“Una prossima conferenza vaticana sulla salute, intitolata “Unite to Prevent & Unite to Cure” e co-ospitata dal Pontificio Consiglio della Cultura e dalla Cura Fonndation, non solo porrà un focus significativo sui trattamenti e la prevenzione del COVID-19, ma fornirà anche una piattaforma per promuovere i vaccini prodotti dalle grandi aziende farmaceutiche.”

Un articolo scritto da Edward Pentin, pubblicato sul National Catholic Register” che vi propongo nella mia traduzione.  

 

Exploring the Mind-Body Soul. Locandina della conferenza vaticana sulla salute
Exploring the Mind-Body Soul. Locandina della conferenza vaticana sulla salute

 

Una prossima conferenza vaticana sulla salute, intitolata “Unite to Prevent & Unite to Cure” e co-ospitata dal Pontificio Consiglio della Cultura e dalla Cura Fonndation, non solo porrà un focus significativo sui trattamenti e la prevenzione del COVID-19, ma fornirà anche una piattaforma per promuovere i vaccini prodotti dalle grandi aziende farmaceutiche. 

Il patrocinio dei vaccini anti-COVID era già evidente sia dai nomi di alcuni dei 114 relatori che partecipano al summit sanitario online del 6-8 maggio, sia da alcuni dei finanziatori e sostenitori della conferenza annunciati la scorsa settimana. 

Il Dr. Anthony Fauci, che ha guidato la risposta di entrambe le amministrazioni Trump e Biden al COVID-19, è un fervente sostenitore della vaccinazione, ed è previsto che dia il discorso di apertura della conferenza dal titolo “Esplorare la mente, il corpo e l’anima: come l’innovazione e i nuovi sistemi di consegna migliorano la salute umana”. 

Interverranno anche Stephane Bancel e Albert Bourla, rispettivamente gli amministratori delegati di Moderna e Pfizer, due dei maggiori produttori di vaccini anti-COVID-19, e il dottor Francis Collins, direttore del National Institutes of Health degli Stati Uniti, che ha anche fortemente sostenuto la vaccinazione. Un altro oratore è David Feinberg, vicepresidente di Google Health, che a gennaio ha impegnato 150 milioni di dollari per promuovere “l’educazione al vaccino COVID-19 e l’equa distribuzione alle comunità servite”, nonché ulteriori finanziamenti ad altre istituzioni, tra cui l’Organizzazione Mondiale della Sanità, al fine di promuovere la vaccinazione. 

Mons. Tomasz Trafny, il funzionario vaticano che organizza la conferenza, ha detto al Register la scorsa settimana che il Vaticano non ha un budget per la conferenza, il cui finanziamento proviene quindi interamente da donatori esterni. Questi benefattori e sostenitori includono Moderna, menzionata come “Key Gold” sostenitore e finanziatore dell’incontro, Celularity, United Therapeutics e Sorrento Therapeutics. I “Key Grantors” della conferenza, nel frattempo, sono la Templeton Foundation, che finanzia iniziative che uniscono scienza e fede, e Helmsley Charitable Trust che crede in un “approccio globale” per trattare le persone con “diabete di tipo 1 e tutte le malattie croniche”. 

Ulteriori indicazioni che indicano il desiderio di alcuni partecipanti di utilizzare la conferenza per promuovere i vaccini in un contesto ecclesiale sono arrivati con una e-mail promozionale inviata ai media questa settimana dalla Cura Fondation. 

“La Chiesa cattolica è stata messa sotto esame per aver messo in discussione l’uso del vaccino J&J, ma si è schierata dalla parte della scienza dicendo che è meglio prendere qualsiasi vaccino – e questo è il punto di questo incontro”, si legge nell’e-mail del 22 aprile da un funzionario del supporto PR della Cura Fondation. Il riferimento al vaccino Johnson & Johnson si riferisce apparentemente alle “preoccupazioni morali” sollevate dai vescovi statunitensi sulla sua produzione che utilizzano linee cellulari derivate dal tessuto di feti abortiti. 

“In questi tempi difficili di COVID”, si legge nell’e-mail, “esperti internazionali tra cui il Dr. Anthony Fauci, il Dr. Francis Collins del National Institute of Health, i CEO di Moderna e Pfizer, così come i leader religiosi del cristianesimo, dell’ebraismo, del buddismo e delle fedi musulmane saranno presenti mentre ci confrontiamo come società con la salute globale e l’essere una società globale unificata”.

Quando il Register ha chiesto ad Amber Lacroix, l’autrice dell’e-mail, se la Cura Fondation veda lo scopo dell’incontro come la promozione e l’incoraggiamento del sostegno del Vaticano per i vaccini, ha detto che la sua inquadratura dell’incontro era “sbagliata”, si è scusata per aver affermato “qualcosa di troppo avanti” e ha raccomandato di parlare con “i portavoce ufficiali” della conferenza. 

La settimana scorsa, mons. Trafny ha detto al Register che la conferenza è uno scambio di opinioni inteso a sfidare i punti di vista degli altri. Lo scopo, ha aggiunto, è anche quello di “indicare la competenza, sottolineare l’importanza della ricerca” relativa alle nuove terapie che sono spesso incomprese. 

Alla domanda se, dato che la Congregazione per la Dottrina della Fede ha sottolineato l’importanza di fare pressione sulle aziende farmaceutiche affinché non producano vaccini contaminati dall’aborto, anche se dicono che il loro uso è lecito, gli organizzatori useranno questa opportunità per far conoscere le preoccupazioni ai CEO di Moderna e Pfizer, Mons. Trafny ha risposto: “Pensiamo che sia meglio aumentare il loro livello di sensibilità e di consapevolezza invece di lamentarsi o condannarli. Vogliamo che capiscano il nostro punto di vista e li invitiamo a pensare in modo più ampio invece di dire: ‘Voi siete i cattivi’. Sono profondamente convinti di fare del bene e a volte mancano solo di sensibilità perché non sono formati come noi”.

Nonostante l’enfasi promozionale sui vaccini anti-COVID, la maggior parte dell’agenda della conferenza vaticana è dedicata a temi non direttamente legati alla recente pandemia di coronavirus. Gli argomenti includono l’esame del legame tra il cancro e le malattie cardiovascolari, i “misteri dell’infiammazione del cervello” e le “pratiche alimentari religiose e la salute”. 

Ma l’incontro online arriva in un momento di considerevole “esitazione vaccinale” mondiale – un termine usato dall’industria farmaceutica per descrivere la riluttanza a prendere il vaccino. Giovedì, è stato riferito che l’amministrazione Biden starebbe lanciando una massiccia campagna per combattere la resistenza al vaccino, dato che i sondaggi suggeriscono che un numero significativo di americani probabilmente si rifiuterà di fare le iniezioni.

All’interno della Chiesa, molti si oppongono ai vaccini sulla base del fatto che quelli disponibili sono stati prodotti o testati utilizzando linee di cellule fetali abortite negli anni ’60 e ’70. Il Vaticano ha dichiarato moralmente lecito l’uso di tali vaccini a causa della lontananza di qualsiasi cooperazione con il male e della gravità dei pericoli del COVID-19, ma sostiene anche l’incoraggiamento di vaccini alternativi che “non creano problemi di coscienza”. 

La settimana scorsa, un gruppo di avvocati, medici e farmacisti italiani ha scritto a sostegno della ferma posizione del vescovo Athanasius Schneider contro tali vaccini e si è impegnato a garantire a livello legislativo che qualsiasi uso futuro di cellule umane embrionali e fetali derivate dalla sottrazione di vita umana innocente sia “legalmente rimproverato e sanzionato penalmente”.

Altri fattori che scoraggiano l’uso dei vaccini includono il timore che siano stati prodotti rapidamente senza adeguati test, effetti collaterali tra cui un certo numero di morti a causa di coaguli di sangue, e alcuni rapporti di un aumento dei decessi in seguito a programmi di vaccinazione.

Finora l’agenda dell’imminente conferenza vaticana non affronta esplicitamente come queste preoccupazioni etiche saranno sollevate. Piuttosto, le sessioni che promuovono le terapie mRNA (utilizzate nei vaccini Moderna e Pfizer COVID così come altri), le “Soluzioni complete del COVID-19”, e come applicare “la tecnologia di prossima generazione” utilizzata in questi vaccini “a una serie di malattie” sono i fuochi di discussione.  

Bancel (amministratore di Moderna, ndr) terrà un discorso intitolato “La storia che ha salvato delle vite e influenzerà il nostro futuro”, mentre il dottor Collins, che all’inizio dell’epidemia di coronavirus ha esortato le comunità di fede a fidarsi della scienza per combattere la malattia, parlerà sul tema “Bridging Science and Faith” (“Un ponte tra scienza e fede”, ndr). 

Altri temi legati a COVID che saranno discussi includono l’etica dei dati e l’intelligenza artificiale (AI), e la preparazione di una migliore risposta sanitaria a tali crisi, in cui Bourla (amministratore di Pfizer, ndr) parlerà di costruire sulle lezioni apprese dall’epidemia del virus, tra cui “lo sviluppo e la distribuzione di nuovi vaccini e, cosa più importante, la prevenzione”.

 

 



Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email