A quasi un anno dall’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, la narrazione occidentale di un attacco “non provocato” è diventata impossibile da sostenere. 

Di seguito un articolo del giornalista e scrittore Jonathan Cook. L’articolo è apparso su AntiWar.com. Eccolo nella mia traduzione. 

 

Putin Zelensky esplosione nucleare

 

Il senno di poi è uno strumento particolarmente potente per analizzare la guerra in Ucraina, a quasi un anno dall’invasione della Russia.

Lo scorso febbraio, sembrava almeno superficialmente plausibile caratterizzare la decisione del presidente russo Vladimir Putin di inviare truppe e carri armati nel suo vicino come niente meno che un “atto di aggressione non provocato”.

Putin era un pazzo o un megalomane, che cercava di far rivivere l’agenda imperiale ed espansionistica dell’Unione Sovietica. Se la sua invasione fosse rimasta incontrastata, avrebbe rappresentato una minaccia per il resto dell’Europa.

L’Ucraina, fortunata e democratica, aveva bisogno del sostegno incondizionato dell’Occidente – e di una fornitura quasi illimitata di armi – per tenere testa a un dittatore canaglia.

Ma questa narrazione appare sempre più lacunosa, almeno se si legge al di là dei media dell’establishment, che non sono mai sembrati così monotoni, così determinati a battere il tamburo della guerra, così smemorati e così irresponsabili.

Chiunque si dissoci dagli ultimi 11 mesi di sforzi incessanti per inasprire il conflitto – che ha provocato morti e sofferenze incalcolabili, ha fatto schizzare i prezzi dell’energia alle stelle, ha portato alla carenza di cibo a livello globale e, in ultima analisi, ha rischiato un conflitto nucleare – è considerato un traditore dell’Ucraina e viene liquidato come un apologeta di Putin.

Nessun dissenso è tollerato.

Putin è Hitler, l’epoca è il 1938 e chiunque cerchi di abbassare i toni non è diverso dal primo ministro britannico Neville Chamberlain.

O almeno così ci è stato detto. Ma il contesto è tutto.

 

Fine delle “guerre per sempre

Appena sei mesi prima che Putin invadesse l’Ucraina, il presidente Joe Biden ha ritirato l’esercito statunitense dall’Afghanistan dopo due decenni di occupazione. È stata l’apparente realizzazione di una promessa di porre fine alle “guerre per sempre” di Washington che, ha avvertito, “ci sono costate sangue e tesori incalcolabili”.

La promessa implicita era che l’amministrazione Biden non solo avrebbe riportato a casa le truppe statunitensi dai “pantani” mediorientali dell’Afghanistan e dell’Iraq, ma si sarebbe anche assicurata che le tasse statunitensi smettessero di affluire all’estero per riempire le tasche degli appaltatori militari, dei produttori di armi e dei funzionari stranieri corrotti. I dollari americani sarebbero stati spesi in patria, per risolvere i problemi interni.

Ma dopo l’invasione della Russia, questo presupposto è venuto meno. A dieci mesi dall’invasione, sembra fantasioso che l’intenzione di Biden sia mai stata presa in considerazione.

Il mese scorso, il Congresso degli Stati Uniti ha approvato un enorme aumento del “sostegno”, in gran parte militare, all’Ucraina, portando il totale ufficiale a circa 100 miliardi di dollari in meno di un anno, con una parte senza dubbio molto più consistente dei costi nascosti all’opinione pubblica. Si tratta di una cifra di gran lunga superiore al bilancio militare annuale totale della Russia, pari a 65 miliardi di sterline.

Washington e l’Europa hanno riversato in Ucraina armi, anche sempre più offensive. Incoraggiata, Kiev ha spostato il campo di battaglia sempre più in profondità nel territorio russo.

I funzionari statunitensi, come le loro controparti ucraine, parlano di una lotta contro la Russia che continuerà fino a quando Mosca non sarà “sconfitta” o Putin non sarà rovesciato, trasformando il tutto in un’altra “guerra per sempre”, proprio come quella che Biden aveva appena sconsigliato, ma in Europa piuttosto che in Medio Oriente.

Nel fine settimana, sul Washington Post, Condoleezza Rice e Robert Gates, due ex segretari di Stato americani, hanno invitato Biden a “fornire urgentemente all’Ucraina un drastico aumento delle forniture e delle capacità militari… È meglio fermare [Putin] ora, prima che venga richiesto di più agli Stati Uniti e alla NATO”.

Il mese scorso, il capo della NATO, Jens Stoltenberg, ha avvertito che una guerra diretta tra l’alleanza militare occidentale e la Russia era una “possibilità reale”.

Giorni dopo, il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, è stato accolto come un eroe durante una visita “a sorpresa” a Washington. La vicepresidente degli Stati Uniti Kamala Harris e la presidente della Camera Nancy Pelosi hanno srotolato una grande bandiera ucraina dietro il loro ospite, come due cheerleader stellate, mentre egli si rivolgeva al Congresso.

I legislatori statunitensi hanno salutato Zelensky con una standing ovation di tre minuti, persino più lunga di quella tributata all’altro noto “uomo di pace” e difensore della democrazia, l’israeliano Benjamin Netanyahu. Il presidente ucraino ha fatto eco al presidente degli Stati Uniti in tempo di guerra, Franklin D. Roosevelt, invocando la “vittoria assoluta”.

Tutto ciò non ha fatto altro che sottolineare il fatto che Biden si è rapidamente appropriato della guerra in Ucraina, sfruttando l’invasione “non provocata” della Russia per condurre una guerra per procura degli Stati Uniti. L’Ucraina ha fornito il campo di battaglia su cui Washington può rivisitare le questioni in sospeso della Guerra Fredda.

Considerata la tempistica, un cinico potrebbe chiedersi se Biden abbia abbandonato l’Afghanistan non per concentrarsi finalmente sulla sistemazione degli Stati Uniti, ma per prepararsi a una nuova arena di confronto, per dare nuova vita al solito vecchio copione statunitense del dominio militare a tutto campo.

Era necessario “abbandonare” l’Afghanistan per investire il tesoro di Washington in una guerra contro la Russia, ma senza i sacchi per i cadaveri degli Stati Uniti?

 

Intento ostile

La controreplica, ovviamente, è che Biden e i suoi funzionari non potevano sapere che Putin stava per invadere l’Ucraina. È stata una decisione del leader russo, non di Washington. Ma…

Gli alti responsabili politici statunitensi e gli esperti delle relazioni tra Stati Uniti e Russia – da George Kennan e William Burns, attuale direttore della CIA di Biden, a John Mearsheimer e al compianto Stephen Cohen – avevano avvertito per anni che l’espansione della NATO guidata dagli Stati Uniti alle porte della Russia era destinata a provocare una risposta militare russa.

Putin aveva avvertito delle pericolose conseguenze già nel 2008, quando la NATO propose per la prima volta l’adesione dell’Ucraina e della Georgia, due Stati ex sovietici al confine con la Russia. Non ha lasciato spazio a dubbi invadendo quasi immediatamente, anche se per poco, la Georgia.

È stata proprio questa reazione “non provocata” a ritardare presumibilmente la realizzazione del piano della NATO. Ciononostante, nel giugno 2021, l’Alleanza ha ribadito l’intenzione di concedere all’Ucraina l’adesione alla NATO. Settimane dopo, gli Stati Uniti hanno firmato con Kiev patti separati sulla difesa e sul partenariato strategico, concedendo di fatto all’Ucraina molti dei vantaggi dell’appartenenza alla NATO senza dichiararla ufficialmente membro.

Tra le due dichiarazioni della NATO, nel 2008 e nel 2021, gli Stati Uniti hanno ripetutamente segnalato le loro intenzioni ostili nei confronti di Mosca e il modo in cui l’Ucraina potrebbe aiutare il suo atteggiamento aggressivo e geostrategico nella regione.

Nel 2001, poco dopo l’inizio dell’espansione della NATO verso i confini russi, gli Stati Uniti si sono ritirati unilateralmente dal Trattato sui missili anti-balistici (ABM) del 1972, volto a evitare una corsa agli armamenti tra i due nemici storici.

Non vincolati dal trattato, gli Stati Uniti hanno quindi costruito siti ABM nella zona allargata della NATO, in Romania nel 2016 e in Polonia nel 2022. La storia di copertura era che questi siti erano puramente difensivi, per intercettare eventuali missili lanciati dall’Iran.

Ma Mosca non poteva ignorare il fatto che questi sistemi d’arma erano in grado di funzionare anche in modo offensivo e che i missili Cruise a testata nucleare avrebbero potuto essere lanciati per la prima volta con breve preavviso verso la Russia.

Ad aggravare le preoccupazioni di Mosca, nel 2019 il presidente Donald Trump si è ritirato unilateralmente dal Trattato sulle forze nucleari a raggio intermedio del 1987. Questo ha aperto la porta al lancio da parte degli Stati Uniti di un potenziale primo attacco alla Russia, utilizzando missili posizionati nei nuovi membri della NATO.

Mentre la NATO flirtava ancora una volta con l’Ucraina nell’estate del 2021, il pericolo che gli Stati Uniti potessero, con l’aiuto di Kiev, lanciare un attacco preventivo – distruggendo la capacità di Mosca di reagire efficacemente e mettendo a repentaglio il suo deterrente nucleare – deve aver pesato molto sulla mente dei politici russi.

 

Impronte digitali statunitensi

Non è finita qui. L’Ucraina post-sovietica era profondamente divisa geograficamente ed elettoralmente sul fatto che dovesse guardare alla Russia o alla NATO e all’Unione Europea per la sua sicurezza e il suo commercio. Elezioni ravvicinate oscillavano tra questi due poli. L’Ucraina era un Paese impantanato in una crisi politica permanente e in una profonda corruzione.

Questo è stato il contesto del colpo di Stato/rivoluzione del 2014 che ha rovesciato un governo di Kiev eletto per preservare i legami con Mosca. Al suo posto ne è stato insediato uno apertamente anti-russo. Le impronte digitali di Washington – mascherate da “promozione della democrazia” – erano tutte presenti nell’improvviso cambio di governo verso uno strettamente allineato con gli obiettivi geostrategici degli Stati Uniti nella regione.

Molte comunità di lingua russa in Ucraina – concentrate nell’est, nel sud e nella penisola di Crimea – sono state incattivite da questa presa di potere. Preoccupata che il nuovo governo ostile di Kiev tentasse di interrompere il suo storico controllo sulla Crimea e sull’unico porto navale d’acqua calda della Russia, Mosca ha annesso la penisola.

Secondo un successivo referendum, la popolazione locale ha appoggiato in modo schiacciante la mossa. I media occidentali hanno ampiamente riportato il risultato come fraudolento, ma i sondaggi occidentali successivi hanno suggerito che i crimeani ritenevano che rappresentasse correttamente la loro volontà.

Ma è stata la regione orientale del Donbas a fungere da sfondo per l’invasione russa dello scorso febbraio. Nel 2014 è scoppiata rapidamente una guerra civile che ha contrapposto le comunità russofone a combattenti ultra-nazionalisti e anti-russi provenienti per lo più dall’Ucraina occidentale, tra cui neonazisti senza mezzi termini. Negli otto anni di combattimenti sono morte molte migliaia di persone.

Mentre Germania e Francia hanno mediato i cosiddetti accordi di Minsk, con l’aiuto della Russia, per fermare il massacro nel Donbas promettendo alla regione una maggiore autonomia, Washington sembrava incentivare lo spargimento di sangue.

Ha riversato denaro e armi in Ucraina. Ha fornito addestramento alle forze ultranazionaliste ucraine e ha lavorato per integrare le forze armate ucraine nella NATO attraverso quella che ha definito “interoperabilità”. Nel luglio 2021, con l’acuirsi delle tensioni, gli Stati Uniti hanno organizzato un’esercitazione navale congiunta con l’Ucraina nel Mar Nero, l’operazione Sea Breeze, che ha portato la Russia a sparare colpi di avvertimento a un cacciatorpediniere della marina britannica entrato nelle acque territoriali della Crimea.

Nell’inverno del 2021, come ha osservato il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, Mosca aveva “raggiunto il nostro punto di ebollizione”. Le truppe russe si ammassarono al confine con l’Ucraina in un numero senza precedenti, segno inequivocabile che la pazienza di Mosca si stava esaurendo per la collusione dell’Ucraina con queste provocazioni architettate dagli Stati Uniti.

Il Presidente Zelensky, che era stato eletto con la promessa di fare la pace nel Donbas ma che sembrava non essere in grado di sottomettere gli elementi di estrema destra all’interno delle sue stesse forze armate, ha spinto esattamente nella direzione opposta.

Le forze ultranazionaliste ucraine hanno intensificato i bombardamenti nel Donbas nelle settimane precedenti l’invasione. Allo stesso tempo, Zelensky ha chiuso i media critici e presto avrebbe messo al bando i partiti politici di opposizione, imponendo ai media ucraini di attuare una “politica di informazione unificata”. Mentre la tensione saliva, il presidente ucraino ha minacciato di sviluppare armi nucleari e di cercare un’adesione rapida alla NATO, che avrebbe ulteriormente impantanato l’Occidente nel massacro del Donbas e rischiato un impegno diretto con la Russia.

 

Spegnere le luci

È stato allora, dopo 14 anni di ingerenze statunitensi ai confini della Russia, che Mosca ha inviato i suoi soldati – “senza provocazione”.

L’obiettivo iniziale di Putin, a prescindere dalla narrazione dei media occidentali, sembrava essere il più leggero possibile, dato che la Russia stava lanciando un’invasione illegale. Fin dall’inizio, la Russia avrebbe potuto portare avanti i suoi attuali, devastanti attacchi alle infrastrutture civili ucraine, chiudendo i collegamenti di trasporto e spegnendo le luci in gran parte del Paese. Ma sembra che abbia consapevolmente evitato una campagna di shock e soggezione in stile statunitense.

Si è invece inizialmente concentrata su una dimostrazione di forza. Mosca sembra aver erroneamente pensato che Zelensky avrebbe accettato che Kiev aveva esagerato, che gli Stati Uniti – a migliaia di chilometri di distanza – non potevano fungere da garante della sua sicurezza e che sarebbe stato costretto a disarmare gli ultranazionalisti che da otto anni prendevano di mira le comunità russe dell’est.

Le cose non sono andate così. Visto dalla prospettiva di Mosca, l’errore di Putin non è tanto quello di aver lanciato una guerra non provocata contro l’Ucraina, quanto quello di aver ritardato troppo l’invasione. L'”interoperabilità” militare dell’Ucraina con la NATO era molto più avanzata di quanto i pianificatori russi sembrassero apprezzare.

In una recente intervista, l’ex cancelliere tedesco Angela Merkel, che ha supervisionato i negoziati di Minsk per porre fine al massacro del Donbas, è sembrata – anche se inavvertitamente – fare eco a questo punto di vista: i negoziati hanno fornito una copertura mentre la NATO preparava l’Ucraina per una guerra contro la Russia.

Piuttosto che una rapida vittoria e un accordo su nuovi accordi di sicurezza regionale, la Russia è ora impegnata in una prolungata guerra per procura contro gli Stati Uniti e la NATO, con gli ucraini che fungono da carne da cannone. I combattimenti e le uccisioni potrebbero continuare all’infinito.

Con l’Occidente che si oppone alla pacificazione e che spedisce gli armamenti con la stessa velocità con cui possono essere prodotti, l’esito sembra desolante: o un’ulteriore, sanguinosa divisione territoriale dell’Ucraina in blocchi pro-Russia e anti-Russia con la forza delle armi, o un’escalation verso un confronto nucleare.

Senza l’intervento prolungato degli Stati Uniti, la realtà è che l’Ucraina avrebbe dovuto trovare un accordo molti anni fa con il suo vicino molto più grande e forte, proprio come Messico e Canada hanno dovuto fare con gli Stati Uniti. L’invasione sarebbe stata evitata. Ora il destino dell’Ucraina è in gran parte fuori dalle sue mani. È diventata un’altra pedina sulla scacchiera degli intrighi delle superpotenze.

Washington non si preoccupa tanto del futuro dell’Ucraina quanto di esaurire la forza militare della Russia e di isolarla dalla Cina, apparentemente il prossimo obiettivo nel mirino degli Stati Uniti nel tentativo di ottenere un dominio a tutto campo.

Allo stesso tempo, Washington ha raggiunto un obiettivo più ampio, distruggendo ogni speranza di un accordo di sicurezza tra Europa e Russia; approfondendo la dipendenza europea dagli Stati Uniti, sia militarmente che economicamente; e spingendo l’Europa a collaborare con le sue nuove “guerre per sempre” contro Russia e Cina.

Verranno spesi molti più tesori e versato più sangue. Non ci saranno vincitori, a parte i falchi neoconservatori della politica estera che dominano Washington e le lobby dell’industria bellica che traggono profitto dalle infinite avventure militari dell’Occidente.

Jonathan Cook

 

Jonathan Cook ha vinto il Premio speciale Martha Gellhorn per il giornalismo. I suoi ultimi libri sono Israele e lo scontro di civiltà: Iraq, Iran and the Plan to Remake the Middle East (Pluto Press) e Disappearing Palestine: Israel’s Experiments in Human Despair (Zed Books). Il suo sito web è www.jonathan-cook.net.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email