Pubblichiamo, nella nostra traduzione e neretti nostri, un nuovo articolo apparso sul blog di Bill Gates.

 

Bill Gates
Bill Gates

 

Piano pandemico. Tre passaggi per tenere sotto controllo il virus.

Questa settimana i leader globali si riuniranno all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, che rappresenta un’opportunità per rifocalizzare l’energia e l’impegno per porre fine alla fase di crisi di questa pandemia e per assicurarsi che siamo meglio preparati per la prossima. In questo pezzo parlo di come possiamo applicare ciò che abbiamo imparato dall’inizio del 2020 e abbracciare una serie di azioni globali che traccino un percorso equo fuori dalla pandemia: vaccinare ora, contenere la malattia e coordinare la risposta globale.

Abbiamo raggiunto il 18° mese della pandemia di COVID-19, un triste traguardo segnato dall’ennesima ondata di casi e decessi alimentati dalla variante Delta. Questa crisi globale è stata un disastro sanitario, economico e morale che si è svolto a ondate ad ogni latitudine, senza risparmiarne nessuna. Mentre la pandemia è stata un’esperienza condivisa, l’esperienza non è stata la stessa ovunque.

Nell’ultimo anno e mezzo, abbiamo assistito a scoperte scientifiche con molteplici vaccini sicuri ed efficaci sviluppati in tempi record, un’incredibile cooperazione multilaterale che ha portato a miliardi di dollari raccolti per la risposta e sforzi eroici da parte degli operatori sanitari e in prima linea nelle comunità di tutto il mondo. Ma allo stesso tempo, abbiamo anche visto ampliare le lacune nel capitale proprio che vanno contro tutto ciò che la nostra fondazione e i suoi partner hanno lavorato negli ultimi 20 anni. L’avvento dei vaccini è stata un’opportunità per piegare la curva nella direzione di una ripresa globale. Si è scoperto che la distribuzione ineguale e la mancanza di finanziamenti e di offerta hanno fatto sì che la ripresa fosse precaria e in arresto.

Nel rapporto Goalkeepers dello scorso anno, Melinda e io abbiamo condiviso modelli che hanno avvertito che a livello globale le morti sarebbero più alte se le dosi fossero andate prevalentemente nei paesi ad alto reddito. Ad oggi, meno del 2% delle persone nei paesi a basso reddito ha ricevuto una dose di un vaccino COVID-19, rispetto a oltre il 60% delle persone negli Stati Uniti. L’aspetto significativo dell’iniquità che stiamo vedendo non è solo sul qui e ora: la ripresa economica dei paesi a basso reddito che sono lenti a essere vaccinati è ferma ai blocchi di partenza. Questi paesi possono aspettarsi di subire perdite di PIL tra il 2-4% fino al 2025 (in media il 3% all’anno nell’Africa sub-sahariana).

Dopo 18 mesi di sorprese dietro ogni angolo con varianti che alimentano nuove ondate di malattie, c’è la tendenza a dire che non si può prevedere cosa accadrà dopo. In una certa misura questo è vero: la natura è astuta e il virus continuerà a mutare se può trasmettere senza controllo. Ma è anche disfattista e scorretto suggerire che la fase acuta della pandemia passerà da una variante all’altra. Proprio come il virus può cambiare, così può cambiare la risposta del mondo. Se il mondo può finalmente svoltare, tuttavia, sarà determinato da ciò che faremo dopo e da come sarà fatto.

Il nostro percorso per uscire dalla pandemia ha sempre richiesto una cosa: un impegno per l’equità. La volontà di vedere che ciò che accade nei paesi a basso reddito influisce sui paesi ad alto reddito. Non esiste una soluzione nazionalistica a questo problema globale. Abbiamo visto paesi cercare e fallire in questa ricerca mentre le varianti emergono e minacciano la progressione dalla fase acuta della pandemia. Ci sono tre cose che possono essere fatte nei prossimi mesi che possono portare alla fine della fase acuta della pandemia e impostare il mondo su una linea temporale diversa in preparazione per la prossima. Spero che i leader che si riuniscono virtualmente questa settimana al vertice COVID si impegnino in azioni che soddisfino queste esigenze:

1. Vaccina ora

I governi e il settore privato devono lavorare insieme per costruire un sistema più trasparente per accelerare la fornitura globale di vaccini. Mentre la carenza di approvvigionamento è stata un problema importante nella prima metà dell’anno, recentemente 41 milioni di dosi al giorno sono state distribuite a livello globale. È un progresso, ma c’è ancora molta strada da fare. L’AMC COVAX AMC guidato dall’OMS / Gavi, l’African Vaccine Acquisition Task Team (AVATT) guidato dall’Africa CDC e altri canali possono spostare i vaccini, ma hanno bisogno di più dosi, visibilità per la fornitura e denaro sufficiente per acquisirli e consegnarli. Questo si sta rapidamente trasformando in una sfida logistica e finanziaria e sappiamo come risolvere questo tipo di problemi. Una dashboard globale consolidata che fornisce dati in tempo reale sulla produzione e la disponibilità dei vaccini consentirà ai paesi e alle istituzioni globali di collaborare per colmare le lacune di accesso. Mentre le donazioni a COVAX sono state lente ad arrivare, i finanziamenti attuali possono sostenere la consegna a circa il 30% della popolazione nei paesi a basso e medio reddito. È un buon inizio e i finanziamenti per la copertura del 70% nei paesi a più basso reddito devono essere resi disponibili entro la metà del 2022 insieme a una maggiore capacità di consegna a livello nazionale.

2. Contenere la malattia

Oltre a far uscire i vaccini per colmare il divario di equità globale, dobbiamo anche contenere le epidemie man mano che si verificano. Questo può aiutare a tenere i paesi fuori dal ciclo di lockdown che ha lasciato scuole e aziende in costante cambiamento. Per ridurre il rischio che le varianti saltino da un confine all’altro, il mondo deve investire in test rapidi prontamente disponibili, un sistema per la condivisione di sequenze genetiche e un meccanismo per fornire rapidamente competenze e materie prime (come ossigeno, DPI e farmaci salvavita) dove sono necessari. Lo abbiamo visto fare con successo con malattie come la poliomielite e la malaria, usando i dati per informare le azioni che portano le epidemie sotto controllo. Abbiamo bisogno di avere materiali di supporto e risposta esperti come ossigeno, DPI e farmaci salvavita pronti da distribuire in caso di grandi epidemie. Il settore privato ha un ruolo da svolgere, utilizzando la sua esperienza nella logistica per ridurre i tempi di consegna e colmare le lacune di approvvigionamento.

3. Coordinare la risposta globale

L’istituzione dell’Access to COVID-19 Tools Accelerator (ACT-A) all’inizio del 2020 è stata una pietra miliare: governi, organizzazioni internazionali e settore privato si sono riuniti in risposta alla crisi. Ora abbiamo bisogno che tutti i governi nominino leader globali COVID-19, che riferiscano al capo dello stato, e che questi leader si riuniscano regolarmente fino al 2022. Con il supporto di un monitoraggio indipendente, questa task force coordinata a livello globale e limitata nel tempo può integrare ACT-A e portarci dall’aspirazione a porre fine alla pandemia attraverso un’azione collettiva e fornire un modello per il coordinamento a lungo termine necessario per prevenire future pandemie.

Per le persone coinvolte nella salute globale, ciò che è accaduto durante la pandemia è deludente, ma non una sorpresa. Il sistema in base al quale i paesi a basso reddito si affidano alla generosità dei donatori di paesi ad alto reddito si è rotto quando quei paesi donatori stavano vivendo le stesse lotte. I prossimi 18 mesi non devono assomigliare agli ultimi 18 mesi. Ma non possiamo voltare pagina su questa pandemia fino a quando non avremo affrontato l’iniquità fondamentale che ci ostacola.

Sono ottimista sul potenziale di questo momento. La salute non è un gioco a somma zero: possiamo soddisfare le esigenze di tutti attraverso la pianificazione, gli investimenti, la collaborazione e l’applicazione delle lezioni apprese. Il costo di questa pandemia è già stato inaccettabilmente alto. Porvi fine non può avvenire a scapito dei progressi su altre priorità globali in materia di salute e sviluppo. Ridurre la povertà, promuovere l’uguaglianza di genere e portare a termine il lavoro di eradicazione della polio sono tutti possibili attraverso la stessa azione collettiva necessaria per porre fine a questa pandemia.

Per coloro che vogliono approfondire, Gargee Ghosh, che dirige la divisione politica e di advocacy presso la Gates Foundation, ha condiviso un white paper con maggiori dettagli sulle azioni che il mondo potrebbe intraprendere per porre fine alla crisi COVID.

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email