Ricevo da un sacerdote e volentieri pubblico.

 

Giotto, Natività, dalle Storie di Cristo, 1303-5. Affresco, 2 x 1,85 m. Padova, Cappella degli Scrovegni.

 

 

di Un sacerdote

 

Gli abortisti, i sostenitori dell’omosessualismo e della teoria del gender, con la falsità degli omosessuali perseguitati, vogliono azzerare il linguaggio naturale della famiglia per non avere più le parole pertinenti per parlare di Dio ed essere così nell’abisso del materialismo. 

Diabolico.

Il primato è della verità e non della maggioranza democratica.

A Natale si dirà “Buon Natale”.

Una espressione di vita secondo natura.

Richiama:

Il nato 

la Natività 

il verbo nascere

il concetto di natura

l’espressione secondo natura. 

Un abortista come fa a dire Buon Natale?

Un omosessualista (non un omosessuale) come fa a dire Buon Natale?

Un libertino che è per la teoria del gender, che è per la liberalizzazione della droga, come fa a dire Buon Natale? 

Sa quello che dice? 

E se dovesse instaurarsi la dittatura dell’omofobia e tentacoli annessi si potrà dire ancora Buon Natale?

Gli amanti della Vita, i discepoli del Signore Nato per noi, diranno ancora Buon Natale, lo diranno ancora meglio, lo diranno con più convinzione. 

W il presepio

W l’albero di Natale

W le luminarie

W LA LUCE, il venire alla luce, il nascere che illumina la notte. 

W il sole. 

Non ci basta l’epidemia per capire l’importanza della cura della NATURA della Vita? 

Dopo 75 anni dalla fine della seconda guerra mondiale, alcuni uomini di potere stanno preparando delle trappole mortali. 

Facciamo in modo di non caderci dentro. 

L’ascolto del Vangelo, la Preghiera, la Confessione frequente, la Comunione eucaristica, la devozione a Maria Santissima, a San Giuseppe e ai Santi ci aiutino a essere sentinelle sveglie che sanno smascherare i bugiardi e sanno disinnescare le trappole della dittatura. 

Signore, salvaci!!!

 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email