eccesso medio di decessi nel periodo luglio-dicembre 2021 e la percentuale di popolazione dei paesi dell’Europa occidentale mai vaccinata.

 

 

Figura 5: Grafico della relazione tra l’eccesso medio di decessi nel periodo luglio-dicembre 2021 e la percentuale di popolazione dei paesi dell’Europa orientale mai vaccinata.

 

 

Da aprile ad agosto 2022 Riesaminando i dati relativi ai decessi recenti e al primo richiamo solo per l’Europa occidentale, si è riscontrata una correlazione più debole, con un aumento dei decessi in eccesso all’aumentare della diffusione del richiamo (vedi figura 6). Tuttavia, nell’Europa dell’Est, il 37% della variazione dei decessi in eccesso poteva essere previsto dai tassi di primo richiamo in ciascun Paese (vedi figura 7).

 

 

Figura 7: Grafico della relazione tra l’eccesso medio di decessi nel periodo aprile-agosto 2022 e la percentuale di popolazione a cui è stato somministrato il primo richiamo nei paesi dell’Europa orientale.

 

Conclusioni

È molto preoccupante che l’apparente diminuzione dei decessi nei Paesi altamente vaccinati nel periodo luglio-dicembre 2021 si sia invertita nel periodo aprile-agosto 2022. Igor Chudhov ha svolto un lavoro simile che mostra una correlazione con i richiami e la mortalità a partire dalla 10a settimana, utilizzando tutti i dati del database sulla mortalità umana, che include una selezione di Paesi a livello globale. La prima risposta al suo articolo (citata ora nel suo articolo) includeva un’analisi delle regioni del Regno Unito, che mostra anch’essa una correlazione altamente significativa dal punto di vista statistico: le regioni più vaccinate hanno un numero maggiore di decessi in eccesso.

L’UKHSA continua a sostenere che la vaccinazione ha un’efficacia superiore al 50% contro la morte. Le loro stime non sono più basate su dati del mondo reale e l’evidenza del mondo reale dimostra che queste stime sono una fantasia.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments