Come tentare di abbattere il cristianesimo con il consenso degli stessi cristiani. Ce lo dice David Carlson in questo articolo.

Eccolo nella mia traduzione.

Foto: Time magazine

Foto: Time magazine

In passato si doveva essere piuttosto alfabetizzati se si voleva essere un anticristiano. Vale a dire, si doveva leggere alcuni libri. Si doveva essere in grado di seguire un’argomentazione. Due secoli fa si leggeva Voltaire o Tom Paine.  E alla fine del 1800 si leggevano Herbert Spencer o Thomas Henry Huxley. E nella prima metà del XX secolo si leggeva Freud o Bertrand Russell o John Dewey. “(Dewey non attaccò mai esplicitamente il cristianesimo. Ha semplicemente dato per scontato che viviamo già in un mondo post-cristiano).

Da allora, però, la maggior parte delle persone non ha più molto appetito per leggere gli attacchi teorici al cristianesimo, la popolazione anticristiana degli Stati Uniti non è mai stata più di una cosa relativamente piccola. Questo non vuol dire che la maggior parte delle persone che si dichiaravano cristiane fossero entusiaste del loro cristianesimo. No, molti erano indifferenti. Ma essere indifferenti è una cosa. Essere opposti è qualcos’altro.

Quando circa tre quinti del XX secolo erano passati, l’anticristianesimo negli Stati Uniti improvvisamente si espanse enormemente, soprattutto tra le giovani generazioni. L’America ha attraversato una grande rivoluzione culturale negli anni ’60, e forse la suddivisione più importante di quella rivoluzione è stata la cosiddetta rivoluzione sessuale.

Improvvisamente, quasi da un giorno all’altro, sembrava che le regole della morale sessuale, che erano state praticamente indiscusse per secoli, fossero state gettate fuori dalla finestra. Il sesso prematrimoniale andava bene, il sesso casuale andava bene, la convivenza non matrimoniale andava bene, la maternità fuori dal matrimonio andava bene, l’aborto andava bene, il divorzio per motivi stravaganti andava bene, e presto anche l’omosessualità andava bene.

Non intendo dire che queste cose non fossero mai accadute prima. Erano accadute da tempo immemorabile. Ma quando accaddero prima della rivoluzione, quasi tutti dissero: “Queste cose non sono giuste”.  Anche le persone che hanno fatto queste cose erano d’accordo. Hanno detto: “Quello che sto facendo è cattivo, ma mi piace farlo, quindi lo farò comunque”. Le regole sono state violate, ma non sono state respinte.

Nella rivoluzione sessuale, le regole sono state respinte.    I giovani hanno detto: “I miei genitori pensano che questo sia sbagliato, ma si sbagliano. Non è affatto sbagliato. Proprio il contrario. Quando violo le regole cristiane della morale sessuale, dimostro di essere coraggioso, libero e illuminato”.

Queste regole di moralità sessuale cristiana, ora rifiutate, non erano semplicemente caratteristiche accessorie o ornamentali del cristianesimo.  No, si trovavano vicino al cuore stesso della religione. Pertanto, chi ha rifiutato la morale sessuale cristiana ha rifiutato anche il cristianesimo stesso.

E così, grazie alla rivoluzione sessuale, è stato possibile partecipare di nuovo alla crociata il cristianesimo senza dover leggere alcun libro. Tutto quello che dovevi fare era andare a letto con la tua ragazza o fidanzato, evitare di avere una coscienza che si sentisse colpevole su questo, e poi congratularti con te stesso per essere salito al di sopra dei pregiudizi antichi. Qualsiasi idiota potrebbe farlo. L’anticristianesimo, che non era mai stato altro che una persuasione minoritaria, era improvvisamente (diventata) una persuasione maggioritaria.

Naturalmente, molti cristiani di nome hanno negato quello che ho appena affermato, che un abbraccio della moralità (o dell’immoralità se preferite) della libertà sessuale comporta un rifiuto del cristianesimo. Fino ad oggi il protestantesimo liberale continua a negarlo.  Ammicca su una grande varietà di peccati sessuali; tollera l’aborto; ordina apertamente ministri gay o lesbiche.

E mentre fa tutto questo, afferma che Gesù (quell’amabile rabbino palestinese del I secolo d.C.) approverebbe. E’ ovviamente assurdo. Il protestantesimo liberale sta perseguendo un percorso di autodistruzione, un percorso di suicidio istituzionale.

Se la rivoluzione sessuale è stata l’arma più efficace contro il cristianesimo, il movimento omosessuale (oggi comunemente chiamato movimento LGBT) è stata l’arma più importante della rivoluzione sessuale. A prima vista questo sembra terribilmente strano, dal momento che non molte persone vogliono essere libere di impegnarsi in attività omosessuali o bisessuali, e meno ancora desiderano modificare il loro genere. Allora, perché il movimento LGBT è stato efficace – ed è stato molto efficace – nel persuadere i cristiani che il cristianesimo ha sbagliato per secoli nel condannare la sodomia omosessuale?

Per due motivi. In primo luogo, il movimento LGBT da molti anni è assolutamente brillante nell’arte della propaganda. Ha dominato i tre “posti di comando” (se posso chiamarli così) della cultura popolare americana – i mezzi di informazione, l’industria dello spettacolo, e le nostre migliori scuole e università. Per decenni ha usato queste istituzioni per diffondere la parola che “gay è buono” e che gli omosessuali sono “nati in questo modo” e che se sei di un’opinione diversa sei uno che odia.    Più recentemente, e molto improvvisamente, (il movimento LGBT) ha convinto gran parte della nazione che non c’è alcuna connessione necessaria tra il proprio sesso biologico (maschio o femmina) e la propria identità di genere (maschio, femmina, e Dio sa solo che altro).

In secondo luogo, ha utilizzato un grande principio morale cristiano, vale a dire l’amore del prossimo, per distruggere il cristianesimo. I veri cristiani si asterranno dal causare dolore ai loro vicini omosessuali o transgender. Ma voi provocate dolore grave ai sentimenti di questi vicini ogni volta che affermate che gli esseri umani di distinguono in due sessi, maschio e femmina, e ogni volta che aderite all’antico insegnamento cristiano sulla sodomia. Approvare, per esempio, le parole di San Paolo contro l’omosessualità, che si trovano nel capitolo iniziale della sua Lettera ai Romani, significa dire ai gay e alle lesbiche che sono esseri umani senza valore.

“Ma non vi sto dicendo niente del genere”, risponde il cristiano.

“Tu sei un cristiano falso”, risponde il propagandista LGBT.  “Perché stai facendo proprio questo”.

In passato l’omosessualità era “l’amore che non osava dire il suo nome”. Oggi la visione cristiana dell’omosessualità è la censura che non osa esprimersi.

E così le chiese protestanti liberali celebrano quello che era un grande peccato, mentre i cattolici liberali, molti di loro sacerdoti e vescovi, mantengono un discreto silenzio, non approvando mai apertamente la sodomia, ma nemmeno disapprovandola apertamente.

La follia risiede in questo modo.

Fonte: The Catholic Thing

Facebook Comments