Continuiamo la pubblicazione sine glossa di alcuni post più apparsi sul blog di Bill Gates. Traduzione nostra e neretti anche.

 

Bill Gates
Bill Gates

 

Gestire il coronavirus. E preparatevi per la prossima pandemia

In ogni crisi, i leader hanno due responsabilità ugualmente importanti: risolvere il problema immediato e impedire che accada di nuovo. La pandemia di COVID-19 è un ottimo esempio. Il mondo ha bisogno di salvare vite umane ora, migliorando anche il modo in cui rispondiamo alle epidemie in generale. Il primo punto è più urgente, ma il secondo ha conseguenze cruciali a lungo termine.

La sfida a lungo termine – migliorare la nostra capacità di rispondere alle epidemie – non è nuova. Gli esperti di salute globale hanno detto per anni che un’altra pandemia che rivaleggiava con la velocità e la gravità dell’epidemia di influenza del 1918 non era una questione di se ma di quando. La Bill & Melinda Gates Foundation ha impegnato risorse significative negli ultimi anni per aiutare il mondo a prepararsi a tale scenario.

Ora, oltre alla sfida perenne, ci troviamo di fronte a una crisi immediata. Nell’ultima settimana, COVID-19 ha iniziato a comportarsi molto come l’agente patogeno di un tempo passato in cui eravamo spaventati. Spero che non vada altrettanto male, ma dovremmo presumere che lo sarà fino a quando non sapremo il contrario.

Ci sono due ragioni per cui COVID-19 è una vera minaccia. In primo luogo, può uccidere adulti sani oltre agli anziani con problemi di salute esistenti. I dati finora suggeriscono che il virus ha un rischio di mortalità intorno all’1%; questo tasso lo renderebbe parecchie volte più grave della tipica influenza stagionale e lo collocherebbe da qualche parte tra la pandemia influenzale del 1957 (0,6%) e la pandemia influenzale del 1918 (2%).

In secondo luogo, COVID-19 si trasmette in modo abbastanza efficiente. La persona infetta media diffonde la malattia ad altri due o tre. Questo è un tasso di aumento esponenziale. C’è anche una forte evidenza che può essere trasmesso da persone che sono solo lievemente malate o che non mostrano ancora sintomi. Ciò significa che COVID-19 sarà molto più difficile da contenere rispetto alla sindrome respiratoria del Medio Oriente o alla sindrome respiratoria acuta grave (SARS), che sono state diffuse solo da coloro che mostravano sintomi e sono state trasmesse in modo molto meno efficiente. In effetti, COVID-19 ha già causato 10 volte più casi della SARS in appena un quarto del tempo.

La buona notizia è che i governi nazionali, statali e locali e le agenzie di sanità pubblica possono adottare misure nelle prossime settimane per rallentare la diffusione di COVID-19.

Ad esempio, oltre ad aiutare i propri cittadini a rispondere, i governi donatori dovrebbero aiutare i paesi a basso e medio reddito a prepararsi a questa pandemia. I sistemi sanitari in molti di questi paesi sono già messi alla prova e un agente patogeno come il coronavirus può rapidamente sopraffarli. E i paesi più poveri hanno poca influenza politica o economica, dato il naturale desiderio dei paesi più ricchi di mettere al primo posto la propria gente.

“Aiutando i paesi dell’Africa e dell’Asia meridionale a prepararsi ora, possiamo salvare vite umane e anche rallentare la circolazione globale del virus”.

Aiutando i paesi dell’Africa e dell’Asia meridionale a prepararsi ora, possiamo salvare vite umane e anche rallentare la circolazione globale del virus. (Una parte significativa dell’impegno che Melinda e io abbiamo recentemente preso per aiutare a dare il via alla risposta globale al COVID-19, che potrebbe ammontare a $ 100 milioni, si concentra in particolare sui paesi in via di sviluppo.)

Il mondo deve anche accelerare il lavoro su trattamenti e vaccini per COVID-19. Gli scienziati sono stati in grado di sequenziare il genoma del virus e sviluppare diversi candidati vaccini promettenti in pochi giorni, e la Coalition for Epidemic Preparedness Innovations sta già preparando fino a otto promettenti candidati vaccini per gli studi clinici. Se uno o più di questi vaccini si dimostrano sicuri ed efficaci nei modelli animali, potrebbero essere pronti per studi su larga scala già a giugno. La scoperta di farmaci può anche essere accelerata attingendo a librerie di composti che sono già stati testati per la sicurezza e applicando nuove tecniche di screening, incluso l’apprendimento automatico, per identificare antivirali che potrebbero essere pronti per studi clinici su larga scala entro poche settimane.

Tutti questi passi aiuterebbero ad affrontare l’attuale crisi. Ma dobbiamo anche apportare cambiamenti sistemici più ampi in modo da poter rispondere in modo più efficiente ed efficace quando arriverà la prossima epidemia.

È essenziale aiutare i paesi a basso e medio reddito a rafforzare i loro sistemi di assistenza sanitaria di base. Quando costruisci una clinica sanitaria, stai anche creando parte dell’infrastruttura per combattere le epidemie. Gli operatori sanitari addestrati non solo forniscono vaccini; possono anche monitorare i modelli di malattia, fungendo da parte dei sistemi di allerta precoce che avviseranno il mondo di potenziali epidemie.

Il mondo ha anche bisogno di investire nella sorveglianza delle malattie, incluso un database di casi che sia immediatamente accessibile alle organizzazioni e alle regole pertinenti che richiedono ai paesi di condividere le loro informazioni. I governi dovrebbero avere accesso a elenchi di personale addestrato, dai leader locali agli esperti globali, che sono pronti ad affrontare immediatamente un’epidemia, nonché elenchi di forniture da immagazzinare o reindirizzare in caso di emergenza.

Inoltre, dobbiamo costruire un sistema in grado di sviluppare vaccini e antivirali sicuri ed efficaci, farli approvare e fornire miliardi di dosi entro pochi mesi dalla scoperta di un agente patogeno in rapido movimento. Questa è una sfida difficile che presenta ostacoli tecnici, diplomatici e di bilancio, oltre a richiedere una partnership tra il settore pubblico e quello privato. Ma tutti questi ostacoli possono essere superati.

Una delle principali sfide tecniche per i vaccini è quella di migliorare i vecchi modi di produrre proteine, che sono semplicemente troppo lenti per rispondere a un’epidemia. Dobbiamo sviluppare piattaforme che siano prevedibilmente sicure, in modo che le revisioni normative possano avvenire rapidamente e che rendano facile per i produttori produrre dosi a basso costo e su larga scala. Per gli antivirali, ci sarà bisogno di un sistema organizzato per esaminare i trattamenti esistenti e le molecole candidate in modo rapido e standardizzato.

Un’altra sfida tecnica riguarda i costrutti basati sugli acidi nucleici. Questi costrutti possono essere prodotti entro poche ore dopo che il genoma di un virus è stato sequenziato; ora dobbiamo trovare il modo di produrli su larga scala.

Oltre a queste soluzioni tecniche, avremo bisogno di sforzi diplomatici per guidare la collaborazione internazionale e la condivisione dei dati. Lo sviluppo di antivirali e vaccini comporta massicci studi clinici e accordi di licenza che attraverserebbero i confini nazionali. Dovremmo sfruttare al meglio i forum globali che possono aiutare a raggiungere il consenso sulle priorità di ricerca e sui protocolli di sperimentazione in modo che i promettenti candidati vaccini e antivirali possano muoversi rapidamente attraverso questo processo. Queste piattaforme includono il progetto di ricerca e sviluppo dell’Organizzazione mondiale della sanità, la rete di sperimentazione del consorzio internazionale per le infezioni respiratorie acute gravi e le infezioni emergenti e la Global Research Collaboration for Infectious Disease Preparedness. L’obiettivo di questo lavoro dovrebbe essere quello di ottenere risultati conclusivi della sperimentazione clinica e l’approvazione normativa in tre mesi o meno, senza compromettere la sicurezza dei pazienti.

“I budget per questi sforzi devono essere ampliati più volte”.

C’è poi la questione dei finanziamenti. I bilanci per questi sforzi devono essere ampliati più volte. Sono necessari miliardi di dollari in più per completare gli studi di fase III e garantire l’approvazione normativa per i vaccini contro il coronavirus, e saranno necessari ancora più finanziamenti per migliorare la sorveglianza e la risposta alle malattie.

Perché questo richiede finanziamenti governativi – il settore privato non può risolverlo da solo? I prodotti pandemici sono investimenti straordinariamente ad alto rischio e le aziende farmaceutiche avranno bisogno di finanziamenti pubblici per ridurre il rischio del loro lavoro e farle saltare con entrambi i piedi. Inoltre, i governi e gli altri donatori dovranno finanziare, come bene pubblico globale, impianti di produzione in grado di generare una fornitura di vaccini nel giro di poche settimane. Queste strutture possono produrre vaccini per programmi di immunizzazione di routine in tempi normali ed essere rapidamente riadattate per la produzione durante una pandemia. Infine, i governi dovranno finanziare l’approvvigionamento e la distribuzione di vaccini alle popolazioni che ne hanno bisogno.

Ovviamente, miliardi di dollari per gli sforzi anti-pandemia sono un sacco di soldi. Ma questa è la scala degli investimenti necessari per risolvere il problema. E dato il dolore economico che un’epidemia può imporre – basta guardare al modo in cui COVID-19 sta sconvolgendo le catene di approvvigionamento e i mercati azionari, per non parlare della vita delle persone – sarà un affare.

Infine, i governi e l’industria dovranno raggiungere un accordo: durante una pandemia, i vaccini e gli antivirali non saranno semplicemente venduti al miglior offerente. Saranno disponibili e convenienti per le persone che sono al centro dell’epidemia e più bisognose. Non solo questa è la cosa giusta da fare, ma è anche la giusta strategia per cortocircuitare la trasmissione e prevenire future pandemie.

Queste sono le azioni che i leader dovrebbero intraprendere ora. Non c’è tempo da perdere.

Questo post è apparso originariamente sul sito web del New England Journal of Medicine. Ho scritto lì sulla necessità di un sistema globale di risposta alla pandemia nel 2015 e sulla minaccia rappresentata da un nuovo virus respiratorio nel 2018.

 

 

Facebook Comments