Nelle persone che hanno ricevuto il vaccino COVID-19 sono stati trovati due microRNA specifici. Questi microRNA interferiscono con una parte fondamentale del sistema immunitario e possono rendere più inclini alle infezioni e alle malattie croniche.

Al fine di un approfondimento e una riflessione sulla vaccinazione COVID riprendo e rilancio un articolo di Joseph Mercola, pubblicato su The Defender, che riporta il contenuto di una intervista a  Stephanie Seneff, Ph.D., ricercatrice senior al MIT (il prestigioso Massachusetts Institute of Technology, ndr) per oltre cinque decenni. Ve lo propongo nella mia traduzione.  

 

Cervello dna disturbo cerebrale

 

In questa intervista, l’ospite Stephanie Seneff, Ph.D., ricercatrice senior al MIT (il prestigioso Massachusetts Institute of Technology, ndr) per oltre cinque decenni, discute il suo articolo “Innate Immune Suppression by SARS-CoV-2 mRNA Vaccinations: The Role of G-quadruplexes, Exosomes and MicroRNAs“, pubblicato nel numero di giugno di Food and Chemical Toxicology.

L’articolo è stato scritto insieme ai dottori Peter McCullough, Greg Nigh e Anthony Kyriakopoulos.

Nel maggio 2021, Nigh e Seneff hanno pubblicato uno studio che illustra le differenze tra la proteina spike e la proteina spike del vaccino COVID-19.

Nell’articolo “Innate Immune Suppression” (Soppressione immunitaria innata), Nigh e Seneff e gli altri coautori approfondiscono i meccanismi delle iniezioni di COVID-19, mostrando come sopprimono il sistema immunitario innato.

Il documento ha suscitato un certo scalpore quando è stato pubblicato, prima della sua pubblicazione. È stata lanciata una campagna per farlo ritrattare, con la premessa che avrebbe scoraggiato le persone dal sottoporsi a queste iniezioni salvavita, indipendentemente dal fatto che i meccanismi descritti fossero veri o meno.

Alla fine, la controversia ha portato alle dimissioni del direttore della rivista. Molti hanno anche cercato di screditare Seneff e McCullough è stato privato delle sue credenziali mediche.

 

Capire i G-quadruplex

I G-quadruplex (G4) sono bersagli della regolazione trascrizionale a livello genomico e, in quanto tali, rappresentano un nuovo obiettivo per la progettazione di farmaci.

La “G” in G4 sta per guanina, quindi G4 è una sequenza di DNA composta da quattro guanine. È uno dei quattro nucleotidi – il codice di base – del DNA ed è noto che svolge un ruolo importante in malattie come i tumori e i disturbi neurologici.

Come spiegato da Seneff, i prioni, quando sono mal ripiegati, costruiscono fogli beta e precipitano fuori dal citoplasma, causando la formazione di placche.

Questa placca è un segno distintivo di diverse malattie neurodegenerative negli animali e nell’uomo, come il morbo della mucca pazza, la malattia di Creutzfeldt-Jakob, la scrapie (che colpisce gli ovini) e la malattia del deperimento cronico nei cervi.

“Quindi, ci sono tutte queste malattie neurodegenerative debilitanti che derivano dalla proteina prionica, e la proteina prionica si lega effettivamente alle sue G4, che sono nel suo stesso RNA”, spiega Seneff.

“Così facendo, favorisce il ripiegamento della proteina prionica in una forma sbagliata… che causa la malattia prionica”.

“I [vaccini COVID] producono una versione dell’RNA messaggero (mRNA) che codifica per la proteina spike. La loro versione è arricchita in guanine – produce molte più G4 rispetto all’mRNA originale prodotto dal virus – quindi è una forma diversa.

“E c’è molto mRNA nel vaccino [COVID]. Si tratta di una grande dose di questo mRNA arricchito in G4 … che poi … provoca la produzione della proteina prionica da parte della cellula. Quindi, la cellula produce la proteina prionica nel contesto di una situazione in cui sono presenti molti G4 provenienti dall’mRNA del vaccino.

“Si tratta di una situazione davvero pericolosa per il malripiegamento della proteina prionica e per l’insorgenza della malattia prionica”.

 

Come il vaccino COVID può provocare una malattia autoimmune

Come spiegato da Seneff, l’mRNA del vaccino viene portato nel sistema linfatico e nella milza, centri germinali in cui vengono prodotti gli anticorpi; per produrre gli anticorpi, questi centri germinali rilasciano esosomi.

Questo può aiutare a spiegare il fenomeno dello “shedding” (lo spargimento, ndr), ma anche la distruzione immunitaria che vediamo verificarsi.

Seneff spiega:

“Gli esosomi fanno parte del processo con cui le cellule comunicano per indurre la produzione di anticorpi, che è l’obiettivo del vaccino [COVID]. Il vaccino fa un ottimo lavoro nel produrre alti livelli di anticorpi IgG [immunoglobuline], che sono quelli associati alle malattie autoimmuni.

“Non produce gli anticorpi della mucosa. Produce IgG, che in realtà sono molto più pericolosi se ci sono troppi anticorpi. Possono causare malattie autoimmuni attraverso il mimetismo molecolare, e questo è un altro aspetto che penso stia accadendo.

“Ecco perché si verifica questo problema delle piastrine, in cui la conta delle piastrine scende a zero, perché si formano anticorpi contro le piastrine per mimetismo molecolare, o anche perché la proteina spike si lega alle piastrine. Si formano anticorpi contro il complesso e le piastrine vengono eliminate.

“Alcune persone sono affette da trombocitopenia e VITT [trombocitopenia immune indotta da vaccino], patologie che possono essere pericolose per la vita. E c’è un enorme segnale di trombosi. Il documento parla di trombosi. Abbiamo… sette tabelle per i diversi aspetti dei sintomi del vaccino.

“C’è una tabella sul fegato, una tabella sulla trombosi, una tabella sul cancro, una tabella sul nervo vago e su tutte le infiammazioni dei nervi, perché gli esosomi risalgono il nervo vago e si dirigono verso il cuore, il cervello e il fegato.

“Stanno causando malattie in tutti questi organi, e lo si vede molto chiaramente nei vari database – il 98%, 99% delle segnalazioni di [eventi avversi] nel 2021 per queste patologie provenivano dalle iniezioni di COVID e l’1% da tutti gli altri vaccini messi insieme”.

 

Meccanismo d’azione

Ricercatori svizzeri hanno recentemente riferito di aver riscontrato livelli elevati di troponina nel 100% dei soggetti sottoposti a iniezione di COVID-19, il che indica che tutti subiscono un certo grado di danno cardiaco, anche se sono asintomatici.

Seneff spiega il meccanismo con cui l’iniezione di COVID-19 danneggia il cuore.

“Credo che il problema sia la proteina spike rilasciata dalle cellule immunitarie nei centri germinali – il sistema linfatico e la milza – che rilasciano questi esosomi che poi viaggiano lungo le loro fibre e raggiungono tutti questi organi critici.

La milza ha un’ottima connessione con il fegato, il cuore, il cervello e l’intestino attraverso il sistema nervoso, a partire dal nervo splancnico per poi collegarsi al nervo vago…”.

“Quindi, questi esosomi migrano lungo il nervo vago e arrivano a questi organi, dove vengono assorbiti dalle cellule. E ovunque vadano, causano infiammazione.

“La proteina spike è molto brava a provocare infiammazioni. È stato dimostrato da diversi studi… Fa sì che le cellule immunitarie migrino verso il cuore ed è così che si verifica la miocardite, l’infiammazione del cuore.

“Si verifica anche l’infiammazione dei muscoli. Stavo esaminando la miosite, che è un’infiammazione muscolare, e questo è un altro problema. Sono stato in contatto con diverse persone che hanno subito gravi danni muscolari a causa della proteina spike, fino al punto di essere debilitati a causa dell’infiammazione dei muscoli.

“Quindi, non solo il cuore, ma anche i muscoli scheletrici sono colpiti in modo molto grave. Anche l’infiammazione cerebrale danneggia i neuroni, causando disturbi cognitivi.

“Quindi, credo che il long COVID sia causato dalla proteina spike che raggiunge il cervello. Molti lavori hanno parlato del long COVID e pensano che sia la proteina spike, non il virus, ma la proteina spike stessa [a causarlo]”.

 

Il ruolo dei microRNA

Un altro pezzo del puzzle è legato al ruolo dei microRNA, che sono incorporati negli esosomi che raggiungono i tessuti. I microRNA non devono essere confusi con gli mRNA.

Sono due cose diverse. I microRNA sono brevi pezzi di RNA, lunghi circa 22 nucleotidi. A differenza dell’mRNA, i microRNA non codificano per le proteine.

Gli mRNA contenuti nei farmaci sono progettati per essere estremamente resistenti. Normalmente, l’mRNA dura poche ore, ma l’mRNA dei vaccini rimane a produrre proteine spike nelle cellule per diversi mesi, come minimo, soprattutto grazie alla sostituzione del nucleotide uridina con la pseudouridina.

Poiché l’mRNA è così resistente, le cellule della milza devono cercare di far fronte a tutte le proteine spike che non possono smettere di produrre, e un modo per farlo è spingere le proteine spike fuori sotto forma di esosomi.

Questi esosomi contengono anche microRNA. I ricercatori indiani hanno trovato due microRNA specifici nelle persone che hanno ricevuto il vaccino, che interferiscono con la risposta dell’interferone di tipo 1. Questo è un tema importante per la nostra ricerca.

“Questo è un argomento importante del nostro articolo”, afferma Seneff. Parliamo di soppressione immunitaria innata… dovuta all’effetto di questi microRNA che sono impacchettati con la proteina spike”.

Ovunque [gli esosomi] vadano, trasportano questi microRNA, che interrompono la capacità delle cellule immunitarie di rispondere all’interferone di tipo 1. Questi microRNA hanno un ruolo di controllo di altissimo livello nel processo di regolazione della biologia. Controllano quali geni vengono espressi”.

 

Ipotesi per spiegare la morte improvvisa post-vaccino

Seneff cita poi una ricerca su animali del 2005, in cui i topi sono stati esposti a un virus che causa la miocardite.

Si voleva vedere cosa sarebbe successo se i topi fossero stati affetti da miocardite e poi avessero ricevuto un’iniezione di adrenalina.

Quindi, i topi sono stati infettati con il virus che induce la miocardite e poi, 120 giorni dopo, hanno iniettato loro l’adrenalina.

La dose somministrata ha ucciso il 70% di loro.

Nel frattempo, i topi di controllo che non avevano la miocardite non hanno subito alcun effetto negativo quando è stata loro iniettata la stessa dose di adrenalina. I topi che sono morti, sono morti per insufficienza cardiaca.

In pratica, il loro cuore era troppo danneggiato per sopportare la scarica di adrenalina. Oggi assistiamo a un effetto simile negli atleti, che muoiono durante lo sforzo.

Cercando altri documenti, Seneff ne ha trovato uno che descrive in dettaglio la risposta dell’interferone di tipo 1 nelle cellule cromaffini, le cellule che producono adrenalina. L’interferone di tipo 1 inibisce e riduce la produzione di adrenalina.

La teoria di Seneff è che il vaccino COVID-19 interferisca con la capacità dell’organismo di rispondere all’interferone di tipo 1, consentendo così il rilascio di una quantità eccessiva di adrenalina.

Se il cuore è stato danneggiato dalla proteina spike, il risultato potrebbe essere letale, come abbiamo visto.

“Penso che questo possa essere il problema della morte improvvisa, perché vediamo molti giovani che muoiono improvvisamente per problemi cardiaci”, afferma l’esperta.

Allo stesso tempo, i microtrombi (micro coaguli di sangue) sono attivati dalla proteina spike, che potrebbe avere effetti letali, e le cellule endoteliali (le cellule che rivestono i vasi sanguigni) sono anch’esse infiammate. Quindi, non c’è un solo meccanismo attraverso il quale i vaccini potrebbero uccidervi.

 

La proteina Spike crea coaguli di sangue incredibilmente resistenti

Secondo Seneff, anche i coaguli di sangue sono collegati all’aspetto dei prioni. Molte proteine diverse sono amiloidogeniche e possono ripiegarsi in modo errato, causando la precipitazione, comprese le proteine del sangue.

I coaguli di sangue sono difficili da rompere e, se si aggiungono le proteine spike, diventano ancora più difficili.

Seneff sospetta che la proteina spike si leghi alla fibrina, causandone il malripiegamento in un modo che la rende molto resistente alla rottura. La stessa cosa accade con le proteine prioniche.

Quando si ripiegano male, creano un gel che diventa più denso nel tempo, fino a diventare completamente inaccessibile alla base d’acqua.

“Precipita come una cosa che rimane lì per il resto della vita”, dice Seneff. “Non c’è nulla che possa raggiungerlo. Le cellule immunitarie non riescono ad abbatterlo. Rimane lì. Non può essere eliminato”.

Per questo motivo, se state lottando contro il long COVID-19, vi consiglio di assumere enzimi fibrinolitici come la lombrochinasi (che è la più efficace), la serrapeptasi e la nattochinasi, più volte al giorno, un’ora prima o due ore dopo i pasti, perché aiutano a disgregare la fibrina.

Per funzionare, è necessario assumerli tra i pasti, a stomaco vuoto, altrimenti agiranno solo come enzimi digestivi per scomporre il cibo.

Un’altra tecnica consiste nell’utilizzare una sauna al quasi-infrarosso, che aiuta ad affrontare il cattivo ripiegamento errato delle proteine incoraggiando l’autofagia, il processo naturale di pulizia dell’organismo.

 

Il ruolo degli anticorpi nella malattia da prioni

Gli anticorpi possono avere un ruolo anche nei devastanti effetti collaterali del vaccino COVID-19.

Sappiamo che la proteina prionica è regolata in eccesso nelle cellule che la producono in condizioni di stress ed è stato dimostrato che la proteina spike del vaccino COVID-19 induce le cellule a produrre più proteina prionica.

Una possibilità è che gli anticorpi contro una particolare parte della proteina spike finiscano per legarsi alla proteina prionica attraverso un mimetismo molecolare.

Come spiegato da Seneff, i ricercatori hanno scoperto che se si producono anticorpi contro l’estremità C-terminale della proteina prionica, si può causare una malattia che assomiglia molto alla malattia prionica, ma si sviluppa molto più rapidamente.

Come si è scoperto, gli anticorpi contro l’estremità C-terminale della proteina prionica impediscono alla proteina prionica di entrare nel reticolo endoplasmatico, dove deve andare per svolgere il suo lavoro. Invece, gli anticorpi mantengono il prione nel citoplasma.

Di conseguenza, la cellula si ammala a causa di questi anticorpi. Il compianto Luc Montagnier ha pubblicato una casistica di 26 persone che hanno sviluppato i sintomi della malattia da prioni entro il primo mese dal secondo vaccino.

Tutti sono morti, molti entro tre mesi dalla diagnosi. Tutti sono morti entro un anno, a causa di una forma estremamente aggressiva della malattia di Creutzfeldt-Jakob (l’equivalente della malattia della mucca pazza nell’uomo).

Seneff ritiene che la colpa sia degli anticorpi contro la proteina spike, perché la malattia si è manifestata solo dopo la seconda dose.

Gli anticorpi si sono sviluppati dopo la prima dose, che ha innescato le cellule. Poi, dopo la seconda dose, le cellule hanno ricominciato a produrre carichi di proteina spike, a cui si sono legati gli anticorpi.

Questo pacchetto di esosomi ha risalito il nervo vago fino al cervello, dove i neuroni li hanno assorbiti. Seneff sospetta che questo spieghi il processo della malattia in quei 26 pazienti.

“Si spiegherebbe completamente con il modello degli anticorpi della proteina spike che si legano al dominio C-terminale e impediscono alla proteina prionica di entrare nell’ER”, spiega l’esperta, “e quindi ne causano la disgregazione”.

“Viene scomposta dal proteasoma e scompare. Quindi, la proteina prionica perde la sua funzione nel neurone a un ritmo molto accelerato, molto più veloce di quello che avviene nella normale malattia da prioni…”.

“Montagnier e il suo team hanno identificato un segmento della proteina spike che ritenevano avesse caratteristiche simili a quelle dei prioni. All’interno di questo segmento c’è un pezzo con cinque aminoacidi, YQRGS.

“La proteina prionica ha [lo stesso] pezzo… Tranne quello centrale, gli altri quattro [aminoacidi] sono tutti identici a questo pezzo vicino all’estremità C-terminale della proteina prionica. Quindi, è davvero perfetto. È un punto in cui, se si ottengono anticorpi contro di esso, è praticamente una condanna a morte”.

 

I vaccini COVID compromettono le funzioni immunitarie

Per tornare al punto di partenza, sembra che il motivo per cui così tante persone sottoposte al vaccino contraggono la COVID-19 e altre infezioni, e ne muoiono, sia da ricercare nella soppressione dell’interferone di tipo 1. Questo sopprime la funzione immunitaria, rendendo più inclini a contrarre infezioni.

Questo sopprime la funzione immunitaria, rendendo più inclini a contrarre infezioni.

Nell’intervista, Seneff esamina anche come l’esposizione cronica al glifosato sia una condizione predisponente per i cattivi risultati della COVID-19, poiché il glifosato altera il sistema immunitario.

Per maggiori dettagli su questo aspetto, vi invitiamo ad ascoltare l’intervista nella sua interezza. Inoltre, esaminiamo il modo in cui l’integrazione di glicina può aiutare a sostituire il glifosato nel corpo, limitando così la sua influenza dannosa.

Pubblicato originariamente da Mercola.

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email