Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Marina Zhang e pubblicato su The Epoch Times. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella traduzione da me curata.

 

vaccini covid vaccinazione
(Photo by Emily Elconin/Getty Images)

 

Le infezioni da COVID-19 e i relativi vaccini sono stati collegati a complicazioni urinarie e prostatiche.

Un recente studio di Hong Kong ha rilevato che tra gli uomini in cura per i sintomi del tratto urinario inferiore, quelli che avevano avuto un’infezione da COVID-19 avevano un rischio maggiore di avere un ingrossamento della prostata, che può portare a una maggiore probabilità di infezioni del tratto urinario, ritenzione di urina ed ematuria (urinare sangue).

“I pazienti maschi infettati con SARS-CoV-2 hanno maggiori probabilità di avere un deterioramento dei LUTS (sintomi del tratto urinario inferiore). Questa associazione non è priva di plausibilità biologica”, hanno concluso gli autori.

I recettori per il SARS-CoV-2 e la sua proteina spike superficiale sono abbondanti nella prostata, che quindi “diventa un bersaglio per il SARS-CoV-2, con conseguente infiammazione e quindi questi risultati di interesse”, hanno aggiunto gli autori.

 

Complicazioni urinarie dopo COVID o vaccinazione

Sintomi urinari come incontinenza, malattie del tratto urinario, esitazione a urinare e minzione frequente sono stati segnalati dopo infezioni da COVID o dopo inoculazione con i suoi vaccini.

Poiché l’uretra passa attraverso la prostata, l’ingrossamento della prostata può ostacolare il flusso dell’urina, causando esitazioni urinarie, infezioni e ritenzione.

Nello studio di Hong Kong, gli autori hanno ipotizzato che le complicazioni urinarie causate dall’ingrossamento della prostata siano dovute al virus che provoca infiammazioni nell’area genito-urologica. Essi spiegano che i virus SARS-CoV-2 potrebbero legarsi ai recettori ACE-2 e TMPRSS2 nei testicoli e nella prostata, causando danni. I livelli relativamente alti di espressione dell’ACE-2 negli organi riproduttivi maschili e femminili suggeriscono che questi organi sono potenzialmente vulnerabili all’infezione da SARS-CoV-2.

Tuttavia, alcuni medici ritengono che anche le proteine spike persistenti del vaccino possano essere alla base dei danni. Studi di biodistribuzione del vaccino hanno dimostrato che l’mRNA del vaccino può segregarsi nelle ovaie e nei testicoli, mentre altri studi hanno dimostrato che le proteine spike possono persistere per molti mesi o anni.

Una complicazione comune è il peggioramento dei sintomi del tratto urinario inferiore nei pazienti che hanno già un problema di base. È stato dimostrato che le proteine urinarie coinvolte nella risposta immunitaria cambiano prima e dopo la vaccinazione con COVID-19.

L’incontinenza urinaria è un altro effetto collaterale comune del vaccino COVID-19. La psichiatra Amanda McDonald, che ha curato diverse centinaia di pazienti per il COVID e i sintomi post-vaccino, ha dichiarato a The Epoch Times che l’incontinenza è piuttosto comune tra i suoi pazienti vaccinati.

“Ho avuto alcune donne di vent’anni con incontinenza e si sono sentite dire che è normale”, ha detto la dott.ssa McDonald, “Ho avuto sei, sette donne di fila che sono venute a raccontarmi la stessa storia e che il mio medico di base mi ha mandato qui a parlare con il mio psichiatra perché pensano che sia tutto nella mia testa”.

La dottoressa McDonald ha prescritto principalmente l’ivermectina come trattamento per i suoi pazienti, poiché l’ivermectina può legarsi alle proteine spike e bloccarle.

L’incontinenza tende a essere più comune nelle donne che nei maschi. Altri studi che hanno analizzato i sintomi urinari dopo la vaccinazione hanno riportato un maggior numero di effetti collaterali nelle donne rispetto ai maschi.

Il medico di medicina interna Dr. Keith Berkowitz, che ha curato a lungo pazienti COVID e post-vaccini, ritiene che l’incontinenza urinaria possa essere dovuta a infezioni del tratto urinario causate da un sistema immunitario soppresso.

Ha misurato i livelli di cellule immunitarie dei suoi pazienti e ha scoperto che alcuni pazienti con precedenti infezioni o inoculazioni hanno un numero di cellule immunitarie anormalmente basso. Poiché non ha analizzato i loro livelli immunitari prima della vaccinazione o dell’infezione, non è noto se lo stato di immunosoppressione sia causato dal vaccino o dall’infezione; tuttavia, persiste un legame.

 

Elevato livello di PSA dopo COVID e vaccinazione

Alcuni studi hanno messo in relazione l’infezione da SARS-CoV-2 e le vaccinazioni con un leggero aumento dell’antigene sierico della prostata (PSA), con un impatto più marcato della terza dose di vaccino anti-COVID. Il significato clinico non è ancora noto, ma alcuni operatori sanitari come Scott Marsland della Leading Edge Clinic sospettano che possa essere un indicatore del cancro alla prostata.

Il livello di PSA di un uomo viene spesso misurato attraverso un esame del sangue per individuare il cancro alla prostata.

Livelli elevati di PSA possono essere un segnale di allarme per il cancro alla prostata, ma ci sono uomini senza cancro con livelli elevati di PSA, così come ci sono uomini con cancro alla prostata e livelli normali di PSA.

Marsland ha detto che molti dei suoi pazienti che erano in remissione da molti anni hanno sviluppato un nuovo cancro alla prostata dopo la vaccinazione. Questo non si è verificato per i suoi pazienti non vaccinati ma infetti.

Ha inoltre ricordato che i pazienti con prostata ingrossata hanno spesso urgenza urinaria, si alzano più volte durante la notte e hanno un certo grado di incontinenza. “Questo può accadere anche in giovane età e non era un problema che si presentava prima del COVID o della vaccinazione”.

Marina Zhang

 

Marina Zhang scrive di salute per The Epoch Times, con sede a New York. Si occupa principalmente di storie sulla COVID-19 e sul sistema sanitario e ha conseguito una laurea in biomedicina presso l’Università di Melbourne. Contattatela all’indirizzo marina.zhang@epochtimes.com.

 

Facebook Comments